Cos'è la sclerosi dell'aorta del cuore e come viene trattata?

Sclerosi dell'aorta del cuore - che cos'è? Questa è una malattia abbastanza comune negli anziani. Il suo sviluppo è promosso dal danno della radice o dell'arco di questa arteria da placche o calcificazioni di colesterolo. Nei casi più gravi, l'intera aorta è coinvolta nel processo patologico. I sintomi e il rischio di complicanze dipendono dalla posizione e dall'entità delle lesioni arteriose, nonché dallo stato generale del sistema cardiovascolare.

La malnutrizione porta alla formazione di placche aterosclerotiche: consumo di cibi ricchi di colesterolo e mancanza di verdure fresche e frutta nella dieta. Il rischio di sviluppare la malattia è significativamente aumentato in presenza di eccesso di peso. Aortosclerosi può verificarsi sullo sfondo di malattie infettive e infiammatorie - tubercolosi o sifilide.

Il quadro clinico della malattia

L'aorta è la più grande arteria responsabile del rifornimento di sangue a tutti gli organi e sistemi. Consiste di 2 dipartimenti. Il petto alimenta il cervello, i polmoni, il collo e gli arti superiori. L'addominale è responsabile per l'apporto di sangue allo stomaco, all'intestino, agli arti inferiori, al fegato, ai genitali. Il quadro clinico, il tasso di sviluppo e la natura delle complicanze dipendono dalla prevalenza del processo patologico. La sclerosi aortica del torace, di regola, è asintomatica. Questa è la forma più comune della malattia. I primi segni compaiono dopo 60 anni, quando i tessuti aortici diventano irrimediabilmente distrutti. Il paziente avverte una sensazione di bruciore dietro lo sterno, la pressione superiore aumenta in modo significativo. Ci sono problemi con la respirazione e la deglutizione.

Ulteriori segni della malattia possono essere l'invecchiamento prematuro della pelle, l'aspetto dei capelli grigi, l'ipertricosi auricolare, la lipomatosi del viso e del collo, l'aspetto di un bordo luminoso intorno all'iride dell'occhio. La sclerosi aortica dell'addome è meno della metà dei casi. Nelle fasi iniziali, i sintomi sono lievi. Con un lungo corso del processo patologico, l'apporto di sangue agli organi vitali è disturbato, il che può portare a disturbi ischemici. I principali sintomi di questa forma della malattia sono il dolore addominale dopo aver mangiato. L'attacco dura 3-4 ore, dopo di che si abbassa spontaneamente. La violazione dei processi di assimilazione dei nutrienti porta all'esaurimento del corpo. Quando i segni di sclerosi dell'arco aortico, un bisogno urgente di consultare un medico.

Senza trattamento, possono svilupparsi condizioni patologiche potenzialmente letali. La trombosi dei vasi della cavità addominale porta ad un'infiammazione diffusa del tessuto muscolare e degli organi interni - peritonite diffusa. Le condizioni del paziente si deteriorano drammaticamente, appare un quadro clinico dell'addome acuto. In caso di resa intempestiva delle cure mediche, si verifica la morte. Lo sviluppo di insufficienza renale acuta, ipertensione arteriosa e ictus ischemico causati dal blocco dei vasi sanguigni che alimentano il cervello è considerato non meno pericoloso. La complicazione più grave è l'insufficienza coronarica, che porta alla morte degli ammalati. Cos'è la sclerosi aortica e come viene trattata?

Interventi terapeutici Trattamento farmacologico e chirurgico

Nella sclerosi aortica, il trattamento può essere effettuato utilizzando tecniche conservative e chirurgiche. È necessario iniziare riducendo il livello di colesterolo nel sangue e abbandonando le cattive abitudini. Fumare e bere alcol esacerba la gravità della malattia. Devi controllare il tuo peso e mangiare bene. L'eccesso di cibo aumenta il carico sul cuore, quindi è necessario mangiare cibo in piccole porzioni, 5-6 volte al giorno. Esercizio moderato richiesto, ma dal sollevamento pesi e corsa dovrebbe astenersi. Basta fare esercizi mattutini, passeggiare all'aria aperta e lavorare in campagna. Lo stress influisce sullo stato del sistema cardiovascolare, quindi è necessario evitare situazioni di conflitto.

Il trattamento farmacologico mira a eliminare le placche aterosclerotiche. Possono essere utilizzate statine, riducendo la concentrazione di grasso. I fibrati hanno lo stesso effetto. L'acido nicotinico accelera la disgregazione dei grassi ed elimina il loro accumulo nel sistema circolatorio. Sequestra di acidi biliari impediscono l'assorbimento di queste sostanze dall'intestino, che riduce il livello di colesterolo nel sangue. Il regime di trattamento viene selezionato in base alle caratteristiche individuali dell'organismo, alla localizzazione del processo patologico e alla presenza di determinati sintomi.

Se la sclerosi colpisce la radice aortica, possono verificarsi un infarto o un ictus in qualsiasi momento. Con la trombosi delle arterie viscerali, che è una delle complicanze della sclerosi addominale del vaso coronarico, è indicato un intervento chirurgico urgente. Durante l'operazione, la parte sclerotica dell'aorta viene rimossa e sostituita.

Sclerosi aortica: cause, sintomi, forme, come trattare, prevenzione

La sclerosi aortica è una patologia cronica del sistema arterioso causata da una violazione del metabolismo del colesterolo nel corpo. I cambiamenti aterosclerotici nella parete del vaso sono più spesso osservati tra gli anziani. La sclerosi aortica è la localizzazione più frequente e pericolosa del processo patologico. Questa nave è sottoposta a carichi pesanti ed è più suscettibile agli effetti dei fattori provocatori.

Di solito, le placche di colesterolo colpiscono parti dell'aorta. Nei casi più gravi, il processo patologico copre l'intero vaso sanguigno. Debole afflusso di sangue al cuore porta allo sviluppo di insufficienza coronarica, che è spesso fatale. La sclerosi aortica richiede una terapia tempestiva e adeguata.

L'aorta è la struttura più importante del sistema arterioso, fornendo organi interni e tessuti con sangue ossigenato. La causa principale dello sviluppo della patologia è la dislipoproteinemia. Alcune lipoproteine ​​trasportano il colesterolo nella parete vascolare, altre lo rimuovono dal corpo. L'aterosclerosi ha una predisposizione genetica e viene tramandata di generazione in generazione. I fattori esogeni influenzano anche il metabolismo dei lipidi e contribuiscono allo sviluppo della forma acquisita della malattia. Allo stesso tempo, i lipidi penetrano nel rivestimento interno dell'aorta, compaiono macchie gialle che contengono colesterolo, dandogli colore. Dopo un po 'di tempo alcune macchie scompaiono e il resto cresce in tutte le direzioni. L'aorta è compattata. La crescita delle formazioni nel lume della nave porta alla comparsa di placche aterosclerotiche sull'endotelio. Col passare del tempo, nelle lesioni, cresce il tessuto fibroso. Tali cambiamenti contribuiscono al restringimento del lume della nave, così come il compattamento e l'ispessimento delle sue pareti. La perdita di flessibilità ed elasticità dell'aorta, la riduzione del lume vascolare, la violazione dell'integrità della placca di colesterolo portano all'accumulo di piastrine, alla lenta circolazione sanguigna, allo sviluppo della trombosi.

sconfitta dell'aorta toracica (a) e addominale (b)

Le placche di dimensioni particolarmente grandi comprimono le pareti del vaso sanguigno, che termina con la formazione di focolai di necrosi. La fusione di focolai necrotici porta alla comparsa di ateromatosi estesa. Con il coinvolgimento dello strato intermedio dell'aorta nel processo patologico, l'elasticità delle sue pareti è persa. Ciò porta allo sviluppo di un aneurisma, al posto del quale è possibile la rottura aortica.

Eziologia e patogenesi

Ci sono vari fattori eziologici della sclerosi aortica, ognuno dei quali in un modo o nell'altro provoca lo sviluppo di patologie.

  • Nutrizione impropria
  • Malattie infettive croniche - sifilide, tubercolosi.
  • Endocrinopatia - obesità, diabete.
  • Stress e alti livelli di adrenalina.
  • Ipertensione.
  • Malattie autoimmuni
  • Tabacco e alcolismo.
  • Gotta.
  • L'inattività fisica.
  • Mancanza di attività fisica
  • Predisposizione ereditaria

L'eliminazione dei fattori provocatori o la loro ridotta influenza consente di alleviare la condizione dei pazienti.

La patogenesi della malattia coinvolge due meccanismi principali: piastrinica o dislipidemica.

Le piastrine si accumulano nel sito di danno alla parete vascolare e si formano microtrebre. Il metabolismo lipidico disturbato porta all'ipercolesterinemia. Sulle pareti delle arterie si accumulano i grassi, che sono tenuti insieme da fibre di tessuto connettivo. È così che si formano placche aterosclerotiche. Man mano che le placche crescono, il lume delle navi si restringe e si deforma. Con l'aorta aterosclerotica, l'afflusso di sangue al cuore viene disturbato e si verifica la sua disfunzione.

La rottura della placca e la formazione di trombi sono le cause dell'aterotrombosi, portando a un restringimento ancora più grave dell'aorta e allo sviluppo della fame di ossigeno nei tessuti.

La sclerosi aortica è una delle malattie più frequenti dell'umanità moderna, che colpisce soprattutto le persone anziane, ma non è un segno caratteristico della vecchiaia. La sclerosi delle pareti dell'aorta si sviluppa solitamente in persone di età superiore a 45 anni. Negli uomini, questa patologia si riscontra molto più spesso che nelle donne. La malattia colpisce principalmente i residenti delle grandi città.

sintomatologia

Il quadro clinico della sclerosi aortica dipende dalla posizione del focus patologico e dalle condizioni generali del cuore e dei vasi sanguigni. La patologia è caratterizzata da un lungo decorso asintomatico e si trova nella fase di sviluppo di complicanze potenzialmente letali - insufficienza coronarica acuta o ischemia cerebrale.

La posizione della lesione determina l'intero sintomo della malattia. Le prime manifestazioni cliniche compaiono nella vecchiaia. Ciò è dovuto al deterioramento delle pareti dell'aorta e allo sviluppo di significativi cambiamenti patologici. Quando compaiono i primi segni della malattia, i pazienti diventano spaventati. Sullo sfondo del completo benessere, hanno improvvisamente un forte dolore al petto, la pressione sanguigna aumenta, la respirazione diventa difficile e le vertigini. I pazienti lamentano un forte deterioramento della salute, mancanza di respiro, dolore al torace o all'addome, dispepsia.

La sclerosi aortica ha un decorso cronico, suddiviso in due periodi principali:

  1. Preclinico, caratterizzato da cambiamenti nei parametri di laboratorio.
  2. Clinica - la presenza di sintomi gravi. I suoi stadi principali sono: ischemico, trombonekrotichesky e sclerotico.

Le persone che soffrono di sclerosi aortica hanno un aspetto distintivo: sembrano più vecchie dei loro anni, diventano grigie e calve precocemente, perdono il loro splendore negli occhi, il tono della pelle è rotto, le pieghe e piccoli angiomi compaiono su di essa e compaiono cambiamenti trofici sulle gambe.

Affetto dell'aorta toracica

La lesione aterosclerotica dell'aorta porta a ipertensione polmonare, alterazioni dell'emodinamica, insufficienza valvolare. Il ristagno di sangue nei polmoni termina con lo sviluppo di pneumosclerosi e ischemia acuta del cuore.

struttura aortica e conseguenze pericolose della sua sclerosi - aneurisma

Con il restringimento dell'aorta toracica, l'apporto di sangue al cervello si deteriora, che è irto di sviluppo di ictus.

I sintomi della sclerosi dell'aorta toracica:

  • Dolore bruciante che si alza periodicamente nel torace;
  • Raucedine o raucedine;
  • disfagia;
  • L'ipertensione;
  • lightheadedness;
  • Sindrome convulsiva;
  • La comparsa dei primi segni di invecchiamento.

sclerosi della valvola aortica

La sclerosi dell'arco aortico si manifesta con aritmia, angina, sintomi di scompenso cardiaco e infarto del miocardio. Con la sconfitta delle arterie che riforniscono il cervello, i pazienti appaiono mal di testa prolungati, intorpidimento della testa, vertigini, rumore nella testa, indebolimento della memoria, cambiamenti nella psiche e nel comportamento, sintomi di ictus. Se la radice dell'aorta è coinvolta nel processo patologico, la sclerosi della valvola aortica e la sua insufficienza si sviluppano.

Sconfitta dell'aorta addominale

Il danno sclerotico all'aorta addominale porta allo sviluppo di disfunzione del fegato, dello stomaco e di altri organi dell'apparato digerente, dei reni, dell'utero, della prostata e di altri organi interni.

I sintomi della sclerosi aortica addominale:

  1. Dolore epigastrico periodicamente insorto, pressante, inespresso che si verifica dopo aver mangiato e passa da solo in poche ore;
  2. Stitichezza alternata a diarrea;
  3. Distensione addominale;
  4. Diminuzione dell'appetito;
  5. Perdita di peso;
  6. Intorpidimento e freddezza delle gambe;
  7. Dolore alle gambe durante lo spostamento;
  8. Gonfiore delle gambe;
  9. Processi distrofici fino alla cancrena;
  10. Distonia gastrocnemio;
  11. Disfunzione erettile negli uomini

Nelle lesioni aterosclerotiche delle arterie mesenteriche, focolai di necrosi compaiono nella parete intestinale. La malattia si manifesta con un forte dolore addominale, che non viene fermato dall'uso di analgesici.

la lesione aterosclerotica trombotica delle arterie spontanee si verifica spesso insieme all'aterosclerosi aortica

Tutti i suddetti sintomi della malattia - una ragione per contattare la clinica. In assenza di una terapia tempestiva e adeguata, possono svilupparsi gravi complicazioni della patologia.

trattamento

I seguenti metodi diagnostici possono essere usati per riconoscere la sclerosi aortica: radiografia, esame generale, palpazione e percussione.

Prima di procedere con il trattamento medico o chirurgico della sclerosi aortica, è necessario eliminare tutti i fattori predisponenti:

  • Normalizza i livelli di colesterolo nel sangue
  • Controlla il peso corporeo
  • Mangia bene,
  • Abbandona le cattive abitudini
  • Ottimizza l'attività fisica
  • Evita situazioni stressanti.

Terapia conservativa

Attualmente, per il trattamento della sclerosi dell'aorta, ci sono diversi gruppi di farmaci che normalizzano il metabolismo dei grassi nel corpo. Prendere tali farmaci dovrebbe essere quotidiano per diversi anni, e più spesso - per tutta la vita. Per controllare il processo di trattamento, è necessario effettuare un esame del sangue una volta al mese.

Specialisti, date le condizioni generali dei pazienti e il grado di danno aortico, prescrivono i seguenti farmaci:

  1. Sequestra di acidi biliari - "Kolestiramin", "Kolestipol".
  2. Statine - "Rosuvastatina", "Atorvastatina", "Simvastatina".
  3. Fibrati - Fenofibrato, Cyprofibrato, Gemfibrozil.
  4. Farmaci ipolipidemici - "Proprime", "Alkolex", "Angionorm".
  5. Acidi grassi polinsaturi - Omacor, Tykveol, Ravisol.
  6. I farmaci coleretici contribuiscono al rilascio del corpo dall'eccesso di colesterolo, che viene escreto dal corpo con la bile - "Allohol", "Hofitol".
  7. Vitamine e minerali hanno un effetto positivo sulla disgregazione del colesterolo. Di solito ai pazienti vengono prescritti complessi multivitaminici contenenti vitamine C, B2, B6, PP.

I preparati di questi gruppi sono controindicati per le donne in gravidanza e in allattamento, così come per le persone con ipersensibilità ai componenti del farmaco e alle persone che soffrono di gastrite, gotta e altre malattie somatiche.

Il trattamento di malattie concomitanti è un prerequisito per ottenere un effetto terapeutico stabile. I pazienti con ipertensione devono assumere farmaci antipertensivi e diabetici - agenti ipoglicemici.

Trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico è utilizzato nello sviluppo di complicanze potenzialmente letali e nella progressione della malattia. Durante l'operazione, viene rimossa una placca aterosclerotica o un trombo, e quindi l'aorta è protesica. Ciò consente di ripristinare il normale flusso sanguigno in breve tempo.

Ictus, insufficienza renale e ischemia renale richiedono un intervento chirurgico immediato. Se ciò non viene fatto, la trombosi delle arterie porterà alla necrosi dell'intestino e allo sviluppo della peritonite.

chirurgia aortica (a) e opzione minimamente invasiva - stent aortico (b)

Medicina popolare

I rimedi popolari progettati per eliminare le lesioni sclerotiche dell'aorta, non hanno praticamente controindicazioni ed effetti collaterali, influenzano delicatamente il corpo e vengono utilizzati in combinazione con farmaci tradizionali.

  • Un rimedio popolare usato per la prevenzione e il trattamento della sclerosi è costituito da succo di limone, miele e olio d'oliva. Questi ingredienti sono mescolati e prendono il prodotto risultante rigorosamente a stomaco vuoto. Il corso del trattamento è di 3 settimane.
  • L'aglio tritato viene mescolato con succo e scorza di limone, versare la farina con 500 ml di acqua e assumere a stomaco vuoto.
  • La tintura di rosa canina richiede 20 gocce al giorno. Le bacche sono schiacciate, versate la vodka cruda, insistono per 14 giorni.
  • Il succo di biancospino è un rimedio efficace per l'aterosclerosi.
  • L'infusione di foglie di piantaggine e la tintura di aglio aiuterà a fermare e persino a invertire il processo aterosclerotico.
  • Mescolare il rafano tritato con panna acida e utilizzare il prodotto ottenuto più volte al giorno.
  • Preparare uno sciroppo di cipolla: cipolla strofinata su una grattugia, ricoperta di zucchero, insistere giorno. La medicina è presa in un cucchiaio tre volte al giorno.

prevenzione

Per la prevenzione della patologia, si raccomanda alle persone a rischio di seguire una dieta che ripristini il metabolismo, normalizzi la pressione sanguigna e migliori la resistenza al glucosio.

Si raccomanda ai pazienti di seguire le seguenti raccomandazioni dei nutrizionisti:

  1. Mantenere un contenuto calorico giornaliero di cibo nel range di 2000 -2500 kcal;
  2. Esclusione dalla dieta di cibi ricchi di grassi animali;
  3. Esclusione dalla dieta di carboidrati semplici - confetteria, pasticceria dolce, patate, pane bianco, riso;
  4. Assunzione di sale limitata;
  5. Arricchendo la dieta con vitamine, fibre e acidi grassi polinsaturi - verdure, frutta, olio vegetale, pesce.

Per non trattare la sclerosi aortica per un lungo periodo di tempo e dolorosamente, è meglio prevenirla. A questo scopo, si raccomanda di praticare regolarmente la cultura fisica e la ginnastica respiratoria, camminare a piedi, combattere le cattive abitudini. Prima vengono adottate misure preventive, minori sono le probabilità di ammalarsi. In ogni caso, tutte le misure preventive dovrebbero essere monitorate da un medico. Monitora le dinamiche di laboratorio, registra i dati di ecografia del cuore e dell'aorta, elettrocardiografia, ergometria in bicicletta ed esame visivo.

La sclerosi aortica è una malattia grave che provoca dolore, disagio e limita il solito modo di vivere. Ma questa non è una frase. Con un approccio ragionevole al trattamento, il processo patologico è completamente reversibile.

Se non vieni trattato in tempo, non visitare il medico, ignorare i primi sintomi della malattia e trattare seriamente la tua salute, la sclerosi dell'aorta porterà ad altre malattie più pericolose e persino alla morte. Ascolta il tuo corpo e segui le misure preventive, e poi questo disturbo ti passerà vicino.

Aterosclerosi dell'aorta cosa si prova a trattare

La sclerosi dell'aorta, altrimenti nota come aterosclerosi dell'aorta, o non correttamente denominata sclerosi aortica dei polmoni, è associata a metabolismo lipidico compromesso, con il risultato che un vaso sanguigno di grandi dimensioni come l'aorta è interessato. Le sue pareti perdono elasticità e le conseguenti placche sclerotiche bloccano il flusso di sangue, indebolendolo.

Si è sempre pensato che la sclerosi dell'aorta sia una malattia degli anziani. Tuttavia, nel corso degli studi su questa patologia, si è scoperto che i cambiamenti iniziali nelle pareti dei vasi possono essere registrati già all'età di dieci anni. Si scopre che prima delle manifestazioni cliniche il processo di indurimento si sviluppa quasi per tutta la vita.

Cos'è la sclerosi aortica

  • Aorta.
  • Tronco polmonare.
  • Arterie polmonari - destra e sinistra.

Per una comprensione più chiara, è necessario fare riferimento ad alcuni dati anatomici, con i quali è possibile determinare il livello e la localizzazione del processo patologico.

L'aorta è il più grande vaso sanguigno arterioso del tipo elastico con un diametro non superiore a 3,7 cm, che partecipa alla formazione della circolazione polmonare.
L'aorta è divisa anatomicamente in tre parti:

  • La parte ascendente - proviene dal ventricolo sinistro del cuore.
  • L'arco aortico è la flessione della parte ascendente dell'aorta al livello della seconda coppia di costole.
  • La parte discendente è la parte dell'aorta, che ha origine da 3 - 4 vertebre toraciche.

Inoltre, l'aorta, secondo le zone di responsabilità per la fornitura di sangue, è divisa in due sezioni:

  • Regione toracica - parte della nave fino alla dodicesima vertebra toracica. Nutre la parte superiore del corpo.
  • La regione addominale - la continuazione dell'aorta toracica dal livello della 12a vertebra toracica. Nutre la parte inferiore del corpo.

Il tronco polmonare è un vaso sanguigno di tipo elastico con un diametro non superiore a 3 cm, proveniente dal ventricolo destro. Il tronco polmonare è coinvolto nella formazione della circolazione polmonare. Anatomicamente determinato a livello 2 dello spazio intercostale / 3 costole a sinistra dello sterno.

Il tronco polmonare al livello 4 della vertebra toracica è diviso in due grandi vasi - le arterie polmonari destra e sinistra, che sono responsabili per l'afflusso di sangue ai polmoni.

Le arterie polmonari sono due grandi vasi arteriosi con un diametro fino a 2,5 cm, che sono rami del tronco polmonare. Secondo il loro tipo sono le arterie del tipo elastico.

Nell'intervallo tra l'arco aortico e la divisione del tronco polmonare nelle arterie polmonari c'è un legamento arterioso - il dotto di Botallov, che normalmente si chiude durante l'infanzia.

Tutte queste navi possono essere sclerotiche a causa dell'eccessiva deposizione di colesterolo e lipidi.

Per riferimento. Malattie come l'aterosclerosi aortica, che è anche chiamata sclerosi aortica, sclerosi dell'aorta e aterosclerosi del tronco polmonare e / o delle arterie polmonari, che sono un po 'erroneamente chiamate sclerosi aortica, portano alla sclerosi.

Perché sbagliato? Perché l'aorta non è un vaso dei polmoni. Il vaso principale che alimenta il tessuto polmonare, cioè i polmoni in generale, sono le arterie polmonari che escono dal tronco polmonare, un vaso sanguigno indipendente.

Pertanto, al fine di eliminare gli equivoci trovati in Internet, ogni persona che è interessata alle malattie del sistema cardiovascolare deve sapere che l'aorta e il tronco polmonare sono completamente separati e vasi separati.

Nonostante il fatto che l'aterosclerosi sia la causa principale dello sviluppo della sclerosi di grandi vasi arteriosi, ci sono anche ragioni per le quali si osserva il restringimento del lume di queste arterie.

Nel nostro articolo stiamo parlando di scleroterapia della nave più importante nel corpo umano - l'aorta.

Sclerosi dell'aorta. eziologia

  • L'aterosclerosi.
  • Il diabete mellito.
  • Ipertensione.
  • Sindrome metabolica - una violazione dei processi metabolici nel corpo, a partire dal livello di cellule e tessuti e termina con un grande disordine metabolico.
  • Stile di vita sedentario
  • Situazioni croniche stressanti
  • Sovrappeso.
  • Eredità.
  • Nutrizione sbilanciata.
  • Processi infettivi cronici.
  • Malattie di origine autoimmune.
  • Fumo.
  • L'alcolismo.
  • Addiction.

Va notato che tutte le suddette ragioni, ad eccezione dell'ereditarietà e dell'aterosclerosi, in un modo o nell'altro portano allo sviluppo di disturbi del metabolismo lipidico, che alla fine portano allo sviluppo dell'aterosclerosi.

Indipendentemente dalla causa, che sia l'ipertensione o il diabete mellito, la deposizione di colesterolo, trigliceridi e lipoproteine ​​avviene quasi con lo stesso meccanismo.

patogenesi

La malattia aortica aterosclerotica si sviluppa piuttosto lentamente. Potrebbero essere necessari diversi anni per formare una placca sclerotica a tutti gli effetti.

I principali meccanismi patogenetici dello sviluppo dell'indurimento aortico sono:

  • La formazione di macchie e strisce di origine lipidica.
  • Formazione della placca stessa.
  • Formazione di una placca complicata.

In questo processo, che è caratterizzato da una violazione del metabolismo dei lipidi, si osservano tali cambiamenti:

  • Depositi di colesterolo nell'aorta dovuti all'aumento della concentrazione nel sangue e alla violazione della struttura delle pareti vascolari.
  • L'accumulo di lipoproteine ​​a bassa e bassissima densità (particelle aterogeniche), trigliceridi, corpuscoli sanguigni e loro prodotti di decadimento.
  • Ridurre il numero di lipoproteine ​​"utili" ad alta densità, che agiscono come "detergenti" del sangue.

Nel momento in cui la placca si è già formata nell'aorta, c'è un pericolo che dipende dalla condizione di una tale placca.

La placca aterosclerotica nell'aorta può essere:

  • Stabile: questa formazione è caratterizzata da stabilità, crescita lenta, forma relativamente piatta con una capsula esterna resistente e duratura. La placca stabile è in crescita da molti anni e non contiene molti lipidi.
  • Instabile - in questo caso, una tale formazione può essere chiamata estremamente pericolosa. La placca instabile ha una capsula molto sottile, contiene molto grasso, cresce molto rapidamente. Il tempo di interruzione di tale placca è impossibile da prevedere.

Nella sconfitta dell'aorta da aterosclerosi ha le sue caratteristiche, in quanto può essere coinvolto nel processo dei reparti toracico o addominale, e ci può anche essere una lesione combinata.

Affetto dell'aorta toracica

Poiché la base dell'aorta esce dal ventricolo sinistro, vicino alla valvola aortica semilunare, il flusso sanguigno alterato a causa di un ostacolo sotto forma di placche porta ad un aumento della pressione nel ventricolo sinistro e nell'atrio sinistro. Il risultato è un guasto dell'apparato della valvola aortica.

In quei casi in cui la gente parla di sclerosi aortica dei polmoni, il seguente processo è in realtà inteso:

  1. Disturbi emodinamici prolungati nell'aorta portano a cambiamenti nel meccanismo circolatorio nel grande cerchio.
  2. Ciò porta all'esaurimento del sangue in esso.
  3. Il sangue che doveva entrare nella circolazione sistemica rimaneva nei polmoni.
  4. Nei polmoni si sviluppa la stasi che porta alla formazione della pneumosclerosi, il processo di sostituzione del tessuto polmonare fibroso esistente, che non svolge alcuna funzione polmonare.
  5. Nei polmoni, c'è un deterioramento nell'arricchimento del sangue con l'ossigeno.
  6. Si sviluppa lo stato ipossico (mancanza di ossigeno nelle cellule).
  7. Formata ipertrofia del ventricolo sinistro e compressione dei vasi coronarici del cuore.
  8. Le patologie ischemiche che ne derivano portano allo sviluppo di infarto miocardico.

Poiché l'aorta toracica fornisce sangue all'intera parte superiore del corpo, ai suoi organi e ai suoi tessuti, la sua sconfitta può terminare non solo con un attacco cardiaco, ma anche con i segni finali di una lesione del canale vascolare cerebrale - ictus.

La cosa principale è cercare immediatamente un aiuto medico per non perdere i sintomi dell'aterosclerosi dell'aorta toracica.

Sintomi dell'aorta aortica

I seguenti sintomi sono caratteristici dell'aterosclerosi dell'aorta toracica:

  • Aumento della pressione sanguigna, principalmente sistolica.
  • Disturbo del ritmo cardiaco
  • Dolori toracici instabili, a volte gravi, bruciore, spremitura del carattere.
  • Irradiazione del dolore al collo, parte inferiore del viso, braccia, schiena, ipocondrio.
  • Vertigini.
  • Difficoltà nella deglutizione e raucedine nella sconfitta dell'arco aortico.
  • Debolezza, svenimento e sviluppo di una sindrome convulsiva dovuta a bruschi giri del collo e del corpo.
  • Pulsazione tra le costole sul lato destro dello sterno.
  • Formazione di una striscia leggera sul bordo esterno dell'iride.
  • Wen sul viso.
  • Crescita dei capelli migliorata nelle orecchie.

L'insorgenza acuta non è caratteristica del dolore nell'aterosclerosi dell'aorta toracica. Il dolore si verifica periodicamente, può durare da alcuni giorni a diverse settimane.

Nonostante il carattere chiaro dei segni dell'aterosclerosi aortica, ogni persona è un individuo. È impossibile prevedere come e quando la malattia inizierà a manifestarsi e diventare complicata. Pertanto, se si verifica uno di questi sintomi, consultare immediatamente un medico.

Sconfitta dell'aorta addominale

Osservato più spesso della sconfitta del torace. Nell'aterosclerosi dell'aorta addominale, l'insorgenza della malattia è anche lunga e graduale.

Solo nelle fasi successive compaiono segni di danno ischemico alla metà inferiore del corpo: gli organi interni, gli organi pelvici e gli arti inferiori.

Il processo patologico può coinvolgere entrambe le parti dell'aorta e il tutto, oltre a portare allo sviluppo di una forma addominale di infarto miocardico.

I sintomi dell'aorta addominale

  • Ipertensione.
  • Mancanza di funzionalità renale, che porta a una malattia non meno pericolosa - insufficienza renale terminale, il cui tasso di mortalità è anche alto.
  • Nausea, vomito.
  • Perdita di appetito, perdita di peso.
  • Sviluppo della sindrome dell'edema.
  • La morte delle arterie intestinali e dei suoi reparti con lo sviluppo della peritonite.
  • Dolore in varie parti dell'addome, caratterizzato dalla mancanza di una risposta terapeutica alla ricezione di farmaci antispastici.
  • Gonfiore.
  • Stitichezza con diarrea intermittente.
  • Quando la palpazione dell'aorta è determinata dalla sua irregolarità, la durezza in alcune aree.
  • Intorpidimento, perdita di sensibilità alle gambe e il loro raffreddamento.
  • Claudicatio intermittente, dolore alle gambe durante lo spostamento, gonfiore.
  • Vene varicose, ulcere trofiche, necrosi, cancrena, sepsi.
  • Impotenza.
  • Ischemia della cavità addominale e organi pelvici.
  • Trombosi dei vasi mesenterici coinvolti nel rifornimento di sangue all'intero intestino. Questo è il segno più pericoloso della malattia, che può portare a necrosi intestinale, peritonite, morte.

Per indurire l'aorta addominale è anche caratterizzato dallo sviluppo graduale, l'insorgenza di dolore prolungato, che non sono alleviati da antispastici, una lunga assenza di sintomi.

diagnostica

Questo fattore è un fattore predittivo nell'ulteriore sviluppo della malattia. Per la diagnosi di aterosclerosi dell'aorta è necessario tenere:

  • Presa in carico accurata della storia e visita medica.
  • Fluorography.
  • Esame generale e biochimico del sangue, basato sui sintomi sviluppati.
  • Lo studio della concentrazione sanguigna di lipidi e frazioni.
  • ECG.
  • Esame ecografico dei vasi e del cuore.
  • Angiografia coronarica
  • Angiografia.
  • Rheoencephalography.
  • Tomografia computerizzata
  • Imaging a risonanza magnetica.

Una diagnosi corretta e tempestiva è la chiave per un trattamento efficace ed efficace, migliorando la qualità della vita e la sua conservazione.

trattamento

La fornitura tempestiva di assistenza medica consente al paziente di vivere una vita sana nel rispetto di determinati requisiti.

Il trattamento per l'aterosclerosi dell'aorta è permanente, complesso e diverso da una scrupolosa selezione di farmaci, dosaggi e aderenza.

Attualmente, per il trattamento della sclerosi aterosclerotica aortica, vengono utilizzate le seguenti misure:

  • Una dieta che limita i cibi ricchi di colesterolo.
  • Attività fisica
  • Smettere di fumare e alcol.
  • L'uso di statine, che riduce la formazione di colesterolo, LDL, VLDL, trigliceridi nel sangue e aumenta la concentrazione di HDL benefico. Inoltre, grazie alle statine, la placca aterosclerotica si è stabilizzata.
  • Inibitori del riassorbimento del colesterolo nell'intestino.
  • Sequestranti di acidi biliari, che impediscono la loro deposizione nel corpo.
  • Fibrati: accelerano la disgregazione enzimatica dei grassi.
  • Normalizzazione del peso corporeo.
  • Acido nicotinico - aumenta i processi metabolici del metabolismo dei grassi.
  • Acidi grassi polinsaturi.
  • Farmaci coleretici.
  • Terapia vitaminica
  • Trattamento sintomatico Ad esempio, in presenza di ipertensione arteriosa, i farmaci antipertensivi, i diuretici, sono indispensabili per l'uso.
  • Trattamento chirurgico, protesi dell'aorta.

Inoltre, è necessario monitorare il profilo lipidico del sangue, nonché l'esame ecografico dell'aorta in conformità con la dinamica della malattia e il suo trattamento.

La cosa principale dipende dalla qualità della diagnosi e del trattamento - la prognosi di sopravvivenza di ciascun paziente.

Prognosi di sopravvivenza

È estremamente difficile valutare il tasso di sopravvivenza dell'aterosclerosi della più grande nave del corpo, l'aorta. Prima di tutto dipende dal danno sistemico della malattia del corpo.

Nella medicina mondiale, è comune valutare la prognosi dell'aterosclerosi usando la scala del rischio cardiovascolare, che si chiama SCORE.

Pertanto, i principali fattori di una prognosi favorevole per l'aterosclerosi sono:

  1. Trattamento tempestivo al medico.
  2. Diagnosi corretta e completa
  3. La nomina di un trattamento efficace.
  4. Conformità al regime e trattamento prescritto.

Questi fattori non solo aiuteranno a migliorare la qualità della vita, ma anche a preservarla.

Cause dell'aterosclerosi aortica e delle lesioni valvolari

L'aterosclerosi (dal greco Athera - gruel e sclerosi) è un processo degenerativo cronico in cui il colesterolo e altri substrati si depositano nella parete dell'arteria, il che porta a una perdita di elasticità e una diminuzione del lume della nave. Lo stesso processo può verificarsi nelle valvole del cuore.

Aterosclerosi dell'aorta e della valvola, i suoi cambiamenti degenerativi negli anziani portano alla calcificazione (deposizione di calcio). Di conseguenza, c'è un'ostruzione al movimento del sangue dal ventricolo sinistro nell'aorta. Quali sono le manifestazioni cliniche di questa patologia, come viene trattata, come prevenire lo sviluppo della malattia?

Leggi in questo articolo.

L'aterosclerosi come causa della stenosi aortica

L'aterosclerosi è una malattia degenerativa diffusa delle arterie, che porta alla formazione di cosiddette placche aterosclerotiche, composte da cellule morte, lipidi e cristalli di colesterolo. Avendo iniziato impercettibilmente in giovane età, in uno più maturo questo processo porta ad una diminuzione del lume delle arterie, rispettivamente, l'afflusso di sangue agli organi si deteriora.

La deposizione di colesterolo sulla parete della nave: 1 - monocita; 2 - colesterolo "cattivo"; 3 - macrofagi; 4 - citochine - molecole polipeptidiche di segnalazione; 5 - arteria; 6 - vaso sanguigno; 7 - flusso sanguigno; 8 - trombo; 9 - la parete interna dell'arteria; 10 - placca sulla parete interna dell'arteria; 11 - rottura della placca; 12 - il flusso sanguigno viene interrotto

Le manifestazioni cliniche dell'aterosclerosi dipendono dalla nave colpita e dal grado del suo blocco. Ad esempio, se le arterie coronarie si restringono, questo porta alla malattia delle arterie coronarie. Con la sconfitta dell'aorta addominale e dei vasi iliaci, si sviluppano sintomi di insufficiente apporto di sangue agli arti inferiori (claudicazione intermittente, atrofia cutanea, ecc.).

Oltre alle arterie, questo processo degenerativo può verificarsi anche nelle valvole cardiache. L'aterosclerosi dell'aorta e della valvola aortica si verifica in parallelo con il danno alle arterie cardiache e ai vasi cerebrali. Dove questo processo sistemico "va oltre", appaiono le sue manifestazioni cliniche.

Aorta addominale in un taglio

Alcune persone con aterosclerosi aortica sviluppano la calcificazione della valvola cardiaca, cioè l'accumulo di sali di calcio. Questa situazione porta prima alla sclerosi dei lembi valvolari, alla loro rigidità, al restringimento dell'anello della valvola fibrosa. Più spesso questo accade con la valvola che separa l'aorta e il ventricolo sinistro. L'estrema manifestazione di questo processo sclerotico è la stenosi aortica.

La calcificazione dell'aorta ha portato a cambiamenti nella struttura della valvola aortica, la fusione delle sue valvole

Ma questo non significa che la calcificazione della valvola aortica debba necessariamente portare alla stenosi. Il rischio di una tale transizione è molto basso. Tuttavia, è stato osservato che fattori come l'ipertensione, il diabete, il fumo, le malattie renali e il colesterolo alto possono accelerare questo processo.

Le conseguenze della patologia

Il restringimento del lume tra il ventricolo sinistro e l'aorta, così come l'apertura incompleta dei lembi valvolari, creano un ostacolo, ed è sempre più difficile per il cuore lanciare il sangue nella circolazione sistemica. Un eccessivo lavoro del muscolo cardiaco porta al suo ispessimento (ipertrofia), che a sua volta si realizza nell'aspetto del cosiddetto scompenso cardiaco diastolico. Si verificano i seguenti sintomi:

  • vertigini e svenimento (soprattutto durante l'esercizio fisico);
  • mancanza di respiro;
  • palpitazioni cardiache (di norma, questo è associato alla comparsa di fibrillazione atriale).

L'aterosclerosi dell'aorta con lesioni della valvola e delle arterie coronarie è un fenomeno abbastanza comune. La combinazione del maggiore bisogno di sangue arterioso del muscolo cardiaco durante la stenosi e la sua mancanza dovuta al restringimento aterosclerotico dei vasi coronarici è la causa del dolore dietro lo sterno. Di norma, si verifica durante il sovraccarico emotivo o fisico.

Nella contrazione grave dell'orifizio aortico, l'abilità contrattile del ventricolo sinistro si indebolisce e si verifica la sua dilatazione (espansione), che termina con lo sviluppo di insufficienza cardiaca irreversibile. La morte improvvisa è un evento abbastanza comune nella stenosi aortica grave.

Altre cause di restrizione aortica

L'aterosclerosi dell'aorta e delle cuspidi della valvola aortica è la ragione principale dell'accumulo di depositi di calcio negli anziani, che porta alla sclerotizzazione di queste strutture. Circa 1 su 20 persone di età superiore ai 65 anni hanno uno o un altro grado di stenosi aortica. Ma ci sono altre cause di questa patologia che si verificano in età precoce. Ad esempio:

  • Reumatismi del cuore. La malattia, che 50 anni fa era abbastanza comune e fu la causa principale del restringimento della bocca aortica. Fortunatamente, con l'avvento degli antibiotici, è diventato molto meno comune registrare casi di sviluppo della patologia.
  • Valvola aortica bicuspide. Questa anomalia congenita è la causa più comune di stenosi nei giovani. Invece di tre petali nell'uomo, la valvola aortica è composta da due. Ciò lo rende più vulnerabile ai depositi di calcio, rispettivamente, e alla formazione di stenosi, i cui sintomi possono comparire all'età di 40-50 anni.
Valvola aortica bicuspide
  • Endocardite - infiammazione, sia infettiva che autoimmune del rivestimento interno del cuore.
  • La stenosi aortica congenita è una malformazione del cuore (la formazione di tessuto connettivo anormale situato sopra o sotto la valvola).

Indipendentemente dall'eziologia, una determinata calcificazione della valvola aortica si verifica in un determinato stadio, che porta alla comparsa di sintomi di restringimento dell'orifizio aortico. L'aterosclerosi dell'aorta, le valvole aortica e mitrale si formano principalmente negli anziani e negli anziani e possono interessare altre valvole delle arterie e dei vasi sanguigni.

Diagnosi di patologia

La diagnosi di stenosi aortica non è difficile. La comparsa di sintomi come mancanza di respiro, dolore al torace, vertigini che si verificano durante lo sforzo fisico può portare a sospettare patologie. A volte durante l'esame per un'altra malattia, il medico può sentire soffi al cuore caratteristici della stenosi.

Un'altra variante del "rilevamento preclinico" della malattia è la determinazione della calcificazione della valvola aortica durante l'esame radiologico del torace.

La diagnosi è confermata o esclusa dall'ecocardiografia. Talvolta viene prescritto un cateterismo cardiaco per determinare la gravità della stenosi. Questo metodo è invasivo. Durante la manipolazione, uno speciale catetere viene portato attraverso l'arteria (femorale o radiale) verso il luogo di servizio, sulla punta del quale si trova un sensore. Come conseguenza della manipolazione, la pressione viene determinata su entrambi i lati della valvola, il che aiuta a valutare la gravità della restrizione.

Trattamento della stenosi aortica

Se i sintomi sono assenti, il paziente non ha bisogno di cure. Se compaiono i sintomi, si raccomanda di solito la sostituzione della valvola. Ad oggi, la sua sostituzione è considerata il modo più efficace per sbarazzarsi della malattia. Ma questo non è sempre possibile, quindi la terapia farmacologica può essere offerta al paziente. Farmaci per lo più prescritti per ridurre le manifestazioni di insufficienza cardiaca. I farmaci più comunemente usati sono:

  • ACE-inibitori (inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina);
  • diuretici.

Poiché l'operazione aiuta a rimuovere una grave ostruzione al flusso sanguigno, nella maggior parte dei casi la funzione di pompaggio del cuore viene ripristinata in breve tempo. Pertanto, anche se il paziente è in età avanzata, il suo periodo postoperatorio è abbastanza favorevole.

A seconda della situazione specifica, possono essere proposti i seguenti tipi di correzione chirurgica della stenosi:

  • Valvulotomia - dissezione dei lembi valvolari, l'operazione viene eseguita a cuore aperto.
  • Sostituzione della valvola. Richiede anche un intervento a cuore aperto. Le protesi sono divise in meccaniche e biologiche. I primi sono realizzati con materiali di origine non biologica. Questi ultimi sono parzialmente costituiti da tessuti animali appositamente trattati (ad esempio, suini).
  • Valvuloplastica - allunga il lume ristretto con un palloncino speciale. Questa è un'opzione minimamente invasiva che non richiede un intervento chirurgico a cuore aperto. Attraverso l'arteria femorale, viene fornito un catetere alla bocca aortica, alla fine del quale vi è un palloncino, e quando si espande, le pieghe della valvola aortica che sono "unite insieme" sono tese.
  • Impianto transcatetere della valvola aortica. Questo è un altro approccio minimamente invasivo alla chirurgia della stenosi, quando una valvola artificiale viene impiantata usando una procedura di cateterizzazione molto complessa. Tuttavia, la tecnica è abbastanza nuova, è ancora poco sviluppata. Pertanto, viene utilizzato nei casi in cui è impossibile sostituire la valvola con un cuore aperto.
Impianto transcatetere della valvola aortica

La valvuloplastica con palloncino, confrontata con valvulotomia e protesi valvolari, ha risultati peggiori a lungo termine. Il suo effetto terapeutico spesso non è così lungo. Di regola, la stenosi si ripresenta nel tempo.

Per informazioni su come viene eseguita l'impianto transcatetere della valvola aortica, vedere questo video:

Prevenzione primaria e secondaria

Sotto prevenzione primaria si intende l'eliminazione dei fattori di rischio diretti per l'aterosclerosi. Modifica, cioè, influenza l'ereditarietà, il genere è impossibile. Ma per condurre uno stile di vita sano per tutti. Una dieta corretta, un peso corporeo normale, un'attività fisica regolare e l'interruzione del fumo contribuiscono a prevenire lo sviluppo dell'aterosclerosi, rispettivamente, e la stenosi aortica.

La prevenzione secondaria è un insieme di misure volte a prevenire l'ulteriore sviluppo di una malattia già esistente, il verificarsi delle sue complicanze.

Per quanto riguarda lo sviluppo del restringimento della valvola aortica sullo sfondo dell'aterosclerosi, gli scienziati hanno trovato prove del fatto che il suo progresso è più rapido nelle persone con metabolismo del colesterolo alterato. Dati recenti mostrano che farmaci come le statine, che possono ridurre il livello di colesterolo "cattivo" nel sangue, hanno dimostrato la loro efficacia nel prevenire lo sviluppo della malattia.

I sintomi della stenosi aortica sullo sfondo dell'aterosclerosi aortica possono essere alleviati con l'aiuto della terapia farmacologica. Ma, di regola, col passare del tempo la malattia progredisce, il restringimento diventa più pronunciato, il che richiede un intervento chirurgico. La maggior parte delle persone dopo l'operazione si sente molto meglio, la prognosi diventa molto più ottimistica.

Se l'aterosclerosi dell'aorta viene rilevata, il trattamento tradizionale può aiutare a combattere efficacemente la diagnosi: i mezzi per sostenere il cuore sono in grado di fare miracoli, ma devono essere presi con saggezza

La calcificazione del foglio della valvola è piuttosto difficile da rilevare. Può essere sia mitralico che aortico, direttamente l'aorta e la sua radice. Ci sono due gradi di danno - 1 e 2.

Sfortunatamente, l'aterosclerosi iniziale non viene diagnosticata così spesso. Si nota negli ultimi stadi, quando i segni di aterosclerosi aortica si manifestano in significativi problemi di salute. Cosa mostreranno gli ultrasuoni e altri metodi di ricerca?

La calcificazione del cuore e delle sue singole parti (valvole, cuspidi, vasi sanguigni) vengono rilevate, l'aorta principalmente dopo i 60 anni. Le ragioni possono essere dovute a una dieta scorretta, a cambiamenti legati all'età. Il trattamento prevede la nomina di farmaci, dieta. Aiuto e rimedi popolari.

Se c'è una malattia cardiaca mitrale (stenosi), allora può essere di diversi tipi - reumatico, combinato, acquisito, combinato. In ogni caso, l'insufficienza della valvola mitrale del cuore è curabile, spesso chirurgicamente.

La cardiopatia aortica rivelata può essere di diversi tipi: congenita, combinata, acquisita, combinata, con predominanza di stenosi, aperta, aterosclerotica. A volte effettuano farmaci, in altri casi solo la chirurgia salverà.

I motivi per cui un ispessimento delle pareti dell'aorta, la sua radice, si possono trovare nei processi infiammatori e aterosclerotici. I sintomi possono essere facilmente confusi con altre malattie. Il trattamento è scelto solo dal medico, i rimedi popolari vanno solo nel complesso dopo il coordinamento.

La fibrosi valvolare si sviluppa dopo malattie infettive, reumatismi. Può influire sulla valvola mitrale aortica. La diagnosi inizia con un esame del sangue, urina, ECG. Il trattamento non è sempre richiesto.

Se viene rilevato un aneurisma aortico, la vita del paziente è in pericolo. È importante conoscere le cause e i sintomi della sua manifestazione per iniziare il trattamento il prima possibile. Fondamentalmente questa è un'operazione. Può essere diagnosticata una rottura aortica della regione addominale, toracica e ascendente.

Aterosclerosi della valvola aortica

Angiologia clinica

- malattie di arterie e vene di natura infiammatoria e non infiammatoria, eziologia e patogenesi, presentazione clinica e diagnosi, trattamento e prevenzione delle malattie vascolari.

Aterosclerosi dell'aorta

Nell'angiologia, le manifestazioni cliniche iniziali dell'aterosclerosi aortica sono spesso osservate solo nella sesta o settima decade di vita, sebbene i cambiamenti nelle proprietà fisiche dell'aorta interessata siano determinati molto prima e, secondo alcune informazioni, di solito vengono registrati dalla seconda decade di vita.. I segni caratteristici della malattia sono un aumento della velocità di propagazione dell'onda del polso nell'aorta, cambiamenti nello sfigmogramma (risalita rapida, cima in alto, discesa ripida con una diminuzione dell'ampiezza delle onde addizionali nel catacrota). Più tardi, la pressione arteriosa del polso aumenta, l'arco aortico si prolunga durante l'esame a raggi X, l'ampiezza dell'oscillazione della parete aortica diventa irregolare, i denti sono deformati, ci sono "zone silenti" in aree di sclerosi grave delle pareti e la loro calcificazione durante l'esame a raggi X. Nelle fasi successive, il quadro clinico dipende dalla posizione della lesione. Nei pazienti con aterosclerosi dell'aorta toracica, non ci sono lamentele o sono dovuti a concomitanti lesioni aterosclerotiche di altri tronchi arteriosi - cuore, cervello, reni, ecc. Uno dei sintomi specifici è aortalgia - dolore pressante o bruciore dietro lo sterno, che si irradia ad entrambe le mani, collo, schiena, parte superiore dell'addome. Con lo sforzo fisico e l'agitazione, il dolore si intensifica. Con l'aterosclerosi dell'aorta, a differenza dell'angina, il dolore non ha un chiaro carattere parossistico, dura per ore e persino giorni, a volte indebolisce, poi aumenta, spesso combinato con parestesie nelle mani. Aortalgia è associata ad irritazione delle terminazioni nervose nella parete dell'aorta alterata o del plesso nervoso para-aortico quando le pareti aortiche sono sovrastimate, così come con possibile disturbo della circolazione coronarica. Il dolore nell'aterosclerosi dell'aorta toracica può anche essere localizzato nella parte posteriore e lungo il perimetro del torace, come nella nevralgia intercostale (restringimento delle bocche delle arterie intercostali con placche fibrose).

Se l'arco aortico è significativamente ingrandito, possono comparire difficoltà a deglutire (a causa della compressione dell'esofago), raucedine della voce (dovuta alla compressione del nervo ricorrente) e anisocoria. In questi casi, si sospetta l'aneurisma aortico. Ancora più raramente, si osservano sintomi caratteristici della cosiddetta sindrome dell'arco aortico, che di solito si osserva nella sindrome di Takayasu: vertigini, sincope ortostatica, emiparesi transitoria, convulsioni epilettiformi che si verificano durante una brusca svolta della testa.

Negli ultimi stadi dell'aterosclerosi dell'aorta toracica, si riscontra un aumento dell'area di attenuazione delle percussioni del fascio vascolare nell'area di attacco dell'II costola allo sterno, espansione dell'area di percussione opaca a livello del secondo spazio intercostale a destra dello sterno di 1-3 cm (sintomo di Pothen). L'ondulazione laterale è visibile o palpabile, molto raramente - l'increspatura intercostale alla destra dello sterno. Quando il cuore è percussionato, i suoi confini sono spostati a sinistra o più spesso attraverso. Durante l'auscultazione del cuore, i toni sono attenuati, in particolare il tono sopra la punta, l'II tono prevale e il sistolico soffio sopra la punta. Questi fenomeni sono dovuti alla concomitante cardiosclerosi aterosclerotica. Sopra l'aorta, l'II tono è accorciato, con una sfumatura metallica (calcificazione delle cuspidi semilunari della valvola aortica). Con un concomitante aumento della pressione arteriosa, viene di solito rilevato anche un aumento dell'II tono sopra l'aorta. Se non c'è l'ipertensione. Si tratta di un tono abbreviato, consonante (a sonorità) con una tonalità metallica, il tono II è percepito come accentuato, sebbene il guadagno di tono in quanto tale sia assente. Oltre l'aorta, si sente anche un soffio sistolico indipendente, associato all'aspetto nell'aorta di movimenti di vortici parietali del sangue a causa della sua rigidità e insufficiente espansione durante la sistole, irregolarità superficiali interne nelle posizioni delle placche e in alcuni casi anche cambiamenti sclerotici nei foglietti semilunari della valvola aortica e significativa espansione dell'aorta.

L'aterosclerosi dell'aorta toracica è caratterizzata da un sintomo positivo di Sirotina-Kukoverova: un aumento del rumore sistolico e allo stesso tempo un secondo tono sopra l'aorta quando le braccia sono sollevate e la testa è deviata all'indietro. Ciò è dovuto al fatto che in una tale posizione delle braccia e della testa, la clavicola schiaccia le arterie succlavia e nella parte iniziale dell'aorta si innalza la pressione arteriosa, a seguito della quale i movimenti a vortice del sangue vengono amplificati e appare l'accentazione dell'II tono. Fenomeni simili possono verificarsi durante l'esercizio. Poiché l'aterosclerosi progredisce lungo l'aorta, aumenta la pressione arteriosa sistolica e pulsatile, è possibile asimmetria della pressione arteriosa e polso sulle mani (danno all'arco aortico nei siti della testa brachiale e dell'arteria succlavia sinistra).

L'aterosclerosi dell'aorta addominale è la localizzazione più comune del processo aterosclerotico nell'aorta. Con uno sviluppo significativo del processo aterosclerotico, le bocche dei vari rami arteriosi si restringono, il che porta a compromissione della motilità e della funzione secretoria dell'apparato digerente. Di conseguenza, si verificano discinesia della muscolatura liscia della cavità addominale e disturbi digestivi. L'insufficiente apporto di sangue al pancreas può manifestarsi non solo come una violazione della sua funzione escretoria, ma anche come sintomi di diabete benigno (lieve e moderato) che scorre.

Con la biforcazione aortica aterosclerotica, si forma un quadro clinico della sindrome di Leriche - blocco aortico cronico. Il primo sintomo della sindrome di Leriche è la claudicatio intermittente. Inoltre, i pazienti hanno notato un raffreddamento, intorpidimento degli arti inferiori, perdita di capelli sulle gambe e crescita lenta delle unghie. Qualche volta c'è anche atrofia degli arti inferiori. Il secondo sintomo classico della sindrome di Leriche è l'impotenza, osservata nel 20-50% degli uomini. La malattia progredisce rapidamente, tuttavia, il tasso di aumento dei sintomi può essere diverso. Nelle persone di età inferiore a 50 anni, la malattia progredisce più rapidamente rispetto ai pazienti di età superiore ai 60 anni. Un esame obiettivo dei pazienti ha rivelato i seguenti sintomi: decolorazione della pelle degli arti inferiori, ipotrofia muscolare, diminuzione della temperatura cutanea, ulcere e necrosi delle dita dei piedi e dei piedi con gonfiore e iperemia, mancanza di pulsazione delle arterie dei piedi, arteria poplitea (spesso femorale), e spesso nessuna pulsazione aorta a livello dell'ombelico, soffio sistolico sopra l'arteria femorale nella piega inguinale, lungo l'arteria iliaca su uno o entrambi i lati e sopra l'aorta addominale. La pressione sanguigna sugli arti inferiori auscultatoria non è definita. I principali segni oggettivi dell'aterosclerosi della biforcazione aortica: l'assenza di pulsazione delle arterie degli arti e il soffio sistolico sulle navi. Con la fluometria a ultrasuoni, il reovazo-, il pleitismo, l'oscillo e lo sphygmography rivelano una diminuzione e un ritardo del flusso sanguigno principale nelle arterie degli arti inferiori. L'immagine topica della lesione è stabilita dal radionuclide e dall'angiopatia e aortografia radiopaca. Se il decorso della malattia è polmonare, viene effettuato un trattamento conservativo: vengono prescritti ganglioblocker, anticolinergici, vasodilatatori, farmaci a microcircolazione, ossigenazione iperbarica; se il decorso della malattia è grave, viene eseguita la chirurgia ricostruttiva (protesi e smistamento).

L'aorta addominale, esaminata con la palpazione, in pazienti con aterosclerosi dell'aorta addominale è curva, densità irregolare, si sente un soffio sistolico sopra di esso. Un metodo diagnostico ausiliario è la radiografia (rilevamento di focolai di calcificazione), nelle fasi iniziali - radiografia e aortografia. L'aterosclerosi dell'aorta addominale spesso porta allo sviluppo di aneurisma. Grave complicazione della malattia è la trombosi dei rami o del tronco dell'aorta addominale. Il trattamento conservativo dei pazienti comprende la terapia anti-aterosclerotica, gli agenti sintomatici. Per alcuni tipi di lesioni, la chirurgia ricostruttiva è possibile.

Aterosclerosi dell'aorta, tenuta delle valvole aortica e mitrale

Ciao, caro dottore! Il mio nome è Olesya, ho 29 anni, alto e magro. Circa 6 anni fa è stato eseguito un ECG, una conclusione: ipossia della parete inferiore del miocardio ventricolare sinistro. Nessun trattamento è stato prescritto. Qualche settimana fa, ho iniziato ad essere tormentato da un dolore persistente alla schiena, scapola sinistra, seno sinistro e, a volte, schie. Questo chiama, poi "mastica", poi piagnucola. Andato dal terapeuta, fecero un ECG, conclusione: ischemia della parete inferiore del miocardio del ventricolo sinistro. Hanno fatto un'ecografia del cuore, in generale, tutto è normale, senza caratteristiche.

Ciao, gli ultimi due anni sono preoccupati per il dolore molto grave nel cuore, e di una natura completamente diversa, poi bruscamente colite, poi c'è una sensazione di costrizione, improvvisamente diventa freddo, c'è anche la sensazione che il cuore sia fortemente schiacciato o allungato. È stato controllato più di una volta, i medici danno la colpa a qualsiasi cosa sul SCA, endocrino o diffuso, non ci sono risposte certe. Gli esami del sangue e l'ECG secondo i medici sono normali, tranne che ci sono più leucociti del necessario. E una tachicardia sinusale ECG, come.

Benvenuto! Ho 39 anni, sono sposato. La pressione era sempre tra 110 e 70. C'era una situazione stressante seria per 8 mesi, ora vedo che la pressione era di 130 per 80 nel pomeriggio. Quale potrebbe essere il problema Grazie!

Malattia cardiaca "vecchia": verità e miti

Un tale fenomeno clinico comune è ben noto a molti terapeuti e cardiologi: in una persona anziana senza una storia reumatica, un rumore sistolico ruvido sopra i punti aortici è determinato quando si ascolta il cuore. Spesso, non viene praticamente interpretato in alcun modo e non si riflette nella diagnosi. Ma a volte, nel tentativo di spiegare un quadro auscultatorio simile, il medico fa ancora il seguente verdetto: "stenosi aterosclerotica della bocca aortica". Ma non dobbiamo dimenticare che la diagnosi è una formula per il trattamento e su come sarà formulata correttamente, altre tattiche dipendono in gran parte. Questo vale per qualsiasi diagnosi, e questo - in particolare. Ecco perché si dovrebbe capire seriamente non solo e non tanto la legittimità del termine "stenosi aterosclerotica", ma anche ciò che il mormorio sistolico "non reumatico" sulla base del cuore si nasconde dietro di sé.

Tre principali cause di stenosi aortica acquisita sono state tradizionalmente considerate nell'URSS: 1) reumatismi, 2) endocardite infettiva e 3) aterosclerosi. Era questa triade, e, di regola, passava da manuale a manuale, da un libro di testo a un altro fino alla metà di questo decennio, in quell'ordine, mentre ad altri locali veniva dato un posto nella colonna "e altri". La maggior parte degli autori dopo aver descritto un'endocardite reumatica e "settica" in una forma o in un'altra menziona l'aterosclerosi, che di solito nella vecchiaia può portare alla formazione di stenosi aortica calcificata [1].

Nel frattempo, all'estero da oltre 30 anni, mantengono un diverso punto di vista. È costantemente visto nelle fonti in lingua inglese pubblicate negli anni '60, '70 e '80 e l'ultimo decennio non fa eccezione. Secondo i ricercatori occidentali, la stenosi aortica negli adulti può essere il risultato di: 1) calcificazione e cambiamenti distrofici nella valvola normale, 2) calcificazione e fibrosi della valvola aortica bicuspide congenita o 3) malattia della valvola reumatica, la prima situazione è la causa più comune di stenosi aortica [2].

Quindi, c'è un'evidente differenza negli approcci a questo problema in Russia e all'estero. Il "punto di intersezione" era e rimane solo reumatismo, mentre le scuole nazionali e straniere "completano" ciascuna con due diverse forme eziologiche: la prima è endocardite infettiva e aterosclerosi, la seconda è calcificazione idiopatica e calcificazione della malformazione congenita (solitamente valvola bicuspide). Ma va notato che ci sono due avvertimenti. In primo luogo, calcificazione isolata di entrambe le valvole aortiche tricuspide e bicuspide è essenzialmente lo stesso processo, che si osserva solo in diversi intervalli di tempo. In secondo luogo, l'endocardite infettiva da opere di autori moderni è in realtà esclusa dalla lista delle cause significative della stenosi aortica. Pertanto, nel complesso restano due condizioni che determinano differenze diagnostiche, terapeutiche e metodologiche: aterosclerosi e calcificazione idiopatica. La differenza fondamentale tra queste due condizioni patologiche diventerà chiara dopo un esame più dettagliato della calcificazione senile dell'orifizio aortico come una forma nosologica indipendente.

Nel 1904, il dottore tedesco di 28 anni Johan Georg Menkeberg descrisse due casi di stenosi della bocca aortica con calcificazione significativa delle valvole nella rivista Archives of Pathological Anatomy [3]. Propose di considerare i cambiamenti nelle valvole come degenerativi, come conseguenza dell'usura dei tessuti, seguita dalla loro "sclerosi" e calcificazione. Avendo trovato, a quanto pare, qualcosa di simile a ciò che è illustrato in Fig. 1, ha raffigurato nel suo articolo una valvola deformata, nella quale, sullo sfondo della degenerazione grassa, ci sono molti depositi di calcare (Fig. 2). La sua giustezza sarà confermata molti anni dopo, che si rifletterà nel termine "stenosi aortica calcificata degenerativa". Ma all'inizio del secolo, l'articolo di I. G. Mankeberg non ha causato una risonanza significativa. E solo dopo un decennio e mezzo, diventerà oggetto di attenzione e formerà la base di accese discussioni che sono andate avanti da molto tempo. Anche la morfogenesi della macchia ha causato molte polemiche.

Le due teorie principali erano in competizione con l'ipotesi di Menkeberg: lesione aterosclerotica e calcinazione postinfiammatoria.

Nel nostro paese, l'ipotesi aterosclerotica è diventata di primaria importanza. Si ritiene che uno studio dettagliato di "aterosclerosi della valvola aortica" nella dinamica dello sviluppo del "difetto aterosclerotico" sia stato eseguito dal professor A. V. Walter alla fine degli anni '40. Descrisse l'intensa infiltrazione lipoide di uno strato di valvola fibroso a livello della linea di chiusura e sul fondo dei seni di Valsalva, e osservò anche la deposizione lipoidea sulla superficie del seno delle valvole in piccoli ispessimenti dello strato subendoteliale. Successivamente, c'è stata una pietrificazione di focolai lipomatosi. Le masse calcaree si dividono, che il ricercatore spiega con la mobilità delle valvole e le crepe formate sono riempite con proteine ​​plasmatiche e nuove porzioni di lipidi, in cui il calcio viene nuovamente depositato. La scissione della pietrificazione continua, seguita dalla calcinazione della valvola. L'anello fibroso diventa rigido, le porte sono dure e lente. La stenosi aortica si sviluppa [4].

Sembra che nel 1948 la pubblicazione di questi dati fosse sufficiente a dimostrare l'ipotesi aterosclerotica, anche se anche l'idea stessa di "scissione" di masse pietrificate richiede una riflessione critica: se si fosse verificato, avrebbe probabilmente aumentato notevolmente la frequenza delle complicanze microemboliche. Oggi, quando la conoscenza dell'aterogenesi è molto più ampia, sembra possibile avanzare almeno due contro-argomenti della teoria di A.V. Walter.

  • È ormai noto che il principale substrato anatomico, per il metabolismo di cui sono richiesti i lipidi, è miocita. Sono le cellule muscolari lisce che smaltiscono le sostanze trasportate nella parete arteriosa dalle lipoproteine ​​plasmatiche. Il danno predominante dell'aterosclerosi dello strato interno piuttosto che quello medio della parete vascolare è spiegato dal fatto che normalmente l'intima si ispessisce a causa del movimento dei miociti levigati dai media con conseguente proliferazione in esso. In altre parole, l'infiltrazione intima degli esteri di colesterolo è in gran parte dovuta alle cellule muscolari lisce. Quindi, non ce ne sono praticamente nelle cuspidi della valvola aortica. Ciò è indicato dai moderni istologi [5], menzionato nel 1904 dallo stesso Menkeberg.
  • Secondo la teoria corrente, l'atoromorfogenesi comprende tre stadi: striature o macchie di grasso, placche fibrose e, infine, lesioni complicate, inclusa la calcificazione della placca fibrosa. Cioè, lo stadio di calcificazione nell'aterosclerosi dovrebbe essere preceduto dallo stadio in cui il colesterolo extracellulare miscelato con detriti appare sotto la lente, coperto da una speciale visiera di un gran numero di miociti, macrofagi e collagene. Il professor A.V. Walter non ha descritto niente di simile. E non a caso. Nel 1994, cioè quasi 50 anni dopo l'uscita del lavoro di Walter, V.N. Shestakov descrive la morfogenesi di questo difetto: "La fase iniziale di questo processo è l'infiltrazione lipoidale delle superfici delle valvole di fronte alla Salsa Valsalva. Nei fuochi della lipoidosi inizia la deposizione di sali di calcio. Questo processo sta lentamente progredendo, portando a una limitazione della mobilità delle valvole "[6]. Come si può vedere, queste osservazioni sono fondamentalmente simili, e in entrambi non vi è alcuna fase di placca fibrosa. Inoltre, come da tempo gli scienziati americani hanno dimostrato, nella patologia di cui stiamo discutendo, in contrasto con il danno aterosclerotico, non ci sono cristalli di colesterolo [7]. Per quanto è possibile giudicare dai periodici in lingua inglese, la correlazione tra la stenosi aortica calcinata e la gravità delle lesioni aterosclerotiche generali, inclusa l'aorta stessa, nel paziente non è stata osservata neanche.

La linea sotto questi argomenti può essere riassunta dall'articolo sull'aterosclerosi del professor E. Birman dell'Università di Washington: "La calcificazione locale della valvola aortica non deve essere confusa con l'aterosclerosi quando la superficie aortica della valvola si accumula gradualmente con l'età" [8].

L'ipotesi post-infiammatoria, prevalente soprattutto in Occidente, suggeriva di cercare un legame tra la calcinazione e l'endocardite infettiva trasmessa una volta, o, più probabilmente, una cardiopatia reumatica latente. Ad esempio, alcuni ricercatori indicano la presenza di agenti microbici nei conglomerati di calcio [9]. Altri pubblicano resoconti di reperti istologici di 200 valvole aortiche calcificate, di cui 196 hanno mostrato segni di lesioni reumatiche [10]. Ora è difficile dare una valutazione obiettiva di tali dati, ma probabilmente questi sono stati trovati in individui che non sono così anziani e senza depositi di calcare pronunciati. È a tali conclusioni che si arriva a conoscere l'opinione dei patologi moderni, i quali affermano che nei pazienti più anziani, la massa della pietrificazione maschera sempre i segni, forse, dell'endocardite reumatica precedentemente trasferita.

Tuttavia, l'approccio emerso nella prima metà del secolo ha portato alla formazione di due punti di vista che ora prevalgono all'estero. Uno di questi suggerisce che la valvulite reumatica, anche senza danni granulomatosi permanenti, rende la valvola più vulnerabile in futuro, aumentando notevolmente il rischio di degenerazione strutturale [11] e consentendo di trattare la stenosi aortica senile come "degenerativa", mentre quella postinfiammatoria distrofia, degenerazione post-reumatica; allo stesso tempo, l'infiammazione trasferita, per così dire, determina la destrutturazione del tessuto connettivo delle cuspidi nell'età anziana e senile, dimostrando di essere una sorta di predittore della calcificazione dell'apparato valvolare aortico. Secondo un'altra visione, la stenosi calcificata senile non è tanto il risultato di endocardite infettiva, ma di per sé può essere causata da un patogeno infettivo persistente [12], cioè, è generalmente una forma nosologica completamente indipendente.

La peculiarità della patologia analizzata è anche evidenziata dal fatto che ci sono sempre più pubblicazioni sulla scoperta nelle cuspidi calcificate della valvola aortica di varie cellule del tessuto osseo e persino elementi del midollo osseo rosso [13].

Il ricordo dei noti segni di stenosi aortica del pubblico medico in questo caso non è casuale. Il fatto è che nei pazienti anziani e anziani, i medici sono spesso inclini a spiegare la presenza di alcuni disturbi, piuttosto, con malattia ischemica o processi involutivi generali nel corpo, piuttosto che con un difetto cardiaco "senile". Pertanto - brevemente sulle principali caratteristiche di questa malattia.

La stenosi aortica è uno dei più lunghi difetti compensati dovuti all'ipertrofia del miocardio, così grave come può essere riscontrato in altre malattie cardiache (Fig. 3). A questo proposito, la pressione diastolica terminale nel ventricolo sinistro aumenta significativamente, il suo riempimento (specialmente durante lo sforzo fisico e nella tachicardia) diventa difficile, che porta gradualmente ad un aumento della pressione dell'impedimento dell'arteria polmonare. La mancanza di respiro che si sviluppa in questo modo è quindi, in un primo momento, una conseguenza della disfunzione diastolica primaria del ventricolo sinistro, e nel periodo di scompenso, una disfunzione sistolica. La violazione della sua ossigenazione è associata ad un aumento del tono miocardico in diastole. Mentre l'aumento della massa del ventricolo sinistro aumenta la richiesta di ossigeno del miocardio, le arterie coronarie compresse non possono soddisfarlo. Quindi, i tipici dolori all'angina per questa categoria di pazienti. Allo stesso tempo, sebbene l'angina si verifichi nel 70% dei pazienti con stenosi aortica, solo la metà di essi presenta un'arteriosclerosi coronarica [2]. Il terzo disturbo frequente - svenimento - è una conseguenza di una diminuzione della gittata cardiaca, derivante, da un lato, da una diminuzione del riempimento diastolico del ventricolo, dall'altro - un gradiente di pressione crescente a livello della valvola aortica [14]. Equivalenti di uno stato sincopale possono essere vertigini.

All'esame, è raro trovare qualcosa di specifico per la stenosi degenerativa nei pazienti anziani. A differenza dei pazienti giovani, che spesso hanno un polso "lento e piccolo", anche con una grave stenosi, a causa di una diminuzione dell'elasticità arteriosa, il loro polso può rimanere normale. L'impulso apicale che aumenta lungo la palpazione è determinato nello spazio intercostale V alquanto esterno rispetto alla linea medio-clavicola; il tremore systolic abbastanza spesso può esser palpato. Durante l'auscultazione, il primo tono potrebbe non cambiare, ma a causa di cambiamenti emodinamici funzionali, è spesso osservato

Pinterest