Infarto miocardico

L'infarto miocardico è un centro di necrosi ischemica del muscolo cardiaco, che si sviluppa a seguito di una violazione acuta della circolazione coronarica. Si manifesta clinicamente bruciando, premendo o comprimendo i dolori dietro lo sterno, estendendo alla mano sinistra, clavicola, scapola, mascella, mancanza di respiro, paura, sudore freddo. L'infarto miocardico sviluppato serve come indicazione per il ricovero in emergenza nella rianimazione cardiologica. La mancata fornitura di assistenza tempestiva può essere fatale.

Infarto miocardico

L'infarto miocardico è un centro di necrosi ischemica del muscolo cardiaco, che si sviluppa a seguito di una violazione acuta della circolazione coronarica. Si manifesta clinicamente bruciando, premendo o comprimendo i dolori dietro lo sterno, estendendo alla mano sinistra, clavicola, scapola, mascella, mancanza di respiro, paura, sudore freddo. L'infarto miocardico sviluppato serve come indicazione per il ricovero in emergenza nella rianimazione cardiologica. La mancata fornitura di assistenza tempestiva può essere fatale.

All'età di 40-60 anni, l'infarto del miocardio è 3-5 volte più spesso osservato negli uomini a causa di uno sviluppo precoce (10 anni prima rispetto alle donne) di aterosclerosi. Dopo 55-60 anni, l'incidenza tra le persone di entrambi i sessi è pressappoco la stessa. Il tasso di mortalità nell'infarto miocardico è del 30-35%. Statisticamente, il 15-20% delle morti improvvise è dovuto a infarto del miocardio.

L'insufficiente apporto di sangue al miocardio per 15-20 minuti o più porta allo sviluppo di cambiamenti irreversibili nel muscolo cardiaco e nell'attività cardiaca. L'ischemia acuta causa la morte di una parte delle cellule muscolari funzionali (necrosi) e la loro successiva sostituzione con fibre del tessuto connettivo, cioè la formazione di una cicatrice post infartuale.

Nel decorso clinico di infarto miocardico, ci sono cinque periodi:

  • 1 periodo - preinfarto (prodromico): un aumento e un aumento degli attacchi di angina, può durare per diverse ore, giorni, settimane;
  • 2 periodo - il più acuto: dallo sviluppo dell'ischemia alla comparsa di necrosi miocardica, dura da 20 minuti a 2 ore;
  • 3 periodo - acuto: dalla formazione di necrosi a miomalacia (fusione enzimatica del tessuto muscolare necrotico), durata da 2 a 14 giorni;
  • 4 ° periodo: subacuta: i processi iniziali dell'organizzazione della cicatrice, lo sviluppo del tessuto di granulazione sul sito necrotico, la durata di 4-8 settimane;
  • 5 periodo - post-infarto: cicatrizzazione, adattamento miocardico alle nuove condizioni di funzionamento.

Cause di infarto miocardico

L'infarto miocardico è una forma acuta di malattia coronarica. Nel 97-98% dei casi, la lesione aterosclerotica delle arterie coronarie serve come base per lo sviluppo dell'infarto del miocardio, causando un restringimento del loro lume. Spesso, la trombosi acuta della zona interessata della nave si unisce all'aterosclerosi delle arterie, causando una cessazione completa o parziale del rifornimento di sangue nell'area corrispondente del muscolo cardiaco. La trombosi contribuisce ad aumentare la viscosità del sangue osservata nei pazienti con malattia coronarica. In alcuni casi, l'infarto del miocardio si verifica su uno sfondo di spasmo dei rami delle arterie coronarie.

Lo sviluppo dell'infarto miocardico è favorito dal diabete mellito, dalla malattia ipertensiva, dall'obesità, dalla tensione neuropsichica, dalla dipendenza dall'alcool e dal fumo. Grave stress fisico o emotivo sullo sfondo della malattia coronarica e dell'angina può innescare lo sviluppo di infarto miocardico. Più spesso l'infarto del miocardio si sviluppa nel ventricolo sinistro.

Classificazione dell'infarto miocardico

In base alla dimensione delle lesioni focali del muscolo cardiaco, viene rilasciato l'infarto miocardico:

La percentuale di piccoli infarti miocardici focali rappresenta circa il 20% dei casi clinici, ma spesso piccoli focolai di necrosi nel muscolo cardiaco possono essere trasformati in infarto miocardico di grande focale (nel 30% dei pazienti). A differenza degli infarti focali di grandi dimensioni, l'aneurisma e la rottura del cuore non si verificano con infarti focali di piccole dimensioni, quest'ultima è meno spesso complicata da insufficienza cardiaca, fibrillazione ventricolare e tromboembolia.

A seconda della profondità della lesione necrotica del muscolo cardiaco, viene rilasciato l'infarto del miocardio:

  • transmurale - con necrosi dell'intero spessore della parete muscolare del cuore (spesso a grandi focale)
  • intramurale - con necrosi nello spessore del miocardio
  • subendocardico - con necrosi miocardica nell'area adiacente all'endocardio
  • subepicardico - con necrosi miocardica nell'area di contatto con l'epicardio

Secondo le modifiche registrate sull'ECG, ci sono:

  • "Q-infarto" - con la formazione di un'onda anomala di Q, a volte complesso di QS ventricolare (spesso infarto miocardico transmurale di grande focale)
  • "Non infarto Q" - non accompagnato dall'apparizione di un'onda Q, manifestata da denti a T negativi (solitamente piccolo infarto miocardico focale)

Secondo la topografia e in base alla sconfitta di alcuni rami delle arterie coronarie, l'infarto miocardico è suddiviso in:

  • ventricolare destro
  • ventricolare sinistro: anteriore, laterale e posteriore, setto interventricolare

Dalla molteplicità di occorrenze distinguere l'infarto del miocardio:

  • primario
  • ricorrente (si sviluppa entro 8 settimane dopo il primario)
  • ripetuto (si sviluppa 8 settimane dopo il precedente)

Secondo lo sviluppo delle complicanze, l'infarto del miocardio è diviso in:

  • complicato
  • semplice
Dalla presenza e localizzazione del dolore

assegnare forme di infarto miocardico:

  1. tipico - con localizzazione del dolore dietro lo sterno o nella regione precordiale
  2. atipico - con manifestazioni di dolore atipico:
  • periferico: sinistra, mancino, laringofaringeo, mandibolare, superiore vertebrale, gastralgico (addominale)
  • indolore: colluttale, asmatico, edematoso, aritmico, cerebrale
  • sintomo debole (cancellato)
  • combinato

In accordo con il periodo e la dinamica dell'infarto del miocardio, si distinguono:

  • stadio di ischemia (periodo acuto)
  • stadio di necrosi (periodo acuto)
  • fase di organizzazione (periodo subacuto)
  • fase di cicatrizzazione (periodo post infarto)

Sintomi di infarto miocardico

Periodo preinfarto (prodromico)

Circa il 43% dei pazienti riporta un improvviso sviluppo di infarto del miocardio, mentre nella maggior parte dei pazienti si osserva un periodo di angina pectoris progressiva instabile di durata variabile.

Il periodo più acuto

I casi tipici di infarto del miocardio sono caratterizzati da una sindrome del dolore estremamente intensa con localizzazione del dolore al petto e irradiazione nella spalla sinistra, collo, denti, orecchio, clavicola, mandibola, zona mezhlopatochnoy. La natura del dolore può essere compressiva, arcuata, brucia, pressante, acuta ("pugnale"). Più grande è l'area del danno miocardico, più pronunciato il dolore.

Un attacco doloroso si verifica a ondate (a volte aumentando, poi indebolendosi), dura da 30 minuti a diverse ore, ea volte giorni, non fermato dall'uso ripetuto di nitroglicerina. Il dolore è associato a grave debolezza, agitazione, paura, mancanza di respiro.

Forse atipico per il periodo più acuto di infarto miocardico.

Trattamento di infarto miocardico a casa

Secondo le statistiche, l'infarto miocardico muore in quasi la metà dei casi. È una conseguenza del blocco dei vasi sanguigni, a causa del quale il muscolo cardiaco sta vivendo una mancanza di nutrizione. Il trattamento tradizionale consiste in una combinazione di farmaci con correzione dello stile di vita. Nei casi avanzati, viene applicato l'intervento chirurgico.

Forme e quadro clinico

La selezione indipendente di droghe e metodi di miglioramento è proibita. Solo un medico, concentrandosi sui risultati dell'esame, sarà in grado di dire come trattare l'infarto miocardico a casa. L'uso di ricette e pillole popolari senza il consenso di uno specialista violerà il regime di trattamento, che aumenterà la probabilità di complicanze e ripetuti attacchi di cuore. Circa ogni terza persona ha un attacco di cuore gradualmente. La ragione del quadro clinico in crescita è la comparsa dei primi attacchi di angina pectoris e aritmia, destabilizzazione dell'ischemia cardiaca e comparsa di segni di insufficienza cardiaca. Tale condizione pre-infarto può ancora essere invertita con la rilevazione tempestiva. Altre forme della malattia sono caratterizzate da una manifestazione acuta:

Gli attacchi di cuore "muti" sono considerati i più insidiosi. In realtà non appaiono e vengono spesso rilevati durante l'elettrocardiografia.

I sintomi più probabili sono:

  • debolezza generale;
  • ipotensione in combinazione con lieve tachicardia;
  • affaticamento.

Trattamenti comuni

Dopo il ricovero, il paziente è sotto la supervisione continua dei medici nel reparto di terapia intensiva. Avranno bisogno di monitorare lo stato del sistema cardiovascolare e degli organi interni. Come trattamento, i farmaci vengono utilizzati per riassorbire i coaguli di sangue e migliorare la permeabilità vascolare. Tale terapia è particolarmente rilevante nelle prime ore dall'inizio dell'attacco.

L'essenza di ulteriori trattamenti è l'uso di droghe per ridurre la quantità di sangue circolante. Il cuore avrà meno probabilità di contrarsi, il che ridurrà la domanda di ossigeno miocardico e allevia le condizioni del paziente. Combinare il regime di trattamento principale con farmaci progettati per ridurre la coagulazione del sangue. Aiutano a prevenire la formazione di coaguli di sangue.

L'intervento chirurgico è raccomandato quando non è possibile alleviare la condizione e migliorare il funzionamento del cuore con i farmaci. Viene effettuato per:

  • aumento del lume dei vasi coronarici;
  • escissione di aneurisma;
  • installazione di un pacemaker artificiale.

Il trattamento precoce può aiutare a prevenire cambiamenti irreversibili nel miocardio. Particolarmente importante è la prima ora dall'esordio dell'attacco. In futuro, il paziente dovrà rimanere a letto a lungo e sottoporsi a un ciclo di terapia intensiva. Se stiamo parlando di un massiccio infarto, allora è possibile un esito fatale, indipendentemente dall'azione intrapresa.

Caratteristiche dell'infarto del miocardio

Infatti, sempre l'infarto del miocardio si manifesta per la mancanza del blocco delle arterie coronarie con placche aterosclerotiche. La nutrizione del cuore è disturbata. A poco a poco, le placche si ricoprono di crepe, in cui sono dirette le piastrine. Diventano più grandi e possono portare alla formazione di un coagulo di sangue nel lume della nave.


I seguenti fattori possono influenzare direttamente o indirettamente lo sviluppo di un attacco di cuore:

  • Lo spasmo dei vasi coronarici contribuisce allo sviluppo di fallimenti nell'emodinamica (flusso sanguigno). Può verificarsi indipendentemente dalla gravità dell'aterosclerosi, sotto l'influenza di altri fattori.
  • Le proprietà del sangue svolgono un ruolo importante nella patogenesi dell'attacco cardiaco. La coagulazione del sangue accelerata e la quantità di adrenalina emessa influenzano il suo sviluppo.
  • Quando il diabete non è abbastanza glucosio assorbito. Il livello del sangue aumenta, causando danni ai vasi sanguigni e una maggiore probabilità di coaguli di sangue.

La probabilità di un infarto in persone che non seguono le regole di uno stile di vita sano aumenta:

  • abuso di cattive abitudini;
  • sovratensione fisica e psico-emotiva permanente;
  • dieta scorretta
  • insonnia.

L'impatto di questi fattori porta alla comparsa del peso corporeo in eccesso e interruzioni nei processi metabolici, accelerando lo sviluppo di aterosclerosi. Alcuni esperti evidenziano anche la predisposizione ereditaria. Secondo le statistiche, gli attacchi di cuore sono molto più comuni nelle persone con parenti stretti affetti da varie patologie del sistema cardiovascolare.

Un infarto del miocardio fino a 50 anni si manifesta 2-3 volte più spesso negli uomini. A partire da 50 anni, gli indicatori di entrambi i sessi sono allineati. Un fenomeno simile è collegato alle peculiarità del sistema ormonale nelle donne.

Attacco di cuore

È accettato per dividere un infarto del miocardio in parecchi periodi principali. Il regime di trattamento e la durata di ciascuno di essi dipendono dal grado di danno, dalle condizioni dei vasi, dalla presenza di altre complicazioni, dall'efficacia dei metodi terapeutici e dalla conformità dei pazienti alle raccomandazioni del medico. La seguente tabella ti aiuterà a familiarizzare con ogni fase:

Metodi tradizionali di trattamento

Lo scarico dall'ospedale non significa il completo recupero. Al paziente verranno prescritti farmaci, fisioterapia e altri metodi per accelerare il recupero. È possibile integrare il regime di trattamento con la medicina tradizionale. Non possono curare completamente una persona, ma possono migliorare l'efficacia del corso principale della terapia.

La composizione di varie tinture, infusi e decotti comprende ingredienti naturali progettati per saturare il cuore con sostanze utili e ridurre l'eccitabilità nervosa. È permesso usarli dopo l'approvazione del cardiologo per non disturbare lo schema di base di terapia e non aumentare la probabilità di sviluppare complicazioni.

cereali

I cereali sono rappresentati da segale, grano, avena e altre piante di questa famiglia. Sono ricchi di vitamine e oligoelementi necessari per il pieno lavoro del cuore. La loro maggiore quantità solo in grani germogliati. Sono più facili da digerire, quindi il corpo è saziato di sostanze utili in misura maggiore rispetto a quando viene usato il semplice porridge.

Per la germinazione del grano con lo scopo di usarlo come trattamento dopo un attacco di cuore a casa, è possibile applicare il metodo "in scatola":

  • Preparare un barattolo, per esempio, sotto la maionese o il concentrato di pomodoro, la quantità di 2/3 della dimensione stimata del contenitore, la garza e il vassoio (preferibilmente il vetro).
  • Pre-processo di grano: inizialmente è meglio applicare il permanganato di potassio (25%), e quindi versare acqua bollente su di esso.
  • Riempire il contenitore preparato con circa il 70% della grana lavorata. Top con acqua. È auspicabile che venga pulito, poiché la qualità dei germogli dipenderà da esso.
  • Dopo 12 ore, scaricare tutto il liquido dal contenitore. Avanti sulla superficie del vassoio di vetro per mettere arrotolato in 4 strati e inumidito con una garza di acqua. Metti i germogli germogliati in cima. Quindi coprire il grano con altri quattro strati di garza bagnata.

Dopo 2 giorni, la lunghezza dei germogli sarà di circa 1 cm Le lampade speciali del tipo Flora contribuiranno ad accelerare la crescita. In modo che il processo non rallenti, è necessario mantenere il regime di temperatura (circa 20-25 °) e controllare l'umidità.

Solo i germogli bianchi che sono apparsi sono di grande beneficio per il corpo, anche se alcuni esperti hanno notato l'effetto curativo dei germogli verdi. È desiderabile abituarsi a loro gradualmente, iniziando con l'aggiunta di 1-2 cucchiaini alla dieta. e termina con 1-2 st. l. (dopo un paio di mesi). I piatti, in cui i chicchi germinati si riverseranno, non dovrebbero essere caldi, poiché il loro valore andrà perso a causa del trattamento termico.

odori

Le erbe con proprietà curative hanno i nutrienti necessari per il corpo e raramente causano reazioni collaterali. È possibile utilizzarli per un lungo periodo dopo un attacco di cuore (oltre 2 mesi).

Preparare il farmaco deve essere rigorosamente prescritto:

  • Prendere in parti uguali:
    • motherwort;
    • astragalo;
    • eterna;
    • corteccia di salice bianco;
    • trifoglio;
    • valeriana;
    • finocchio;
    • rosmarino selvatico;
    • cottonweed.
  • Connetti i componenti della collezione in 1 contenitore. Quindi prendi 1 cucchiaio. l. la miscela finita e versare su di essa 200 ml di acqua bollente. Capacità di chiudere il coperchio per 5-6 ore.
  • È necessario bere la medicina durante il giorno, dividendo la tazza in 4 dosi.

Boccioli di betulla

Le gemme di betulla accelerano il processo di rigenerazione, puliscono il sangue, riducono l'infiammazione e riducono la quantità di sangue circolante a causa della rimozione dell'eccesso di umidità. Per la preparazione di medicinali germogli, foglie e succo adatti. Il decotto è fatto secondo questa ricetta:

  • 10 g di germogli di betulla versare 200 ml di acqua bollente;
  • mettere il recipiente sul fuoco e cuocere per 15 minuti;
  • dopo il raffreddamento per rimuovere le materie prime;
  • bere 120 ml tra i pasti.

Invece di decotto, puoi fare una tintura:

  • 1 cucchiaio. l. rene versare 500 ml di alcol;
  • metti il ​​contenitore lontano dal sole per 2 settimane;
  • scuotere la tintura ogni giorno;
  • bere 15 ml 2-3 volte al giorno.

mummia

Una soluzione acquosa di mummia è utilizzata in aggiunta al trattamento di molte patologie del muscolo cardiaco. Lo strumento è apprezzato per la sua proprietà di migliorare la nutrizione del miocardio, ripristinando così il solito ritmo delle contrazioni. Dovrebbe essere usato secondo le istruzioni generalmente accettate:

  • Viene applicata la soluzione al 2% di mummia, a partire da 13 gocce. Aumentare gradualmente la quantità a 1 cucchiaino. (40 gocce).
  • Bere medicine prima dei pasti per 2 settimane. Allora prenditi una pausa. Dopo 14 giorni, continuare il trattamento. In totale, è necessario completare 5 corsi.

L'aglio

L'aglio aiuta a normalizzare la coagulazione del sangue e a ridurre la concentrazione di colesterolo. Dopo un infarto, la sua miscela con miele e limone aiuta:

  • tritare 1 testa d'aglio e 3 limoni;
  • mescolare gli ingredienti e versare 30 ml di miele in cima;
  • chiudi il contenitore e lascialo riposare per una settimana;
  • prendere 100 g ogni giorno.

valeriana

La valeriana ha una proprietà sedativa pronunciata. Puoi prepararlo nella sua forma pura o aggiungendo un infuso di calendula, salvia, lavanda e anestetico. Tutti i componenti sono presi in parti uguali. Quindi seguire questa ricetta:

  • 120 g di raccolta versare 1 l di acqua bollente e chiudere ermeticamente il contenitore durante la notte;
  • rimuovere le materie prime dal decotto al mattino;
  • prendere 2 volte al giorno per 1/3 di tazza per 2 mesi.

biancospino

Il biancospino è usato per stabilizzare il lavoro del cuore e ridurre l'eccitabilità nervosa. L'infusione di esso può essere fatta secondo questa ricetta:

  • 30 g di frutti di biancospino tritare e versare un bicchiere di acqua bollente;
  • rimuovere la materia prima dopo il raffreddamento;
  • bere dopo il risveglio e prima di coricarsi con 250 ml.

motherwort

L'infusione di motherwort è spesso inclusa nel trattamento dell'infarto da rimedi popolari. Calma e migliora l'efficacia dei farmaci con effetti anticonvulsivi e antiaritmici. Preparare una medicina come l'infusione di biancospino. Si consiglia di applicarlo su 120 ml 3-4 volte al giorno.

Grano germogliato

Il grano può essere usato per trattare le malattie cardiovascolari grazie alla sua composizione ricca di magnesio, calcio e altri elementi. I suoi germogli germogliati sono particolarmente efficaci. Possono essere aggiunti al menu del giorno (insalate, bevande, miscele, succhi) o mangiare nella loro forma pura al mattino in una quantità di 30 g per lungo tempo.

Il miele è ricco di glucosio, che migliora la nutrizione del muscolo cardiaco dilatando i vasi coronarici. Puoi preparare una medicina utile con l'aggiunta di altri componenti:

  • prendere 100 g di gherigli di noci, uvetta, albicocche secche e tritarli accuratamente;
  • versare una miscela di 100 ml di miele;
  • usa lo strumento in 1 cucchiaio. l. 2-3 volte al giorno.

La seguente ricetta è ugualmente efficace:

  • torcere 1 kg di cenere di montagna;
  • versare la miscela di 2 litri di miele;
  • Prendi 30 g al giorno.

Riabilitazione dopo infarto subito

Alla fine del trattamento ospedaliero, la persona inizia la fase di riabilitazione. Di solito ci vogliono circa sei mesi per recuperare, ma la combinazione di terapia farmacologica con l'uso della medicina tradizionale accelera il processo:

  • I prodotti a base di ingredienti naturali espandono i vasi sanguigni, riducono la tensione nervosa e stabilizzano la pressione sanguigna. Non meno utile è il loro effetto diuretico, grazie al quale il gonfiore viene eliminato e il carico sul cuore è ridotto.
  • Farmaci con effetti antiaritmici, antisclerotici e sedativi consentono di arrestare l'aritmia, stabilizzare la pressione, migliorare la nutrizione miocardica e prevenire lo sviluppo di complicanze.

È necessario combinare un corso di terapia con la correzione dello stile di vita:

  • fare una dieta corretta;
  • evitare sovraccarichi e situazioni stressanti;
  • camminare all'aria aperta più spesso;
  • rinunciare a cattive abitudini;
  • rispettare tutte le raccomandazioni del medico curante;
  • regolarmente esaminati;
  • fare pause durante il lavoro;
  • impegnarsi in terapia fisica;
  • dormire abbastanza

Caratteristiche dieta

Nelle prime settimane dopo l'attacco, devi seguire una dieta rigorosa. La dieta del paziente dovrebbe consistere in minestre leggere, cereali, latticini a basso contenuto di grassi. Tutti i piatti sono consumati in una forma squallida senza l'aggiunta di spezie, compreso il sale. I pasti dovrebbero essere ridotti il ​​più possibile e il numero di pasti dovrebbe essere aumentato a 6-7 al giorno. Il succo di carota in combinazione con olio vegetale (nel rapporto tra 250 ml di succo e 1 cucchiaino di olio) porterà un beneficio speciale per il corpo. Si consiglia di berlo nei primi giorni dopo l'attacco a 1 bicchiere al giorno, dividendolo in 2 dosi.

Un mese dopo un infarto, è consentito un indebolimento della dieta. I pazienti saranno in grado di mangiare normalmente, ma nel redigere il menu, dovremo prendere in considerazione le raccomandazioni degli specialisti:

  • Aggiungi germogli germogliati alla tua dieta, che rappresenta la famiglia di cereali, crusca.
  • Ridurre la quantità di sale consumato, nonché cibi fritti, affumicati e grassi.
  • Invece di conservazione e dolci usare frutta fresca, verdura, frutta secca e miele.
  • Sostituisci caffè e tè nero con infusi e decotti di erbe medicinali (biancospino, rosa canina, valeriana) e succhi di frutta freschi (mirtilli, carote).
  • Vai per 4-5 pasti al giorno. È preferibile ridurre le porzioni a medie dimensioni in modo da non passare (è necessario lasciare il tavolo con una leggera sensazione di fame). Al momento di coricarsi, è controindicato ed è consigliabile bere un bicchiere di kefir o altri prodotti a base di latte fermentato.
  • Spezie abbandonate (senape, rafano, pepe) e cibi con molto colesterolo.
  • Arricchire il menu con prodotti a base di latte fermentato. La percentuale di grasso è desiderabile per scegliere il più piccolo.
  • Cuocere cuocendo, infornando o cuocendo a vapore. Un grande aiuto sarebbe una doppia caldaia.
  • Tra le ricette di zuppe, scegli il vegetariano (senza aggiungere prodotti a base di carne).
  • Il numero di uova consumate ridotto a 2-3 a settimana.

Terapia fisica

Nel complesso medico-riabilitativo deve includere lo sport. È compilato dal medico curante, concentrandosi sulle condizioni del paziente e sulla presenza di complicanze. Esercizi di base inizialmente adatti che non richiedono una formazione specifica:

  • Essere in gravi condizioni:
    • fare ginnastica per gli occhi;
    • spremere e aprire le dita degli arti superiori e inferiori;
    • fare movimenti rotatori di mani e piedi.
  • In posizione supina:
    • deviare il torace, appoggiandosi sui gomiti;
    • piegare alternativamente gli arti inferiori nelle articolazioni del ginocchio;
    • sollevare le gambe raddrizzate;
    • passare a una posizione seduta usando le mani;
    • girando sul lato destro, accovacciati con le gambe in giù.
  • In posizione seduta:
    • inclinare il corpo di lato;
    • imitare l'andatura (piegamento degli arti inferiori alle ginocchia);
    • ruotare le braccia nelle articolazioni della spalla e del gomito.
  • In posizione eretta:
    • appoggiandosi su una sedia, sollevare alternativamente la gamba avanti e indietro;
    • fai movimenti circolari con un asso, allargando le braccia lateralmente;
    • eseguire calze;
    • alternativamente alza una mano in alto e l'altra in basso.

Di solito gli esercizi si ripetono 5-10 volte al mattino e alla sera. Mentre lo stato migliora, il programma di studi è saturo di nuovi movimenti. È consentito passare a tipi di allenamento più complessi dopo il permesso del medico.

Immediatamente dopo lo scarico, è necessario iniziare a camminare regolarmente attraverso l'aria fresca. Si consiglia di camminare il più possibile, a partire da brevi distanze, controllando il polso e la pressione prima e dopo l'esercizio. Aumentare il ritmo e la durata delle passeggiate dovrebbero essere gradualmente. Scale per salire e allenarsi in palestra (bici, tapis roulant) possono anche essere utilizzati per rafforzare il muscolo cardiaco. Il vento corto apparso è un motivo per riposare un po '. Esagerare con le classi non vale la pena, perché aumenterà la probabilità di ricaduta.

Il trattamento dopo infarto miocardico con rimedi popolari aumenterà l'efficacia dei farmaci, saturerà l'organismo con sostanze utili e migliorerà il funzionamento del cuore. Si consiglia di integrare il regime di trattamento con la correzione della dieta e la terapia fisica. Sarà possibile ottenere un risultato positivo in almeno 2-3 mesi.

Infarto miocardico: sintomi, trattamento, effetti e prevenzione

L'infarto miocardico è una condizione acuta, una forma clinica di malattia coronarica, in cui a causa dell'insufficienza totale o parziale dell'afflusso di sangue nell'area del muscolo cardiaco, si sviluppa la sua necrosi (che si spegne). Ciò porta a interruzioni nel lavoro dell'intero sistema cardiovascolare e minaccia la vita del paziente.

La causa principale e più comune dell'infarto miocardico è una violazione del flusso sanguigno nelle arterie coronarie, che fornisce al muscolo cardiaco sangue e, di conseguenza, ossigeno. Molto spesso, questa violazione si verifica sullo sfondo di aterosclerosi delle arterie, in cui si formano placche aterosclerotiche sulle pareti dei vasi sanguigni. Queste placche restringono il lume delle arterie coronarie e possono anche contribuire alla distruzione delle pareti vascolari, che crea ulteriori condizioni per la formazione di coaguli di sangue e stenosi arteriosa.

Fattori di rischio per l'infarto del miocardio

Ci sono una serie di fattori che aumentano significativamente il rischio di sviluppare questa condizione acuta:

  1. L'aterosclerosi. La rottura del metabolismo lipidico, in cui le placche aterosclerotiche si formano sulle pareti dei vasi sanguigni, è un importante fattore di rischio nello sviluppo di infarto miocardico.
  2. Età. Il rischio di sviluppare la malattia aumenta dopo 45-50 anni.
  3. Paul. Secondo le statistiche, nelle donne questa condizione acuta si verifica 1,5-2 volte più spesso che negli uomini, soprattutto il rischio di infarto miocardico nelle donne durante la menopausa.
  4. Ipertensione. Le persone che soffrono di ipertensione hanno un aumentato rischio di catastrofi cardiovascolari, poiché la richiesta di ossigeno miocardico aumenta con l'aumento della pressione sanguigna.
  5. Un precedente infarto miocardico, anche di piccole dimensioni focali.
  6. Fumo. Questa dipendenza porta alla rottura del lavoro di molti organi e sistemi del nostro corpo. Con intossicazione cronica da nicotina, le arterie coronarie si restringono, con conseguente insufficiente apporto di ossigeno al miocardio. E stiamo parlando non solo del fumo attivo, ma anche del passivo.
  7. Obesità e ipodinia. Quando una violazione del metabolismo dei grassi accelera lo sviluppo dell'aterosclerosi, l'ipertensione aumenta il rischio di diabete. La mancanza di attività fisica influisce anche negativamente sul metabolismo del corpo, essendo una delle ragioni per l'accumulo di sovrappeso.
  8. Il diabete mellito. I pazienti affetti da diabete hanno un alto rischio di infarto miocardico, poiché elevati livelli di glucosio nel sangue hanno un effetto dannoso sulle pareti dei vasi sanguigni e dell'emoglobina, compromettendone la funzione di trasporto (trasferimento dell'ossigeno).

Sintomi di infarto miocardico

Questa condizione acuta ha sintomi piuttosto specifici e di solito sono così pronunciati da non poter passare inosservati. Tuttavia, va ricordato che esistono anche forme atipiche di questa malattia.

Nella stragrande maggioranza dei casi, i pazienti presentano una tipica forma dolorosa di infarto del miocardio, a causa della quale il medico ha l'opportunità di diagnosticare correttamente la malattia e iniziare immediatamente il trattamento.

Il sintomo principale della malattia è il dolore grave. Il dolore derivante dall'infarto miocardico è localizzato dietro lo sterno, sta bruciando, il pugnale, alcuni pazienti lo caratterizzano come "rending". Il dolore può essere dato al braccio sinistro, mascella inferiore, regione interscapolare. L'aspetto di questo sintomo non è sempre preceduto dall'esercizio fisico, spesso il dolore si verifica a riposo o di notte. Le caratteristiche descritte della sindrome del dolore sono simili a quelle con un attacco di angina, tuttavia hanno chiare differenze.

A differenza di un attacco di stenocardia, il dolore nell'infarto miocardico dura più di 30 minuti e non si ferma a riposo o la somministrazione ripetuta di nitroglicerina. Va notato che anche in quei casi in cui un attacco doloroso dura più di 15 minuti e le misure adottate sono inefficaci, è necessario chiamare immediatamente la brigata di ambulanza.

Forme atipiche di infarto miocardico

L'infarto miocardico, che si manifesta in forma atipica, può causare difficoltà al medico alla diagnosi.

Opzione gastritica La sindrome del dolore derivante da questa forma della malattia assomiglia al dolore durante l'esacerbazione della gastrite ed è localizzata nella regione epigastrica. All'esame, può essere osservata la tensione muscolare nella parete addominale anteriore. Tipicamente, questa forma di infarto miocardico si verifica con la sconfitta delle sezioni inferiori del ventricolo sinistro, che sono adiacenti al diaframma.

Opzione asmatica Ricorda un grave attacco di asma bronchiale. Il soffocamento del paziente, tosse con espettorato schiumoso (ma può essere secco), mentre la tipica sindrome del dolore è assente o debolmente espressa. Nei casi gravi può svilupparsi edema polmonare. All'esame, può essere rilevato un disturbo del ritmo cardiaco, una diminuzione della pressione sanguigna e un respiro sibilante nei polmoni. Molto spesso, la forma asmatica della malattia si verifica con infarto miocardico ripetuto, nonché sullo sfondo di cardiosclerosi grave.

Opzione aritmica. Questa forma di infarto miocardico si manifesta sotto forma di varie aritmie (extrasistoli, fibrillazione atriale o tachicardia parossistica) o blocchi atrioventricolari di vario grado. A causa di un disturbo del ritmo cardiaco, l'infarto miocardico può essere mascherato su un elettrocardiogramma.

Variante cerebrale. È caratterizzato da alterata circolazione del sangue nei vasi del cervello. I pazienti possono lamentare vertigini, mal di testa, nausea e vomito, debolezza negli arti, la coscienza può essere confusa.

Opzione indolore (forma cancellata). Questa forma di infarto miocardico causa le maggiori difficoltà nella diagnosi. La sindrome del dolore può essere completamente assente, i pazienti si lamentano di disagio toracico indefinito, aumento della sudorazione. Molto spesso, questa forma cancellata della malattia si sviluppa in pazienti con diabete mellito ed è molto difficile.

A volte nel quadro clinico dell'infarto del miocardio ci possono essere sintomi di diverse varianti della malattia, la prognosi in questi casi, sfortunatamente, è sfavorevole.

Trattamento di infarto del miocardio

Un paziente può essere sospettato di infarto del miocardio se:

  • il bruciore intenso del torace dura più di 5-10 minuti;
  • l'intensità della sindrome del dolore non diminuisce a riposo, nel tempo e dopo aver assunto la nitroglicerina, anche ripetuta;
  • la sindrome del dolore è accompagnata dalla comparsa di grave debolezza, nausea, vomito, mal di testa e vertigini.

Se sospetti un infarto del miocardio, devi immediatamente chiamare il team dell'ambulanza e iniziare a fornire assistenza al paziente. Prima viene dato il primo soccorso al paziente, più favorevole è la prognosi.

È necessario ridurre il carico sul cuore, per questo paziente è necessario giacere con una testa sollevata. È necessario fornire aria fresca e cercare di calmare il paziente, si può dare un sedativo

Deve essere somministrato al paziente sotto la lingua (è possibile pre-macinare) una compressa di nitroglicerina e masticare una compressa di aspirina.

Se ci sono farmaci dal gruppo di beta-bloccanti (Atenololo, Metaprololo), allora è necessario dare al paziente di masticare 1 compressa. Se il paziente assume costantemente questi medicinali, allora è necessario assumere una dose straordinaria di farmaci.

Per ridurre l'intensità della sindrome del dolore, è necessario somministrare al paziente un farmaco anestetico (analgin, baralgin, pentalgin, ecc.).

Inoltre, il paziente può assumere una pillola di panangin o 60 gocce di Corvalol.

Se sospetti l'arresto cardiaco (perdita di coscienza, arresto respiratorio, mancanza di polso e reazione a stimoli esterni), dovresti iniziare immediatamente la rianimazione (massaggio cardiaco indiretto e respirazione artificiale). Se il paziente non riprende conoscenza, allora dovrebbe essere continuato fino all'arrivo dei medici.

Assistenza qualificata nell'infarto del miocardio nella fase preospedaliera

Il compito principale nel trattamento di pazienti con infarto del miocardio è di ripristinare e mantenere la circolazione del sangue nella zona interessata del miocardio il più rapidamente possibile. La salute e la vita dei pazienti dipende in gran parte dalla fornitura di assistenza nella fase preospedaliera.

Uno dei compiti più importanti per i medici dell'ambulanza è quello di alleviare un attacco doloroso, perché a seguito dell'attivazione del sistema simpatico-surrenale, aumenta il carico sul cuore e la richiesta di ossigeno miocardico, che aggrava ulteriormente l'ischemia dell'area interessata del muscolo cardiaco. Spesso, i medici devono usare analgesici narcotici per alleviare il dolore al petto, la morfina è più spesso utilizzata nella fase preospedaliera. Se l'effetto anestetico derivante dall'uso di analgesici narcotici è insufficiente, è possibile la somministrazione endovenosa di nitrotteri o beta-bloccanti.

Il ripristino del flusso sanguigno coronarico è un compito altrettanto importante per i medici nel trattamento di un paziente con infarto del miocardio. In assenza di controindicazioni, il medico può iniziare una trombolisi in ambulanza. Questa procedura non è mostrata a tutti i pazienti con infarto miocardico, il medico determina le indicazioni per esso, in base ai risultati di un elettrocardiogramma. L'efficacia della trombolisi dipende direttamente dalla tempistica della sua insorgenza, con l'introduzione di farmaci trombolitici nelle prime ore dopo l'insorgenza di una catastrofe cardiovascolare, la probabilità di ripristino del flusso sanguigno nel miocardio è piuttosto elevata.

La decisione di tenere la trombolisi nella fase di trasporto in ospedale dipende dal fattore tempo. L'introduzione di farmaci inizia dal medico dell'ambulanza, se il tempo di trasporto del paziente all'ospedale supera i 30 minuti.

Trattamento di infarto miocardico in ospedale

Il metodo migliore per ripristinare il flusso sanguigno e la pervietà dell'arteria coronaria è un'angioplastica immediata della nave, durante la quale uno stent viene inserito nell'arteria. Lo stent è inoltre necessario nelle prime ore dopo l'inizio dell'infarto miocardico. In alcuni casi, l'unico modo per salvare il muscolo cardiaco è la chirurgia di bypass coronarico di emergenza.

Un paziente con infarto miocardico viene ricoverato in ospedale in unità di terapia intensiva e, se necessario, in unità di terapia intensiva, dove con l'aiuto di dispositivi speciali, i medici possono monitorare costantemente le condizioni del paziente.

Un numero elevato di gruppi di farmaci può essere utilizzato nel trattamento di questa malattia, poiché nel trattamento dell'infarto miocardico è necessario eseguire diverse attività contemporaneamente:

  • la prevenzione di coaguli di sangue e diradamento del sangue si ottiene con l'aiuto di farmaci dei gruppi di anticoagulanti, agenti antipiastrinici e agenti antipiastrinici;
  • limitare l'area del danno miocardico si ottiene riducendo la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco, per cui i farmaci vengono utilizzati dai gruppi di beta-bloccanti e ACE-inibitori (enzima di conversione dell'angiotensina);
  • la riduzione della sindrome del dolore si ottiene con l'uso di analgesici non narcotici e narcotici, nitropreparati, che riducono anche la richiesta di ossigeno miocardico e riducono il carico sul cuore, hanno un effetto antianginoso;
  • per normalizzare il livello di pressione sanguigna, al paziente vengono prescritti farmaci antipertensivi;
  • quando si verifica un disturbo del ritmo cardiaco, al paziente vengono prescritti farmaci antiaritmici.

Sono elencati tutti i gruppi di farmaci che possono essere usati per trattare l'infarto del miocardio. Le tattiche terapeutiche dipendono dalle condizioni generali del paziente, dalla presenza di malattie concomitanti dei reni, del fegato e di altri organi, nonché da molti altri fattori. Pertanto, il trattamento di questa grave malattia dovrebbe essere effettuato solo da un medico qualificato, l'auto-trattamento è inaccettabile e può portare alla morte del paziente.

Conseguenze di infarto miocardico

Le conseguenze dell'infarto miocardico influenzano sempre negativamente lo stato dell'intero organismo. Certo, dipende da quanto sia esteso il danno miocardico. I pazienti che hanno avuto un infarto miocardico spesso sviluppano disturbi del ritmo cardiaco. A causa della necrosi della regione miocardica e della formazione della cicatrice, la funzione contrattile del cuore diminuisce, a seguito della quale si sviluppa l'insufficienza cardiaca.

A causa di un esteso attacco cardiaco e della formazione di una grossa cicatrice, può verificarsi un aneurisma cardiaco, una condizione che minaccia la vita del paziente e richiede un trattamento chirurgico. L'aneurisma non solo peggiora il lavoro del cuore, ma aumenta anche la probabilità di coaguli di sangue in esso, e il rischio di rottura è grande.

Prevenzione dell'infarto miocardico

La prevenzione di questa malattia è divisa in primaria e secondaria. Gli obiettivi primari sono prevenire l'insorgenza di infarto miocardico e secondario - per prevenire il ripetersi di un incidente cardiovascolare in coloro che hanno già sofferto. La prevenzione è necessaria non solo per i pazienti affetti da malattie cardiovascolari, ma anche per le persone sane, e si riduce all'eliminazione di fattori che aumentano il rischio di catastrofi cardiovascolari.

  1. Controlla il peso corporeo. Nelle persone in sovrappeso aumenta il carico cardiaco, aumenta il rischio di sviluppare ipertensione e diabete.
  2. Esercizio regolare L'attività fisica aiuta a migliorare il metabolismo e quindi a ridurre il peso corporeo. È stato dimostrato che l'esercizio regolare riduce il rischio di infarto miocardico ricorrente per coloro che ne hanno già avuto il 30%. Una serie di esercizi e il livello di stress sono scelti dal medico.
  3. Rifiuto di cattive abitudini. Gli scienziati hanno da tempo dimostrato che il fumo e l'abuso di alcool aumentano significativamente il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Per le persone che non vogliono rinunciare a abitudini dannose, il rischio di recidiva di infarto miocardico aumenta di 2 volte.
  4. Controlla i livelli di colesterolo nel sangue. Si consiglia a tutte le persone di età superiore ai 45 anni di monitorare regolarmente il metabolismo dei lipidi, poiché l'aterosclerosi, che si sviluppa quando è disturbata, è una delle principali cause di incidenti cardiovascolari.
  5. Controllo della pressione arteriosa. Con un persistente aumento della pressione arteriosa superiore a 140/90 mm Hg. Art. la sua correzione medica è necessaria, perché con l'ipertensione arteriosa il carico sul cuore è notevolmente aumentato.
  6. Controllare i livelli di glucosio nel sangue. È necessario identificare le violazioni del metabolismo dei carboidrati e prevenire il diabete, che aumenta anche il rischio di infarto miocardico.
  7. Dieta. Si raccomanda di limitare l'uso di sale da cucina, alimenti contenenti grandi quantità di colesterolo e grassi refrattari. Nella dieta dovrebbe aumentare il numero di frutta e verdura contenenti fibre, vitamine e minerali e frutti di mare.
  8. Assunzione di farmaci contenenti acido acetilsalicilico. Per diversi decenni, l'aspirina (acido acetilsalicilico) è stata utilizzata per prevenire la trombosi e la malattia coronarica, ma assumerla per un lungo periodo può portare a problemi al tratto gastrointestinale, come bruciore di stomaco, gastrite, nausea, mal di stomaco, ecc.
    Per ridurre il rischio di tali effetti indesiderati, è necessario prendere soldi in un rivestimento enterico speciale. Ad esempio, è possibile utilizzare il farmaco "Thrombo ACC®" *, ogni compressa del quale è ricoperta da un rivestimento di pellicola enterica resistente agli effetti dell'acido cloridrico dello stomaco e si dissolve solo nell'intestino. Questo evita il contatto diretto con la mucosa gastrica e riduce il rischio di bruciore di stomaco, ulcere, gastrite, sanguinamento, ecc.

Quale dottore contattare

Con sintomi simili a infarto miocardico, dovresti chiamare un'ambulanza. Un paziente con un attacco cardiaco viene curato da un cardiologo, esegue anche la riabilitazione e il follow-up dopo una malattia. Se lo stent o lo smistamento sono necessari, vengono eseguiti da un cardiochirurgo.

Riabilitazione dopo infarto miocardico:

Metodi di trattamento dell'infarto del miocardio

Un infarto è una condizione in cui una parte del muscolo cardiaco muore a causa della cessazione dell'accesso del sangue a quest'area. Alla violazione ICD è stato assegnato un codice I21.

In alcuni casi, un attacco di cuore è considerato come una forma di ischemia, che è generalmente caratterizzata da alterata circolazione del sangue al miocardio.

Obiettivi della terapia

Un attacco di cuore dovrebbe essere trattato in ospedale solo perché si tratta di un'emergenza potenzialmente letale. Se qualsiasi sintomo indica che si verifica un attacco, il paziente deve essere portato in ospedale il prima possibile. Il paziente è determinato nel reparto di cardiologia secondo i risultati di un elettrocardiogramma e con disturbi visibili.

  • Tutte le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e NON SONO A manuale per l'azione!
  • Solo il MEDICO può fornirti la DIAGNOSI ESATTA!
  • Ti invitiamo a non fare auto-guarigione, ma a registrarti con uno specialista!
  • Salute a te e alla tua famiglia!

Dopo il trattamento in ospedale, si presume un lungo periodo di riabilitazione. Tali pazienti sono mostrati il ​​trattamento di sanatorio e l'esame regolare da un cardiologo.

Il trattamento dell'infarto del miocardio si concentra sull'eliminazione o la minimizzazione dei processi dolorosi che hanno provocato l'attacco. La previsione dipende dalla rapidità con cui i medici riescono a risolvere i problemi insorti.

Gli obiettivi principali della terapia:

  • trovato che un attacco di cuore si verifica più spesso a causa di un blocco della nave con un coagulo di sangue o spasmo coronarico;
  • più velocemente viene ripristinato il flusso sanguigno, minore sarà l'area di necrosi, quindi il paziente ha maggiori probabilità di sopravvivere.
  • un piccolo infarto focale, localizzato nello spessore del muscolo cardiaco, è considerato meno pericoloso;
  • per questo motivo, la terapia si concentra sulla protezione delle cellule sane e sulla limitazione dell'area del danno;
  • i fallimenti medici portano allo sviluppo di un attacco cardiaco esteso, che è caratterizzato da elevata mortalità o complicazioni pericolose durante la sopravvivenza.

Trattamento farmacologico di infarto miocardico acuto

I metodi di trattamento possono essere suddivisi in due categorie:

Alla fase iniziale di un attacco cardiaco sono assegnati:

  • analgesici;
  • tranquillanti;
  • agenti trombolitici;
  • agenti antipiastrinici;
  • krovorazzhizhayuschie;
  • beta-bloccanti;
  • nitrati;
  • ACE.

Trattamento di infarto miocardico acuto

analgesici

Utilizzato da un'ambulanza o in un ospedale se una persona non viene consegnata da un'ambulanza. I dolori sono così pronunciati che possono essere richiesti stupefacenti di classe oppioide per il loro sollievo.

Per ridurre il dolore, vengono utilizzati i seguenti rimedi:

  • endovenoso (fino a 8 mg);
  • se il dolore non diminuisce, viene somministrato un altro 10 mg in dieci minuti.
  • non si applica agli agenti analgesici puri;
  • usato in congiunzione con droghe narcotiche per il cosiddetto. neyroleptanalgezii;
  • per via endovenosa, la dose - fino a 10 mg (determinata individualmente a seconda della pressione).

Farmaci potenti eliminano il dolore entro 3-5 minuti. In condizioni stazionarie, se necessario, vengono ri-somministrati.

tranquillanti

Usato raramente e solo al culmine di un attacco.

I tranquillanti alleviano l'agitazione psicomotoria, se questo è noto (sullo sfondo della sindrome del dolore).

Il diazepam è preferito (endovenoso, dose fino a 10 mg).

trombolitici

Lo scopo dell'uso dei trombolitici è la distruzione di un coagulo di sangue nel vaso e la normalizzazione della circolazione sanguigna. Tale trattamento di infarto miocardico non può ripristinare le cellule morte, ma impedisce un aumento dell'area di danno. Questo è estremamente importante per la prevenzione di effetti pericolosi e migliorare la prognosi.

L'indicazione principale per il trattamento con trombolitici è l'aumento del settore ST sull'ECG. Il farmaco in questo caso deve essere somministrato il prima possibile.

Il più grande effetto terapeutico è fornito con l'introduzione del farmaco entro un'ora dopo lo sviluppo dell'attacco. Tuttavia, in pratica è difficile fornire tale assistenza rapidamente - il limite di tempo reale è in genere di tre ore.

I trombolitici più efficaci:

Tutti i prodotti di questo gruppo hanno alcune reazioni avverse. Usandoli aumenta la probabilità di sanguinamento spontaneo. Per questo motivo, ci sono alcune controindicazioni che precludono l'uso della terapia trombolitica.

La terapia trombolitica è controindicata nei seguenti casi:

antiaggreganti piastrinici

I mezzi di questo gruppo influenzano le cellule del sangue (principalmente piastrine, che non si uniscono bene e non si "attaccano" alla parete del vaso). A causa di questo effetto, la probabilità di coaguli di sangue è ridotta.

Inoltre, gli agenti antipiastrinici agiscono sulle membrane degli eritrociti e facilitano il loro passaggio attraverso i capillari. Ciò consente al sangue di passare attraverso i siti costretti più velocemente e più facilmente. Il flusso di sangue al miocardio viene normalizzato e il processo necrotico viene inibito.

Nel trattamento dell'attacco cardiaco, l'uso dell'acido acetilsalicilico (aspirina) è preferito. Al picco di un attacco, la dose terapeutica è fino a 325 mg. Lo strumento è preso per via orale. Inoltre, la dose è fino a 160 mg una volta al giorno.

La durata del trattamento è determinata dal medico in base alle condizioni del paziente. L'uso di aspirina nella fase acuta o subacuta di infarto riduce il rischio di sviluppare complicazioni pericolose del 30%. L'indicazione per l'assunzione di aspirina è l'aumento del settore ST sull'ECG.

Controindicazione alla ricezione - ulcera peptica tratto gastrointestinale, come l'acido acetilsalicilico agisce in modo aggressivo sulla mucosa.

anticoagulanti

Tali fondi sono prescritti per migliorare l'efficacia della terapia trombolitica. La convenienza del loro ricevimento è determinata dal dottore sulla base dei risultati dell'anamnesi. Tali farmaci riducono anche il rischio di trombosi. Nella fase acuta dell'infarto, gli anticoagulanti riducono la probabilità di tromboembolia.

Tuttavia, vi è una probabilità di reazioni indesiderabili dall'assunzione di trombolitici. Il ricevimento unito di urokinaza e anticoagulanti non è praticato.

Il più delle volte, quando viene prescritto un infarto:

In questo articolo troverai una descrizione di un infarto cerebrale.

La dose terapeutica viene determinata individualmente sulla base di esattamente ciò che gli agenti trombolitici dovrebbero ricevere. La scelta della dose deve tenere conto dei risultati degli esami di laboratorio.

Bypass coronarico per infarto miocardico

Beta-bloccanti

Assegnato per ridurre il carico sul cuore e ridurre la necessità di ossigeno. Tali mezzi riducono e indeboliscono la frequenza delle contrazioni del cuore.

A causa di ciò, il miocardio è meno stressato e il processo necrotico è sospeso. L'accettazione dei beta-bloccanti è un elemento obbligatorio del regime di trattamento.

Sono prescritti in tutte le fasi di un infarto, se non ci sono controindicazioni.

Beta-bloccanti per il trattamento dell'infarto:

  • somministrazione endovenosa, la dose è fino a cinque mg (se necessario - due volte con un intervallo di 10 minuti);
  • compresse quindi prescritte (fino a 100 mg al giorno).
  • endovenosa, dose singola - fino a cinque mg;
  • se non ci sono reazioni avverse, viene iniettato più volte con un intervallo di cinque minuti, fino a quando la dose totale raggiunge i 15 mg;
  • quindi vengono prescritte compresse (50 mg quindici minuti dopo la somministrazione endovenosa, poi due giorni, 200 mg in quattro dosi divise).
  • endovenosa, dose singola - fino a tre mg, poi 1 mg ogni quattro minuti;
  • dose totale - fino a 0,1 mg per chilogrammo di massa;
  • nei giorni successivi, 80 mg tre volte al giorno.

Questi fondi riducono la frequenza delle contrazioni del cuore a 60 battiti al minuto, quindi non vengono utilizzati se il paziente ha questo indice ed è già basso o se c'è una sintomatologia pronunciata di insufficienza cardiaca.

Se ci si concentra sull'elettrocardiogramma, una controindicazione alla ricezione è l'allungamento dell'intervallo da P-Q a 0,24 e oltre. Un effetto collaterale dell'assunzione di beta-bloccanti è espresso come restringimento dei bronchi di piccolo calibro, quindi l'asma o una forma di infarto asmatico è un'altra controindicazione.

Le controindicazioni sono di solito temporanee - dopo il ripristino della normale respirazione e la normalizzazione del cuore, questi strumenti includono ancora un corso terapeutico. La ricezione inizia con piccole dosi, aumentandole gradualmente fino all'effetto desiderato.

L'uso di beta-bloccanti riduce al minimo la probabilità di recidiva di un attacco, l'espansione della cavità cardiaca e pericolosi fallimenti del ritmo. Alcuni pazienti sono prescritti farmaci a lungo termine (per mesi o anni).

nitrati

Nei primi giorni dopo l'attacco, è consigliabile assumere dosi significative di nitrati:

In condizioni stazionarie, una soluzione all'1% di nitroglicerina viene somministrata per via endovenosa attraverso un catetere. Una dose giornaliera di 12 ml viene diluita con 400 ml di soluzione isotonica. Il farmaco viene somministrato per tre o quattro giorni, quindi viene prescritta la somministrazione orale.

La terapia intensiva con nitrati (specialmente la somministrazione endovenosa a lungo termine di nitroglicerina) riduce il carico sul cuore, riducendo la necessità di ossigeno. L'assunzione di nitrati aiuta a migliorare il flusso sanguigno coronarico, limitando l'area della necrosi, riducendo al minimo il rischio di fibrillazione ventricolare.

La somministrazione endovenosa di nitroglicerina riduce i casi di arresto cardiaco improvviso, previene lo sviluppo di asma cardiaco.

Secondo la gravità dell'effetto positivo, la combinazione di nitrati e beta-bloccanti è la più preferibile. Come dimostra la pratica, la sostituzione di una combinazione con altri schemi porta a un deterioramento dei risultati del trattamento.

ACE (inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina) sono utilizzati in pazienti con grave insufficienza cardiaca, che è il risultato di un massiccio infarto.

I farmaci hanno un effetto vasodilatatore e ipotensivo. Il loro uso è controindicato nei pazienti con pressione sistolica fino a 100 mm Hg, per le persone con insufficienza renale e durante la gravidanza.

La terapia inizia con farmaci a breve durata d'azione (captopril). Se l'agente è ben tollerato, sono prescritti analoghi ad azione prolungata.

ACE inibitori per il trattamento dell'infarto:

Molte persone continuano la terapia medica per un lungo periodo di tempo (mesi e anni). Questa misura è causata da un aumentato rischio di complicazioni o di recidive della malattia.

Tra le complicazioni sono possibili aneurismi del cuore, insufficienza cardiaca cronica, che richiedono l'ammissione di alcuni fondi per tutta la vita.

I regimi terapeutici sono determinati individualmente in base alle condizioni del paziente. Se viene rivelata la causa esatta di un infarto, potrebbe essere necessario un corso aggiuntivo, il cui compito è eliminarlo.

Intervento chirurgico

Oltre alla terapia farmacologica, a volte vengono utilizzati metodi chirurgici per trattare un infarto e le sue complicanze. Tali misure sono riconducibili a indicazioni speciali.

I seguenti tipi di interventi sono usati nel trattamento dell'attacco cardiaco:

  • la chirurgia è un modo minimamente invasivo per ripristinare il flusso sanguigno;
  • la tecnica è simile all'angiografia coronarica;
  • un trombo viene eliminato introducendo una sonda speciale nella nave, che viene fornita al sito di occlusione.
  • questo è un complesso intervento chirurgico a cuore aperto;
  • per manutenzione artificiale di circolazione del sangue il dispositivo speciale è collegato;
  • la tecnica viene utilizzata negli stadi successivi della malattia (nel periodo post-infarto).
  • la tecnica è utilizzata nella formazione di aneurismi post-infarto - uno stato che minaccia la rottura e il sanguinamento pesante;
  • l'operazione viene eseguita solo dopo il completo recupero del paziente.
  • in assenza dell'effetto della terapia farmacologica, ricorrono all'installazione di pacemaker;
  • è un dispositivo che sopprime l'automatismo della briglia sinusale e imposta la normale frequenza cardiaca;
  • Una varietà di modelli di pacemaker sono disponibili per specifici gruppi di pazienti.

Il trattamento efficace è valutato dai risultati dell'elettrocardiogramma e dalle osservazioni cliniche. Se l'ECG mostra una rapida diminuzione nel settore ST, si può concludere che il flusso sanguigno è stato ripristinato.

Angiografia coronarica

La procedura di angiografia coronarica è necessaria per identificare i vasi interessati. 12 ore prima dell'intervento, il paziente non mangia nulla, si è rasato l'area inguinale. La procedura viene eseguita in caso di emergenza o pianificata.

L'intervento viene eseguito nella radiografia. Il paziente viene iniettato in uno stato di sonnolenza. Sotto il controllo dell'unità radiografica, un lungo catetere viene inserito attraverso la vena femorale, che viene portata alla valvola aortica. Successivamente sono alternativamente la bocca delle due arterie, viene iniettato un agente di contrasto.

Di conseguenza, il chirurgo cardiaco riceve un'immagine dei vasi coronarici, dove è possibile vedere le aree ristrette e i punti in cui il flusso sanguigno si ferma. La procedura viene registrata sul disco, dopo di che il medico disegna una conclusione e valuta la possibilità di un ulteriore intervento chirurgico.

Una benda di pressione viene applicata al sito di puntura, il freddo è assicurato per un'ora, il carico viene posto per un giorno. Il paziente deve osservare il riposo a letto durante il giorno e limitare la mobilità dell'arto ferito.

Bypass coronarico e mammario-coronarico

L'intervento consente il ripristino del flusso sanguigno attraverso l'elusione del punto ristretto con l'aiuto di shunt. L'operazione viene eseguita con la connessione della macchina cuore-polmone e la respirazione artificiale. In alcuni casi, l'intervento viene eseguito su un cuore pulsante.

indicazioni:

  • espulsione di sangue nel ventricolo sinistro inferiore al 30%;
  • danno al tronco dell'arteria coronaria sinistra;
  • la presenza di una singola arteria coronaria intatta;
  • una combinazione di disfunzione ventricolare sinistra con danno trivascolare.

L'intervento viene eseguito se le valvole cardiache sono colpite insieme al danno alle arterie coronarie. In questo caso, le valvole sono prima protesiche, quindi vengono cuciti gli shunt. Lo shunt viene effettuato anche in caso di ostruzione completa della nave, quando è impossibile installare uno stent.

Lo smistamento è spesso effettuato con lesioni isolate delle arterie coronarie. L'operazione è traumatica e non esclude il rischio di morte durante l'intervento. Dopo l'intervento chirurgico, i pazienti vengono trattati con agenti fluidificanti del sangue.

In alcuni casi, viene eseguito un intervento di bypass mammarocoronarico. Se la versione precedente utilizza una vena dalla gamba o un'arteria dal braccio, allora questo metodo prende la parte distale dell'arteria interna del torace. La scelta rimane per il cardiochirurgo, poiché l'uso dell'arteria interna non è sempre possibile.

L'efficacia dei rimedi popolari

L'auto-trattamento a casa con un infarto è inaccettabile. Le piante medicinali non possono avere un'azione rapida quanto i farmaci. Inoltre, per accelerare l'effetto terapeutico, molti farmaci richiedono la somministrazione endovenosa.

Tuttavia, nel periodo post-infarto è consentito l'uso di rimedi popolari. In questa fase, le piante medicinali aiutano a stabilizzare l'attività cardiaca, migliorare il flusso sanguigno e la pronta guarigione.

Come trattare i rimedi popolari di un attacco di cuore:

Pinterest