Caratteristiche dell'ictus nel tronco cerebrale

Disturbi circolatori possono verificarsi in qualsiasi parte del cervello, tutti si nutrono dalle arterie intracerebrali. E le navi ricevono il sangue da quelli più grandi: carotideo e vertebrale. L'ictus è una delle localizzazioni della patologia acuta nel rifornimento di sangue al cervello.

2 varianti di ictus (ischemico ed emorragico) hanno diversa localizzazione preferenziale. Se le emorragie si verificano più frequentemente nelle strutture corticali del cervello, allora l'ischemia si sviluppa nella zona del tronco cerebrale. La gravità della malattia è confermata da statistiche sfavorevoli: nei 2/3 dei casi, la morte è osservata nei primi due giorni.

Dov'è il tronco cerebrale?

Il tronco è chiamato la parte più bassa del cervello, al confine con il midollo spinale. Anatomicamente, si trova alla base del cranio. La parte superiore e i lati sono chiusi dagli emisferi e il cervelletto è adiacente alla schiena. Nella loro struttura, le cellule staminali sono più simili alle cellule spinali. I loro compiti:

  • garantire il funzionamento continuo dei centri di regolazione e supporto dell'attività cardiaca, della respirazione, del tono muscolare e dei movimenti;
  • l'implementazione della connessione dei centri corticali con il midollo spinale attraverso i percorsi nervosi che passano (centripeto - dai centri corticali al midollo spinale, centrifugale - posteriore).

Nel bagagliaio ci sono 3 parti.

Il midollo allungato è la zona più bassa, praticamente una continuazione del midollo spinale, contiene i centri vitali di respirazione (regolano l'inspirazione e l'espirazione), la circolazione del sangue (accelera o rallenta il ritmo). La violazione del lavoro minaccia una persona a smettere di respirare, abbassare la pressione sanguigna, interrompere l'attività cardiaca e la morte. Ecco il nucleo, che guida la tosse, starnutisce, vomita, deglutisce, sbatte le palpebre.

Tali importanti nervi cranici, come il vagale, il faringeo, l'ipoglosso e l'accessorio, provengono dalle cellule del midollo allungato. Uno dei percorsi principali - quello piramidale - va dai centri motori della corteccia alle cellule del midollo spinale, situati in formazioni chiamate "corni anteriori".

Il ponte - tutte le connessioni della corteccia cerebrale con il cervelletto, il midollo spinale, la trasmissione di informazioni uditive passano attraverso di essa. Contiene il nucleo dei nervi trigemino, statoacustico, abduttivo e facciale.

Il mesencefalo - i neuroni di quest'area regolano il tono muscolare, forniscono la possibilità di movimenti, riflessi protettivi in ​​risposta a fattori visivi o uditivi, reazioni inconsce di una persona, ad esempio, rotazione simultanea della testa e degli occhi verso lo stimolo luminoso incluso.

Cosa succede con un ictus?

Il colpo di stelo sotto forma di emorragia può verificarsi come un fuoco indipendente, quindi il ponte è più spesso interessato. Tali cambiamenti spesso si traducono in sfondamento del sangue nel ventricolo IV. Se i piccoli focolai emorragici accompagnano danni maggiori agli emisferi, possono fondersi e peggiorare i sintomi neurologici generali.

I processi ischemici nel tessuto cerebrale sono associati ad alterazioni del flusso sanguigno attraverso le arterie cerebrali anteriori, medie e posteriori o attraverso i vasi di alimentazione esterni (carotide interna, vertebrale). La formazione di una zona di infarto nello stelo è accompagnata da gonfiore del tessuto cerebrale, che comprime i tronchi nervosi, i centri, causa congestione venosa ed emorragia.

Di conseguenza, il volume del cervello aumenta, aumenta la pressione intracranica. Ciò contribuisce allo spostamento di varie strutture cerebrali. Quando si incastra e si pizzica una parte del midollo allungato nel grande forame occipitale del cranio, le condizioni del paziente sono estremamente gravi e terminano con la morte. Tali conseguenze mettono il compito principale nel trattamento dell'ictus, la lotta contro l'edema, l'introduzione di farmaci diuretici nelle prime ore della malattia.

motivi

Le cause dell'ictus staminale non differiscono dai disturbi della circolazione cerebrale di altre localizzazioni:

  • aterosclerosi delle arterie;
  • diabete mellito;
  • ipertensione;
  • vasculite reumatica.

La predisposizione ereditaria influenza la regolazione del tono vascolare, alterata struttura della parete vascolare, cambiamenti metabolici nei tessuti cerebrali.

Manifestazioni cliniche

L'emorragia nel tronco cerebrale è caratterizzata da:

  • forte costrizione degli alunni;
  • ptosi della palpebra sul lato del focolare;
  • movimenti fluttuanti dei bulbi oculari;
  • paralisi del nervo cranico;
  • il rapido sviluppo della polmonite con tendenza all'edema;
  • violazione del tipo di respirazione (Cheyne-Stokes);
  • paralisi delle estremità del lato opposto;
  • ipertensione;
  • coma;
  • febbre;
  • pelle umida sul lato della lesione a causa di un'eccessiva sudorazione.

L'ischemia del tronco di natura trombotica o non trombotica si presenta spesso gradualmente. Più tipica è la lesione delle arterie vertebrali e basilari. Tutti i segni si alternano tra periodi di miglioramento e deterioramento, ma la malattia progredisce costantemente. Paziente preoccupato per:

  • vertigini;
  • barcollando mentre cammina;
  • perdita dell'udito e della vista;
  • visione doppia;
  • menomazione vocale (frase cantilena).

In caso di infarto nella zona interessata, compaiono i seguenti sintomi:

  • paralisi della metà del corpo con ridotta sensibilità;
  • coscienza alterata del paziente al grado di coma;
  • cambiamento nella respirazione (rara con respiro sibilante), rapida aderenza alla polmonite.

Sindromi alternate nella clinica dell'ictus

Il colpo di gambo dell'ictus differisce da una ridotta circolazione del sangue nella corteccia cerebrale dal coinvolgimento dei nuclei e delle vie dei nervi motori. Pertanto, i pazienti hanno una combinazione di paralisi centrale con manifestazioni periferiche a causa di cambiamenti nei percorsi dei nervi cranici.

Le sindromi che includono serie di sintomi dovute all'ischemia nella zona di vari nuclei e percorsi sono chiamate alternate. Sono associati a paralisi del gambo in metà del corpo in modi diversi, appaiono sempre sul lato affetto, indicano il livello e il luogo della lesione. Le manifestazioni cliniche hanno preso il nome dai medici che per primi hanno descritto queste combinazioni.

A seconda della posizione, sono suddivisi in sindromi:

  • lesioni delle gambe del cervello (peduncolare);
  • cambiamenti nelle strutture del ponte;
  • disordini nel midollo allungato (bulbar).

I neurologi hanno familiarità con la descrizione delle sindromi e le applicano nella diagnosi differenziale.

Esempi di lesioni alternate:

  • Sindrome di Millar-Gübler - paralisi del nervo facciale (omissione della palpebra, angolo della bocca);
  • Sindrome di Brissot-Sicard - contrazioni spastiche nell'area dei rami del nervo facciale;
  • Sindrome di Jackson - paralisi del nervo ipoglosso con una violazione della deglutizione;
  • Sindrome di Avellis - paralisi del palato molle e delle corde vocali, soffocamento durante il pasto, flusso di cibo liquido nel naso, alterazione del linguaggio;
  • Sindrome di Wallenberg-Zakharchenko - ad eccezione della paralisi del palato molle e delle corde vocali, perdita di sensibilità sulla pelle del viso.

trattamento

Il trattamento del colpo di gambo viene effettuato dalle prime ore di rilevamento. Dal momento che è finalmente impossibile stabilire immediatamente la forma di un ictus, tutti gli appuntamenti riguardano la stabilizzazione delle funzioni vitali del cervello, la rimozione di edema tissutale.

Per normalizzare la respirazione, l'ossigenoterapia viene effettuata attraverso una maschera, in assenza o respirazione inadeguata, il paziente viene intubato e trasferito alla respirazione artificiale con un ventilatore.

La regolazione dell'attività cardiaca richiede il supporto della pressione arteriosa non superiore al 10% del livello normale per il paziente, vengono introdotti farmaci antiaritmici secondo le indicazioni - glicosidi cardiaci, nitrati.

Una soluzione alcalina, preparazioni con potassio e magnesio sono necessarie per mantenere il metabolismo necessario.

Normalizza la coagulazione e la reopolyglukine della densità del sangue.

Protezione delle cellule cerebrali mediante farmaci neuroprotettori (Cerebrolysin, Piracetam).

Per rimuovere l'edema del tessuto cerebrale, viene iniettato solfato di magnesio, diuretico secondo le indicazioni.

Forse il paziente avrà bisogno di agenti sintomatici: rilassanti muscolari, farmaci analgesici, anticonvulsivanti, sedativi. La loro introduzione è determinata dalla clinica specifica nel paziente.

L'uso di mezzi specifici come la terapia trombolitica è possibile solo con piena fiducia nella trombosi delle arterie del cervello. È efficace solo nelle prime 6 ore di manifestazioni cliniche.

Cosa indica un outlook negativo?

Per determinare in anticipo le conseguenze di un ictus nelle strutture del tronco può essere qualche giorno dopo. I neurologi ritengono che il ripristino delle funzioni sia quasi impossibile con una grave paralisi bulbare. Il paziente può vivere per un periodo di tempo con la respirazione hardware, ma morirà per arresto cardiaco.

La presenza di tali sintomi indica una profonda sconfitta delle funzioni motorie in caso di paralisi:

  • "Coscia appiattita" - la parte femorale della gamba paralizzata diventa larga e flaccida a causa della perdita del tono muscolare;
  • ipotensione del secolo: l'incapacità di aprire indipendentemente l'occhio sul lato affetto;
  • Piede rivolto verso l'esterno a causa dell'atonia dei muscoli che girano la gamba.

Come suggerire una prognosi per i sintomi dell'ictus?

L'osservazione del corso dei tratti di gambo ha portato a ipotesi prognostiche per il recupero del paziente.

La prognosi è considerata sfavorevole in tali circostanze:

  • disturbi del linguaggio;
  • respirazione rara (la possibilità di un punto fermo durante il sonno);
  • propensione alla bradicardia e bassa pressione sanguigna;
  • termoregolazione modificata (un brusco salto della temperatura corporea verso l'alto, quindi una caduta al di sotto della norma).

Previsione incerta quando:

  • deglutizione alterata (possibilmente formazione per cibo liquido e passato);
  • perdita di movimento negli arti (il recupero dovrebbe essere richiesto entro un anno);
  • vertigini;
  • movimenti oculari non coordinati.

In ogni caso, il trattamento del colpo di gambo richiede un approccio competente alla terapia e l'uso di tutte le possibilità di riabilitazione.

Ictus cerebrale ischemico

L'ictus ischemico è un infarto cerebrale, si sviluppa con una significativa diminuzione del flusso sanguigno cerebrale.

Tra le malattie che portano allo sviluppo di infarto cerebrale, il primo posto è occupato dall'aterosclerosi, che colpisce i grandi vasi cerebrali nel collo o nei vasi intracranici, o entrambi.

Spesso c'è una combinazione di aterosclerosi con ipertensione arteriosa o ipertensione arteriosa. L'ictus ischemico acuto è una condizione che richiede l'immediata ospedalizzazione del paziente e misure mediche adeguate.

Ictus ischemico: che cos'è?

L'ictus ischemico si verifica a causa di un'ostruzione nei vasi sanguigni che forniscono sangue al cervello. La condizione principale per questo tipo di ostruzione è lo sviluppo di depositi di grasso che rivestono le pareti dei vasi. Questo è chiamato aterosclerosi.

L'ictus ischemico causa un coagulo di sangue che si può formare in un vaso sanguigno (trombosi) o da qualche altra parte nel sangue (embolia).

La definizione della forma nosologica della malattia si basa su tre patologie indipendenti che caratterizzano un disturbo circolatorio locale, denotate dai termini "Ischemia", "Attacco di cuore", "Corsa":

  • ischemia è una mancanza di afflusso di sangue nella parte locale dell'organo, tessuto.
  • l'ictus è una violazione del flusso di sangue nel cervello durante la rottura / ischemia di uno dei vasi, accompagnata dalla morte del tessuto cerebrale.

Nell'ictus ischemico, i sintomi dipendono dal tipo di malattia:

  1. Attacco aterotrombotico - si verifica a causa di aterosclerosi di un'arteria di grandi o medie dimensioni, si sviluppa gradualmente, il più delle volte si verifica nel sonno;
  2. Lacunar - diabete mellito o ipertensione può causare una violazione della circolazione del sangue nelle arterie di piccolo diametro.
  3. Forma cardioembolica - si sviluppa a causa dell'occlusione parziale o completa dell'arteria media del cervello con l'embolo, viene improvvisamente durante la veglia, e gli emboli in altri organi possono verificarsi successivamente;
  4. Ischemico, associato a cause rare: separazione della parete arteriosa, eccessiva coagulazione del sangue, patologia vascolare (non aterosclerotica), malattie ematologiche.
  5. Origine sconosciuta - caratterizzata dall'impossibilità di determinare le cause esatte dell'evento o la presenza di diverse cause;

Da quanto precede, si può concludere che la risposta alla domanda "cos'è l'ictus ischemico" è semplice - una violazione della circolazione del sangue in una delle aree del cervello a causa del suo blocco con una placca di trombo o colesterolo.

Ci sono cinque periodi principali di ictus ischemico completo:

  1. Il periodo più acuto sono i primi tre giorni;
  2. Il periodo acuto è fino a 28 giorni;
  3. Il periodo di recupero precoce è fino a sei mesi;
  4. Periodo di recupero tardivo - fino a due anni;
  5. Il periodo degli effetti residui è dopo due anni.

La maggior parte degli ictus ischemici del cervello iniziano improvvisamente, si sviluppano rapidamente e provocano la morte del tessuto cerebrale entro pochi minuti o poche ore.

Secondo l'area interessata, l'infarto cerebrale è suddiviso in:

  1. Ictus ischemico destro - le conseguenze riguardano principalmente le funzioni motorie, che in seguito non si riprendono, gli indicatori psico-emotivi possono essere vicini alla normalità;
  2. Ictus ischemico lato sinistro - la sfera psico-emotiva e la parola agiscono principalmente come conseguenze, le funzioni motorie sono ripristinate quasi completamente;
  3. Cerebellare - compromissione della coordinazione dei movimenti;
  4. Esteso - si verifica in completa assenza di circolazione del sangue in una vasta area del cervello, provoca edema, il più delle volte porta a completare la paralisi con l'incapacità di recuperare.

La patologia accade più spesso alle persone in età avanzata, ma può succedere in qualsiasi altra. La prognosi per la vita in ciascun caso è individuale.

Giusto ictus ischemico

L'ictus ischemico sul lato destro colpisce le aree responsabili dell'attività motoria del lato sinistro del corpo. La conseguenza è la paralisi dell'intero lato sinistro.

Di conseguenza, al contrario, se l'emisfero sinistro è danneggiato, la metà destra del corpo non riesce. L'ictus ischemico in cui il lato destro è interessato può anche causare disturbi del linguaggio.

Ictus ischemico sinistro

In ictus ischemico sul lato sinistro, la funzione del linguaggio e la capacità di percepire le parole sono seriamente compromesse. Possibili conseguenze: ad esempio, se il centro Brock è danneggiato, al paziente viene negata l'opportunità di formulare e percepire frasi complesse, sono disponibili solo singole parole e frasi semplici.

gambo

Un tale tipo di ictus come un ictus ischemico è il più pericoloso. Nel tronco cerebrale sono i centri che regolano il lavoro dei più importanti in termini di sistemi di supporto vitale: cardiaco e respiratorio. La parte del leone delle morti si verifica a causa di un infarto cerebrale.

Sintomi di ictus ischemico dello stelo - incapacità di navigare nello spazio, riduzione della coordinazione del movimento, vertigini, nausea.

cerebellare

Ictus cerebrale ischemico nella fase iniziale è caratterizzato da un cambiamento di coordinazione, nausea, attacchi di vertigini, vomito. Dopo un giorno, il cervelletto inizia a premere sul tronco cerebrale.

I muscoli facciali possono diventare insensibili e la persona cade in coma. Coma con ictus cerebellare ischemico è molto comune, nella maggior parte dei casi, un tale ictus viene iniettato con la morte del paziente.

Codice mkb 10

Secondo l'ICD-10, un infarto cerebrale è codificato in I 63 con l'aggiunta di un punto e un numero dopo di esso per chiarire il tipo di ictus. Inoltre, quando si codificano tali malattie, viene aggiunta la lettera "A" o "B" (latino), che indica:

  1. Infarto cerebrale sullo sfondo di ipertensione arteriosa;
  2. Infarto cerebrale senza ipertensione arteriosa.

Sintomi di ictus ischemico

Nell'80% dei casi, si osservano ictus nel sistema dell'arteria cerebrale media e nel 20% in altri vasi cerebrali. Nell'ictus ischemico, i sintomi di solito compaiono improvvisamente, in secondi o minuti. Raramente, i sintomi vengono gradualmente e peggiorano per un periodo di diverse ore a due giorni.

I sintomi dell'ictus ischemico dipendono da quanto del cervello è danneggiato. Sono simili ai segni negli attacchi ischemici transitori, tuttavia, la compromissione della funzione cerebrale è più difficile, si manifesta per un maggior numero di funzioni, per una più ampia area del corpo, ed è solitamente caratterizzata da resistenza. Può essere accompagnato da un coma o da una depressione più leggera della coscienza.

Ad esempio, se una nave che trasporta sangue al cervello lungo la parte anteriore del collo è bloccata, si verificano i seguenti disturbi:

  1. Cecità in un occhio;
  2. Una delle braccia o delle gambe di uno dei lati del corpo sarà paralizzata o fortemente indebolita;
  3. Problemi nella comprensione di ciò che gli altri stanno dicendo, o incapacità di trovare le parole in una conversazione.

E se una nave che trasporta sangue al cervello lungo la parte posteriore del collo è bloccata, possono verificarsi tali violazioni:

  1. Doppi occhi;
  2. Debolezza in entrambi i lati del corpo;
  3. Vertigini e disorientamento spaziale.

Se noti uno di questi sintomi, assicurati di chiamare un'ambulanza. Prima vengono prese le misure, migliore è la prognosi per la vita e le conseguenze deplorevoli.

Sintomi di attacchi ischemici transitori (TIA)

Spesso precedono l'ictus ischemico e talvolta TIA è una continuazione dell'ictus. I sintomi di TIA sono simili ai sintomi focali di un piccolo ictus.

Le principali differenze di TIA dagli ictus sono rilevate dall'esame TC / RM con metodi clinici:

  1. Non esiste un centro di infarto (non visualizzato) del tessuto cerebrale;
  2. La durata dei sintomi focali neurologici non è superiore a 24 ore.

I sintomi di TIA sono confermati da studi strumentali di laboratorio.

  1. Sangue per determinare le sue proprietà reologiche;
  2. Elettrocardiogramma (ECG);
  3. Ultrasuoni - Doppler dei vasi della testa e del collo;
  4. Ecocardiografia (EchoCG) del cuore - identificazione delle proprietà reologiche del sangue nel cuore e nei tessuti circostanti.

Diagnosi della malattia

I principali metodi di diagnosi dell'ictus ischemico:

  1. Anamnesi, esame neurologico, visita medica del paziente. Identificazione delle comorbidità che sono importanti e influenzano lo sviluppo dell'ictus ischemico.
  2. Test di laboratorio - analisi del sangue biochimica, spettro lipidico, coagulogramma.
  3. Misurazione della pressione sanguigna
  4. ECG.
  5. La risonanza magnetica o TC del cervello può determinare la posizione della lesione, le sue dimensioni, la durata della sua formazione. Se necessario, viene eseguita l'angiografia CT per identificare il sito esatto di occlusione della nave.

È necessario differenziare l'ictus ischemico da altre malattie del cervello con segni clinici simili, i più comuni includono un tumore, una lesione infettiva delle membrane, l'epilessia, l'emorragia.

Sequele di ictus ischemico

Nel caso dell'ictus ischemico, gli effetti possono essere molto diversi: da molto grave, con ictus ischemico esteso, a minore, con micro attacchi. Tutto dipende dalla posizione e dal volume del focolare.

Le probabili conseguenze dell'ictus ischemico:

  1. Disturbi mentali: molti sopravvissuti allo stroke sviluppano depressione post-ictus. Ciò è dovuto al fatto che una persona non può più essere la stessa di prima, ha paura di essere diventato un peso per la sua famiglia, ha paura di essere lasciato disabile per tutta la vita. Possono anche comparire cambiamenti nel comportamento del paziente, può diventare aggressivo, pauroso, disorganizzato, può essere soggetto a frequenti sbalzi d'umore senza una ragione.
  2. Sensazione alterata negli arti e sul viso. La sensibilità è sempre ripristinata più forza muscolare negli arti. Ciò è dovuto al fatto che le fibre nervose responsabili della sensibilità e della conduzione dei corrispondenti impulsi nervosi vengono ripristinate molto più lentamente delle fibre responsabili del movimento.
  3. Funzione motoria compromessa: la forza degli arti potrebbe non riprendersi completamente. La debolezza nella gamba indurrà il paziente a usare il bastone, la debolezza nella mano renderà difficile compiere alcune azioni domestiche, persino vestendo e tenendo il cucchiaio.
  4. Le conseguenze possono manifestarsi sotto forma di menomazioni cognitive - una persona può dimenticare molte cose che gli sono familiari, numeri di telefono, il suo nome, il nome di parenti, l'indirizzo, può comportarsi come un bambino piccolo, sottovalutare la difficoltà della situazione, può confondere il tempo e il luogo in cui si trova
  5. Disturbi del linguaggio - potrebbero non essere in tutti i pazienti che hanno avuto un ictus ischemico. È difficile per il paziente comunicare con la sua famiglia, a volte il paziente può pronunciare parole e frasi assolutamente incoerenti, a volte può essere solo difficile dire qualcosa. Raramente, tali violazioni si verificano nell'ictus ischemico destro.
  6. Disturbi della deglutizione - il paziente può soffocare il cibo sia liquido che solido, questo può portare alla polmonite da aspirazione e quindi alla morte.
  7. I disturbi di coordinazione si manifestano in modo sconcertante quando si cammina, si girano le vertigini, cadono durante movimenti e svolte improvvise.
  8. Epilessia: fino al 10% dei pazienti dopo ictus ischemico può soffrire di convulsioni epilettiche.

Prognosi per la vita con ictus ischemico

La prognosi dell'esito dell'ictus ischemico in età avanzata dipende dal grado di danno cerebrale e dalla tempestività e dalla natura sistematica delle misure terapeutiche. Quanto prima sarà stata fornita assistenza medica qualificata e adeguata riabilitazione motoria, tanto più favorevole sarà l'esito della malattia.

Il fattore tempo gioca un ruolo enorme, le possibilità di recupero dipendono da questo. Nei primi 30 giorni, circa il 15-25% dei pazienti muore. La mortalità è maggiore nei tratti aterotrombotici e cardioembolici ed è solo del 2% in lacunare. La gravità e la progressione dell'ictus sono spesso valutate utilizzando misuratori standardizzati, come la scala dell'ictus del National Institute of Health (NIH).

La causa della morte nella metà dei casi è l'edema cerebrale e la dislocazione delle strutture cerebrali causate da esso, in altri casi la polmonite, le cardiopatie, l'embolia polmonare, l'insufficienza renale o la setticemia. Una percentuale significativa (40%) di decessi si verifica nei primi 2 giorni di malattia ed è associata ad un esteso infarto ed edema cerebrale.

Tra i sopravvissuti, circa il 60-70% dei pazienti ha disturbi neurologici disabilitanti entro la fine del mese. Sei mesi dopo un ictus, i disturbi neurologici disabilitanti rimangono nel 40% dei pazienti sopravvissuti, entro la fine dell'anno - nel 30% dei casi. Più significativo è il deficit neurologico entro la fine del 1 ° mese della malattia, meno probabile è un completo recupero.

Il ripristino delle funzioni motorie è più significativo nei primi 3 mesi dopo un ictus, mentre la funzione delle gambe viene spesso ripristinata meglio della funzione arm. La completa assenza di movimenti della mano entro la fine del 1 ° mese della malattia è un cattivo segno prognostico. Un anno dopo l'ictus, è improbabile un ulteriore recupero delle funzioni neurologiche. I pazienti con ictus lacunare hanno un recupero migliore rispetto ad altri tipi di ictus ischemico.

Il tasso di sopravvivenza dei pazienti dopo aver sofferto di ictus ischemico è approssimativamente del 60-70% entro la fine del 1 ° anno della malattia, 50% - 5 anni dopo un ictus, 25% - 10 anni.

I cattivi segni prognostici di sopravvivenza nei primi 5 anni dopo un ictus comprendono l'età avanzata del paziente, l'infarto miocardico, la fibrillazione atriale e l'insufficienza cardiaca congestizia che precede l'ictus. Ictus ischemico ripetuto si verifica in circa il 30% dei pazienti nel periodo di 5 anni dopo il primo ictus.

Riabilitazione dopo ictus ischemico

Tutti i pazienti dopo un ictus subiscono le seguenti fasi di riabilitazione: il dipartimento neurologico, il reparto di neuroriabilitazione, il trattamento di sanatorio-resort e l'osservazione del dispensario ambulatoriale.

I principali obiettivi della riabilitazione:

  1. Ripristino di funzioni compromesse;
  2. Riabilitazione mentale e sociale;
  3. Prevenzione delle complicanze post-ictus.

In accordo con le caratteristiche del decorso della malattia, i seguenti regimi di trattamento sono utilizzati successivamente nei pazienti:

  1. Resto del letto rigoroso - tutti i movimenti attivi sono esclusi, tutti i movimenti nel letto sono effettuati da personale medico. Ma già in questa modalità, inizia la riabilitazione - giri, rubdown - prevenzione dei disturbi trofici - piaghe da decubito, esercizi di respirazione.
  2. Riposo a letto moderatamente esteso - una graduale espansione delle capacità motorie del paziente - rotazione indipendente a letto, movimenti attivi e passivi, spostamento in posizione seduta. Gradualmente è permesso mangiare in posizione seduta 1 volta al giorno, poi 2, e così via.
  3. Modalità di reparto - con l'aiuto del personale medico o con un supporto (stampelle, deambulatori, un bastone...) è possibile spostarsi all'interno della camera, eseguire i tipi disponibili di self-service (cibo, lavaggio, cambio di vestiti...).
  4. Modalità libera.

La durata dei regimi dipende dalla gravità dell'ictus e dalla dimensione del difetto neurologico.

trattamento

Il trattamento di base per l'ictus ischemico è volto a mantenere le funzioni vitali del paziente. Sono in corso misure per normalizzare i sistemi respiratorio e cardiovascolare.

In presenza di cardiopatia ischemica, al paziente vengono prescritti farmaci antianginosi e agenti che migliorano la funzione di pompaggio dei glicosidi cuore-cardiaci, antiossidanti, farmaci che normalizzano il metabolismo dei tessuti. Si svolgono anche eventi speciali per proteggere il cervello dai cambiamenti strutturali e dal gonfiore del cervello.

La terapia specifica per l'ictus ischemico ha due obiettivi principali: il ripristino della circolazione del sangue nella zona interessata, nonché il mantenimento del metabolismo del tessuto cerebrale e la loro protezione dai danni strutturali. La terapia specifica per l'ictus ischemico prevede metodi di trattamento medico, non farmacologico e chirurgico.

Nelle prime ore dopo l'inizio della malattia, c'è un senso nel condurre una terapia trombolitica, la cui essenza deriva dalla lisi di un coagulo di sangue e dal ripristino del flusso sanguigno nella parte interessata del cervello.

cibo

La dieta implica restrizioni sul consumo di sale e zucchero, cibi grassi, cibi a base di farina, carni affumicate, verdure in salamoia e in scatola, uova, ketchup e maionese. I medici consigliano di aggiungere alla dieta più frutta e verdura, abbondante in fibra, di mangiare zuppe, cucinate secondo ricette vegetariane, latticini. Di particolare beneficio sono quelli di loro che hanno il potassio nella loro composizione. Questi includono albicocche secche o albicocche, agrumi, banane.

I pasti dovrebbero essere frazionari, usati in piccole porzioni cinque volte al giorno. Allo stesso tempo, una dieta dopo un ictus implica un volume di liquido non superiore a un litro. Ma non dimenticare che tutte le azioni intraprese devono essere negoziate con il medico. Solo uno specialista delle forze per aiutare il paziente a riprendersi più velocemente e recuperare da una grave malattia.

prevenzione

La prevenzione dell'ictus ischemico è progettata per prevenire il verificarsi di ictus e prevenire complicazioni e attacchi re-ischemici.

È necessario trattare l'ipertensione arteriosa in modo tempestivo, per condurre un esame per i dolori del cuore, per evitare improvvisi aumenti di pressione. Nutrizione corretta e completa, smettere di fumare e assumere alcol, uno stile di vita sano - il principale nella prevenzione dell'infarto cerebrale.

Ictus cerebrale: sintomi ed effetti

Quando si verificano disturbi della circolazione sanguigna, si verifica un ictus cerebrale. La gravità delle condizioni del paziente e il risultato del trattamento dipendono dalla dimensione della lesione, dalla sua posizione e dal tipo di ictus.

Colpo del tronco cerebrale

Il tronco cerebrale influisce sull'attività di entrambi gli emisferi. Collega il cervello con il midollo spinale, trasmette i comandi, ha un effetto su funzioni come la deglutizione e la respirazione. Contribuisce alla regolazione della temperatura e controlla il lavoro del cuore. Le abilità mentali non sono influenzate.

Cos'è il colpo di gambo? Questo è un ictus che porta a bloccare il passaggio dell'ossigeno nel tronco cerebrale e distrugge il funzionamento di tutti gli organi interni. È la malattia più difficile. Quando è alta probabilità di coma con ulteriore morte.

Caratteristiche del tratto dello stelo

Il colpo di stelo ha un numero di manifestazioni specifiche:

La disfagia è un disturbo della funzione di deglutizione. Normalmente una persona non può ricevere cibo. C'è una minaccia di polmonite da aspirazione, che si forma a causa della penetrazione di parte del cibo nel tratto respiratorio, che causa l'infezione.

La disartria è un disturbo del linguaggio associato alla pronuncia a causa di danni al sistema nervoso.

Vertigini severi, andatura traballante - i primi sintomi di un attacco.

Violazione della regolazione della temperatura. Nelle prime ore di sciopero, la temperatura sale a 39?. Quindi, se cade da un livello normale, questo indica la morte del tessuto cerebrale.

La distruzione del cuore è caratterizzata da palpitazioni cardiache. Se il battito del cuore rallenta, il paziente cade in coma.

Stem Stroke Symptoms

Un ictus cerebrale ha sintomi caratteristici solo per questo, che in rari casi si verificano in altre lesioni cerebrali:

  • costrizione affilata della pupilla;
  • copre il secolo dalla parte affetta;
  • l'impossibilità di focalizzare la vista associata a una violazione del tronco cerebrale centrale;
  • lo sviluppo della polmonite;
  • insufficienza respiratoria;
  • paralisi degli arti del lato opposto della lesione;
  • ipertensione;
  • alta temperatura corporea;
  • idratare la pelle dal lato affetto.

Cause dello stelo

Le cause dell'ictus staminale sono la trombosi, l'ipertensione, l'aneurisma, la fibrillazione atriale, l'anomalia vascolare congenita, l'aterosclerosi, il trauma con la formazione di un ematoma, che chiude la nave. Secondo il meccanismo di manifestazione, l'ictus può essere ischemico ed emorragico. Il primo si verifica a causa di aterosclerosi, il secondo è associato a anomalie congenite dei vasi, il loro assottigliamento, che porta alla rottura delle pareti di questi vasi. I segni di ictus ischemico nel tronco cerebrale aumentano gradualmente, l'emorragia si verifica immediatamente e il paziente cade immediatamente in coma.

diagnostica

All'inizio dell'attacco, viene eseguita una scansione TC. Aiuta a determinare il tipo di ictus. Nell'ictus ischemico, la RMN viene anche eseguita per distinguere un ictus da altre malattie: tumori, lesioni. Se possibile, è meglio fare un'ecografia delle navi. Tutti questi esami e i sintomi che sono comparsi permettono di prescrivere correttamente un trattamento all'inizio della malattia ed evitare spiacevoli conseguenze.

trattamento

Per un esito favorevole della malattia, l'ospedalizzazione è raccomandata entro e non oltre 2-3 ore dopo l'inizio delle prime manifestazioni dell'attacco. Lo stelo è il più difficile da trattare.

Direzioni principali

L'obiettivo principale è la conservazione di tutte le restanti funzioni del paziente e la riduzione dello stress emotivo e fisico. Il trattamento viene effettuato nel reparto neurologico o in casi più pericolosi in rianimazione. L'indicatore delle condizioni del paziente è il livello della sua coscienza. Può essere depresso e raggiungere uno stato di coma. Applicare un trattamento farmacologico mirato al ripristino della funzionalità cerebrale.

Nei disturbi della funzione di deglutizione, viene utilizzato un sondino nasogastrico. Ha l'aspetto di un tubo. Un'estremità si trova all'uscita del passaggio nasale, l'altra è posta nello stomaco. Cibo direttamente nello stomaco. Sonda usata in violazione della coscienza.

Per correggere la funzione di deglutizione e parola, le lezioni sono condotte con un logopedista che ti insegna a eseguire esercizi speciali per ripristinare la funzione di deglutizione.

In caso di violazione del sistema respiratorio del paziente è collegato ad un apparato di respirazione artificiale.

Con questa malattia, l'intelletto non è rotto.

Intervento chirurgico

Nell'ictus emorragico viene indicato un intervento chirurgico. Viene eseguita una craniotomia aperta per rimuovere l'ematoma. È anche possibile utilizzare un metodo invasivo. Consiste nel condurre un agente trombolitico attraverso l'apertura, che deve sciogliere l'ematoma. Condotto per pazienti ipertesi. Questa operazione è severamente vietata per gli aneurismi. Per eliminare le conseguenze ci sono solo poche ore.

effetti

In 2/3 casi si verifica la morte dell'ictus staminale. Favorevole può essere la previsione per i giovani, anche se l'assistenza medica è stata fornita in tempo. Se il paziente è cosciente, c'è la possibilità di un esito favorevole.

Completamente il recupero è quasi impossibile. La ri-corsa più pericolosa. La funzione della deglutizione non può essere ripristinata, puoi insegnare a deglutire il cibo morbido.

Le funzioni del motore vengono ripristinate nei primi sei mesi. Prima inizia il processo di riabilitazione, maggiore sarà la possibilità di recupero.

Il coordinamento viene ripristinato durante il trattamento farmacologico.

Se la funzione respiratoria è compromessa, il paziente diventa completamente dipendente dall'apparato respiratorio artificiale. In questo caso, la previsione è deludente.

È anche impossibile ripristinare il lavoro del cuore e dei vasi sanguigni, se hanno sofferto durante un attacco.

prevenzione

Poiché gli effetti del colpo di gambo sono difficili da trattare e riparare, è meglio prevenirne l'insorgenza. Per fare ciò, osservare le seguenti misure preventive:

  • rinunciare a cattive abitudini;
  • assicurarsi di monitorare la pressione sanguigna e mantenerla a un livello normale;
  • condurre esami regolari, in particolare per le persone che soffrono di malattie croniche vascolari e cardiache;
  • osservare una corretta alimentazione: rifiuto di cibi grassi e piccanti, sale e zucchero.

Le cause dell'ictus staminale sono stili di vita anormali e malattie vascolari. Il trattamento e il recupero sono un processo lungo. È necessario assicurarsi che l'attacco non si ripeta, in modo che non ci siano tristi conseguenze.

Esame approfondito dell'ictus staminale: cause, sintomi e trattamento

Da questo articolo imparerai: il decorso dell'ictus della malattia, i suoi sintomi. Possibili complicanze, prognosi, come trattare la patologia.

Tratto stelo - morte (morte, distruzione) delle cellule nervose della parte più importante del cervello - il suo tronco - a causa di disturbi acuti della circolazione cerebrale.

Come con qualsiasi altro colpo, il tessuto distrutto perde la sua funzione. Ma con il processo di localizzazione nel bagagliaio c'è una minaccia immediata alla vita. In questa zona sono localizzati i centri nervosi che regolano le funzioni più importanti di mantenimento dell'attività vitale del corpo - respiratoria e cardiovascolare (vasomotoria).

Pertanto, i disturbi circolatori nel tronco causano disturbi invalidanti persistenti (completa paralisi degli arti, del viso e persino l'atto della deglutizione) o provocano la morte entro poche ore dopo l'insorgenza della malattia. Tali caratteristiche distintive del colpo di gambo hanno permesso di distinguerlo come una forma separata dai tratti di qualsiasi altra localizzazione.

È possibile sopravvivere a pochi (circa il 20%), soggetti a trattamento precoce (nelle prime 3 ore) per cure mediche. La prognosi per il recupero completo non supera il 2-3%. Neuropatologi (neurologi) sono impegnati nel trattamento con specialisti di rianimazione.

Quali sono le caratteristiche della patologia

L'ictus è dovuto al fatto che i vasi che portano il sangue in questa parte del cervello non sono in grado di fornirgli sostanze nutritive e ossigeno. Quando questo accade la morte cellulare, la cui funzione non sarà in grado di assumere i neuroni rimanenti.

Il tronco encefalico è una zona speciale non solo per il sistema nervoso, ma anche per l'organismo nel suo insieme, poiché contiene i principali centri a sostegno della sua vitalità.

Una breve escursione nell'anatomia

Il tronco è la parte più antica del cervello. Per la sua importanza, occupa il posto più profondo nel cranio - alla sua base (in basso). Attraverso di esso tutte le informazioni dagli organi di senso passano nella corteccia cerebrale, e tutti gli impulsi motori emanano dalla corteccia al midollo spinale, mentre il tronco passa direttamente in esso. Le sezioni anatomiche del tronco e le funzioni per le quali sono responsabili sono descritte nella tabella.

Funzioni del tronco cerebrale. Clicca sulla foto per ingrandirla

Ictus cerebrale - sintomi e cause di lesioni, diagnosi, metodi di trattamento, conseguenze

Tra i disturbi acuti della circolazione cerebrale (ictus), l'ictus è particolarmente pericoloso. La ragione è che i principali centri nervosi del supporto vitale si trovano nel tronco cerebrale. Con un ictus, la sezione staminale è priva di ossigeno, il che porta all'interruzione del funzionamento di quasi tutti gli organi.

Il meccanismo di ictus del tronco cerebrale

Il tronco cerebrale è un insieme di strutture del sistema nervoso centrale, rappresentato come una formazione estesa che continua il midollo spinale e lo collega al cervello. La lunghezza di una tale struttura è di circa 7 cm. Il tronco è un collegamento tra il midollo spinale e il diencefalo, sebbene quest'ultimo sia talvolta incluso nello stelo. Anatomicamente, si trova alla base del cranio, in alto e ai lati è chiuso da emisferi. La struttura del tronco include:

  • Il cervello medio Formata dalle gambe destra e sinistra, la quattro-guancia.
  • Varoliev Bridge. Questa è la parte addensata del tronco. Da esso vanno dalla quinta all'ottava coppia di gangli.
  • Cervello oblungo. Separato dal ponte speciale di Pons.

Il tronco cerebrale comprende anche cellule nervose con formazioni nucleocitali. Sono costituiti da dendriti e assoni. Questi ultimi hanno un ramo a forma di T e insieme formano una griglia: il reticolo. Invia e trasmette ad altri centri di elaborazione le informazioni necessarie per il lavoro degli organi interni. Il tronco cerebrale è costituito da molti di questi nuclei che controllano:

  • lavoro del cuore, sistema respiratorio;
  • attività motoria;
  • funzione sessuale;
  • tono muscolare;
  • masticare, deglutire;
  • udito e vista;
  • reazioni vegetative;
  • riflesso palpebrale e bulbo oculare;
  • movimento della pupilla;
  • papille gustative

L'ictus si sviluppa a causa della ridotta circolazione del tronco cerebrale. A seconda della causa, questa patologia è classificata in due tipi:

  • Ischemica. Si sviluppa a causa del blocco della nave che alimenta il cervello, il che porta a un alterato flusso sanguigno. Di conseguenza, alcune parti del tronco non ricevono più ossigeno. Questo porta alla necrosi dei tessuti, motivo per cui le cellule morte non possono più svolgere le loro funzioni. L'ictus ischemico si sviluppa gradualmente.
  • Emorragica. È collegato alla rottura del vaso di alimentazione, a causa del quale il sangue viene versato nel tessuto cerebrale. Questo porta anche alla morte dei tessuti. Un tale colpo è caratterizzato da un evento istantaneo. L'emorragia cerebrale causa gonfiore e ipertensione intracranica. In questo caso, il rischio di morte è molto più alto.

Cause dell'ictus cerebrale

L'eziologia della malattia dipende dalla natura dell'ictus. La forma emorragica è associata a una rottura del vaso di alimentazione, che porta allo sviluppo di un ematoma, che schiaccia il tessuto circostante. Le cause di questa condizione patologica sono:

  • anomalie congenite delle arterie;
  • ipertensione arteriosa (alta pressione sanguigna);
  • trauma cranico;
  • diabete mellito;
  • aneurisma dell'arteria cerebrale;
  • malformazioni vascolari;
  • la formazione di aree di ammorbidimento delle pareti vascolari dovute a placche aterosclerotiche.

La causa principale dell'ictus ischemico è l'aterosclerosi. Quando forma placche aterosclerotiche nei vasi. Col passare del tempo, crescono e bloccano parzialmente o completamente il flusso sanguigno, che porta alla trombosi e all'interruzione diretta dell'afflusso di sangue al tronco cerebrale. Altre cause di ictus ischemico:

  • tromboembolismo;
  • infiammazione delle pareti vascolari;
  • tromboflebite;
  • fibrillazione atriale;
  • vene varicose;
  • arterite;
  • cambiamenti nel rachide cervicale.

sintomi

L'ictus cerebrale è caratterizzato da sintomi più estesi e gravi disturbi degli organi interni. Il motivo è che i nuclei dei nervi e dei percorsi cranici sono coinvolti nel processo patologico. Indipendentemente dalla forma della malattia è acuta. Il dolore nella parte posteriore della testa, la paralisi, il capogiro, la coscienza compromessa e il polso sono i segni caratteristici di un ictus.

Il tipo emorragico si sviluppa più rapidamente. Oltre alle menomazioni sensoriali e motorie, il paziente mostra chiaramente ipertensione endocranica. Sul suo sfondo, si osservano i seguenti segni:

  • depressione della coscienza, coma;
  • emiparesi e emiplegia - paralisi di parti del corpo;
  • nausea, vomito;
  • vertigini;
  • afasia - disturbi del linguaggio;
  • febbre;
  • diminuzione o completa scomparsa della sensibilità dal lato opposto alla parte interessata;
  • violazione delle contrazioni respiratorie e della frequenza cardiaca.

Nel periodo successivo, il paziente ha polmonite, infezioni del tratto urinario, trombosi venosa, piaghe da decubito associate a deficit neurologico. L'ictus ischemico dello stelo è caratterizzato da un più lento aumento dei sintomi. È anche caratterizzato dalla paralisi dal lato opposto a quello colpito. Una caratteristica distintiva: il lavoro dei muscoli facciali è preservato. Altri sintomi caratteristici sono:

Colpo del tronco cerebrale

Le ragioni per l'ictus: trombosi, embolia, ipertensione, aneurisma, trauma grave, che porta alla formazione di ematomi, blocco dei vasi sanguigni. Se la circolazione sanguigna del tronco cerebrale viene disturbata, viene diagnosticato un colpo di gambo. Questo importante sito è un collegamento che trasmette segnali cerebrali agli organi di tutto il corpo.

La radice è la parte più antica del cervello, influenza il lavoro di entrambi gli emisferi, fornendo un effetto di controllo e regolazione. I nuclei di questo dipartimento sono il collegamento di chiusura di archi di riflesso semplici e complessi, regolano la deglutizione, la respirazione e sono responsabili del funzionamento del cuore e della termoregolazione del corpo.

Nei casi più gravi, diventa la causa della cessazione della nutrizione di questa parte del cervello, della sua atrofia e dell'impossibilità del lavoro di tutti gli organi interni.

Meccanismo di accadimento

Secondo il meccanismo del colpo di gambo, emorragico e ischemico si distinguono. Il primo è dovuto alla rottura dell'arteria che alimenta il cervello, causa emorragia. La causa di ciò è l'ipertensione o patologia vascolare congenita, espressa nel loro assottigliamento. Il secondo tipo, ischemico, è caratterizzato da blocco della nave, causato da ostruzione della nave a causa della penetrazione di una placca aterosclerotica o trombo nel lume.

Non solo il meccanismo dell'occorrenza, ma anche il flusso: l'ictus emorragico arriva istantaneamente, e l'ictus ischemico gradualmente, i suoi sintomi aumentano.

I medici che eseguono il trattamento usano metodi diversi per diversi tipi di ictus. Ciò che è più facile di ischemico, può danneggiare con la forma emorragica della malattia.

sintomi

L'ictus emorragico ha sintomi acuti. L'ischemico, che si sviluppa gradualmente, da diverse ore a giorni, si manifesta con intorpidimento del viso o di parte del corpo, formicolio, dolore agli occhi, deficit visivo, perdita di equilibrio. I sintomi più pronunciati di entrambi i tipi sono la paralisi.

Se si sviluppa un ictus ischemico, tali manifestazioni dovrebbero allertare la famiglia e il paziente stesso:

  • pallore improvviso, arrossamento di tutto o parte del viso;
  • mancanza di respiro e veloce, a volte con respiro sibilante;
  • chiarezza del linguaggio compromessa;
  • vertigini;
  • sudorazione;
  • diminuzione e tensione del polso;
  • aumento della temperatura;
  • aumentare la pressione sanguigna.

prospettiva

L'ictus è fatale in due terzi dei casi. Una prognosi più favorevole è possibile nei pazienti giovani e nei casi in cui il paziente è rapidamente nella clinica, la cui specializzazione è il trattamento degli ictus. Lo staff di questa istituzione ha neurologi e neurochirurghi, c'è un'attrezzatura speciale - un tomografo e altri dispositivi. Idealmente, la tomografia computerizzata viene eseguita nella prima ora della malattia.

Una buona prognosi dà al paziente una conservazione della coscienza, la capacità di valutare ciò che sta accadendo gli consente di prendere parte alla riabilitazione.

diagnostica

La tomografia computerizzata elimina l'emorragia. Questa procedura viene eseguita per diversi secondi, il paziente ha il tempo di trattenere il respiro una volta e il risultato è già pronto. Se l'emorragia viene esclusa, viene eseguita la risonanza magnetica. Ci vuole fino a mezz'ora, ma questo tipo di ricerca fornisce molte più informazioni.

Se il tempo lo consente, un'ecografia dei vasi, angiografia. Le informazioni ottenute consentono al medico di prescrivere un trattamento adeguato.

trattamento

Nell'ictus emorragico, il trattamento principale è la chirurgia. La craniotomia aperta viene eseguita per eliminare un ematoma. Un metodo meno invasivo è l'introduzione attraverso il foro trapanato del trombolitico, che promuove il riassorbimento dell'ematoma. Il secondo tipo di operazioni è controindicato nelle patologie vascolari, negli aneurismi. È ideale per l'ipertensione.

L'intervallo di tempo consentito per prevenire le terribili conseguenze dell'ictus ischemico è di diverse ore. Durante questo periodo, è necessario ripristinare la circolazione sanguigna nelle arterie che soffrono di embolia. La trombolisi sistemica sopravviverà alla malattia con perdite minime. Per la somministrazione endovenosa di farmaci richiede la conformità a diverse condizioni:

  • tempo minimo trascorso dall'esordio della malattia;
  • mancanza di operazioni poco prima di un ictus.

effetti

Cosa succede al cervello dopo un ictus.

Comprensione della parola

In un terzo dei pazienti, l'ictus cerebrale causa disturbi del linguaggio: discorso inarticolato, silenzioso, poco chiaro. Tale violazione corregge il trattamento con la partecipazione di un logopedista.

Disturbo della deglutizione

Questa caratteristica caratterizza più chiaramente il tratto stelo. I sintomi di disfunzione della deglutizione (disfagia) sono più della metà dei pazienti. Per il recupero parziale o completo, la prognosi è incerta. Ci sono tecniche per alleviare questa condizione - per insegnare al paziente a deglutire il cibo soffice e strofinato.

Insufficienza motoria degli arti

Gli effetti comuni della malattia sono movimenti spontanei e non coordinati di braccia e gambe. Per ripristinare i movimenti nei primi due mesi, una prospettiva positiva, la dinamica successiva rallenta. Miglioramenti graduali sono osservati durante tutto l'anno, in seguito - il recupero si verifica raramente.

Mancanza di coordinamento

Vertigini - un frequente compagno di ictus, passa rapidamente nel corso del trattamento. La previsione per il completo smaltimento di lui è incerta.

Insufficienza respiratoria

L'incapacità di respirare da soli è il risultato di danni al cervello dello stelo. Il trattamento ha una prognosi sfavorevole, il paziente è completamente dipendente dall'apparato di respirazione artificiale. Se il centro respiratorio non è completamente distrutto, durante la veglia i pazienti possono respirare da soli, ma in un sogno sono possibili arresti della respirazione a breve termine.

Instabilità emodinamica

Una prognosi sfavorevole è una diminuzione della frequenza cardiaca, parla della gravità delle condizioni del paziente e della possibilità di morte.

Termoregolazione instabile

La gravità degli effetti dell'ictus dice una violazione della termoregolazione. Il primo giorno dopo l'inizio della malattia, la temperatura corporea aumenta bruscamente ed è difficile da correggere. Gli effetti avversi hanno una significativa diminuzione della temperatura, che può essere un precursore della morte delle cellule cerebrali.

Danno visivo

L'ictus ischemico, che colpisce lo stelo, è caratterizzato da movimenti oculari alterati. Uno o entrambi i bulbi oculari possono iniziare movimenti spontanei in direzioni diverse con l'incapacità di fissare l'occhio sul soggetto.

Terapia e riabilitazione fino al recupero comprende il mantenimento delle funzioni del corpo, eliminando lo sforzo emotivo e fisico, eliminando il gonfiore e ripristinando la circolazione sanguigna. Più il paziente è giovane, più è veloce nelle mani di medici qualificati, più favorevoli saranno le prognosi, meno le conseguenze saranno distruttive.

Ti consigliamo di leggere anche un articolo su che tipo di dieta è necessaria dopo un ictus.

Tratto stelo: tipi (ischemico, emorragico), cause, sintomi, trattamento, prognosi

L'ictus è considerato una delle forme più gravi di danno cerebrale sullo sfondo di una violazione acuta del flusso sanguigno. Non è una coincidenza, perché nel tronco sono concentrati i principali centri di supporto vitale dei nervi.

Tra i pazienti con ictus cerebrale prevalgono individui anziani con prerequisiti rilevanti per alterare il flusso sanguigno - ipertensione, aterosclerosi, patologia della coagulazione del sangue, cuore che predispone al tromboembolismo.

Il tronco cerebrale è l'area più importante che funge da collegamento tra il sistema nervoso centrale, il midollo spinale e gli organi interni. Controlla il lavoro del cuore, sistema respiratorio, mantenendo la temperatura corporea, l'attività fisica, regola il tono muscolare, le reazioni autonomiche, l'equilibrio, la funzione sessuale, partecipa agli organi della vista e dell'udito, fornisce la masticazione, la deglutizione, contiene fibre di papille gustative. È difficile nominare la funzione del nostro corpo, che costerebbe senza la partecipazione del tronco cerebrale.

struttura del tronco cerebrale

Le strutture dello stelo sono le più antiche e comprendono il ponte, il midollo e il mesencefalo, a volte anche il cervelletto. In questa parte del cervello sono i nuclei dei nervi cranici, sono conduttivi motori e percorsi nervosi sensoriali. Questo reparto si trova sotto gli emisferi, l'accesso ad esso è estremamente difficile e, con l'edema del tronco, inizia rapidamente a spostarsi e stringerlo, il che è fatale per il paziente.

Cause e tipi di tratti di gambo

Le cause dell'ictus staminale non differiscono da quelle di altre localizzazioni dei disturbi del flusso sanguigno nel sistema nervoso centrale:

  • Ipertensione arteriosa, che causa cambiamenti irreversibili nelle arterie e arteriole del cervello, le pareti dei vasi sanguigni diventano fragili e prima o poi possono rompersi con un'emorragia;
  • Aterosclerosi, che si osserva dalla maggioranza assoluta degli anziani, porta a placche di grasso nelle arterie che alimentano il cervello, il risultato - rottura della placca, la trombosi, l'occlusione del vaso e necrosi della sostanza cervello;
  • Aneurismi e malformazioni vascolari sono la causa di ictus in pazienti giovani senza comorbilità o in combinazione con esso.

Diabete e altri disordini metabolici, reumatismi, difetti valvolari cardiaci e disturbi della coagulazione del sangue, incluso l'assunzione di farmaci che fluidificano il sangue, di solito prescritti a pazienti cardiologici, contribuiscono allo sviluppo del tratto del tronco.

A seconda del tipo di danno, un tratto del tronco cerebrale è ischemico ed emorragico. Nel primo caso si forma un focolaio di necrosi (infarto), nel secondo il flusso di sangue nel tessuto cerebrale si verifica quando si rompe un vaso sanguigno. L'ictus ischemico procede in modo più favorevole e con gonfiore emorragico e ipertensione intracranica aumenta rapidamente, quindi il tasso di mortalità è molto più alto nel caso degli ematomi.

Video: di base sui tipi di ictus - ischemico ed emorragico

Manifestazioni del danno del tronco cerebrale

L'ictus è accompagnato da danni alle vie, i nuclei dei nervi cranici, quindi accompagnati da sintomi ricchi e gravi disturbi degli organi interni. I segni della malattia si manifestano in modo acuto, a cominciare da intenso dolore nella regione occipitale, alterazione della coscienza, paralisi, vertigini, tachicardia o bradicardia, forti fluttuazioni della temperatura corporea.

Sintomi cerebrali associati ad un aumento della pressione intracranica, includono nausea e vomito, mal di testa, disturbi della coscienza, fino a uno stato comatoso. Quindi unire i sintomi del danno ai nuclei dei nervi cranici, sintomi neurologici focali.

L'ictus ischemico si manifesta con varie sindromi alternate e segni di coinvolgimento dei nuclei dei nervi cranici del lato in cui si è verificata la necrosi. Allo stesso tempo può essere osservato:

  1. Paresi e paralisi muscolare nella parte interessata del tronco;
  2. Deviazione della lingua nella direzione della sconfitta;
  3. Paralisi della parte opposta del corpo con conservazione del lavoro dei muscoli facciali;
  4. Nistagmo, squilibrio;
  5. Paralisi del palato molle con difficoltà di respirazione, deglutizione;
  6. L'omissione del secolo dalla parte dell'ictus;
  7. Paralisi dei muscoli facciali sul lato affetto e emiplegia della metà opposta del corpo.

Questa è solo una piccola parte delle sindromi che accompagnano un attacco cardiaco alla radice. Con piccoli fuochi (fino a un centimetro e mezzo), sono possibili disturbi isolati di sensibilità, movimenti, paralisi centrale con patologia dell'equilibrio, disturbi della mano (disartria), disturbi isolati dei muscoli del viso e della lingua con disturbi del linguaggio.

Nell'ictus emorragico, i sintomi crescono rapidamente, oltre ai disturbi motori e sensoriali, l'ipertensione intracranica si manifesta chiaramente, la coscienza è disturbata e il coma è altamente probabile.

I segni di emorragia nel tronco possono essere:

  • Emiplegia ed emiparesi: paralisi dei muscoli del corpo;
  • Visione offuscata, sguardo di paresi;
  • Disturbi del linguaggio;
  • Diminuzione o mancanza di sensibilità sul lato opposto;
  • Depressione della coscienza, coma;
  • Nausea, vertigini;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Violazione della respirazione, frequenza cardiaca.

Un ictus di solito si verifica all'improvviso, i parenti, i colleghi o i pedoni sulla strada possono diventare testimoni. Se un parente soffre di ipertensione o aterosclerosi, un certo numero di sintomi dovrebbe avvertire i propri cari. Quindi, improvvise difficoltà e incoerenza del linguaggio, debolezza, mal di testa, impossibilità di movimenti, sudorazione, salti della temperatura corporea, battito cardiaco dovrebbe essere la ragione per la chiamata immediata della brigata di ambulanza. Quanto velocemente le persone si orientano, la vita di una persona può dipendere e se il paziente va in ospedale nelle prime ore, le possibilità di salvare la vita saranno molto maggiori.

A volte piccoli focolai di necrosi nel tronco cerebrale, specialmente quelli associati al tromboembolismo, si verificano senza un drammatico cambiamento di condizione. La debolezza aumenta gradualmente, compare il capogiro, l'andatura diventa incerta, il paziente ha una visione doppia, l'udito e la vista diminuiscono e l'assunzione di cibo è difficile a causa del soffocamento. Anche questi sintomi non possono essere ignorati.

L'ictus è considerato la patologia più difficile, e quindi le sue conseguenze sono molto gravi. Se nel periodo acuto è possibile salvare la vita e stabilizzare le condizioni del paziente, rimuoverlo dal coma, normalizzare la pressione e la respirazione, quindi nella fase di riabilitazione ci sono ostacoli significativi.

Dopo un colpo di gambo, la paresi e la paralisi sono di solito irreversibili, il paziente non può camminare o nemmeno sedersi, la parola e la deglutizione sono disturbate. Ci sono difficoltà nel mangiare e il paziente ha bisogno sia di nutrizione parenterale, sia di una dieta speciale con cibo liquido e frullato.

Il contatto con un paziente che ha sofferto di un ictus cerebrale è difficile a causa di un disturbo del linguaggio, mentre l'intelletto e la consapevolezza di ciò che sta accadendo possono essere mantenuti. Se c'è la possibilità di ripristinare almeno parzialmente la parola, allora un aphasiologist, che conosce tecniche ed esercizi speciali, verrà in soccorso.

Dopo un infarto o un ematoma nel tronco cerebrale, i pazienti rimangono disabili, richiedendo una partecipazione e assistenza costanti nel mangiare e nell'igiene. L'onere dell'assistenza ricade sulle spalle dei parenti, che dovrebbero essere consapevoli delle regole di alimentazione e trattamento dei pazienti gravemente malati.

Le complicazioni nel colpo di gambo non sono rare e possono causare la morte. La causa più comune di morte è il gonfiore del tronco cerebrale con il suo pizzicotto sotto la membrana solida del cervello o nel forame occipitale, disturbi non corretti del cuore e della respirazione, lo stato epilettico è possibile.

Nel periodo successivo, si verificano infezioni del tratto urinario, polmonite, trombosi venosa delle gambe, piaghe da decubito, che è facilitata non solo dal deficit neurologico, ma anche dalla posizione di menzogne ​​forzata del paziente. Non esclusa sepsi, infarto miocardico, sanguinamento nello stomaco o nell'intestino. I pazienti con forme più lievi di ictus, cercando di muoversi, sono ad alto rischio di cadute e fratture, che possono anche essere fatali.

Parenti di pazienti con ictus cerebrale già nel periodo acuto vogliono sapere quali sono le possibilità di una cura. Sfortunatamente, in alcuni casi, i medici non possono sperare almeno in qualche modo, poiché con questa localizzazione della lesione si tratta di salvare vite umane e, se è possibile stabilizzare la condizione, la stragrande maggioranza dei pazienti rimane profondamente disabile.

L'incapacità di correggere la pressione arteriosa, elevata, non calante, la temperatura corporea, lo stato comatoso servono come segni prognostici sfavorevoli, in cui la probabilità di morte durante i primi giorni e le settimane successive all'insorgenza della malattia è elevata.

Trattamento della corsa dello stelo

L'ictus è una condizione grave e pericolosa per la vita che richiede misure correttive immediate e la prognosi della malattia dipende dalla rapidità con cui viene iniziato il trattamento. Senza eccezione, tutti i pazienti dovrebbero essere ricoverati in reparti specializzati, sebbene in alcune regioni questa cifra sia terribilmente piccola - circa il 30% dei pazienti va in ospedale in tempo.

Il momento migliore per iniziare il trattamento è considerato le prime 3-6 ore dall'esordio della malattia, mentre nelle grandi città con accesso elevato alle cure mediche, il trattamento viene spesso avviato 10 o più ore più tardi. La trombolisi viene eseguita per i singoli pazienti e la TC e la risonanza magnetica 24 ore su 24 hanno più probabilità di essere fantasia che realtà. A questo proposito, i dati previsionali continuano ad essere deludenti.

Il paziente con ictus dovrebbe passare la prima settimana nel reparto di terapia intensiva sotto la costante supervisione di specialisti. Quando il periodo più acuto è completato, è possibile il trasferimento nella camera di riabilitazione precoce.

La natura della terapia ha caratteristiche nel tipo di lesione ischemico o emorragico, ma ci sono alcuni schemi e approcci generali. Il trattamento di base è volto a mantenere la pressione sanguigna, la temperatura corporea, la funzione polmonare e cardiaca e le costanti di sangue.

Per mantenere il lavoro dei polmoni sono necessari:

  1. Igiene del tratto respiratorio superiore, intubazione tracheale, ventilazione polmonare artificiale;
  2. Ossigenoterapia con bassa saturazione.

La necessità di intubazione tracheale nell'ictus staminale è associata a deficit di deglutizione e riflesso della tosse, che crea i prerequisiti per il contenuto dello stomaco ai polmoni (aspirazione). L'ossigeno nel sangue è controllato dalla pulsossimetria e la sua saturazione di ossigeno (saturazione) non deve essere inferiore al 95%.

Con il danno al tronco cerebrale, c'è un alto rischio di disturbi del sistema cardiovascolare, quindi, sono necessari i seguenti:

Persino quei pazienti che non hanno sofferto di ipertensione arteriosa sono stati mostrati farmaci antipertensivi per la prevenzione dell'ictus ricorrente. Inoltre, quando la pressione supera il numero di 180 mm Hg. Art., Il rischio di esacerbazione dei disturbi cerebrali aumenta di quasi la metà e una prognosi sfavorevole - di un quarto, quindi è importante monitorare costantemente la pressione.

Se la pressione era alta prima del danno al cervello, allora è considerato ottimale mantenerlo a un livello di 180/100 mmHg. Art., Per persone con pressione normale iniziale - 160/90 mm Hg. Art. Questi numeri relativamente elevati sono associati al fatto che quando la pressione scende alla normalità, diminuisce anche il grado di afflusso di sangue al cervello, il che può aggravare gli effetti negativi dell'ischemia.

Labetalolo, captopril, enalapril, dibazolo, clofelina, sodio nitroprussiato sono utilizzati per correggere la pressione arteriosa. Nel periodo acuto, questi farmaci vengono somministrati per via endovenosa sotto il controllo del livello di pressione e la somministrazione orale è possibile in seguito.

Alcuni pazienti, al contrario, soffrono di ipotensione, che è molto dannosa per la parte interessata del cervello, poiché l'ipossia e il danno ai neuroni sono in aumento. Per la correzione di questa condizione, viene effettuata la terapia infusionale con soluzioni (reopolyglukine, sodio cloruro, albumina) e vengono utilizzati agenti vasopressori (norepinefrina, dopamina, mezaton).

Il controllo delle costanti di sangue biochimiche è considerato obbligatorio. Pertanto, con una diminuzione del livello di zucchero, viene iniettato il glucosio, con un aumento di oltre 10 mmol / l - insulina. Nell'unità di terapia intensiva, il livello di sodio e l'osmolarità del sangue sono costantemente misurati, viene presa in considerazione la quantità di urina rilasciata. La terapia infusionale è indicata riducendo il volume di sangue circolante, ma allo stesso tempo è consentito un eccesso di diuresi rispetto alla quantità di soluzioni infuse come misura per prevenire l'edema cerebrale.

Quasi tutti i pazienti con tratti di gambo hanno una temperatura corporea elevata, poiché il centro di termoregolazione si trova nella parte interessata del cervello. Per ridurre la temperatura dovrebbe essere di 37,5 gradi, per i quali utilizzare paracetamolo, ibuprofene, naprossene. Un buon effetto si ottiene anche con l'introduzione del solfato di magnesio nella vena.

Il passo più importante nel trattamento di un ictus cerebrale è la prevenzione e il controllo dell'edema cerebrale, che può portare allo spostamento delle strutture mediane e al loro inserimento nel forame occipitale, sotto il cervelletto, e questa complicazione è accompagnata da un'elevata mortalità. Per combattere l'edema cerebrale, usare:

  1. Diuretici osmotici - glicerina, mannitolo;
  2. Introduzione della soluzione di albumina;
  3. Iperventilazione durante IVL;
  4. Rilassanti e sedativi muscolari (pancuronio, diazepam, propofol);
  5. Se le misure sopra elencate non producono un risultato, un coma barbiturico, è indicata un'ipotermia cerebrale.

Nei casi molto gravi, quando non è possibile stabilizzare la pressione intracranica, i miorilassanti, i sedativi vengono utilizzati simultaneamente e viene stabilita la respirazione artificiale. Se anche questo non aiuta, stanno eseguendo un intervento chirurgico - un'emicranotomia finalizzata alla decompressione del cervello. A volte drenare i ventricoli del cervello - con l'idrocefalo con un aumento della pressione nella cavità cranica.

La terapia sintomatica include:

  • Anticonvulsivi (diazepam, acido valproico);
  • Tserukal, motilium con grave nausea, vomito;
  • Sedativi - Relanium, aloperidolo, magnesia, fentanil.

La terapia specifica per l'ictus ischemico consiste nel condurre la trombolisi, l'introduzione di agenti antipiastrinici e anticoagulanti per ripristinare il flusso sanguigno attraverso il vaso trombizzato. La trombolisi endovenosa deve essere eseguita nelle prime tre ore dopo il blocco della nave, utilizzando alteplase.

La terapia antipiastrinica consiste nella nomina dell'aspirina, in alcuni casi è indicato l'uso di anticoagulanti (eparina, fraxiparina, warfarin). Per ridurre la viscosità del sangue, è possibile utilizzare reopolyglucin.

Tutti questi metodi di terapia specifica hanno indicazioni e controindicazioni rigorose, pertanto la fattibilità del loro uso in un particolare paziente viene decisa individualmente.

La terapia neuroprotettiva è necessaria per ripristinare le strutture cerebrali danneggiate. A questo scopo vengono utilizzati glicina, piracetam, encefalbolico, cerebrolysin, emoxipina e altri.

Un trattamento specifico per ictus emorragici è l'uso di neuroprotettori (mildronate, emoxipina, semax, nimodipina, actovegin, piracetam). La rimozione chirurgica di un ematoma è difficile a causa della sua posizione profonda, con i vantaggi dell'intervento stereotassico ed endoscopico, riducendo al minimo il trauma chirurgico.

La prognosi per l'ictus cerebrale è molto grave, il tasso di mortalità per attacchi di cuore raggiunge il 25%, con emorragie entro la fine del primo mese più della metà dei pazienti muoiono. Tra le cause di morte, il posto principale appartiene all'edema del cervello con spostamento delle strutture staminali e il loro pizzicamento nel forame occipitale, sotto la dura madre. Se è possibile salvare la vita e stabilizzare le condizioni del paziente, dopo un ictus è probabile che rimanga invalido a causa di danni a strutture vitali, centri nervosi e percorsi.

Pinterest