Come ripristinare la parola dopo un ictus: esercizi, previsioni

Da questo articolo imparerai: come è il recupero della parola dopo un ictus, quali possono essere i disturbi del linguaggio e come sono reversibili. Cosa devi fare per massimizzare la velocità e il pieno recupero del parlato.

L'alterazione della parola è una delle più comuni manifestazioni e conseguenze di ictus ischemico ed emorragico. Gli esperti chiamano questo disturbo afasia. Può essere diverso in gravità, durata e reversibilità - da lievi difficoltà a breve termine con la pronuncia di singole parole a una completa e permanente mancanza di linguaggio dopo un ictus.

Quanto bene il discorso si riprende e se il paziente parlerà del tutto dopo un ictus dipende da tre fattori:

  1. Quanto sono fortemente influenzate le aree del cervello responsabili della funzione del linguaggio: più ampio è l'ictus, più difficile è l'afasia.
  2. Dalla tempestività e completezza delle misure di trattamento e di riabilitazione: il precedente trattamento completo e completo è iniziato, migliore è il recupero.
  3. Che tipo di centro del linguaggio è interessato, e che tipo di afasia in un paziente - l'afasia motoria viene trattata meglio, e il sensorio è spesso irreversibile, persistente per tutta la vita (per maggiori dettagli sui tipi di afasia - più avanti nell'articolo).

È possibile ripristinare il normale parlato dopo un ictus, anche se è stato completamente perso. Ma è difficile prevedere quanto sarà completo il recupero per un particolare paziente. Il processo di riabilitazione può richiedere da diversi giorni a diversi anni, richiede un grande sforzo da parte del paziente e vicino a classi regolari.

È meglio essere trattati sotto la supervisione di specialisti: un neurologo, un riabilitatore e un logopedista.

Perché il recupero dipende da una varietà di disturbi del linguaggio?

I più importanti centri del linguaggio del cervello (Broca e Wernicke) si trovano nella regione fronto-temporale dell'emisfero sinistro (nei destrimani).

Con la sconfitta di diversi siti nel cervello, ci sono diversi disturbi del linguaggio. A seconda di ciò, si distinguono i seguenti tipi di afasia:

  • Sensoriale - il centro di Wernicke è interessato nella zona tra i lobi parietali e quelli temporali. Una persona non capisce, non crea un discorso significativo e quindi non può condurre un dialogo o una storia, sebbene la pronuncia di singole parole non correlate tra loro non sia violata.
  • Brock affetto da motore nell'area nella zona tra i lobi frontale e temporale. La perdita della parola è causata dall'incapacità della pronuncia delle parole - una persona comprende il discorso indirizzato e vuole dire, ma non può farlo.
  • Semantica: è stata persa la capacità di comprendere e pronunciare costruzioni linguistiche complesse nel significato e nel suono, ma è stata mantenuta la capacità di parlare con semplici frasi semantiche.
  • Amnesia - una persona può parlare normalmente, ma dimentica i singoli nomi e le parole, quindi durante una conversazione non può dirle.

I disturbi del linguaggio sensoriale sono i più pericolosi e mal restaurati - la primitiva capacità di pronunciare parole separate non correlate tra loro può rimanere per tutta la vita. L'afasia motoria è meglio eliminata - anche se il paziente ha completamente perso la parola, può riprendersi completamente.

Regole e disposizioni generali

Per ripristinare la parola dopo un ictus, è necessario un complesso di misure:

  • Prima richiesta di assistenza medica (nelle prime ore dopo l'inizio della malattia).
  • Supporto alla droga
  • Lezioni con logopedista
  • Esercizi speciali che ripristinano la pronuncia.
  • Metodi di trattamento ausiliari: fisioterapia, chirurgia, terapia con cellule staminali.

Di grande importanza è l'ambiente in cui si trova il paziente. I suoi parenti e l'entourage dovrebbero promuovere i processi di recupero. Dopo tutto, infatti, un adulto che ha perso il suo discorso, come un bambino piccolo, deve imparare nuovamente a parlare.

Per questo è necessario:

  1. Ambiente calmo che esclude lo stress, l'eccitazione, i rumori forti e il rumore.
  2. Interesse e desiderio di ripristinare le abilità del linguaggio.
  3. Comunicazione costante - anche se il paziente non reagisce affatto al trattamento e alla parola, dovrebbe ascoltarlo. Parla con il paziente, tra di loro, e nel tempo, il cervello inizierà a percepire non solo, ma anche a riprodurre in modo indipendente ciò che sente.
  4. Il processo di riabilitazione dovrebbe consistere in diverse fasi successive che sono responsabili del ripristino graduale di diverse abilità, come la comprensione del parlato, la pronuncia dei suoni, le parole, le frasi, le frasi, il linguaggio espanso significativo e il miglioramento della pronuncia.
  5. La durata delle fasi di riabilitazione può essere diversa (giorni, settimane, mesi e persino anni).
  6. Non puoi fermarti sul risultato raggiunto.

Come è il recupero

È importante capire che il ripristino della parola e le eventuali funzioni cerebrali perse causate dall'ictus richiedono tempo. Il processo di riabilitazione nell'afasia sensoriale spesso (72%) avviene lentamente e gradualmente, passo dopo passo, quando la capacità di parlare si espande ogni giorno o mese. Nell'afasia motoria, il recupero spontaneo della parola per tipo masturbandosi è più frequente (65%) - una persona per diverse settimane non raggiunge alcun risultato di trattamento, dopo di che si verifica un netto miglioramento (ad esempio, non può dire nulla e dopo pochi mesi pronuncia immediatamente frasi).

Il massimo recupero del linguaggio si verifica nel primo anno dopo un ictus, ma dura fino a 3-5 anni. Dopo questo periodo, le violazioni esistenti persistono per tutta la vita.

La riabilitazione delle funzioni del linguaggio dovrebbe essere testarda, ma sistematizzata. È impossibile esagerare e non lavorare abbastanza su se stessi. È meglio alternare periodi di lavoro attivo (esercizi di pronuncia, lavoro con un logopedista) al riposo.

La durata delle lezioni aumenta gradualmente - da diversi minuti nei primi giorni dopo la stabilizzazione delle condizioni del paziente a 1-2 ore in 4-5 settimane. Questa regola si applica anche a attività come l'ascolto di parole, musica e guardare la televisione - dovrebbero anche essere limitate nel tempo e alternate a periodi di riposo.

Assicurati di contattare gli specialisti: logopedista, neurologo, riabilitatore. Con il loro aiuto, il discorso si riprenderà meglio e più velocemente.

TAC dell'ictus ischemico nella zona di Wernicke. E - il centro di un colpo di ischemic alle prime ore; B - trasformazione hemorrhagic di un colpo al giorno 3

Aiuto per il logopedista

Prima di riprendere la parola dopo un ictus, il paziente viene consultato da un logopedista aphasiologist. Lo specialista determinerà la natura dell'afasia e redigerà un programma individuale di riabilitazione, tenendo conto delle violazioni esistenti. Con questo approccio, circa il 25-30% dei pazienti con gravi disturbi del linguaggio iniziano a parlare alla dimissione ospedaliera. Gli elementi delle classi dovrebbero continuare ad essere eseguiti indipendentemente a casa, ma periodicamente (settimanalmente o mensilmente) per frequentare un logopedista per la correzione delle attività di riabilitazione.

I principali metodi e principi di un logopedista, che deve essere considerato quando l'auto-riabilitazione a casa:

  • Definizione di reazione ad una voce forte e silenziosa.
  • Accumulo graduale, complessità dei carichi e dei compiti.
  • Dal semplice al complesso - solo dopo aver padroneggiato funzioni meno complesse (comprensione e pronuncia dei suoni) si può iniziare a padroneggiare costrutti di discorso più complessi (parole, frasi).
  • È necessario seguire non solo la pronuncia, ma anche la comprensione del significato delle parole pronunciate.
  • È necessario prendere in considerazione l'interesse del paziente nell'argomento in esame - per parlare di ciò che è interessante per il paziente.
  • Usa la tecnica - inizia la frase da solo e il paziente lo finisce.
  • Per usare i trucchi musicali, il canto del paziente e le sue canzoni preferite aiutano a ripristinare rapidamente il parlato.
  • La combinazione del disegno con l'allenamento della pronuncia - che il paziente non può pronunciare, deve disegnare.

Tutte queste tecniche hanno un effetto positivo sul ripristino dei centri del discorso del cervello.

Una scheda di comunicazione aiuta i pazienti con afasia a comunicare con gli altri. Clicca sulla foto per ingrandirla

Esercizi utili

Tutti i pazienti con afasia dopo un ictus devono eseguire esercizi di restauro speciali, indipendentemente dal tipo. Ciò è dovuto al fatto che nell'85-90% dell'afasia è mista - sensoriale-motoria. Pertanto, gli esercizi che migliorano il lavoro del sistema muscolare coinvolto nella pronuncia sono mostrati a tutti i pazienti.

Tecniche ed esercizi efficaci:

  • Arrotolare e massimizzare le labbra sotto forma di tubi (come un bacio) e tenere in questa posizione per 5-7 secondi. Ripeti 5-10 volte.
  • Il labbro inferiore, afferra la parte superiore e tiralo verso l'alto il più possibile. Rilassati e ripeti l'azione 5-10 volte.
  • Labbro superiore, afferrare il fondo e serrarlo il più possibile per 3-5 secondi. Ripeti 5-10 volte.
  • Apri bocca, testa e collo, tira in avanti, spingi la lingua fuori dalla bocca il più possibile. Mantieni questa posizione per alcuni secondi. Ritorna alla posizione normale e ripeti l'esercizio 5-10 volte.
  • 5-10 volte leccare la parte superiore e poi il labbro inferiore, prima da destra a sinistra, poi da destra a sinistra.
  • Leccare ripetutamente le labbra con la lingua in un cerchio (superiore e inferiore) in entrambe le direzioni.
  • Torcere la lingua sotto forma di tubo, sporgere in questa posizione dalla cavità orale.
  • Con la bocca chiusa, avvolgi la lingua e cerca di raggiungere il cielo duro e poi morbido.
  • Chiudi la bocca in modo che le labbra siano chiuse e che i denti siano aperti. Eseguire movimenti circolari della lingua tra le labbra e i denti, prima nella parte sinistra, poi nella direzione destra.
  • Fai clic sul cielo duro con la lingua in modo che il suono assomigli al suono di un cavallo che corre.
  • Attacca la lingua il più lontano possibile e fai un sibilo (come un serpente).
  • Chiudi la bocca e prova a sorridere, aprendo le labbra e mostrando tutti i suoi denti. Ripeti un sorriso, ma non aprire le labbra e non mostrare i denti.
  • Tira fuori la lingua e prova alternativamente a raggiungere la punta del naso e giù fino al mento.
  • Spara il tuo bacio con un forte schiocco.

Ricorda che tutti gli esercizi devono essere eseguiti non una volta, ma più volte (5-10 volte durante una sessione).

Esercizio dell'afasia

Metodi aggiuntivi

Il lavoro sulla percezione e pronuncia del discorso è la parte più importante, ma non la sola, del ripristino del linguaggio. Se necessario, deve essere utilizzato:

  1. Terapia farmacologica - farmaci che ripristinano la circolazione sanguigna e il lavoro delle cellule cerebrali (Ceraxon, Trental, Piracetam, Cerebrolysin).
  2. Fisioterapia - elettropulse terapia, miostimolazione, agopuntura, massaggio della lingua e dei muscoli facciali e altre tecniche.
  3. Chirurgia - interventi vascolari e neurochirurgici che migliorano la circolazione sanguigna e il funzionamento delle cellule cerebrali.

prospettiva

I disturbi del linguaggio più gravi si verificano con ampi tratti che colpiscono la regione frontale-temporale-parietale (bacino dell'arteria cerebrale media) nell'emisfero sinistro del cervello in persone destrorse o nell'emisfero destro in persone mancine. In media, in base al rispetto di tutte le raccomandazioni degli specialisti dei pazienti sopravvissuti, la parola persa dopo un ictus viene ripristinata:

  • Dopo forti colpi - 55%.
  • Per ictus di gravità moderata - 76%.
  • In forme più lievi della malattia - 92%.

Se non si intraprende una riabilitazione, la probabilità complessiva di recupero è solo del 15%.

La vita dopo un ictus: come insegnare a un paziente a parlare

Milioni di persone hanno un ictus ogni anno nel mondo. Ogni terzo paziente dopo un ictus presenta problemi di comunicazione dovuti a disturbi del linguaggio.

Spesso giudichiamo le persone da quanto sono in grado di comunicare. Senza leggere i pensieri di altre persone, le persone si affidano inconsapevolmente a ciò che solo sembra un osservatore esterno: che se qualcuno parla male, allora pensa male. Questo, purtroppo, succede, ma non sempre.

Ci si aspetta che una vittima di ictus abbia difficoltà a comunicare e parlare, o persino a pensare in difficoltà, solo in quei casi in cui sono colpite le parti corrispondenti del cervello. A seguito del trauma fisico dei vasi sanguigni del cervello, c'è un trauma dell'anima - dovuto all'impossibilità di spiegare agli altri cosa è successo e cosa vuol dire vivere per la prima volta dopo l'apoplessia.

I familiari e gli amici del paziente si sentono a disagio, non sanno cosa dire, o generalmente vedono davanti a loro una persona completamente diversa che conoscevano e amavano.

La riabilitazione post-ictus aiuta le persone a recuperare alcune capacità comunicative. I pazienti sono riannodati a parlare con logopedisti appositamente preparati, ma anche i non specialisti di parenti e amici sono in grado di fare molto. Per cominciare, è importante capire che una persona che ha improvvisamente perso il dono di un discorso coerente molto probabilmente non ha nulla di sbagliato nella coscienza. E quello davanti ai propri cari è la stessa persona che conoscevano, la cui identità probabilmente non è cambiata affatto.

Compromissione della parola durante lo stroke

Il risultato di ogni singolo colpo che nessuno si sarebbe impegnato a prevedere. I sintomi dipendono da quale parte del cervello ha problemi. Le abilità di movimento e le abilità comunicative possono soffrire in qualsiasi combinazione. Le seguenti manifestazioni di maggiore attività nervosa soffrono di ictus:

  • Abilità motorie
  • Sentimenti, inclusa la sensibilità al dolore
  • lingua
  • Pensiero e memoria
  • emozioni

Se la capacità di parlare o di parlare in modo coerente è influenzata, il problema non è necessariamente che i processi cerebrali di formazione del discorso siano disturbati. Le difficoltà nella pronuncia dei suoni sorgono a causa della debolezza dei muscoli facciali, della lingua o dei muscoli della gola che accompagna la maggior parte dei colpi, che allo stesso tempo causa problemi ai pazienti con deglutizione e controllo della respirazione. Il grado di compromissione della parola da paziente a paziente varia notevolmente.

I medici distinguono tre tipi di disturbi che influenzano la capacità di comunicare dopo un ictus:

1. Afasia

Con l'afasia (disfasia), gli esperti comprendono l'assenza o il disturbo locale di un discorso già formato, che si verifica a causa della lesione di varie aree del cervello. L'afasia influenza fortemente la capacità di una persona di comunicare, ma non diminuisce le capacità mentali. Questa violazione è parziale, cioè sia la lettura, sia la parola, o l'ascolto è difficile.

Quando un'area cerebrale nota come regione di Wernicke è danneggiata, si verifica l'afasia sensoriale.

A causa dell'afasia sensoriale, può essere difficile per un paziente percepire frasi lunghe e complesse, specialmente se è rumoroso in giro o se due o più persone parlano allo stesso tempo. A volte il paziente si sente come se gli altri stessero cercando di comunicare con lui in una lingua straniera. Anche il suo stesso discorso diventa incoerente.

Se il centro del discorso motorio di Broca è danneggiato nel cervello, si verifica un'afasia efferente del motore (espressivo).

Un paziente affetto da afasia di Broca comprende coloro che lo circondano, ma non condividerà i propri pensieri con loro. È in grado di dire una parola a se stesso, ma non ad alta voce. Oppure, in altri casi, non può sommare una frase coerente, grammaticalmente scritta, dalle parole necessarie.

Pronunciare suoni individuali, parole brevi o brevi frammenti di frasi, un paziente con afasia motoria efferente può perdere parole importanti nel suo discorso o usare le parole sbagliate. Succede che la parola è già pronta per uscire dalla lingua, ma non può farlo.

Sembra ad Afasia che lui parla normalmente, ma quelli che li ascoltano non hanno senso.

Se un ictus colpisce diverse aree del cervello, i medici affrontano un'afasia (globale) mista, che interessa tutti gli aspetti della comunicazione. A volte devi dire che il paziente non sarà più in grado di usare la lingua per esprimere i propri pensieri.

2. Dysarthria e aprassia

Questi disturbi impediscono la pronuncia fisica dei suoni del discorso.

Una persona che soffre di disartria può percepire i giusti suoni e parole, ma non può pronunciarli a causa di un problema fisico, come la debolezza muscolare o la violazione dell'innervazione dell'apparato vocale. A causa della disartria, l'articolazione soffre molto "la lingua si ingarbuglia", ma questo non significa che il pensiero del paziente si ingarbuglia.

L'aprassia (disprassia, "inattività") è una violazione dei movimenti e delle azioni intenzionali preservando i brevi movimenti che li compongono. Con i cosiddetti. L'aprassia orale sconvolge i complessi movimenti delle labbra e della lingua. A causa dell'aprassia motoria dei muscoli facciali, si verifica un difetto del linguaggio.

3. Altre violazioni

I seguenti cambiamenti nella salute e nel comportamento portano a difficoltà nel comunicare con persone che hanno avuto un attacco di cuore:

  • Perdita di intonazione usata per esprimere emozioni
  • Espressione congelata
  • Problemi nella comprensione dell'umorismo
  • Incapacità di mantenere la conversazione.

I pazienti con questi sintomi sembrano depressi, anche se non hanno affatto la depressione. Molti pazienti capiscono cosa c'è che non va. Cercano di informare gli interlocutori sul problema per evitare incomprensioni. Già questo aiuta in parte a far fronte a un sintomo sgradevole.

4. Altri problemi

A seconda della natura del danno cerebrale, i pazienti colpiti da ictus hanno menomazioni visive e uditive, che influenzano anche la capacità di comunicare, leggere e scrivere.

La solita conseguenza di un ictus è la fatica. In questo caso, il paziente è molto stanco di parlare, perché richiede un notevole sforzo fisico.

Le difficoltà nella comunicazione possono essere stressanti se il paziente diventa impaziente o chiaramente infastidisce chi comunica con lui. Le fluttuazioni dell'umore associate ai cambiamenti post-ictus nel cervello hanno un impatto sulla qualità della comunicazione.

Cosa può fare un logopedista?

La terapia dei disturbi del linguaggio è una priorità nella riabilitazione dei pazienti dopo un ictus.

Logopedista può aiutare a far fronte alla violazione della deglutizione, che è molto forte e influenza la pronuncia dei suoni del discorso.

Nella pratica linguistica, un logopedista può includere esercizi intensivi di ripetizione delle parole, lettura e scrittura. Uno specialista qualificato può aiutarti a ricordare parole importanti o insegnare a un paziente con disturbi del linguaggio a compensarli con l'alfabeto dei gesti.

Nel nostro tempo di progresso dell'elettronica, il compito dei medici è facilitato da vari dispositivi e programmi per loro. Ad esempio, un simulatore vocale in uno smartphone o un computer.

Alcuni consigli di prima mano

I giornalisti degli Stati Uniti hanno chiesto a due uomini di parlare della propria esperienza nel recupero delle capacità linguistiche dopo un ictus. Peter, un ingegnere, cadde vittima di un disturbo della circolazione cerebrale all'età di 59 anni, proprio all'inizio di una vacanza in Tasmania. Jeff era impegnato nella sua attività prima di partire per un meritato riposo, al momento dello sparo che viveva in Spagna. Entrambi i pazienti hanno fatto del loro meglio per diventare nuovamente interlocutori completi. Ciò che rende degno di nota il consiglio che danno alle persone che si prendono cura degli ammalati o condividono un riparo con loro.

Cosa fare

  • Se un paziente è indirizzato, è necessario guardarlo negli occhi.
  • È necessario parlare lentamente e chiaramente, ma senza cambiare il tono della voce.
  • Usa frasi brevi e non toccare più di un argomento alla volta.
  • Cerca di non fare rumore intorno.
  • Duplicato su carta, aiuta.
  • Parla con il paziente sui temi dei suoi interessi, del lavoro e degli hobby.
  • Offri al paziente la possibilità di dire ciò che vuole dire. Non correre e non correggerlo.

Cosa non fare

  • Non finire la frase per il paziente.
  • Non parlare troppo velocemente.
  • Non parlare al paziente come se fosse un bambino.
  • Non parlare al paziente come se fosse pazzo.

Il consiglio principale di prima mano è di non arrendersi e di essere pazienti, poiché tutto sarà molto lento, con inevitabili "alti e bassi". Inoltre, la comunicazione a lungo termine può essere molto stancante per il paziente, il che non è sempre chiaro all'interlocutore.

I pazienti sono inoltre invitati a rilassarsi con ciò che è ben noto, ad esempio, durante la revisione dei loro film preferiti, ascoltando la loro musica preferita.

Ripristino del parlato dopo l'ictus

A casa, amici e parenti possono essere grandi per aiutare il paziente a riguadagnare il dono di un discorso coerente. Allo stesso tempo, una varietà di attività e tempo libero giocano un ruolo nel restauro del dono. È molto importante non stancare il paziente. E l'aiuto nella riabilitazione può:

  • Canzoni, soprattutto se la persona amava in precedenza cantare. Alcune persone dopo un ictus mantengono la capacità di cantare, anche perdendo le capacità del linguaggio ordinario.
  • Giochi di carte, dove devi dire ad alta voce i nomi delle carte.
  • Album di foto per discutere di persone ed eventi catturati nelle immagini.
  • Un diario con registrazioni di visite, eventi e conversazioni. I registri possono (e, forse, dovrebbero) i familiari e gli amici, in modo che il paziente in fase di recupero possa valutare visivamente i propri progressi.
  • Notizie interessanti per il paziente e che egli discute volentieri.

Consigli a coloro che hanno un disturbo del linguaggio dopo un ictus e quelli che comunicano con loro

Se il paziente è difficile da parlare, dagli la possibilità di scrivere una parola o una frase o di disegnare ciò che viene detto. A volte le persone scrivono le parole normalmente, ma non possono pronunciarle in modo chiaro e coerente.

Ci sono esercizi che molti pazienti sono in grado di eseguire da soli a casa:

  • Leggere l'alfabeto, addestrando la pronuncia delle vocali e delle consonanti
  • Libri per bambini e quaderni per lettura e scrittura
  • Leggendo versi ad alta voce, compresi i bambini
  • Elenco (ad alta voce) dei nomi di atleti famosi
  • Guardare le notizie e ripetere ciò che dice l'annunciatore
  • Mantenere una conversazione con familiari e amici, a prescindere dallo sforzo richiesto.

È noto che tutte le persone sono diverse e che le conseguenze di un ictus possono essere molto diverse. Pertanto, non esiste un tale metodo di ripristino del parlato che possa soddisfare tutti. Il restauro completo, inoltre, non è garantito e non sempre accade. Ma la pazienza, il desiderio di aiutare e la pratica quotidiana sono in grado di molto sulla strada della riabilitazione dopo un ictus.

Come ripristinare la parola dopo un ictus: recupero con l'aiuto di esercizi, rimedi medicamentosi e folcloristici

A causa di una compromissione acuta della circolazione cerebrale, possono soffrire varie strutture cerebrali, incluso il centro del linguaggio. Il disordine articolare è una frequente violazione durante un ictus, spesso diventa il primo segno che consente di sospettare un ictus che si è verificato. Un disturbo del linguaggio può essere reversibile, ma può essere tra gli effetti a lungo termine di un ictus. In molti casi, è suscettibile di correzione con l'aiuto di esercizi speciali.

Perché la funzione vocale è interrotta?

La condizione in cui il paziente dopo un ictus non può parlare normalmente è chiamata afasia. Sorge a causa della rottura delle connessioni tra i neuroni, l'interruzione acuta della loro nutrizione, la compressione del tessuto nervoso da parte degli ematomi e anche qualsiasi altro danno organico alle corrispondenti strutture cerebrali. Dovrebbe essere compreso che il grado di sconfitta dipende dal fatto che una persona sia in grado di comunicare di nuovo normalmente e pronunciare parole senza difficoltà.

A seconda della profondità del danno alle abilità del linguaggio, si distinguono le seguenti forme di afasia:

  • totale (completo) - la parola è completamente assente, il paziente può trovarsi nello stato di coscienza crepuscolare, non riconoscere i propri cari. Questa è la forma più difficile da condurre terapia e discorso di ritorno;
  • sensoriale - associato alla violazione del centro Wernicke, responsabile del riconoscimento vocale. Il paziente sente la lingua nativa come completamente nuova, incapace di capire ciò che viene detto;
  • le violazioni del motore sono limitate all'area dei muscoli facciali del viso, motivo per cui non esiste una dizione chiara negli adulti che hanno parlato chiaramente prima. Allo stesso tempo, il paziente capisce tutto e cerca di rispondere, ma non può. È in grado di comprendere appieno i significati e riprodurre i suoni più semplici;
  • amnesico: il ricordo di una persona sulle parole è danneggiato, non può nominare oggetti circostanti;
  • semantico: il paziente è in grado di pronunciare solo frasi brevi e semplici. Ha problemi con la comprensione di complessi costrutti del linguaggio, frasi lunghe.

Il tipo di afasia è importante per lo sviluppo di tattiche e strategie per il recupero della parola dopo un ictus, dal momento che ognuno di essi richiede un programma separato. Cosa succede se si osservano i sintomi sopra elencati?

Nella maggior parte dei casi, la parola può essere ripristinata, se non completamente, quindi in quantità sufficiente affinché una persona possa comunicare con gli altri.

Recupero della parola dopo un ictus: lezioni con un logopedista

Durante la prima volta dopo l'ictus, l'obiettivo principale è quello di livellare il danno organico e preservare le funzioni vitali. La riabilitazione del linguaggio è di solito iniziata una settimana dopo quello che è successo, cioè dopo che il discorso è stato portato via, a condizione che le condizioni del paziente lo consentano, cioè, sia sufficientemente stabilizzato. Se ciò non è possibile, le lezioni di ripristino del linguaggio dovrebbero essere avviate entro due mesi dall'incidente. Dopo questo periodo, il sistema nervoso si riprenderà molto peggio.

Il programma individuale di classi è un logopedista e la prima volta che controlla l'implementazione degli esercizi. Nelle prime fasi vale la pena chiamare un logopedista a casa - qui viene creata l'atmosfera più favorevole per il paziente. Con un ulteriore successo nel ripristino del linguaggio, gli esercizi di logopedia possono essere trasferiti all'ambulatorio del medico. I pazienti che stanno facendo progressi sono mostrati lezioni di gruppo - questa tecnica è molto efficace, e i pazienti, essendo tra le persone con disturbi simili, non sono più confusi. Questioni e momento competitivo. È possibile addestrare i parenti del paziente in modo che conducano le lezioni con lui a casa. In questo caso, il logopedista esamina il paziente di tanto in tanto, monitorando l'avanzamento del recupero e, se necessario, regolando il programma.

Affinché le lezioni di logopedia forniscano risultati, sarà necessario attenersi rigorosamente alle raccomandazioni, esercitarsi duramente per molto tempo.

In primo luogo, il logopedista esamina il paziente, analizza la sua reazione al discorso silenzioso e rumoroso, i gesti, valuta la capacità di comprendere e ricordare.

I metodi di lavoro logopedico si basano sul coinvolgimento di diverse strutture cerebrali nel processo del discorso. I seguenti esercizi sono usati per ripristinare la parola dopo un ictus:

  1. Fonetico - volto a ripristinare l'innervazione, controllando i muscoli facciali del viso (specialmente le labbra, la lingua). Al paziente viene chiesto di ripetere un suono specifico per il medico, che appartiene a una delle categorie - labiale, sibilante, ecc. Questo esercizio iniziale serve anche come diagnosi della forma di perdita del linguaggio. Sia i suoni individuali che gli scioglilingua sono usati per lo sviluppo del discorso - all'inizio possono sembrare troppo complicati, ma anche senza successo, ma i tentativi regolari di pronunciarli portano a dinamiche positive.
  2. Semantica: il paziente deve includere il pensiero attivo e trovare nuovi significati nelle situazioni proposte, ad esempio, per continuare la frase, la matrice associativa. Il paziente può essere invitato a dialogare con un medico su un soggetto neutro.
  3. Visual, figurativo. Per le persone con afasia sensoriale, viene utilizzato un metodo di illustrazione. Illustrazioni usate da libri, manuali speciali o carte con immagini. Tali esercizi ti incoraggiano a trovare connessioni e sequenze appropriate.
  4. Creativo. Questo gruppo include canto, lezioni di musica, arteterapia, ecc.

Durante la sessione, il logopedista (e in seguito una persona vicina che lo sostituisce in classe) aderisce agli umori più amichevoli del paziente - dice tutte le parole ad alta voce e chiaramente, educatamente si rivolge al paziente, mostra pazienza. Questo è importante per i pazienti colpiti da ictus, che sono spesso confusi dalla loro condizione, si sentono impotenti, hanno difficoltà fisiche (ad esempio, quando hanno paralizzato il lato destro della faccia o la lingua attorcigliata). Una relazione confortevole tra medico e paziente è la chiave del successo del trattamento.

Nelle prime fasi vale la pena chiamare un logopedista a casa - qui viene creata l'atmosfera più favorevole per il paziente. Con un ulteriore successo nel ripristino del linguaggio, gli esercizi di logopedia possono essere trasferiti all'ambulatorio del medico.

Nelle prime settimane dopo un ictus emorragico o ischemico, è possibile ottenere 10-15 minuti di esercizio. A poco a poco, la durata delle lezioni aumenta.

Se l'assistenza di uno specialista non è stata fornita in tempo, il centro vocale smetterà presto di svolgere le sue funzioni, e sarà molto più difficile recuperare il discorso. Il trattamento di tali pazienti coinvolti in logopedista, aphasiologist.

Esercizi per ripristinare la parola dopo un ictus a casa

Oltre ad allenarsi con uno specialista, il paziente continua a esercitare indipendentemente o con l'aiuto di parenti. Quelli, a loro volta, dovrebbero parlare molto con la vittima, percepirlo pazientemente, essere amichevole e capire che solo con lunghi esercizi persistenti e la persistenza mostrata questa patologia è reversibile.

Esercizi mirati allo sviluppo delle labbra:

  • allungamento massimo delle labbra in un tubo;
  • afferrando un labbro con un altro, poi viceversa;
  • tirando le labbra di lato, su e giù;
  • un ampio sorriso, la sua alternanza con triste espressione facciale, gli angoli bassi delle sue labbra.

Esercizi per lo sviluppo del linguaggio:

  • massima sporgenza della lingua dalla bocca;
  • alternativamente toccando il cielo con la lingua, poi il letto sotto la lingua;
  • leccandosi le labbra con movimenti circolari, sostituendo il lato di rotazione;
  • arrotondare la lingua il più lontano possibile;
  • movimento della lingua lungo la superficie interna delle guance e delle labbra in direzioni diverse.

Si raccomanda anche al paziente di leggere ad alta voce, iniziando con frasi semplici, come titoli di articoli o poesie per bambini, lentamente, cercando di pronunciare le parole distintamente e distintamente.

La durata delle lezioni all'inizio è piccola - 3-5 minuti, quindi aumenta gradualmente, portando a 10-15. Va tenuto presente che non è tanto la durata di una lezione che è importante, quanto la loro regolarità.

L'afasia si verifica a causa della rottura delle connessioni tra i neuroni, l'interruzione acuta della loro nutrizione, la compressione dell'ematoma del tessuto nervoso, così come qualsiasi altro danno organico alle strutture cerebrali corrispondenti.

La normale circolazione degli impulsi nel cervello riprende solo quando ci sono carichi costanti, quindi dovresti impegnarti ogni giorno.

Ulteriori metodi per il recupero dei disturbi del linguaggio

Per mantenere l'attività del sistema nervoso e una migliore assimilazione delle informazioni, i farmaci possono essere prescritti per aiutare a migliorare il flusso sanguigno cerebrale - i cosiddetti nootropici. Aumentano la circolazione cerebrale, accelerano la crescita delle fibre nervose. La terapia farmacologica aiuta a ripristinare la memoria, a stimolare il pensiero.

Efficace e fisioterapia - stimolazione elettropulse dei muscoli facciali, massaggio facciale e lingua.

Può aiutare e rimedi popolari: decotti ed estratti di viburno, pigne, ginepro, timo, piantaggine, erba di San Giovanni, fragole, salvia, rosa canina, calendula e altre piante. È possibile raccogliere piante da soli o in farmacia, singole erbe o collezioni già pronte.

La terapia combinata continua fino al completo ripristino della parola o fino a quando gli esercizi rinforzati cessano di produrre risultati.

prospettiva

Garantire un recupero completo della parola dopo un ictus è impossibile. Il successo dipende dalla localizzazione della lesione nel cervello, dalle capacità rigenerative del corpo, dalle condizioni in cui si trova il paziente, dalla sua determinazione, pazienza e perseveranza. I pazienti con forme più gravi della malattia, che sono stati accompagnati da un esteso danno alle strutture cerebrali, si riprendono più a lungo e le possibilità di una loro completa guarigione sono inferiori. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile ripristinare il discorso, se non completamente, quindi in un volume sufficiente in modo che una persona possa comunicare con gli altri.

Nelle prime settimane dopo un ictus emorragico o ischemico, è possibile ottenere 10-15 minuti di esercizio. A poco a poco, la durata delle lezioni aumenta.

La previsione dettagliata è la seguente:

  • in assenza di trattamento adeguato, la possibilità di recupero dell'attività del linguaggio dopo la sua perdita a causa di un ictus è approssimativamente pari al 15%;
  • con una forma grave di ictus, ma con il rispetto dell'intera gamma di misure terapeutiche, le possibilità di un recupero completo aumentano al 55%, con un ictus moderato - 75%, con un leggero ictus - 90%.

Pertanto, la risposta alla domanda "come ripristinare la parola dopo un ictus?" È la seguente: iniziare immediatamente il trattamento, sotto la supervisione di un medico, fare esercizi con regolarità e persistenza, avere pazienza e non rinunciare alle lezioni, anche se il risultato non è così rapido e ovvio come previsto.

video

Offriamo per la visualizzazione di un video sull'argomento dell'articolo.

Come ripristinare la parola dopo un ictus

Varie violazioni della funzione del linguaggio - un sintomo frequente e complicazione di un ictus. Si riferiscono a manifestazioni focali di alcune aree del cervello. Il recupero della parola dopo un ictus deve essere incluso in un programma completo di misure riabilitative per un paziente specifico.

Il compito di riportare una persona alla vita attiva è occupato da vari specialisti: neurologi, neurochirurghi, riabilitatori e medici di medicina generale. Bene, se l'ospedale ha un logopedista. Quindi le lezioni di sviluppo del linguaggio possono essere iniziate dalle prime settimane della malattia con la stabilizzazione della condizione generale.

Perché una persona perde la capacità di parlare?

La perdita della capacità di parlare (afasia) sullo sfondo di un ictus emorragico o ischemico è associata a una lesione del centro del linguaggio nella corteccia cerebrale. La mano destra si trova nell'emisfero sinistro. Tuttavia, ci sono tipi di patologia che colpiscono contemporaneamente i lobi cerebellari, parietali e frontali.

Quando le aree inferiori frontali e parietali sono danneggiate, si sviluppa afasia motoria. È caratterizzato da una mancata corrispondenza tra comandi vocali del cervello. L'uomo capisce tutto, ma è silenzioso o parla a monosillabi. Le frasi lunghe sono impossibili per lui. Questo tipo di disturbi del linguaggio si sta riprendendo molto peggio del tatto.

Per lesioni delle strutture cerebellari caratterizzate da paralisi flaccida o spastica dell'intero apparato vocale (lingua, labbra, laringe, faringe). La voce diventa sorda, il paziente non può pronunciare correttamente le consonanti, parla molto lentamente.

Altri disturbi del linguaggio

Come risultato di un ictus, la parola non è necessariamente persa. Altri disturbi possono causare danni ischemici: una persona diventa molto prolissa. Allo stesso tempo, non controlla completamente le sue parole. Sostituisce l'uno con l'altro, guidato non dal valore, ma da combinazioni di suoni simili.

Un'altra opzione è la mancanza della capacità di memorizzare i nomi di oggetti, fenomeni, azioni, nomi. Il paziente fa senza nomi nel discorso. È difficile da capire.

Per imparare come ripristinare la parola dopo un ictus, è necessaria la partecipazione di professionisti esperti, la perseveranza del paziente e la pazienza dei parenti.

Come si sviluppa la perdita del linguaggio e il recupero

Nei primi giorni tra i sintomi dell'ictus c'è un'afasia completa, i suoi neurologi lo chiamano "totale". Il paziente non dice nulla, non capisce, non riconosce i parenti.

Dopo alcuni giorni con un trattamento di successo, il paziente inizia a riconoscere i suoi parenti, a comprendere le domande rivolte, ma non riesce a parlare.

Successivamente, il paziente inizia a pronunciare suoni individuali, incapaci di collegarli in parole. Ci vuole tempo per ri-insegnare l'articolazione del paziente.

Consigli e trucchi per il logopedista

Affrontare un paziente emotivamente depresso è molto difficile. Immagina una situazione in cui la coscienza ritorna ad una persona, ma capisce con orrore che non è in grado di dire nulla e non può comunicare con gli altri. In questo caso, "più veloce" non significa "migliore". Il paziente dovrebbe sentire l'attenzione non invadente degli altri.

Alcuni consigli per i parenti:

  1. Non trattare un paziente come una persona inferiore destinata alla disabilità. Parla con lui con calma e attenzione. Prova ad adeguarti per il recupero. Presta attenzione ai più piccoli sviluppi positivi.
  2. Non permettere a lui persone indifferenti. Tutte le emozioni devono essere gentili.
  3. Include musica silenziosa, la stazione radio preferita del paziente.
  4. Cerca di coinvolgere il paziente in un dialogo con te, sottolinea l'importanza della sua opinione.
  5. Il carico uditivo nel luogo di dimora del paziente deve essere controllato. La radio e la televisione non dovrebbero funzionare a lungo e ad alta voce. Il rumore eccessivo è fastidioso e stancante.

Modi di un logopedista

I risultati di maggior successo nel ripristino della parola sono possibili con il lavoro a lungo termine con uno specialista.

  • Il logopedista inizia la sua conoscenza con il paziente controllando la sua reazione a una voce calma, un sussurro.
  • Le assegnazioni sono complicate gradualmente.
  • Lo specialista non lavora sulla pronuncia di singole parole o suoni, è importante che il paziente li percepisca nel contesto, per padroneggiare il significato comune.
  • I temi per gli esercizi sono selezionati tra i problemi significativi per il paziente.
  • Il logopedista inizia la frase e al paziente viene chiesto di terminarla.
  • Alcune persone rispondono molto bene alla loro canzone preferita e iniziano a cantare insieme. Le parole non sono chiaramente pronunciate all'inizio, ma la situazione rende felice la paziente.
  • Se lo stato ti permette di disegnare, il medico mostra le immagini sull'argomento e chiede loro di disegnare.

Le sessioni iniziali durano 15 minuti. Gli intervalli tra gli esercizi sono determinati dalle condizioni del paziente. Dopo un periodo da metà a due mesi, vengono prolungati a mezz'ora.

A casa, per interagire con il paziente è possibile solo dopo gli esami periodici di un logopedista. Lo specialista in consulenza aiuta a scegliere il compito, esercizi convenienti.

Quali esercizi possono essere eseguiti a casa

Per i compiti a casa indipendenti raccomandava una serie di esercizi volti a migliorare l'articolazione, il possesso dei muscoli coinvolti nella funzione del linguaggio. A proposito, sono persone utili e sane che sono costrette a parlare molto. Il numero di ripetizioni di ciascun esercizio è fino a 10.

  1. Estrarre le labbra e formare un "tubo", mantenere lo stato per alcuni secondi, quindi ripetere.
  2. Afferra il labbro inferiore con la mascella inferiore.
  3. Cercando di portare la mascella superiore al mento.
  • torcere la lingua nel "tubo";
  • con una bocca aperta distendi il collo in avanti e sporge la lingua il più possibile;
  • Esercizio come il precedente, ma ha aggiunto un sibilo "serpente";
  • lecca le labbra con movimenti circolari, prima in una direzione, poi viceversa;
  • ripetere lo stesso movimento circolare con la bocca chiusa sulla superficie interna del palato, i denti e le gengive;
  • arrotondare la lingua verso il palato molle;
  • "Clatter", toccando il cielo;
  • cercando di raggiungere la punta del naso e il mento.

Si consiglia di completare le attività di "lezione" che migliorano l'umore:

  • mandare baci a gran voce;
  • Sorridi a grandi linee con e senza mostrare i denti.

Il risultato più buono si presenta alle occupazioni in gruppo. I pazienti si supportano a vicenda. Se c'è un logopedista in ospedale e le procedure sono iniziate in anticipo, 1/3 dei pazienti con afasia viene dimesso con il discorso ristabilito. Con un ritardo nello sviluppo del linguaggio e una formazione sufficiente, i pazienti si riprendono per un periodo più lungo. Possono esserci imperfezioni del parlato residue. Gli ottimisti affrontano la malattia.

Il compito principale dopo un ictus: il ripristino della parola

Ictus - una malattia che occupa il 3 ° posto nella prevalenza tra le persone. Molto spesso, questa malattia porta alla disabilità.

Ma la malattia viene data al trattamento, a seguito della quale le conseguenze negative per il corpo possono essere ridotte. Il successo della terapia dipende dalla fornitura tempestiva di assistenza.

Con il giusto trattamento per un'ora dopo l'attacco, puoi prevenire l'invalidità.

Quali sono le ragioni di un disturbo del linguaggio?

La conseguenza più grave di un ictus è una violazione della funzione del linguaggio.

Di conseguenza, la possibilità di comunicazione tra le persone viene persa e il paziente inizia a formare i primi segni di depressione.

La causa di un disturbo del linguaggio dopo un ictus è una lesione delle aree del discorso del cervello (l'area di Wernicke e Broca).

Si trovano nel terzo posteriore del giro temporale superiore e inferiore. Se la sconfitta è stata inflitta nella zona di Broca, allora la persona perde completamente la parola, se Wernicke - il discorso diventa vuoto.

Come non dormire attraverso la vita o cosa è l'ipersonnia? Come evitare tali problemi e quali sintomi indicano sonnolenza patologica?

Tipi di afasia

Afasia - una violazione sistemica della funzione vocale già formata. Un tale processo patologico provoca il suo impatto negativo su varie forme di attività del linguaggio.

Ci sono i seguenti tipi di afasia:

  1. Area colpita dal motore Broca. Il risultato di questa patologia è la completa assenza di parola.
  2. Acoustic-Gnostic - La zona di Wernicke è interessata. Analisi e sintesi disturbate, udito fonemico, che portano all'impossibilità di comprendere il discorso invertito.
  3. Motore afferente - sono interessate le parti inferiori della corteccia postcentrale. È difficile per il paziente trovare una posizione articolare separata per riprodurre il suono.
  4. Amnestiko-sematico - che colpisce le sezioni temporali posteriori e perednememennye della corteccia cerebrale. Il paziente dimentica i fenomeni e gli oggetti, c'è una violazione della comprensione delle strutture grammaticali.
  5. Parti posteriori del cervello interessate dalla dinamica. È difficile per una persona costruire un programma interno di dichiarazioni e implementarlo in un discorso esterno.

Funzione vocale: questo è molto importante!

Recupero della parola dopo un tratto - compito numero 1.

Ovviamente, non si può affermare con assoluta probabilità che sarà possibile ripristinare completamente la funzione vocale.

Il paziente deve eseguire un'intera gamma di attività appositamente progettate e, solo dopo che sono state eseguite in modo chiaro, possiamo parlare di risultati evidenti.

Affinché il periodo di recupero passi molto velocemente, per la prima volta le lezioni con il paziente devono svolgersi con i suoi parenti.

Quindi i parenti saranno in grado di ricordare le lezioni di logopedia necessarie e di eseguirle a casa.

Processo di recupero della funzione vocale

Al fine di recuperare la parola più velocemente dopo un ictus, è necessario coinvolgere nel processo non solo i medici, ma anche il paziente stesso e i suoi parenti.

Dipenderà da questo, da quanto rapidamente avverrà il processo di recupero e se una persona sarà in grado di tornare alla vita normale.

Come ripristinare rapidamente e meno dolorosamente la parola dopo un ictus?

A tale scopo, è stata sviluppata un'intera gamma di attività:

  • terapia farmacologica;
  • lezioni con un logopedista;
  • esercizio;
  • buona cura

Visita del terapeuta

Il compito di un logopedista è quello di rendere il recupero del linguaggio basato sui precedenti stereotipi verbali che i pazienti avevano prima dell'ictus.

Qui il logopedista riconosce la reazione del paziente agli stimoli deboli: una voce bassa e un sussurro.

Il processo dovrebbe iniziare con lezioni facili, diventando gradualmente più difficile. Un carico vocale individuale è selezionato per ciascun paziente, tenendo conto del grado di disturbo del linguaggio del tipo di afasia.

Ad esempio, nella prima lezione per una persona sarà facile nominare gli oggetti e l'altro per comunicare.

Non è consigliabile impostare compiti molto semplici, il livello di complessità dovrebbe aumentare sempre.

Le prime classi per la disinibizione del discorso dovrebbero includere materiale significativo per il paziente nel contenuto semantico ed emotivo.

La musicoterapia ha un effetto molto positivo sul recupero di una persona. Se è difficile per il paziente terminare la frase iniziata dal medico, allora puoi lasciarlo ascoltare e cantare le sue canzoni preferite.

Il punto importante è trovare la canzone che gli piace di più. Nel processo di canto, inizierà a pronunciare stranamente le parole della canzone, ma col tempo il suo discorso inizierà ad acquisire un carattere chiaro.

Tali classi si svolgono in un'atmosfera positiva, quindi i pazienti sono felici di eseguirli.

Se una persona ha l'afasia sensoriale, vengono utilizzati materiali visivi. Viene mostrata un'immagine, quindi viene offerta di disegnarla e denominare le parole che rappresentano l'oggetto nella figura.

In questo caso, l'intero flusso di lavoro dovrebbe essere accompagnato da commenti pronunciati con voce calma e pacata.

La prima lezione di linguaggio dopo un ictus non dovrebbe superare i 7-15 minuti. Dopo due mesi, la durata può essere aumentata a mezz'ora.

Assicurati di monitorare il carico vocale sull'orecchio. La stanza dovrebbe essere silenziosa, quindi è necessario spegnere la radio o la TV. Suoni estranei esauriscono e affaticano una persona che ha subito un ictus.

Lezioni con il paziente a casa

Per condurre le lezioni con il paziente a casa è possibile solo dopo che è stato approvato dal medico.

È molto importante non ferire: non dare eccessivo stress verbale o esercizi difficili, altrimenti l'ottimismo del paziente può essere distrutto.

Ci sono casi in cui persone vicine non hanno pazienza, vogliono sentire un discorso chiaro e comprensibile molto presto.

Il fallimento del paziente li fa essere delusi, che colpisce immediatamente le loro espressioni facciali. Una persona che ha subito un ictus perde un atteggiamento positivo e può eventualmente rifiutarsi di prendere lezioni.

Esercizi efficaci

Per ripristinare il discorso a casa, usano esercizi speciali, per una persona sana sembreranno molto semplici, ma devi capire che è molto difficile per un paziente dopo un ictus persino muovere le labbra.

Esegui la seguente serie di esercizi:

  1. Ritrarre i tubuli delle labbra e ritornare nella posizione originale. La durata di ritrazione e riposo è di 5 secondi.
  2. Afferra il labbro superiore con la tensione, il labbro inferiore e poi rilascia. Il tempo di cattura e riposo è di 5 secondi. Si eseguono movimenti simili, ma solo per catturare il labbro superiore con i denti inferiori.
  3. Spingi la lingua il più lontano possibile mentre estrai il collo allo stesso tempo, indugia per 3 secondi, quindi riposa per 3 secondi.
  4. Leccandosi le labbra, devi iniziare dal labbro superiore, spostandoti da destra a sinistra, e poi da sinistra a destra. Movimenti simili da eseguire con il labbro inferiore.
  5. Piegare la lingua in un tubo, applicarlo per 3 secondi, quindi riposare.
  6. Raggiungi la punta della lingua verso il cielo.
  7. Dicendo picchietti.

Terapia con cellule staminali

Tale terapia è finalizzata all'aggiornamento e al ripristino dei tessuti e dei vasi interessati dall'ictus. Il ruolo delle cellule staminali è volto a riconoscere i focolai affetti e a sostituire i neuroni morti con cellule sane del tessuto nervoso.

La procedura presentata include il seguente piano di azione:

  • usando il biomateriale del paziente, le cellule staminali sono isolate;
  • il materiale risultante è cresciuto al volume richiesto;
  • Le cellule staminali vengono somministrate per via endovenosa ad intervalli di 2 mesi due volte.

Dopo tale terapia, è possibile ripristinare l'integrità del tessuto cerebrale e il suo funzionamento, normalizzare le funzioni protettive del corpo, migliorare il benessere, aumentare la vitalità.

Altri metodi

Altre terapie possono anche ripristinare la funzione del linguaggio nell'uomo, che può essere prescritto solo da uno specialista esperto. In questo caso, il seguente trattamento può essere eseguito:

  1. Fisioterapia. Consiste nell'elettrostimolazione dei muscoli del discorso. Si consiglia di utilizzare nell'afasia del motore. Ma oggi questo metodo di trattamento non ha ricevuto un uso così diffuso.
  2. Agopuntura. Viene utilizzato per correggere l'articolazione e migliorare il livello di attività del discorso. Si consiglia di utilizzare tale terapia nell'afasia motoria.
  3. Biocontrollo funzionale. Questo metodo si basa sul controllo visivo dell'attività dei muscoli del discorso. Non è consigliabile utilizzare il biofeedback funzionale per i pazienti con un disturbo di comprensione. Dopo tali eventi, è possibile migliorare il collegamento della funzione vocale.

Difficoltà di riabilitazione

Il recupero della funzione del linguaggio dopo un ictus è un processo molto laborioso e complesso.

Ma tale riabilitazione è obbligatoria, perché solo in questo modo sarà possibile ripristinare la normale comunicazione del paziente con le persone che lo circondano, fornire conforto psicologico e riportare la persona alla sua vita precedente.

Se la lesione è piccola, la riabilitazione passa rapidamente. È sufficiente trascorrere diverse sessioni con un logopedista per un mese e il discorso sarà nuovamente connesso. In parallelo, il ripristino di altre funzioni del corpo mediante l'esercizio terapia.

In altri casi, sarà necessario il massimo sforzo per ripristinare la funzione vocale. Qui è necessario impegnarsi costantemente, la durata della riabilitazione può essere posticipata da 4 mesi a 2 anni.

Un ictus è una malattia molto pericolosa, la cui conseguenza diventa una violazione della funzione del linguaggio, l'articolazione. Ma restituire il discorso dopo un ictus è possibile solo con lezioni regolari.

Il tasso di recupero dipende da vari fattori: il grado di danno, il tipo di afasia.

Pinterest