Sintomi di un attacco di angina, come aiutare e prevenire le recidive

Da questo articolo imparerai: cos'è un attacco di angina, cosa lo causa, i suoi sintomi caratteristici e la differenza da altre patologie. Come rimuovere un attacco e prevenirne il verificarsi in futuro.

Quando si verifica un attacco di angina, il restringimento patologico delle arterie coronarie si verifica del 50% o più. Questa condizione porta ad una mancanza di ossigeno nel cuore, che è caratterizzata da alcuni sintomi (dolore, sensazione di bruciore, pressione dietro lo sterno) e minaccia di complicazioni - infarto del miocardio.

Un attacco di angina può portare ad infarto miocardico

L'attacco può essere completamente rimosso assumendo nitroglicerina, ma questo non influirà sulla causa del problema - questa è solo una soluzione temporanea. Dopo che i sintomi sono stati eliminati, è imperativo consultare uno specialista, un cardiologo, per ulteriori trattamenti.

Cause di Angina

Angina pectoris può verificarsi per tre motivi:

  1. a causa di aterosclerosi - restringimento del lume dei vasi a causa di depositi di placche aterosclerotiche);
  2. tromboembolismo - blocco acuto di un vaso sanguigno con un coagulo di sangue;
  3. spasmo - un improvviso restringimento multiplo del lume dei vasi sanguigni.

I fattori provocatori possono essere qualsiasi condizione in cui il lavoro del cuore aumenta:

  • attività fisica;
  • stress da stress;
  • ipotermia;
  • il surriscaldamento;
  • bere alcolici;
  • cibo abbondante e piccante.
  • l'obesità;
  • età (più comune nelle persone anziane);
  • il fumo;
  • aumento della coagulazione del sangue;
  • mancanza di attività fisica;
  • ipertensione;
  • diabete mellito;
  • colesterolo alto;
  • anomalie congenite del cuore e dei vasi sanguigni;
  • ereditarietà.

Malattie dei polmoni e dello stomaco possono anche essere la causa della patologia a causa del deterioramento della fornitura di ossigeno al cuore.

Sintomi di un attacco di angina

  • dolore dietro lo sterno, nello stomaco, nella scapola, nel braccio sinistro, nella spalla, nella mascella inferiore;
  • sensazione di bruciore;
  • l'apparenza di mancanza di respiro - respiro rapido e difficile, sensazione di mancanza d'aria;
  • vertigini;
  • aumento della sudorazione;
  • la debolezza;
  • sensazione di panico e ansia.

Alcune persone potrebbero non avere alcun sintomo durante un attacco: queste sono donne, pazienti con diabete e persone in età avanzata. Negli uomini, un tale attacco di stenocardia è molto più probabile che si verifichi con il dolore.

La sindrome del dolore (complesso di sintomi) può avere diversa localizzazione, durata e intensità:

  • Nella regione dello sterno, nella sua regione superiore;
  • dà alla parte inferiore, alla zona dell'addome (in questo caso, l'attacco è facilmente confuso con l'esacerbazione di ulcera peptica o gastrite);
  • spalla;
  • pala;
  • mano;
  • clavicola sul lato sinistro del corpo;
  • a volte (raramente) il dolore dà alla mascella inferiore o al lobo dell'orecchio;
  • possibile manifestazione della sindrome e della parte destra.

Caratteristiche di attacco, a seconda del tipo di angina

Per diversi tipi di angina, i sintomi del problema saranno diversi:

Con l'angina instabile, la cui gravità è divisa in 4 classi, anche le crisi hanno le loro caratteristiche.

Diagnosi differenziale (a differenza di altre patologie)

Poiché un attacco di angina sulla base del dolore è simile ad alcune malattie, per fornire un'assistenza competente è necessario condurre una diagnosi differenziale.

Confronto di angina con altre patologie:

Pronto soccorso (rimozione dell'attacco) e trattamento

Se l'attacco ti è successo, allora devi essere in grado di darti il ​​primo aiuto d'emergenza.

  1. È necessario sedersi, interrompere qualsiasi attività, chiamare un'ambulanza.
  2. Scollegare i vestiti, se possibile, o rimuovere la parte superiore. Si consiglia di sbottonare la cintura, il reggiseno, sciogliere la cravatta.
  3. Metti nitroglicerina (1 compressa) sotto la lingua.
  4. Se dopo 5-8 minuti i sintomi continuano ancora, puoi aggiungerne un altro.
  5. Prestare attenzione al polso e alla pressione: se si alza, allora è necessario bere il farmaco appropriato.

Nel caso in cui il problema abbia superato qualsiasi persona che ti è vicina, dovresti dargli lo stesso aiuto urgente.

Molto spesso, la nitroglicerina allevia completamente i sintomi e una persona può muoversi indipendentemente, ma questo non significa che il problema non si ripeterà più.

In quanto tale, non vi è alcun trattamento per l'attacco - viene semplicemente rimosso. E poiché un attacco di stenocardia non è una malattia indipendente, ma una sindrome (complesso di sintomi) di altre patologie, quindi dopo la rimozione dell'attacco con nitroglicerina, è necessario un ulteriore trattamento della patologia del problema principale.

prevenzione

Per prevenire il verificarsi di ictus, è necessario escludere quei fattori che li portano, specialmente in presenza di una predisposizione a malattie del sistema cardiovascolare. Certamente, l'influenza di un fattore come l'età o il genere non può essere prevenuta, ma è in nostro potere aiutare noi stessi - per proteggerci dai problemi futuri. Per questo è necessario:

  • sbarazzarsi delle cattive abitudini;
  • mangiare bene;
  • combattere l'eccesso di peso;
  • essere fisicamente attivi;
  • tempestivo sottoporsi a un esame preventivo, misurare il colesterolo e i livelli di zucchero nel sangue.

Prognosi sanitaria

Una previsione inequivocabile per la salute dopo un attacco di angina da fare per tutti i pazienti non funzionerà. Il decorso della malattia è individuale e dipende dalle condizioni e dallo stile di vita della persona. Pertanto, in un caso, con l'osservanza di misure preventive, qualcuno non avrà alcun sequestro e nell'altro caso, ci potrebbe essere una complicazione o un risultato tragico.

Al momento, l'angina è significativamente più giovane. Segni di angina si verificano in persone di età inferiore ai 45-50 anni (e anche negli adolescenti). È importante spiegare in tempo al bambino le conseguenze pericolose delle cattive abitudini e l'importanza dello sport, un'alimentazione sana e una visione ottimistica delle situazioni di vita. Dopo tutto, un atteggiamento salutare verso la vita è la migliore prevenzione delle malattie cardiache.

Caratteristiche del dolore nell'angina

L'angina pectoris è caratterizzata da dolore che si verifica all'improvviso. Il dolore stesso è in qualche modo restringente - è solo difficile per una persona respirare. Spesso, il dolore si verifica senza un'azione preventiva per questo - è una forma di angina nel periodo di riposo. Attraverso la tempestiva ammissione di qualsiasi dolore al vasodilatatore passa.

Il tipico dolore anginoso è una sindrome da dolore pressante e comprimente. Può essere una sindrome dolorosa o acuta, che indica l'intensità dell'attacco.

Spesso, il paziente ha la sensazione di essere nel petto di un oggetto estraneo. A volte c'è intorpidimento o, al contrario, una sensazione di bruciore al petto.

  • Tutte le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e NON SONO A manuale per l'azione!
  • Solo il MEDICO può fornirti la DIAGNOSI ESATTA!
  • Ti invitiamo a non fare auto-guarigione, ma a registrarti con uno specialista!
  • Salute a te e alla tua famiglia!

localizzazione

Localizzazione del dolore in angina è la parte superiore o centrale dello sterno, che è leggermente spostato a sinistra nella regione del cuore. In questo caso, il dolore può verificarsi in qualsiasi parte del torace, a causa delle caratteristiche del flusso sanguigno o dell'innervazione del miocardio, nonché della localizzazione della lesione stessa. Il dolore debole colpisce una piccola area, forte - l'intero petto.

Il dolore dovuto alle irregolarità nel cuore e la formazione di un attacco di angina pectoris è determinato dai movimenti del paziente stesso.

Qui sono assegnati:

  • Il paziente mette un pugno sul petto durante il periodo di dolore. Questo è chiamato il segno di Levin.
  • Puoi anche notare come i pazienti nel periodo del dolore mettono una mano o due mani sul petto, riunendole con i loro palmi. Qui, il movimento caratteristico del palmo con le dita chiuse sul petto è annotato in basso e viceversa. Questo principio è chiamato diagnosi incondizionata del dolore dovuto all'insufficienza coronarica. Descriveva i gesti di V. Martin nel 1957.

Irradatsiya

Nella maggior parte dei pazienti, vi è un'irradiazione del dolore in caso di stenocardia nella spalla sinistra, scapola, mano. Spesso esiste una sindrome del dolore lungo il nervo ulnare, che non sempre caratterizza l'insorgenza di un attacco di angina. È meglio prestare attenzione al dolore al collo o alla mascella inferiore, così come nella spalla.

In casi particolarmente rari, i pazienti lamentano dolore all'addome e persino alla schiena, che può anche essere scatenata da un attacco di angina.

Di regola, il dolore radiante differisce da quello principale. Ad esempio, l'impatto del dolore nella mascella inferiore può essere percepito come dolore durante l'infiammazione del nervo dentale. Il dolore nell'avambraccio è caratterizzato da intorpidimento o debolezza negli arti.

I pazienti spesso lamentano anche un aumento della sensibilità di alcune aree della pelle sul braccio sinistro e nell'area della posizione dell'organo. Il dolore nelle aree presentate non indica lo sviluppo di angina pectoris.

L'angina dello sforzo è spesso manifestata da un dolore improvviso, in cui camminare normalmente, mangiare in grandi quantità, salire le scale può fungere da carico. Se una persona ha un'angina stabile, ciò significa che le sue crisi iniziano dopo aver trasferito lo stesso tipo di stress con lo stesso livello di stress.

L'angina stabile è suddivisa in classi funzionali a seconda delle dimensioni del carico. Con una precisione di una classe, possono essere definiti studi speciali.

È possibile contrassegnare la classe approssimativamente, valutando la portabilità dei carichi domestici:

Spesso il paziente viene diagnosticato con angina spontanea, quando il dolore si verifica a riposo, ma non si sviluppa a causa di uno sforzo fisico. Tali attacchi sono difficili da eliminare con la nitroglicerina.

La durata del dolore nell'angina non supera i 15 minuti, le forme spontanee possono essere ritardate fino a 45 minuti.

Quasi immediatamente dopo la cessazione dell'attività fisica, l'attacco si allontana. Ma all'inizio dell'attacco, la persona semplicemente si ferma, perché il dolore è intenso e non consente di fare movimenti senza sensazioni spiacevoli. Dopo l'uso di sequestro di nitroglicerina termina dopo 2-3 minuti, che indica anche la presenza di angina.

Da qui sarai in grado di scoprire cosa provoca il dolore con l'angina.

Caratteristiche speciali

Se parliamo delle caratteristiche del dolore anginoso derivante dall'angina, qui è necessario studiare le forme della patologia, l'età del paziente, le comorbidità e altre caratteristiche. Si nota la seguente caratteristica: con l'età, il dolore durante un attacco diminuisce leggermente, è debole, ma dura più a lungo.

Nei pazienti giovani, il dolore si manifesta intensamente, irradiandosi alle parti superiori del corpo, accompagnato da lesioni vegetative. Questo fatto è spiegato dal sottosviluppo della circolazione collaterale nel miocardio e dalla conservazione della percezione del dolore.

La forma tipica della patologia differisce dalla durata spontanea dell'aumento e della diminuzione della sindrome del dolore. Pertanto, il tipico è caratterizzato dalla durata dell'aumento del dolore e dall'abbattimento rapido. Nel caso dello sviluppo di una forma spontanea, entrambi i periodi sono all'incirca uguali.

Quando l'angina è caratterizzata dall'emergere di un senso di paura per le proprie vite, perché il dolore si verifica all'improvviso, durante il sonno, che porta ad un senso di morte imminente. Spesso, sullo sfondo dell'angina, si manifestano reazioni vegetative - vertigini, secchezza delle fauci, salti nella pressione sanguigna e pallore della pelle.

Valutazione del dolore

La natura della sindrome del dolore, la sua localizzazione e irradiazione permette di determinare l'origine coronarica. Una valutazione più approfondita consente di determinare la forma di angina. Inoltre, gli esperti tengono conto del fatto che i dolori anginosi a volte parlano dell'insorgenza del battito cardiaco ischemico, ma ciò si verifica solo nel caso di stenting trasferito.

Viene diagnosticato un decorso stabile della malattia in caso di uniformità di convulsioni, localizzazione, durata e reazioni all'introduzione o all'uso di nitroglicerina. La progressione dell'angina viene diagnosticata in caso di aumento del dolore, lo sviluppo di un attacco con meno stress.

Nuovi focolai di malattie cardiache possono manifestarsi come nuove convulsioni, nuovi siti di dolore. Allo stesso tempo, è difficile diagnosticare l'angina a causa di differenze significative rispetto alle tipiche patologie del cuore.

Come liberarsi da dolore di stenocardia

È importante sapere come alleviare il dolore con l'angina per aiutare una persona. Quindi, è necessario applicare la nitroglicerina in qualsiasi forma. Pillole raccomandate del farmaco, che vengono assorbite sotto la lingua, che fornisce rapido assorbimento ed esposizione.

La nitroglicerina espande rapidamente i vasi del letto coronarico - questo assicura la rapida eliminazione del dolore. Dopo 2-3 minuti, il dolore si attenua. Ma se questo non viene seguito dovrebbe prendere un'altra pillola.

Quando si utilizza la nitroglicerina deve essere a conoscenza dei suoi effetti collaterali. Provoca il verificarsi di mal di testa o sensazione di scoppio nella parte superiore del corpo. Per eliminare questi sintomi spiacevoli, dovresti combinare l'uso del farmaco con Validol - una compressa di nitroglicerina rappresenta la metà della compressa di Validol.

In assenza di un risultato positivo dall'assunzione di nitroglicerina, deve essere chiamata una brigata di ambulanza. Un prolungato attacco del personaggio presentato può indicare l'insorgenza di infarto miocardico.

prevenzione

Come misura preventiva, dovresti assumere farmaci mirati all'espansione dei vasi sanguigni. Questi farmaci includono Sustac e Papaverine.

Se si inserisce papaverina per via endovenosa, è possibile alleviare rapidamente il dolore in angina e infarto del miocardio.

Puoi anche applicare Eufillin. Il farmaco è efficace nella cardiopatia ischemica e nell'ipertensione arteriosa. Ma questo farmaco deve essere preso con attenzione, perché abbassa la pressione sanguigna, quindi assicurati di escludere questo fatto prima dell'uso.

Diagnostica differenziale

Prima di assistere uno specialista, ascolta attentamente le lamentele del paziente e gli chiede anche i dettagli: è necessario escludere malattie cardiache con sintomi simili. Ad esempio, la nevrosi cardiologica ha gli stessi segni, ma nella maggior parte dei casi il dolore si verifica al di fuori della regione toracica - all'apice.

La nevrosi cardiologica non si manifesta parossisticamente, ma prolungata. Il dolore può disturbare il paziente per diversi giorni. In questo caso, l'uso di vasodilatatori non dà risultati positivi. Spesso aiuta la tintura di valeriana o mughetto.

Il dolore al petto può segnalare una malattia dei polmoni o degli organi dell'apparato digerente che si trovano nelle vicinanze. Anche la formazione di ernia iatale dovrebbe essere esclusa.

I sintomi di angina nelle donne sono descritti qui.

Una descrizione di angina instabile e il suo trattamento guardano qui.

Quanto può durare l'angina e a cosa può portare un attacco prolungato?

La vera angina non può durare più di 20-30 minuti, perché se questo accade, allora sarà già una questione di infarto del miocardio. In media, un attacco di angina dura circa 5 minuti. Di solito il dolore scompare dopo la cessazione dell'attività fisica.

I pazienti di solito sanno quanto dura un attacco standard del dolore cardiaco e possono navigare, se questo attacco è mediocre o è una novità e richiede la ricerca di cure mediche. Ad esempio, se improvvisamente l'episodio di ieri è durato due minuti e oggi è cinque volte più lungo, allora questo potrebbe significare che ci sono stati dei cambiamenti e non puoi lasciarlo.

Sapendo che la stenocardia non può durare per ore ed è associata all'attività fisica, i medici possono distinguere i dolori di varia origine da queste due caratteristiche. Certo, è necessario fare una riserva che a volte con un corso non tipico della malattia, può essere difficile stabilire una diagnosi, avendo anche i risultati di tutti i test e gli studi conosciuti nel mondo. Allo stesso tempo, per la diagnosi di "angina pectoris" nella sindrome del dolore classica, 5 minuti di comunicazione con il paziente e niente di più è sufficiente.

Ogni paziente con angina pectoris dovrebbe sapere che ha da cinque a sette minuti per eliminare il dolore, se il dolore persiste, un'ambulanza dovrebbe essere chiamata urgentemente.

Quanto dura l'attacco di angina?

Quanto può durare l'angina e a cosa può portare un attacco prolungato?

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori utilizzano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

La vera angina non può durare più di 20-30 minuti, perché se questo accade, allora sarà già una questione di infarto del miocardio. In media, un attacco di angina dura circa 5 minuti. Di solito il dolore scompare dopo la cessazione dell'attività fisica.

I pazienti di solito sanno quanto dura un attacco standard del dolore cardiaco e possono navigare, se questo attacco è mediocre o è una novità e richiede la ricerca di cure mediche. Ad esempio, se improvvisamente l'episodio di ieri è durato due minuti e oggi è cinque volte più lungo, allora questo potrebbe significare che ci sono stati dei cambiamenti e non puoi lasciarlo.

Sapendo che la stenocardia non può durare per ore ed è associata all'attività fisica, i medici possono distinguere i dolori di varia origine da queste due caratteristiche. Certo, è necessario fare una riserva che a volte con un corso non tipico della malattia, può essere difficile stabilire una diagnosi, avendo anche i risultati di tutti i test e gli studi conosciuti nel mondo. Allo stesso tempo, per la diagnosi di "angina pectoris" nella sindrome del dolore classica, 5 minuti di comunicazione con il paziente e niente di più è sufficiente.

Ogni paziente con angina pectoris dovrebbe sapere che ha da cinque a sette minuti per eliminare il dolore, se il dolore persiste, un'ambulanza dovrebbe essere chiamata urgentemente.

Forme stabili e instabili, le loro caratteristiche

L'angina pectoris è una forma di CHD che è accompagnata da dolore al cuore e al petto. I pazienti notano la comparsa di una sensazione di costrizione, bruciore, pressione, pesantezza, disagio al petto che si estende alle spalle, al collo, alla mascella e agli arti superiori.

Gli attacchi di angina pectoris compaiono dopo uno sforzo fisico o uno sconvolgimento psico-emotivo. Spesso l'esacerbazione si verifica senza motivo apparente. Le sensazioni dolorose derivano da cambiamenti nel flusso ematico del miocardio, mentre l'ossigeno non è sufficiente per il corretto funzionamento del muscolo cardiaco. Questo porta al dolore e al disagio.

motivi

Di regola, l'angina si sviluppa sullo sfondo di aterosclerosi dei vasi coronarici, in cui le placche aterosclerotiche si formano sulle loro pareti. Tali formazioni restringono il lume dei vasi sanguigni, che impedisce il flusso di sangue arricchito di ossigeno. Un attacco di angina si verifica al momento della fame di ossigeno, quando il lume delle arterie diminuisce del 50-70%. A volte l'angina si sviluppa sullo sfondo di altre malattie:

  • allergie e lesioni infettive del corpo;
  • vasculite, artrite e altre complicanze dopo reumatismi;
  • malattie del tratto gastrointestinale, ecc.

classificazione

Classificazione dell'angina al momento dell'occorrenza:

  • angina da sforzo. Gli attacchi sono dovuti a uno sforzo psicofisico o fisico, che richiede un maggiore flusso di ossigeno. In questo caso, gli attacchi si interrompono dopo l'assunzione di nitroglicerina;
  • resto angina. Gli attacchi sono annotati a riposo, durante il sonno di una notte, e sono causati da spasmi inaspettati dei vasi coronari.

Dalla natura dell'espressione della malattia può essere:

  • stabile. Quando questi attacchi vengono osservati con una certa frequenza;
  • instabile. Assegnare per la prima volta attacchi sorti, progressivi e spontanei;
  • forma atipica. L'angina Printsmetal è rara, manifestata in una serie di attacchi ciclici in un dato momento.

Classi funzionali di angina stabile:

  • Le riacutizzazioni di classe I sono rari, di durata breve, che si verificano dopo uno sforzo fisico inconsueto;
  • Classe II: gli attacchi si notano dopo piccoli carichi: salire le scale, correre veloce;
  • III - il dolore al cuore si verifica camminando lentamente, salendo le scale anche su un solo piano, dopo qualsiasi tensione o stress nervoso, dopo essere uscito in strada con tempo gelido o ventoso;
  • IV - le esacerbazioni si osservano con la minima attività fisica, il paziente nota un deterioramento nel cambio degli abiti, spazzando il pavimento, ecc. Spesso la cardialgia si verifica a riposo o in un sogno.

L'angina instabile si manifesta nelle seguenti forme:

  • primaria. Gli attacchi sono contrassegnati per la prima volta, della durata non superiore a un mese;
  • forma progressiva. Le esacerbazioni diventano gravi, frequenti e prolungate, vengono registrate durante la notte;
  • resto angina. I dolori al cuore sono osservati a riposo dopo stress nervoso o fisico;
  • post infarto. I pazienti dopo infarto miocardico hanno dolore al cuore per 2 settimane.

La classificazione dell'angina instabile da parte di Brownwald valuta il rischio di infarto miocardico dovuto a cause di esacerbazione del dolore e alla clinica:

  • Classe I - la prima patologia esistente esistente o intensificata;
  • Grado II - angina a riposo, che si è verificato durante i 2 mesi precedenti;
  • Grado III - convulsioni osservate negli ultimi due giorni.

In base alle condizioni di accadimento, si distinguono le seguenti classi:

  • A (secondario). È provocato da patologia non coronarica, ad esempio, anemia, infezione, tireotossicosi, ipossia;
  • In (primario). Il gruppo comprende pazienti che hanno altre malattie cardiache che aumentano l'ischemia;
  • C (postinfarto). Si sviluppa in pazienti dopo infarto miocardico nelle prime 2 settimane.

Per distinguere l'angina stabile da quella instabile, è importante considerare i seguenti fattori:

  • la durata dell'attacco. Con una forma stabile, l'esacerbazione dura circa 10 minuti, con un instabile - 15 minuti;
  • stress fisico, che ha causato la comparsa di un attacco. La forma stabile è caratterizzata da carichi fisici e psicoemotivi preliminari, sempre gli stessi in intensità per un particolare paziente. L'angina instabile non dipende dal carico, si verifica a riposo o appare a un carico inferiore rispetto a prima;
  • la presenza di un risultato positivo dopo aver assunto la compressa Nitroglicerina. Per il dolore al cuore, la compressa di nitroglicerina funzionerà dopo 2-3 minuti. Quando è richiesta una forma instabile per prendere un numero maggiore di compresse.

L'angina instabile per manifestazioni cliniche e valore prognostico prende una fase intermedia tra infarto e forma stabile.

sintomi

Il segno principale dell'angina pectoris è il dolore nella regione del cuore o del torace. I pazienti notano la natura pressante o schiacciante del dolore, che viene dato alla scapola, al collo, alla mascella e al braccio sinistro. Meno comunemente, vengono registrati dolori al braccio destro e all'addome superiore.

Un attacco doloroso fa gemere il paziente, per provare un senso di paura della morte. Esternamente, la condizione si manifesta nel pallore della pelle, aumento della pressione sanguigna, intorpidimento delle estremità e palpitazioni cardiache. In un attacco atipico, si osservano i seguenti sintomi:

  • mancanza di respiro;
  • dolore alle braccia, al collo o ai denti;
  • tachicardia;
  • sudorazione;
  • debolezza generale;
  • nausea.

Raramente, le convulsioni non sono accompagnate da manifestazioni specifiche, un tale fenomeno è chiamato angina pectoris "silenziosa".

Di norma, le convulsioni appaiono improvvisamente al culmine dello stress nervoso o fisico. A causa del dolore e di altri sintomi, il paziente deve fermarsi per 10-15 minuti per riprendersi. La durata degli attacchi non supera i 15 minuti, dopodiché il dolore scompare da solo o dopo aver assunto la nitroglicerina. Il farmaco espande i vasi sanguigni del cuore, fornendo una quantità sufficiente di ossigeno nel miocardio.

Dopo la fine dell'attacco, la malattia non si manifesta, il paziente entra nel solito modo di vivere.

Fattori di rischio

Nello sviluppo della stenocardia giocano un ruolo molte caratteristiche che contribuiscono allo sviluppo e alla progressione della malattia:

  1. Irrecuperabile. Questo gruppo include età, sesso, eredità. Negli uomini, l'angina è più comune rispetto alle donne sotto i 50-55 anni in cui si verifica la menopausa. Con un cambiamento del background ormonale nelle donne, aumenta il rischio di sviluppare un aumento della malattia coronarica;
  2. Monouso. Il livello di colesterolo nel sangue, anemia, obesità, ipertensione e altri. Molti dei fattori sono correlati, quindi l'eliminazione di uno di essi può ridurre l'altro. I fattori più comuni sono:
    • l'obesità. Le cause di sovrappeso sono il consumo eccessivo di cibi grassi e la scarsa attività fisica;
    • il fumo è riconosciuto come uno dei fattori più importanti nello sviluppo della malattia. Il fumo aumenta la probabilità di sviluppare malattia coronarica, riduce la vita di circa 7 anni. Nel sangue, il contenuto di monossido di carbonio aumenta e il livello di ossigeno diminuisce;
    • diabete mellito. Con elevati livelli di zucchero nel sangue, il rischio di sviluppare malattie coronariche raddoppia. I pazienti con diabete hanno una prognosi peggiore rispetto ai pazienti con altri fattori monouso;
    • lo stress emotivo e lo stress psico-emotivo grave possono portare a morte improvvisa, poiché il cuore inizia a lavorare con maggiore stress. Sotto stress, c'è un aumento della pressione sanguigna e una diminuzione della fornitura di ossigeno al muscolo cardiaco e altri organi;
    • mancanza di attività fisica;
    • ipertensione arteriosa. Aumentare le dimensioni del ventricolo sinistro è una complicazione dell'ipertensione ed è spesso causa di morte dei pazienti;
    • la trombosi dell'arteria coronaria è la principale causa di infarto miocardico e insufficienza circolatoria. L'aumento della coagulazione del sangue è un fattore di rischio per complicanze della malattia coronarica e dell'angina.

diagnostica

  1. Analisi della storia della malattia e dei reclami. Il paziente osserva quando sono comparsi i primi sintomi di malattia, dolore cardiaco, mancanza di respiro e debolezza.
  2. Analisi della storia della vita. Condotto per identificare i fattori di rischio per lo sviluppo della patologia, è determinato dalla dieta abituale e dallo stile di vita del paziente.
  3. L'analisi dell'ereditarietà mira a identificare le malattie cardiovascolari nei parenti, i casi di morte immediata.
  4. Visita medica Viene eseguita l'ascolto, il tocco e la palpazione dello sterno e dell'area del cuore. Con questo metodo, vengono rilevati segni di ipertrofia ventricolare sinistra, aterosclerosi vascolare.
  5. Analisi del sangue generale Determina il livello dei globuli bianchi, il tasso di sedimentazione degli eritrociti.
  6. Analisi delle urine. Rileva le malattie associate agli organi.
  7. Analisi biochimica del sangue È necessario determinare il livello di zucchero e colesterolo, al fine di diagnosticare l'aterosclerosi vascolare.
  8. ECG. Registra l'attività elettrica del cuore.
  9. Ecocardiografia. Valuta la struttura e le dimensioni del cuore, esamina il flusso sanguigno intracardiaco, compromissione della contrattilità del muscolo cardiaco e determina la presenza di angina instabile.
  10. Holter monitoraggio giornaliero dell'ECG.
  11. Stress ecocardiografia Rileva le aree di compromissione della contrattilità del muscolo cardiaco.
  12. La scintigrafia miocardica comporta l'introduzione nel corpo di farmaci radioattivi e la visualizzazione delle pareti e delle cavità del cuore.
  13. Il test di carico è un metodo accurato per diagnosticare l'angina dello stress. Lo studio implica che il paziente compia carichi crescenti sul tapis roulant o sul cicloergometro. Allo stesso tempo, la pressione e il cardiogramma sono costantemente registrati.
  14. Se è impossibile eseguire prove di stress, si raccomanda di eseguire elettrostimolazione transesofagea atriale. Per questo, il cuore è stimolato da una serie di impulsi elettrici e si nota un aumento della frequenza delle contrazioni. Con lo sviluppo dell'ischemia, sul cardiogramma compaiono cambiamenti specifici, registrati dal medico.
  15. Angiografia coronarica Nominato al momento di decidere se trattare un metodo chirurgico. Lo studio identifica coaguli di sangue e vasocostrizione.

trattamento

Il compito principale nel trattamento dell'angina è la prevenzione della progressione e della morte improvvisa. Può essere conservativo e chirurgico.

  1. Trattamento non farmacologico:
    • ricovero di emergenza;
    • riposo a letto rigoroso, rifiuto dell'attività fisica.
  2. Terapia farmacologica:
    • l'attracco comporta l'uso di nitrati. L'algeia neurolettica è anche possibile - un metodo di analgesia per via endovenosa;
    • farmaci, compresi beta-bloccanti, statine e calcio antagonisti;
    • farmaci per il diradamento del sangue, compresi i disaggregati e gli anticoagulanti diretti.
  3. Trattamento chirurgico:
    • angioplastica coronarica con stenimania;
    • intervento di bypass delle arterie coronariche.

complicazioni

Se non trattata, l'angina porta a gravi complicazioni:

  • infarto miocardico;
  • aritmia;
  • insufficienza cardiaca;
  • cardio.

I sintomi dell'angina pectoris

L'angina pectoris è un attacco acuto di dolore dietro lo sterno, causato dall'ischemia del muscolo cardiaco (problemi di afflusso di sangue al tessuto muscolare del cuore). I sintomi dell'angina dipendono dalla variante del processo patologico.

Se si presentano i sintomi di un attacco di angina, è necessario fornire cure di emergenza il più presto possibile, altrimenti un attacco di lunga durata può portare allo sviluppo di danni acuti al muscolo cardiaco.

Principali segni e manifestazioni:

  • sensazioni dolorose dietro lo sterno - causate da sforzo fisico o sovraccarico emotivo (momenti in cui vi è un aumento del ritmo cardiaco, e di conseguenza la necessità di tessuto muscolare nel livello di ossigeno consumato);
  • un rapido miglioramento del benessere dà riposo o il consumo immediato di una pillola di nitroglicerina;
  • segni di ischemia miocardica sono registrati su un elettrocardiogramma durante un attacco doloroso o uno stress test;
  • l'angiografia eseguita rivela aree di blocco delle arterie coronarie.

Il primo soccorso per i sintomi della stenocardia è quello di interrompere l'attività fisica e assumere la nitroglicerina del farmaco.

L'accurata registrazione della storia fornisce un'assistenza preziosa per la diagnosi corretta. I sintomi e i segni di stenocardia hanno un determinato stereotipo del corso e lo sviluppo del processo patologico. Se il paziente è preoccupato per il dolore al petto, i seguenti punti dovrebbero essere presi in considerazione per quanto riguarda i sintomi dell'angina pectoris del cuore.

Circostanze in cui si verifica il dolore e che contribuiscono alla sua scomparsa

Di solito, i sintomi dell'angina sono causati dallo sforzo fisico e scompaiono dopo che è stato annullato, da solo. L'esercizio fisico è spesso associato a sollevamento pesi, camminata veloce, salire le scale. Durante i dolori anginosi, è più facile per il paziente essere in posizione verticale rispetto a quello orizzontale. Il livello di stress mentale o emotivo che può causare un attacco di dolore varia per ciascun paziente individualmente. L'insorgenza di dolore può essere scatenata da un'esplosione emotiva (sia negativamente che positivamente colorata), dall'assunzione eccessiva di cibo o dal congelamento. Il livello di tensione, quando si verifica un attacco, di solito è minore al mattino. Con l'ulteriore sviluppo della cardiopatia coronarica, questa soglia è significativamente ridotta e anche il carico emotivo non è richiesto per la comparsa del dolore. Allo stesso tempo, l'angina può anche verificarsi durante l'attività sessuale, di notte, a riposo, perché si verifica uno spasmo dei vasi coronarici.

Caratteristiche dei dolori al petto

Per i pazienti, quando si definisce il dolore, è tipico applicare un pugno chiuso allo sterno e i dolori stessi sono descritti come compressivi e compressivi. Non hanno una localizzazione chiara, non sono spastici. I pazienti a volte descrivono i loro sentimenti come oppressione toracica e compressione, una sensazione di disagio, bruciore, dolore allo stomaco.

Posizione del dolore e sua distribuzione

Molto spesso, il dolore si manifesta dietro lo sterno o nella metà sinistra del torace. Quando la diffusione interessa l'intero lato sinistro (sotto la scapola, la spalla, l'avambraccio, la mano, la metà sinistra della mascella).

La durata del dolore anginale

Con l'angina pectoris, il dolore è un sintomo a breve termine che scompare completamente dopo la cessazione dello sforzo fisico entro 5 minuti e non si verificano effetti residui. Se un attacco doloroso si manifesta dopo un'eccessiva quantità di cibo o tensione emotiva, possono essere necessari dai 15 ai 20 minuti per alleviare completamente il dolore. Se l'attacco dura più di 30 minuti, allora si può presumere che ci sia angina instabile o lo sviluppo di danno miocardico acuto (in rari casi, la causa può essere una malattia di un altro organo).

L'efficacia dell'uso di nitroglicerina

L'invio immediato di una pillola sotto la lingua accorcia in modo significativo l'attacco di dolori anginosi o lo interrompe completamente.

Il trattamento dei sintomi di angina inizia con la selezione di farmaci.

Variante variante

I sintomi dell'angina pectoris di Prinzmetall (sintomi dell'angina pectoris vasospastica) sono un complesso di sintomi per i quali non esiste alcuna connessione tra lo sviluppo di dolori retrosternali e lo stress fisico o emotivo. I sintomi dell'angina pectoris nelle donne si verificano spesso all'età di oltre 50 anni. Sintomi di angina pectoris a riposo: possono verificarsi nelle prime ore del mattino, portando al risveglio del paziente. Si verifica una lesione del vaso coronarico sinistro, che porta a disturbi del ritmo cardiaco e alla capacità di condurre adeguatamente un impulso cardiaco. Qualsiasi restringimento persistente del lume dell'arteria potrebbe non essere rilevato. Il trattamento dei sintomi dell'angina di riposo può causare alcune difficoltà. Perché i sintomi di angina di riposo si verificano senza alcun fattore provocatorio.

Angina instabile

I sintomi di angina instabile sono una variante della cardiopatia ischemica, quando c'è un alto rischio di danno miocardico acuto. Il punto distintivo è la rapida progressione della malattia, l'assenza di sintomi stereotipati. Trattare i sintomi dell'angina instabile porta spesso a un intervento chirurgico.

Potrebbe essere incontrato per la prima volta. Tale patologia viene registrata entro un mese dalla manifestazione. La prognosi è sfavorevole se il decorso della malattia è lungo o è accompagnato da una tendenza negativa nell'ECG.

Ci può essere angina da sforzo progressiva. Sintomi di angina pectoris: con questa condizione, un aumento della frequenza degli attacchi, un aumento della loro gravità sullo sfondo di attacchi a lungo esistenti di dolore angina. Abbastanza spesso, il paziente può chiaramente nominare la data in cui la malattia ha iniziato a progredire, diminuita la sensibilità alla nitroglicerina e la necessità di aumentarla.

Chi è a rischio per lo sviluppo di questa malattia? Questa è la prossima categoria di pazienti:

  • con ereditarietà oppressa (se uno dei parenti più stretti ha un attacco di cuore, il rischio di sviluppare la malattia aumenta di dieci volte rispetto alla popolazione generale);
  • chi soffre di diabete;
  • con molti anni di esperienza nel fumo;
  • che hanno aumentato il colesterolo nel sangue (la sua frazione sfavorevole);
  • con ipertensione;
  • con l'obesità;
  • che conducono uno stile di vita sedentario;
  • chi ha sofferto di avvelenamento da monossido di carbonio;
  • avere aorta sifilitica (si sviluppa in assenza di trattamento del processo primario).

Trattamento di varie opzioni per l'angina

Il trattamento e la prevenzione dei sintomi della stenocardia richiedono al paziente di osservare una certa modalità di sforzo fisico, dieta e, naturalmente, farmaci per prevenire ulteriormente lo sviluppo di convulsioni. Questi farmaci sono nitrati a lunga durata d'azione, sono prescritti per un decorso instabile della malattia. Se il processo patologico ha una rotta stabile, allora questo gruppo di farmaci è prescritto solo prima del prossimo sforzo fisico.

Cosa può fare il paziente per prevenire la progressione della malattia e l'insorgenza delle sue complicanze:

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori utilizzano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

  • la massima perdita di peso possibile, fino all'assistenza medica nella lotta contro l'obesità;
  • deve rispettare una dieta ricca di vitamine e oligoelementi, in particolare di potassio e magnesio; eliminare tutti i cibi fritti, piccanti e grassi;
  • smettere completamente di bere alcolici, idealmente, e smettere di fumare, ma se ciò non è possibile, almeno ridurre il carico quotidiano di nicotina;
  • esercizio quotidiano dosato, la cui intensità è determinata da un fisioterapista;
  • cercare di evitare lo stress, situazioni in cui lo stress emotivo aumenta, evitare situazioni di conflitto;
  • rigoroso rispetto delle raccomandazioni fornite dal medico per il trattamento della patologia cardiovascolare concomitante;
  • se la tua età ha più di 45 anni, dovresti visitare regolarmente un medico generico a scopo di prevenzione (perché il paziente non può essere disturbato da nulla, e il medico può identificare con attenzione i primi segni di un processo patologico in via di sviluppo interrogando).

Il trattamento dei sintomi dell'angina da parte dei rimedi popolari è categoricamente controindicato, specialmente nella situazione con angina instabile, poiché in assenza di cure mediche adeguate il rischio di morte è estremamente alto.

Attacco angino: segni

✓ Articolo verificato da un medico

Angina pectoris (un altro nome - "angina pectoris") è una sindrome clinica, che è una sensazione di spremitura, bruciore e dolore dietro il torace. L'angina pectoris è una sindrome che si sviluppa sullo sfondo di malattie del cuore e dei vasi sanguigni, ad esempio, cardiopatia ischemica, aritmie o cardiomiopatia. Le persone sopra i 45 anni, i dipendenti delle fabbriche e altre industrie pesanti, i pazienti con mentalità instabile e segni di labilità emotiva - un disturbo neurologico caratterizzato da frequenti sbalzi d'umore - sono soggetti a patologie. Nelle donne, l'angina pectoris può svilupparsi sullo sfondo di una gravidanza complicata, disturbi ormonali o malattie del sistema endocrino.

Un attacco di angina pectoris è considerato come uno stato preinfarto, in quanto si verifica a seguito di uno spasmo dei vasi sanguigni o di un blocco dei vasi sanguigni con coaguli di sangue e placche di colesterolo (tromboembolia, aterosclerosi). Se compaiono sintomi di patologia, al paziente deve essere somministrato un trattamento di emergenza e deve essere chiamata un'équipe medica. Particolarmente attente devono essere le persone predisposte alle malattie cardiache, che hanno un eccesso di peso, soffrono di dipendenza da nicotina o alcol, così come i loro parenti. Per prevenire lo sviluppo di lesioni necrotiche del miocardio, è importante conoscere i segni di un attacco di angina e le basi del primo soccorso.

Attacco angino: segni

Come riconoscere un attacco: sintomi caratteristici

Nonostante il fatto che il principale sintomo di angina pectoris sia il dolore dietro il torace, è impossibile trarre conclusioni sulla presenza di patologia solo da questo sintomo. Per diagnosticare "angina pectoris", è importante che il medico raccolga una storia dettagliata per avere una comprensione completa del quadro clinico della malattia. Ciò è anche necessario per differenziare la malattia con altre patologie, ad esempio, malattie dell'apparato digerente o ernia diaframmatica, poiché nella maggior parte dei casi i sintomi saranno molto simili.

Cos'è l'angina pectoris?

cardialgia

Questo termine si riferisce al dolore che non è associato al danno alle arterie del cuore e si verifica nella metà sinistra della gabbia toracica. La cardialgia con angina è raramente isolata: nella maggior parte dei casi, il disagio si irradia agli arti inferiori, la scapola sinistra, l'avambraccio, il collo e persino la laringe. Il massimo dolore in questa malattia si verifica dietro lo sterno, un osso piatto e spugnoso, situato sul retro del torace e collegato con le costole e la colonna vertebrale.

La natura del dolore può essere diversa. Alcuni pazienti lamentano una forte sensazione di bruciore, altri descrivono il dolore come una sensazione di grave distensione e spremitura. Un dolore acuto da tiro è caratteristico di un blocco acuto di un vaso sanguigno o di un'arteria da un coagulo di sangue che è caduto nel sangue circolante, staccandosi dal muro su cui era originariamente formato.

7 segni di dolore con angina

Caratteristica esemplare della sindrome del dolore a seconda del tipo di angina

Difficoltà a respirare

La maggior parte delle persone con angina durante le difficoltà respiratorie ha difficoltà a respirare. Ciò è dovuto al maggiore bisogno di miociti (cellule muscolari che costituiscono lo strato muscolare interno del cuore - miocardio) in ossigeno, allo sviluppo di ipossia acuta e ischemia di alcune aree del cuore. Il paziente inizia a corto respiro, il respiro diventa doloroso, c'è una sensazione di bruciore e spremitura nella parte anteriore del torace.

Fai attenzione! In circa l'80% dei pazienti, i disturbi dell'apparato respiratorio sono accompagnati da attacchi di panico e un'improvvisa paura della morte.

Sintomi del sistema cardiovascolare

I sintomi principali di un attacco di stenocardia sono manifestati dal sistema vascolare e dal cuore. Negli esseri umani, gli arti diventano insensibili, la pelle diventa pallida, a volte una tonalità di marmo. Nell'ipossia acuta con segni di asfissia, la cianosi (cianosi) può comparire in alcune zone della pelle e delle mucose. Altri sintomi in questo gruppo includono:

  • ipertensione;
  • sudorazione su viso, piedi e palmi;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • cambiamento della frequenza cardiaca;
  • mal di testa;
  • stato debole

Segni atipici di angina pectoris

È importante! Nei pazienti predisposti, la pressione può salire a livelli critici, che porteranno allo sviluppo di una crisi ipertensiva - una condizione urgente e pericolosa per la vita che richiede una rianimazione immediata.

Quando è richiesta la diagnosi differenziale?

In alcuni casi, un attacco di angina può essere accompagnato da sintomi caratteristici di altre malattie, come gastrite, esofagite da reflusso, pancreatite e altre anomalie dell'apparato digerente. Ulteriori sintomi clinici in questo caso saranno:

  • bruciori di stomaco;
  • eruttazione;
  • nausea e vomito;
  • gonfiore.

Questi segni possono manifestarsi sia durante l'attacco di "angina pectoris" che nelle malattie degli organi dell'apparato digerente, quindi è importante saperli distinguere. Per differenziare queste malattie può essere la natura del dolore e il momento del suo verificarsi. La sindrome del dolore nell'angina pectoris può avere intensità diversa, essere acuta, schiacciare, bruciare o tagliare, e si verifica nell'ipocondrio destro, dietro il torace con irradiazione verso altre zone (principalmente sul lato sinistro). Il dolore in caso di disturbi nel tratto gastrointestinale di solito ha un carattere sordo o pungente e appare dopo aver mangiato.

Se il dolore si verifica principalmente dopo l'eccesso di cibo, è necessario escludere la probabilità di ernia diaframmatica. Questa è una patologia grave caratterizzata da una violazione dell'integrità del tubo diaframmatico, che porta a una protrusione degli organi addominali nel torace. La patologia richiede un trattamento chirurgico, quindi con frequenti attacchi dolorosi, accompagnati da eruttazioni, nausea e rigurgito, è necessario consultare uno specialista.

Angina e infarto

Fai attenzione! A volte il dolore caratteristico dell'angina può verificarsi con malattie della colonna vertebrale e disturbi neurologici: nevralgia intercostale, osteocondrosi, ernia intervertebrale. La consultazione di un neurologo e di un chirurgo, così come un complesso di studi, che possono includere la risonanza magnetica, la diagnosi ecografica, i raggi X, ecc., Sono necessari per la diagnosi.

L'angina può essere senza dolore?

In rari casi, un attacco di stenocardia può verificarsi senza dolore grave e inizia con altri sintomi, come mancanza di respiro, inspirazione dolorosa ed espirazione, intorpidimento delle estremità. Circa l'11% dei pazienti ha dolore nei luoghi di irradiazione: avambraccio, clavicola, scapola, arti. Questa situazione non è considerata tipica, quindi il paziente deve cercare aiuto medico il più presto possibile, dal momento che è impossibile eseguire la diagnostica necessaria a casa.

Cosa fare se un attacco di angina è diverso dal solito

Pronto soccorso per "angina pectoris"

Se una persona era in movimento durante un attacco, è necessario fermarsi e prendere una posizione seduta. Alcuni cercano di mettere a letto il paziente - è assolutamente impossibile farlo, poiché la sindrome del dolore in posizione orizzontale può aumentare più volte. Le gambe possono essere piegate alle ginocchia o tirate in avanti. È molto importante fornire una temperatura e un flusso d'aria confortevoli nella stanza. Per fare questo, apri le prese d'aria e, se le condizioni meteo lo consentono, finestre. Tutti gli indumenti vincolanti che possono spremere le arterie e i vasi sanguigni devono essere rimossi. Lo stesso vale per vari accessori: braccialetti stretti, orologi, cinture e cinture.

Quando i sintomi di brividi, il paziente deve essere coperto con una coperta calda o un tappeto, anche se la stanza ha aria calda. Successivamente, massaggiare il collo e la testa, inclinandolo leggermente in avanti, ma in modo che il mento non tocchi il torace.

Auto aiuto con l'angina

Il farmaco di scelta per il sollievo dei colpi di angina è "Nitroglicerina" (analogico - "Nitrolingval"). Il farmaco è disponibile sotto forma di compresse sublinguali, spray dosato e compresse e appartiene al gruppo di preparati nitrati ad azione rapida. La dose terapeutica per il sollievo di un attacco di "angina pectoris" è di 1 compressa / 1 iniezione. È necessario mettere il paziente sotto la lingua e attendere la completa dissoluzione. L'effetto dell'uso dovrebbe avvenire entro 5 minuti. Se ciò non accade, puoi ripetere la ricezione, ma la dose totale non deve superare 2 compresse. Prima di utilizzare la nitroglicerina, si raccomanda di leggere le istruzioni, poiché il farmaco ha un ampio elenco di controindicazioni, ad esempio:

  • ictus emorragico;
  • recenti lesioni cerebrali traumatiche e lesioni alla testa;
  • stenosi isolata (restringimento) della valvola mitrale;
  • edema polmonare edziologia tossica;
  • ipertiroidismo;
  • violazione della circolazione cerebrale;
  • ipotensione (con pressione sanguigna costantemente bassa di 90/70 e inferiore), ecc.

10 modi per combattere l'angina

È importante! Durante la gravidanza e l'allattamento, la decisione sulla possibilità di utilizzare farmaci dal gruppo di nitrati dovrebbe essere presa dal medico curante. La nitroglicerina è controindicata per i bambini e gli adolescenti fino a 18 anni di età.

Correzione della droga dopo cure di emergenza

Dopo il sollievo di un'emergenza acuta, il paziente ha bisogno di un trattamento farmacologico, che dipende dai sintomi, dalla loro gravità e dal generale benessere della persona. I farmaci che possono essere utilizzati per trattare l'angina e facilitare il benessere del paziente a casa sono elencati nella tabella. Prima di utilizzarne uno, è necessario leggere le istruzioni per l'uso.

Trattamento dell'angina a casa con farmaci

Come riconoscere l'angina dal dolore

L'angina pectoris, o angina pectoris, è un comune dolore e sensazione di disagio al petto. Sono difficili da localizzare e possono dare in mano. L'angina pectoris è spesso associata a stress fisico o stress emotivo, dopo un periodo di riposo. Di solito, l'angina pectoris è un sintomo di insufficienza coronarica o malattia coronarica. La malattia può apparire improvvisamente (acuta) o essere ricorrente (cronica) in natura. [1] L'angina pectoris è causata dalla riduzione del flusso sanguigno al muscolo cardiaco, cioè dalla cosiddetta ischemia cardiaca. Di solito si verifica a causa di depositi di colesterolo, che portano all'indurimento e al blocco delle arterie che portano al cuore. Oltre al ben noto dolore toracico, l'angina è caratterizzata da alcuni altri sintomi, la cui conoscenza ti aiuterà a determinare quando vedere un medico.

Attenzione: le informazioni in questo articolo sono solo a scopo informativo. Prima di utilizzare uno qualsiasi dei metodi consultare il proprio medico.

Quanto dura l'attacco di angina?

Se hai una sensazione di dolorosa pressione o disagio al petto, questa condizione estremamente spiacevole può essere una manifestazione di angina. L'angina è solitamente sentita e intesa come un attacco di cuore, ma soprattutto, l'angina è un segnale di avvertimento dal tuo cuore.

Angina Pectoris - Che cos'è e perché?

Oggi si può fare molto per rispondere adeguatamente all'angina - i dispositivi medici insieme ai cambiamenti nello stile di vita aiutano a controllare l'angina. Ma se hai una forma più grave di angina, potresti aver bisogno di un intervento chirurgico. È probabile che a una persona affetta da stenocardia verrà somministrato uno stent - chirurgia, che viene eseguita per installare uno stent nei vasi coronarici.

Il dolore al petto nell'angina si verifica perché non c'è abbastanza flusso di sangue che scorre nel tuo cuore. È un sintomo di malattie cardiache, accade quando qualcosa blocca le arterie che portano al cuore sangue ricco di ossigeno.

L'angina di solito si risolve, ma può essere un sintomo di problemi cardiaci potenzialmente letali. Consultare il proprio medico se si dispone di angina. È importante scoprire cosa sta succedendo, discutere di cosa si può fare per evitare un infarto in futuro.

Esistono vari tipi di angina pectoris:

L'angina stabile è la forma più comune di angina. L'attività fisica o lo stress possono causare angina stabile. Di solito dura pochi minuti e se ne va quando si riposa. Questo non è un attacco di cuore, ma è un segno che probabilmente lo otterrete in futuro. Dillo al tuo medico se questo ti succede.

Angina instabile Questa forma di angina si verifica quando sei a riposo o non molto attivo. Il dolore può essere grave e duraturo, può tornare ancora e ancora. L'angina instabile è un segnale che avrai un attacco di cuore, quindi consulta il tuo medico.

L'angina prinzmetale (chiamata anche angina pectoris) è rara. Può verificarsi durante la notte durante il sonno o durante il riposo. Le arterie del cuore diventano improvvisamente strette, il che può causare un forte dolore. Angina prinzmetal significa la necessità di un trattamento urgente.

Cause dell'angina pectoris

L'angina è solitamente causata da malattie cardiovascolari. Una sostanza grassa nelle arterie chiamata placca blocca il flusso di sangue al muscolo cardiaco. Ciò fa funzionare il cuore con meno ossigeno, che causa dolore. Anche nelle arterie del tuo cuore ci possono essere coaguli di sangue (coaguli di sangue) che causano attacchi di cuore.

Altre cause meno comuni di dolore toracico per angina includono:

  • Blocco nell'arteria principale dei polmoni (embolia polmonare)
  • Cuore ingrossato o ispessito (cardiomiopatia ipertrofica)
  • La costrizione della valvola nella parte principale del cuore (stenosi aortica)
  • Gonfiore della borsa attorno al cuore (pericardite)
  • Rottura della parete aortica - dissezione aortica (una grande arteria nel corpo).

Sintomi di angina pectoris - che dolori a stenocardia

Il dolore al petto è un sintomo di angina, ma colpisce le persone in modo diverso. La natura del dolore nell'angina è molto ampia, puoi sentire:

  • il dolore
  • sensazione di bruciore
  • disagio
  • sensazione di pienezza al petto
  • peso
  • la pressione
  • spremere

È probabile che il dolore all'angina provochi dolore dietro lo sterno, ma può diffondersi a spalle, braccia, collo, gola, mandibola o schiena. Sì, sì! Il dolore con l'angina può essere sentito nei luoghi più inaspettati nel tuo corpo.

Dolore con angina può essere scambiato per dolore o bruciore di bruciore di stomaco o gas nello stomaco.

Gli uomini spesso sentono dolore al petto, al collo e alle spalle. Le donne possono provare disagio allo stomaco, al collo, alla mascella, alla gola o alla schiena. Il dolore con l'angina può anche essere accompagnato da mancanza di respiro, sudorazione o vertigini.

L'angina stabile spesso scompare o scompare insieme a miglioramenti in altre condizioni mediche. L'angina instabile non può passare da sola e può solo peggiorare.

Diagnosi di angina pectoris

Se hai dolori al petto, è importante consultare un medico, anche se lei non c'è più.

Il medico vorrà sapere:

  • Come hai sentito il dolore?
  • Dove hai sentito il dolore?
  • Quanto è stato forte il tuo dolore?
  • Quanto è durato il dolore?
  • Che cosa hai fatto quando è iniziato il dolore?
  • Il dolore sta tornando?
  • Hai sentito prima questo dolore?
  • Quando hai iniziato a provare dolore al petto?
  • Hai mai avuto un infarto?
  • Hai avuto un intervento al cuore?
  • Qualcuno nella tua famiglia ha una malattia cardiaca?
  • Hai altre malattie?

Il medico può raccomandare questi test per determinare o escludere l'angina pectoris:

  • Test di stress. Ti verrà offerto di correre su un tapis roulant o pedalare su una cyclette mentre il medico controlla la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, i sintomi e i cambiamenti del ritmo cardiaco.
  • Elettrocardiogramma (ECG). Misura i segnali elettrici del tuo cuore e dimostra il lavoro del cuore. Un operatore sanitario collega piccoli dischi o adesivi metallici, detti elettrodi, al petto, alle braccia e alle gambe. Ad ogni battito cardiaco, il segnale elettrico registra come funziona il cuore. L'ECG richiede solo pochi minuti e questa diagnosi del cuore è indolore. Puoi fare un ECG in molte istituzioni mediche - questo è un test semplice.
  • Angiografia coronarica Un tubo sottile, chiamato catetere, viene fatto passare attraverso un grande vaso sanguigno, di solito uno nell'inguine o nel polso. Il medico inietta vernice attraverso un tubo che attraversa le arterie del tuo cuore. Il modo in cui la tintura si muove indica quanto bene scorre il tuo sangue.
  • Angiografia TC. Questo test controlla anche quanto bene il sangue scorre attraverso le arterie al cuore. Prima riceverai un'iniezione di colorante attraverso una vena. Quindi la radiografia creerà un'immagine tridimensionale del tuo cuore. Ogni scansione richiede solo pochi secondi, la procedura è indolore. L'angiografia TC può essere eseguita in ospedale o in clinica.

È inoltre possibile eseguire esami del sangue per verificare la presenza di grassi, colesterolo, zuccheri e proteine, che possono causare un rischio più elevato di malattie cardiovascolari.

Diagnosi di angina - quali domande chiedere a un medico

  • Ho bisogno di ulteriori test?
  • Che tipo di angina ho?
  • Ho danni al cuore?
  • Che trattamento mi consiglia?
  • Come posso migliorare le mie condizioni?
  • Cosa posso fare per cercare di prevenire un attacco di cuore?
  • Ci sono azioni che non dovrei fare?
  • Migliorerà la mia dieta?

Come trattare l'angina

Il trattamento per l'angina dipende da quanto danno è nel tuo cuore. Per le persone con angina lieve, la medicina e i cambiamenti dello stile di vita possono spesso contribuire a migliorare il flusso sanguigno e a eliminare i sintomi spiacevoli.

Un medico può prescrivere farmaci per:

  • Espandere i vasi sanguigni, permettendo a più sangue di fluire nel cuore
  • Lenire il lavoro del cuore in modo che non abbia bisogno di lavorare a pieno carico
  • Rilassa i vasi sanguigni per dirigere più sangue al cuore.
  • Prevenire la formazione di coaguli di sangue

Se non c'è abbastanza medicina per trattare l'angina, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico che sbloccherà le arterie. Potrebbe essere:

  • Angioplastica / stenting. La procedura richiede in genere meno di 2 ore. Molto probabilmente passerai la notte in ospedale.
  • Chirurgia di bypass delle arterie coronarie. Il chirurgo prende arterie o vene sane da un'altra parte del corpo e le utilizza per bypassare i vasi sanguigni bloccati o restretti. Puoi aspettarti di trascorrere circa una settimana dopo la procedura in ospedale. Sarai nel reparto di terapia intensiva per un giorno o due, mentre infermiere e medici continuano a monitorare attentamente le tue condizioni dopo l'intervento di bypass delle arterie coronarie. Quindi sarai trasferito in un reparto normale.

Prevenzione dell'angina pectoris - prendersi cura di se stessi

Puoi continuare a condurre uno stile di vita attivo, ma è importante ascoltare il tuo corpo. Se senti dolore, ferma ciò che stai facendo e riposa. Sapere esattamente quale azione provoca angina: stress o intenso esercizio fisico. Cerca di evitare cose che tendono a causare angina. Ad esempio, se i problemi cardiaci sono causati da una grande porzione di cibo, utilizzare pasti suddivisi e piccole porzioni.

I cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a proteggere il tuo cuore:

  • Smetti di fumare. Fumare VERAMENTE provoca danni ai vasi sanguigni e aumenta il rischio di malattie cardiache.
  • Vai a una dieta sana per abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo. Consumare principalmente frutta e verdura, cereali integrali, pesce, carne magra e latticini a basso contenuto di grassi. Limitare l'assunzione di sale, grassi e zuccheri.
  • Utilizzare metodi di sollievo dallo stress come la meditazione, la respirazione profonda o lo yoga per rilassarsi.
  • Esercitare la maggior parte dei giorni a settimana.
  • Sottoposto regolarmente a visita medica.

Se hai un dolore al petto che è nuovo o inusuale per te e pensi che possa esserci un infarto, chiama subito un'ambulanza. Non aspettare Il trattamento rapido dell'angina è molto importante e può proteggerti dai pericoli mortali.

Angina pectoris - cosa aspettarsi

L'angina pectoris si presenta come rischio di infarto. Ma lei è curabile. Considerare l'angina pectoris come il segnale di avvertimento più importante e fare la scelta giusta per te.

Parla con altre persone che hanno o hanno avuto anche angina - questo può aiutarti a ottenere un'idea e consigli che ti aiuteranno a curare meglio la tua salute.

La tua famiglia dovrebbe anche avere una certa conoscenza della malattia dell'angina in modo da ricevere il massimo sostegno e la loro vita non diventa piena di spiacevoli sorprese inaspettate. Fai una visita dal medico del tuo parente o amico più vicino e chiedi loro di visitare portali specializzati o forum per angina.

L'autore dell'articolo: Irina Surkova, "Medicina di Mosca" ©

Dichiarazione di non responsabilità: le informazioni fornite in questo articolo su angina pectoris sono intese solo per informare il lettore. Non può essere un sostituto per il consiglio di un professionista medico professionista.

Informazioni generali

Esistono diverse forme cliniche di questa malattia: angina pectoris da sforzo (prima sviluppata, stabile, progressiva) e angina pectoris spontanea.

Per la prima volta, il sorgere, a sua volta, può svilupparsi in 3 modi: infarto del miocardio, transizione a angina da sforzo stabile, scomparsa.

Più comune negli uomini.

Chi e come subisce l'angina?

La causa più comune di angina è l'aterosclerosi coronarica. L'angina pectoris si sviluppa a causa dell'insufficienza acuta del rifornimento di sangue coronarico che si verifica quando c'è una discrepanza tra il flusso di sangue al cuore e la sua necessità di sangue.

Il risultato dell'insufficienza coronarica acuta è l'ischemia miocardica. Molto meno spesso, l'angina si verifica con lesioni infettive e infettive.

Fattori di rischio per l'angina pectoris

  • età;
  • ereditarietà;
  • il fumo;
  • ipertensione;
  • diabete mellito;
  • l'obesità;
  • stile di vita sedentario;
  • profilo lipidico: alta concentrazione di colesterolo;
  • carenza di estrogeni;
  • uso di contraccettivi ormonali;
  • placche aterosclerotiche e depositi di calcio nelle pareti delle arterie coronarie;
  • anomalie congenite dei vasi coronarici;
  • trombosi ed embolia dei vasi coronarici (endocardite infettiva, eritremia, fibrillazione atriale);
  • spasmo coronarico.

La manifestazione più tipica di angina dello sforzo è il dolore al petto, che si verifica durante lo sforzo fisico, lo stress emotivo, quando si esce al freddo, camminando contro il vento, a riposo dopo un pasto pesante, mentre si fuma. La durata del dolore - da 1 a 15 minuti, ha un carattere crescente. Il dolore può essere dato alle parti sinistra e destra del torace e del collo. La diffusione classica del dolore è nella mano sinistra e nella mascella inferiore. Un attacco di angina può essere accompagnato da nausea, vomito, sudorazione eccessiva, affaticamento, mancanza di respiro, aumento della frequenza cardiaca, aumento o diminuzione della pressione arteriosa. Condizioni per la prevenzione del dolore nell'angina - la cessazione dell'attività fisica o l'assunzione di nitroglicerina.

Nella maggior parte dei casi, l'angina pectoris è causata dall'aterosclerosi dei vasi che alimentano il cuore. Altre cause includono l'ipertensione, il rigurgito della valvola aortica e altri.

Ci sono 4 classi funzionali di angina di sforzo:

1 - i dolori compaiono solo con una tensione forte, veloce o prolungata nel lavoro. Lo sforzo fisico normale (ad esempio, camminare o salire le scale) non causa convulsioni.

Grado 2 - il dolore si verifica camminando o salendo le scale rapidamente, camminando in salita, dopo aver mangiato, a freddo, sotto stress emotivo o entro poche ore dopo il risveglio.

Grado 3 - camminare su un terreno pianeggiante o salire 1 scala in fasi normali provoca il verificarsi di convulsioni.

Grado 4 - l'impossibilità di qualsiasi attività fisica senza disagio, le convulsioni si verificano a riposo.

Va tenuto presente che manifestazioni simili di dolore possono essere in una serie di altre malattie: pericardite, anemia, cardiopatia, prolasso della valvola mitrale, malattia da reflusso, ulcera peptica, fuoco di Sant'Antonio, ecc. Pertanto, se ci sono attacchi di dolore, è necessario consultare un medico per diagnosticare la malattia e condurre una serie di studi: ecg, ecografia cardiaca (ecocardiografia), angiografia coronarica, monitoraggio ECG 24 ore su 24.

Un attacco di angina non è un attacco di cuore. È il risultato di una temporanea mancanza di ossigeno nel muscolo cardiaco che lavora.

A differenza dell'angina pectoris, nell'infarto si verificano cambiamenti irreversibili nel tessuto cardiaco a causa della completa cessazione dell'afflusso di sangue in quest'area. Il dolore al petto durante un infarto è più pronunciato, dura più a lungo e non scompare dopo il riposo o l'assunzione di nitroglicerina sotto la lingua. Con un attacco di cuore, si osservano anche nausea, grave debolezza e sudorazione.

Ma va ricordato che nei casi in cui gli episodi di angina pectoris diventano più lunghi, sono più comuni e si verificano anche durante il riposo, il rischio di sviluppare un attacco di cuore è piuttosto alto.

Come scoprire se ho l'angina?

Non tutti i dolori al petto e nemmeno il dolore nell'area del cuore sono segni di angina pectoris. Ad esempio, se il dolore dura meno di 30-40 secondi, passa dopo un respiro profondo, un cambio di posizione o un sorso d'acqua, quindi non dovresti preoccuparti dell'angina.

Il dolore si verifica dietro lo sterno, sulla superficie anteriore del torace, dà alla spalla, scapola, mascella, collo, schiena o anche i denti (di solito a sinistra). Dalla natura del dolore che preme, comprime, meno brucia, lacrimazione. A volte può essere solo una sensazione dolorosa dietro lo sterno. Ci può essere anche un aumento della pressione sanguigna, una sensazione di irregolarità nel cuore, indigestione, fluttuazioni della frequenza cardiaca, bruciore di stomaco, debolezza, sudorazione eccessiva, nausea, coliche o mancanza di respiro.

Di norma, il dolore dura da 1 a 15 minuti e scompare dopo aver assunto il farmaco appropriato o riposato. Ci sono anche colpi indolori.

Il modo più accurato per diagnosticare l'angina è l'angiografia coronarica. Questa è una procedura invasiva, che è, in realtà, un'operazione diagnostica.

Per escludere malattie concomitanti, vengono eseguiti un certo numero di esami medici, tra cui un elettrocardiogramma (ECG) a riposo e dopo l'esercizio, uno stress test (viene misurato il flusso sanguigno all'interno del muscolo cardiaco), i raggi X delle arterie coronarie (angiogramma) e la misurazione della pressione.

Cosa può portare all'angina?

Nei pazienti con angina pectoris a lungo termine, la cardiosclerosi si sviluppa, il ritmo cardiaco viene disturbato e compaiono i sintomi di scompenso cardiaco. Esiste il rischio di infarto miocardico.

Come proteggere contro l'angina?

L'attività fisica, mangiare cibi sani, moderazione della dieta, ridurre l'assunzione di alcol, smettere di fumare ed evitare lo stress può aiutare a prevenire l'angina.

Cosa succede se ho l'angina?

Durante un attacco di stenocardia, la persona deve assumere una posizione calma, preferibilmente seduta. Successivamente, prendere nitroglicerina sotto la lingua (1 compressa o 1-2 gocce di soluzione all'1% su un pezzo di zucchero, su una compressa di validolo), ri-assunzione del farmaco in assenza di effetto in 2-3 minuti. Per la sedazione, viene visualizzato Corvalol (Valocardine) - 30-40 gocce verso l'interno. La nitroglicerina può essere presa "profilatticamente" in previsione dello stress, irto di un attacco di angina pectoris.

Se l'attacco non si attenua entro 10-15 minuti e dopo somministrazione ripetuta di nitroglicerina, devono essere usati analgesici, poiché un attacco prolungato può essere la prima manifestazione di un infarto miocardico acuto.

Per il trattamento vengono utilizzati tre gruppi di farmaci: nitrati prolungati (a lunga durata d'azione), beta-bloccanti e calcio antagonisti.

Tipi di trattamento chirurgico: angioplastica con palloncino, impianto di uno stent coronarico, impianto di uno stent coronarico con rivestimento speciale e bypass coronarico.

Un paziente con angina pectoris dovrebbe condurre uno stile di vita sano, esercitare, smettere di fumare, mangiare bene.

Metodi tradizionali di trattamento dell'angina

La composizione delle tasse e il dosaggio sono individuali. Nelle ricette proposte viene data la dose giornaliera media. Con un buon effetto, possono essere in qualche modo ridotti (di 1-3 grammi al giorno), con insufficienza può essere aumentato di 1,5-2 volte.

L'uso di piante medicinali è lungo, a volte continuo. Si raccomanda di non interrompere l'assunzione durante il primo anno di trattamento, nonostante abbia ottenuto un buon risultato. La scomparsa del dolore conferma la scelta corretta della pianta, ma non è un'indicazione per interrompere il trattamento. È necessario raccogliere 3-4 raccolti efficaci e cambiarli ogni 2-2,5 mesi interamente o sostituire alcune piante nella raccolta con altre, ma con un'azione simile, ad esempio, valeriana per biancospino o motherwort, trifoglio dolce per castagna o trifoglio, ecc..

Le raccolte fito elencate durante il primo anno di trattamento si alternano ogni 2-2,5 mesi.

Alle classi funzionali II e III di angina pectoris, si raccomanda di iniziare la fitoterapia.

Angina pectoris

Angina pectoris - un forte dolore o fastidio al petto, causato da una mancanza di afflusso di sangue in una zona specifica del cuore. L'angina pectoris è il sintomo principale della malattia coronarica (CHD), che si sviluppa a seguito di costrizione o blocco dei vasi cardiaci. Le sensazioni soggettive dei pazienti con stenocardia possono essere descritte come costrizione o pressione del dolore dietro lo sterno, che spesso si estende (irradiando) alla spalla, al braccio, al collo o alla mascella. Di norma, il dolore dura meno di 5 minuti e scompare dopo aver assunto il farmaco appropriato o riposato. Allo stesso tempo, vari pazienti hanno avuto attacchi di angina che durano da 30 secondi a 30 minuti. Come già notato, episodi di dolore severo nel cuore si manifestano nei casi in cui la richiesta di ossigeno del muscolo cardiaco non viene reintegrata dal flusso sanguigno.

Attacchi di angina pectoris

Gli attacchi di angina si verificano dopo uno sforzo fisico, un sovraccarico emotivo, un forte raffreddamento o surriscaldamento del corpo, dopo aver assunto cibi pesanti o piccanti, bevendo alcolici. In tutti i casi di cui sopra, il lavoro del cuore aumenta, rispettivamente, vi è una maggiore mancanza di ossigeno. C'è un effetto doloroso. Prima di tutto, è necessario capire che un attacco di angina non è un attacco di cuore. È il risultato di una temporanea mancanza di ossigeno nel muscolo cardiaco che lavora.

A differenza dell'angina pectoris, nell'infarto si verificano cambiamenti irreversibili nel tessuto cardiaco a causa della completa cessazione dell'afflusso di sangue in quest'area. Il dolore al petto durante un infarto è più pronunciato, dura più a lungo e non scompare dopo il riposo o l'assunzione di nitroglicerina sotto la lingua. Con un attacco di cuore, si osservano anche nausea, grave debolezza e sudorazione. Va ricordato che nei casi in cui gli episodi di angina pectoris diventano più lunghi, sono più comuni e si verificano anche durante il riposo, il rischio di sviluppare un attacco di cuore è piuttosto alto.

Primo soccorso per Angina

L'angina è un attacco improvviso di dolore al cuore. La nitroglicerina, che è ben assorbita dalla mucosa orale, è usata per fermarla. Una compressa di nitroglicerina viene presa sotto la lingua e tenuta lì fino alla completa dissoluzione. Il farmaco viene assorbito nel sangue e dà un effetto anestetico, che è causato dall'espansione dei vasi muscolari, della pelle, degli organi della cavità addominale, che provoca un afflusso di sangue verso di loro e riduce il flusso al cuore, con conseguente ridotta necessità di ossigeno miocardico.

Allo stesso tempo, la nitroglicerina elimina lo spasmo delle arterie coronarie e aumenta il flusso di sangue al miocardio. Ciò aiuta a ripristinare l'equilibrio tra la necessità del muscolo cardiaco per l'ossigeno e il suo afflusso attraverso le arterie coronarie, che rimuove l'ischemia miocardica. Poiché gli effetti collaterali sono possibili durante l'assunzione di nitroglicerina, il trattamento viene effettuato secondo regole rigorosamente definite. La prima assunzione di nitroglicerina viene effettuata senza un attacco di angina sotto la supervisione di un medico, che determina la sensibilità del paziente al farmaco.

Nel caso di un attacco di angina, devi smettere di fare esercizio, dovresti sederti o sdraiarti. Se il dolore non scompare, è necessario assumere nitroglicerina. Quando una persona è seduta o sdraiata, impedisce un brusco calo della pressione sanguigna e svenimento dopo l'azione del farmaco. La nitroglicerina può essere assunta ogni cinque minuti - fino a quando l'attacco del dolore scompare, ma non più di 3 compresse per 15 minuti. L'azione della nitroglicerina dura solo 10-15 minuti, quindi può essere assunta più volte durante il giorno. Quando si utilizza nitroglicerina, possono verificarsi tinnito, mal di testa e vertigini, che non sono pericolosi. Per prevenire o ridurre l'intensità del mal di testa e altre sensazioni è possibile selezionando la dose terapeutica necessaria di nitroglicerina.

I sintomi dell'angina pectoris

Quando si verifica l'angina, il dolore è più spesso intenso, ha un carattere pressante e contratto. Estremamente caratteristico dei sintomi della stenocardia è l'irradiazione del dolore: di solito nel braccio sinistro, nella spalla sinistra, sotto la scapola sinistra, nella mascella inferiore. Un attacco doloroso dura 1-10 minuti e viene rapidamente interrotto assumendo nitroglicerina o quando l'attività fisica viene interrotta. Le sensazioni soggettive dei pazienti con stenocardia possono essere descritte come costrizione o pressione del dolore dietro lo sterno, che spesso si estende (irradiando) alla spalla, al braccio, al collo o alla mascella.

Di norma, il dolore dura meno di 10 minuti e scompare dopo aver assunto il farmaco appropriato o riposato. Allo stesso tempo, vari pazienti hanno avuto attacchi di angina che durano da 30 secondi a 30 minuti. Nell'angina pectoris, il dolore si distingue sempre per i seguenti segni: ha il carattere di un attacco, cioè ha un momento chiaramente definito di inizio e cessazione, remissione; si verifica in determinate condizioni, circostanze.

Condizioni per l'inizio dell'angina pectoris: il più delle volte - camminare (dolore quando si accelera il movimento, quando si sale in salita, con un vento contrario, quando si cammina dopo aver mangiato o con un pesante fardello), ma anche altro sforzo fisico, o (e) significativo stress emotivo. Il condizionamento del dolore da sforzo fisico si manifesta nel fatto che con la sua continuazione o aumento, l'intensità del dolore aumenta inevitabilmente, e quando lo sforzo è terminato, il dolore scompare o scompare in pochi minuti; inizia a diminuire o si ferma completamente sotto l'influenza della nitroglicerina (1-3 minuti dopo la sua somministrazione sublinguale). Queste tre caratteristiche del dolore sono sufficienti per fare una diagnosi clinica di un attacco di angina e per distinguerlo da vari dolori nell'area del cuore e nel torace in generale, che non sono angina (cardialgia).

Ci sono i cosiddetti sintomi atipici dell'angina, che possono essere difficili da distinguere da altre malattie:

  • Variante asmatica, manifestata da una sensazione di mancanza di aria e mancanza di respiro, a volte tosse;
  • Variante cerebrale, accompagnata da perdita di coscienza e altri disturbi neurologici;
  • Opzione di gastralgia, in cui ci sono bruciore di stomaco, nausea e talvolta vomito;
  • Variante aritmica (il nome parla da solo);
  • Ischemia indolore, il cui fatto è determinato dai cambiamenti sull'ECG durante il test con l'attività fisica.

Diagnosi di angina pectoris

Non tutti i dolori al petto, o anche qualsiasi dolore al cuore, è un sintomo di angina. Ad esempio, se il dolore dura meno di 30-40 secondi, scompare dopo un respiro profondo, un cambio di posizione o un sorso d'acqua, non è necessario preoccuparsi dell'angina. Di solito, il medico diagnostica l'angina accertando la natura dei sintomi e le circostanze della loro manifestazione. Per escludere malattie concomitanti, vengono eseguiti numerosi esami medici, tra cui un elettrocardiogramma (ECG) a riposo e dopo l'esercizio, uno stress test, una radiografia delle arterie coronarie (angiogramma) e la misurazione della pressione.

Utilizzando un ECG, il medico determina gli impulsi elettrici del cuore. Questi impulsi mostrano la presenza o l'assenza di ischemia (insufficiente apporto di sangue), i cambiamenti nel ritmo cardiaco e alcuni altri. Per ottenere un quadro completo dell'attività cardiaca, uno specialista prende una lettura ECG a riposo e dopo aver eseguito esercizi fisici.

Uno stress test più completo consente di valutare il flusso di sangue all'interno del muscolo cardiaco a riposo e sotto stress. Viene utilizzata una piccola quantità di radioisotopo (solitamente tallio), che viene iniettato con una microiniezione in una vena durante l'esercizio. Quindi un dispositivo speciale consente di vedere la distribuzione del tallio in diverse parti del muscolo cardiaco. Differenze di concentrazione o assenza di un elemento in una certa parte del cuore ci permettono di identificare aree di insufficiente afflusso di sangue.

Il modo più accurato per rilevare i cambiamenti vascolari è un angiogramma o radiografia dell'arteria coronaria. Un tubo flessibile sottile (catetere) viene inserito in una delle arterie nella regione inguinale o nella regione dell'avambraccio e quindi si sposta attraverso il flusso sanguigno verso una delle due arterie coronarie (cardiache). Quindi, viene iniettato un fluido radiopaco, con il quale è possibile osservare i cambiamenti dal lato delle arterie oggetto dello studio.

Trattamento dell'angina pectoris

Per il successo del trattamento dell'angina pectoris, prima di tutto, occorre prestare attenzione alla riduzione dei fattori di rischio che causano disturbi cardiovascolari. I fattori di rischio includono:

  • ipertensione
  • elevato colesterolo nel sangue
  • sovrappeso
  • fumare.

Il medico ti prescriverà i farmaci necessari per normalizzare la pressione sanguigna, consigliarti sulla dieta corretta e sull'esercizio fisico. Per decenni, la prima scelta nel trattamento e nella prevenzione della stenocardia sono i nitrati.

Trinitrati, dinitrati e mononitrati sono attualmente utilizzati. Il meccanismo della loro azione è la dilatazione (espansione) dei vasi cardiaci, un aumento dell'apporto di ossigeno al muscolo cardiaco e una diminuzione della tensione della parete del miocardio. Gli effetti indesiderati dei nitrati includono:

  • mal di testa,
  • arrossamento del viso
  • caduta della pressione sanguigna
  • vertigini,
  • sviluppo della tolleranza (insensibilità del corpo ad una dose specifica del farmaco).

Oltre ai nitrati, i beta-bloccanti sono usati nel trattamento della stenocardia, che riduce la frequenza e la forza delle contrazioni cardiache e i bloccanti dei canali del calcio, che prevengono lo spasmo vascolare.

Nei casi gravi di angina, quando la terapia farmacologica non è sufficientemente efficace, vengono eseguiti interventi chirurgici (chirurgia di bypass coronarico) e angioplastica con palloncino. L'intervento di bypass con arteria coronaria è un'operazione chirurgica in cui un vaso sanguigno viene impiantato in un'area bloccata dell'arteria coronaria al fine di ripristinare il flusso sanguigno nella parte del cuore fornita a questo bypass dell'arteria. Di solito, le arterie toraciche o le vene delle gambe vengono utilizzate per il trapianto. L'angioplastica comporta l'uso di un catetere con un piccolo palloncino all'estremità, che viene inserito nell'arteria femorale o ascellare e avanzato verso il sito di un restringimento del vaso coronarico.

Nel punto di costrizione, il palloncino viene rapidamente allungato o gonfiato, eliminando lo spasmo. È necessario distinguere la differenza tra angina pectoris stabile (angina pectoris da sforzo) e angina instabile (angina pectoris da riposo). Di solito, gli attacchi di angina si ripresentano con regolarità prevedibile. Il paziente può prevedere la sua condizione, notando che le convulsioni compaiono solitamente dopo stress o sforzo fisico. Tutto questo caratterizza l'angina stabile o l'angina da sforzo, il tipo più comune di malattia.

Tuttavia, in alcuni casi, l'angina può avere un decorso imprevedibile. Questo si manifesta in attacchi inaspettatamente forti o ricorrenti di dolore toracico, che si verificano con uno sforzo minimo o addirittura a riposo. Questa forma di angina pectoris si chiama instabile o angina pectoris riposo e richiede un trattamento particolarmente attento.

Prevenzione dell'angina pectoris

Ecco un ritratto sociale di una persona con un alto rischio di insorgenza e angina severa rispetto ad altre persone: un uomo di 35-65 anni, uno specialista altamente qualificato o un dirigente che non pratica sport, ma uno schema "divano-macchina-ufficio-divano-auto" fumare, sperimentando costantemente lo stress e mangiando cibi grassi. Influenzando i fattori di rischio, puoi seriamente migliorare il tuo benessere e ridurre il rischio di sviluppare angina.

I principali metodi per prevenire l'angina sono:

  • completa cessazione del fumo;
  • attività fisica - si raccomandano lunghe passeggiate e attività fisica - solo dopo un esame medico;
  • controllo della pressione arteriosa;
  • corretta alimentazione - è necessario seguire una dieta con restrizioni sull'uso di sale e grassi animali e un aumento della dieta di grassi vegetali, verdure e frutta;
  • moderazione nell'uso di alcol;
  • individuazione e trattamento del diabete, controllo dei livelli di glucosio nel sangue;
  • evitare uno stress emotivo eccessivo.

Tali raccomandazioni preventive possono essere date a coloro che non hanno angina.

Angina instabile

L'angina instabile è una condizione clinica non permanente che consiste nell'insorgenza di ictus in individui che non hanno precedentemente avuto malattia coronarica, o in un peggioramento della condizione di pazienti con angina stabile. L'esito di angina instabile può essere il recupero del paziente, la transizione della sua condizione all'angina stabile, l'insorgenza di infarto miocardico acuto e la morte improvvisa del paziente da insufficienza coronarica acuta.

Il sintomo principale della stenocardia instabile, così come la stenocardia stabile, è la sindrome del dolore. Solo l'intensità e la natura del dolore sono differenti. Di solito, con angina instabile, si verificano gravi episodi di riposo e tensione, specialmente nei pazienti con cardiopatia ischemica cronica, la cui frequenza, durata e intensità possono aumentare, insieme ad un aumento delle aree di irradiazione del dolore.

Per i pazienti la cui angina si è verificata per la prima volta, l'intensità e la durata degli attacchi dei primi giorni sono tipici. In molti pazienti, il sovraccarico fisico o neuropsichiatrico diventa la causa principale che provoca angina instabile. Inoltre, l'insorgenza di angina instabile può essere esacerbata da malattie come: mal di gola, influenza, infezioni respiratorie acute, ecc. Quando si trattano angina instabile, vengono utilizzati metodi di terapia farmacologica e trattamento chirurgico.

Domande e risposte su Angina

Domanda: Ciao. Recentemente, molto spesso (dopo uno sforzo fisico o nervosismo) ho un forte dolore al petto (lacrimazione), vertigini e pressione in questo momento da 130 a 50, battito cardiaco 84-101. Decise di prendere nitroglicerina nello spray. Aiuta, inizia solo il mal di testa. Questi sono i sintomi dell'angina pectoris? Cosa consigliare

Risposta: è possibile. Consultare un cardiologo di persona.

Domanda: Ciao. Mi è stata diagnosticata un'angina vasospastica. Gli attacchi accadono una volta ogni due mesi. Sono pesanti, passano solo dopo un'iniezione di aspirina. La dispnea soffre, in particolare sdraiato, gonfio e dolore alle gambe. Costante sensazione di stanchezza. Dimmi, è serio?

Risposta: Devi essere costantemente monitorato da un cardiologo, seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni e condurre un trattamento preventivo. Con il giusto trattamento, la prognosi della malattia è favorevole. Se si rifiuta il trattamento, possono verificarsi gravi complicanze.

Domanda: Ciao. Ho angina da sforzo dal 2010. Da un mese fa, le mie gambe hanno iniziato a ferire e gonfiarsi molto. C'è una mancanza di respiro quando mi sdrai. Non posso fare nulla fisicamente, poiché la mancanza di respiro diventa ancora più grande. La sensazione è come se il cuore fosse cresciuto di dimensioni e respirando pesantemente. Si è rapidamente stancata. Dimmi quanto è grave?

Risposta: In questo caso, se la condizione peggiora durante l'assunzione di farmaci, si consiglia di consultare nuovamente il cardiologo per condurre un esame personale e un esame completo, per determinare se sono necessari aggiustamenti del trattamento per aiutarti a migliorare la condizione generale e per determinare la prognosi. la malattia.

Domanda: a mia madre è stata diagnosticata l'angina. Gli attacchi accadono ogni una volta e mezza. Trasporta costantemente nitroglicerina. Ha una forte mancanza di respiro. Potete per favore curare completamente questa malattia? È una malattia pericolosa?

Risposta: L'angina pectoris è la principale causa di attacchi dolorosi al cuore o al torace che si verificano quando il flusso sanguigno nel cuore non è sufficiente. L'angina pectoris è una condizione pericolosa che richiede assistenza di emergenza. Con un trattamento adeguato, gli attacchi di angina possono essere fermati e la condizione stabilizzata. Si consiglia di consultare regolarmente un medico o un cardiologo per effettuare le regolazioni del trattamento.

Domanda: ho sentito che l'alcol dilata i vasi del cuore. Le bevande alcoliche sono consentite ai pazienti con angina pectoris?

Risposta: Non sono permessi, perché dopo una breve azione vasodilatatrice, l'alcol restringe drasticamente i vasi coronarici che alimentano il cuore, il che può portare ad infarto miocardico. Inoltre, non è un segreto che anche con una leggera intossicazione una persona perde il controllo su se stesso, è in grado di sovrastimare la sua forza e permette sovraccarichi fatali per lui. E infine, influenzando negativamente il metabolismo nel muscolo cardiaco, l'alcol riduce l'attività fisica già tollerabile ridotta nei pazienti senza di esso.

Domanda: Perché a volte subisco bene lo sforzo fisico, e in altri giorni non posso camminare per 200 metri senza un attacco?

Risposta: Il flusso di sangue attraverso i vasi coronarici è limitato nell'angina, non solo a causa della costrizione della placca aterosclerotica dei vasi, ma diminuisce ancora più bruscamente e improvvisamente a causa del loro spasmo. Questo riduce la capacità di trasportare carichi. Questo accade più spesso nelle prime ore del mattino, quando fa freddo o durante un sovraccarico nervoso improvviso.

Domanda: nel febbraio 2008, mia madre ha sofferto di un piccolo infarto focale. Ora è in ospedale con una diagnosi di angina progressiva. Il medico dice che un piccolo infarto focale è un infarto incompleto, che un coagulo di sangue non si è completamente staccato dalla parete del vaso e questo causa dolore. Se non si dispone di un'operazione di smistamento, il dolore sarà permanente e potrebbe esserci un attacco cardiaco ricorrente, solo già esteso. Ci sono altri metodi di trattamento?

Risposta: Apparentemente, il dottore che ti sta guardando ha assolutamente ragione. Il fatto che i sintomi dell'angina pectoris tornino di nuovo dopo un infarto suggerisce che una parte del muscolo cardiaco continua a soffrire di una mancanza di sangue (probabilmente a causa di un coagulo di sangue nel lume delle arterie coronarie). In una tale situazione, il rischio di un attacco cardiaco ricorrente è davvero molto alto. Un intervento chirurgico di bypass può risolvere completamente questo problema. Oltre allo smistamento, esistono altre tecniche chirurgiche per il trattamento dell'angina progressiva (ad esempio, la dilatazione intravascolare, la rimozione di un coagulo di sangue), ma la scelta del metodo di trattamento dipende dalle condizioni del paziente e dalle capacità della clinica in cui viene eseguito il trattamento. Il trattamento terapeutico di una tale malattia non può essere. Il trattamento farmacologico può essere usato come prevenzione della trombosi ricorrente, ma non può influenzare in modo significativo il coagulo di sangue già formato o la placca aterosclerotica.

Domanda: Dimmi, quanto è grave la diagnosi di angina?

Risposta: Angina è una diagnosi molto seria. Significa che una certa parte del cuore riceve meno sangue del necessario per il suo lavoro. In questa situazione, il rischio aumenta in modo significativo. Si consiglia di seguire attentamente tutte le istruzioni del proprio medico.

L'anamnesi può in qualche modo aiutare nella diagnosi dell'angina?

Sì. Con un'attenta anamnesi e un esame obiettivo, è spesso possibile determinare l'eziologia dei sintomi presenti nel paziente. Quando si effettua una diagnosi di stenocardia, i seguenti dati storici possono essere di grande aiuto:

  • la natura e la qualità della sindrome del dolore;
  • localizzazione e irradiazione del dolore;
  • fattori che causano l'insorgenza, l'aumento o l'indebolimento del dolore;
  • durata del dolore al petto;
  • sintomi associati

Quali fattori aumentano la probabilità che il dolore al petto sia l'angina pectoris?

Ci sono cinque principali fattori di rischio per CHD. Maggiore è il numero di fattori di rischio del paziente, maggiore è la probabilità che i suoi sintomi siano manifestazioni di ischemia miocardica (angina pectoris).

  • il fumo;
  • ipertensione;
  • elevata concentrazione di colesterolo;
  • diabete mellito;
  • ereditarietà, sfavorevole in relazione alla CHD (età fino a 55 anni negli uomini e fino a 65 anni nelle donne).

La presenza di questi fattori può aiutare nella diagnosi di angina (e quindi, malattia coronarica). Inoltre, tutti loro, esclusa l'ereditarietà, possono essere modificati, riducendo il rischio di insorgenza (o progressione di un IHD esistente).

Ci sono altre cause oltre all'ischemia che causano dolori al petto che assomigliano all'angina pectoris?

Sì. Molte malattie possono causare dolore toracico e alcune di esse causano sintomi simili all'angina. La diagnosi differenziale del dolore toracico comprende (ma non si limita a) le seguenti malattie:

  • Angina pectoris
  • Infarto miocardico Pericardite.
  • Dissezione aortica.
  • Prolasso della valvola mitrale. Ipertensione polmonare
  • Embolia polmonare acuta Spasmo dell'esofago.
  • Dolore alla parete toracica. Ulcera peptica
  • Pancreatite.
  • Miocardite.
  • Dolore causato da ischemia miocardica
  • Dolore pericardico
  • Dolore associato a malattie dell'esofago
  • Dolore nel mediastino
  • Dissezione aortica
  • Embolia polmonare

Dolore nella scapola:

  • Dolore associato all'ischemia miocardica
  • Dolore nelle malattie dei muscoli scheletrici
  • Malattia della cistifellea
  • Malattie del pancreas
  • Dolore nella cavità toracica anteriore destra
  • Malattie della colecisti, fegato
  • Ascesso subfrenico
  • Polmonite / pleurite
  • Gastrite o ulcera duodenale
  • Embolia polmonare
  • Miosite acuta
  • lesioni

Dolore alla spalla:

  • Dolore associato all'ischemia miocardica
  • pericardite
  • Ascesso subfrenico
  • Pleurite diaframmatica
  • Dolore nelle malattie del rachide cervicale
  • Dolore acuto nelle malattie dei muscoli scheletrici
  • Sindrome dell'uscita toracica
  • Epugastry
  • Dolore Miocardico Ischemico
  • Dolore pericardico
  • Dolore esofageo
  • Dolore nelle malattie duodenale / stomaco
  • Dolore nelle malattie del pancreas
  • Dolore nelle malattie della colecisti
  • Malattie del fegato
  • Pleurite diaframmatica
  • polmonite

Dolore all'avambraccio:

  • Ischemia miocardica
  • Malattie della colonna vertebrale cervico-toracica
  • Sindrome dell'uscita toracica
  • Dolore nella superficie anteriore del petto a sinistra
  • Nevralgia intercostale
  • Embolia polmonare
  • miosite
  • Polmonite / pleurite
  • Milza di attacco cardiaco
  • La sindrome dell'angolo splenico del colon
  • lesioni
  • Ascesso subfrenico
  • Sindrome del freddo precordiale

Quale descrizione viene data ai pazienti con dolore toracico da angina?

I pazienti a volte descrivono i loro sintomi non come dolore. Possono lamentarsi di un disagio pronunciato o di un disagio difficile da descrivere, o di una sensazione di pressione, contrazione o pesantezza al petto. L'angina pectoris è talvolta accompagnata da dolore durante la respirazione e non ha una localizzazione chiara.

Quanto dura l'attacco di angina?

L'angina può durare 2-5 minuti dopo l'assunzione di nitroglicerina o la cessazione dell'attività fisica. Se il dolore dura più di 20 minuti, di solito è associato a necrosi miocardica (infarto del miocardio) o di origine extracardiaca. Brevi dolori fugaci sono raramente di origine cardiaca.

Quali fattori possono causare o rafforzare un attacco di angina e quali si indeboliscono?

I fattori che aumentano il lavoro del cuore (consumo di ossigeno miocardico) e / o riducono il flusso di ossigeno al miocardio, possono causare o aumentare i sintomi dell'angina pectoris. Riposare, riducendo il lavoro del miocardio e la necessità di ossigeno, spesso riduce la gravità dell'angina. La nitroglicerina, che dilata le arterie coronarie, provocando un aumento del flusso sanguigno e la somministrazione di ossigeno al miocardio, rispettivamente, indebolisce anche l'insorgenza dell'angina.

Dove si sente il dolore anginoso e dove può irradiarsi?

Il dolore dell'angina pectoris può essere sentito ovunque nell'area tra il diaframma e la mandibola, ma il più delle volte è localizzato dietro lo sterno o nella metà sinistra del torace. Il dolore non ha una localizzazione puntuale e, di regola, si irradia. L'irradiazione è possibile nella regione del collo, della gola, della mandibola, della spalla o dell'avambraccio (di solito lungo la superficie interna dell'avambraccio e più spesso con la mano sinistra).

Quali sono i segni di angina?

L'angina pectoris è caratterizzata da dolore al petto causato da ischemia miocardica. Di solito è descritto come una sensazione di disagio, contrazione, pesantezza o pressione dietro lo sterno, che spesso si irradia sul braccio sinistro (lato ulnare), sul collo o sulla mascella inferiore. L'angina è anche accompagnata da respiro superficiale, sudorazione e nausea. È spesso causato da fattori provocatori, il principale dei quali è lo stress fisico. Altri fattori provocatori includono stress, ansia e condizioni secondarie come anemia, tachicardia e stenosi aortica. L'attacco di solito dura da 30 secondi a 15 minuti e si spegne da solo o dopo assunzione di nitroglicerina. Poiché l'angina è una sensazione viscerale, è mal localizzata e raramente i pazienti possono indicare la zona delle sensazioni sgradevoli con un dito.

Quante volte il dolore toracico coincide con la lesione anatomica delle arterie coronarie?

I dolori al petto si dividono in tre categorie:

  1. Angina tipica
  2. Angina atipica
  3. Dolore non cardiaco

Con tali dolori, la malattia coronarica (CHD) si verifica nel 90, 50 e 16% dei casi, rispettivamente. Spesso le manifestazioni cliniche non corrispondono alla diagnosi, ad esempio, nella forma indolore di CHD progressiva (quando l'ischemia non causa dolore) o nell'angina di Prinzmetal (vasospasica), se i cambiamenti aterosclerotici sono minimi o sono assenti.

Qual è la differenza tra i meccanismi fisiopatologici alla base dell'angina stabile e instabile?

L'angina stabile è più spesso causata da un aumento della richiesta di ossigeno miocardico durante l'esercizio. C'è sempre un'ostruzione fissa dell'arteria coronaria, che complica il rilascio di ossigeno nel periodo di aumento dei bisogni metabolici. La gravità dell'ostruzione determina la soglia dell'ischemia miocardica.

L'angina può anche svilupparsi a causa della ridotta erogazione di ossigeno durante lo spasmo delle navi coronarie. L'angina instabile è caratterizzata dalla formazione di coaguli di sangue nelle arterie coronarie, che non causano l'occlusione, ma peggiorano drammaticamente l'apporto di ossigeno. Trombi intracoronarica e aggregazione piastrinica si trovano in placche instabili o ulcerate nelle arterie coronarie. Probabilmente, il mediatore della vasocostrizione acuta nell'angina instabile è un rilascio locale di sostanze vasoattive (serotonina e trombossano A2).

Quale ruolo nella diagnosi della malattia coronarica svolge un ECG con attività fisica?

Per diagnosticare la malattia coronarica con dolore toracico di eziologia poco chiara e normale ECG a riposo, viene condotto uno studio standard con attività fisica.

Come viene valutata la prognosi dell'angina?

Inizialmente, la prognosi è valutata dal quadro clinico della malattia, inclusa la presenza di dolore prolungato a riposo, edema polmonare, cambiamenti dinamici nella ST e ipotensione arteriosa.

In futuro, un test di esercizio consente di determinare il rischio complessivo della malattia, tenendo conto della tolleranza all'esercizio, dello sviluppo dei sintomi clinici, dei cambiamenti dell'ECG e dei disturbi emodinamici.

Ipotensione con stress fisico indica anche una prognosi sfavorevole della malattia. Metodi di ricerca di immagini non invasive sono anche usati per valutare il rischio. L'indebolimento della funzione sistolica del ventricolo sinistro, la compromissione regionale della contrattilità del muscolo cardiaco durante l'attività fisica (secondo l'ecocardiografia da stress) o le multiple aree di ischemia (durante la ricerca radioisotopica) indicano lesioni multiple delle arterie coronarie.

La prognosi dell'angina migliora quando si modificano i fattori di rischio?

La riduzione dei fattori di rischio riduce il rischio di infarto miocardico (MI) con malattia coronarica asintomatica o non diagnosticata. Dopo l'insorgenza dei sintomi dell'angina, l'eliminazione dei fattori di rischio diventa particolarmente importante.

Il fumo aumenta il rischio relativo di infarto del miocardio di 2,8 volte e, dopo aver smesso di fumare, il rischio è significativamente ridotto. La cessazione del fumo dopo l'innesto di bypass coronarico ha un effetto positivo sulla pervietà dello shunt e sulla prognosi della malattia.

In che misura il mantenimento di un livello normale di pressione arteriosa contribuisce a una diminuzione della mortalità per malattia coronarica non è ben compreso. L'eliminazione dell'ipertensione arteriosa (soprattutto sullo sfondo del diabete mellito) riduce il rischio di sviluppare il primo IM.

Quali farmaci hanno l'effetto migliore per l'angina?

È stato dimostrato che tra gli uomini con angina pectoris cronica stabile, l'aspirina riduce il rischio di IM dell'87% durante 5 anni di follow-up. In assenza di controindicazioni, si raccomanda l'assunzione di aspirina in tutti i pazienti con angina.

Aspirina e P-bloccanti aumentano l'aspettativa di vita dopo infarto miocardico e riducono il numero di ripetuti attacchi di cuore. Con una buona tolleranza in questi pazienti, si raccomanda di prendere p-bloccanti, poiché, a giudicare dai risultati della meta-analisi, riducono la mortalità.

Lo strumento di scelta per l'angina acuta è la nitroglicerina sublinguale. Il farmaco è anche molto efficace nel prevenire l'attacco atteso di angina.

I nitrati orali a lunga durata d'azione sono spesso indicati come farmaci di seconda linea a causa di fluttuazioni significative della loro concentrazione plasmatica. L'effetto dei nitrati sulla riduzione della mortalità non è stato dimostrato.

Con l'angina instabile, che si è sviluppata a seguito di un aumento della domanda di ossigeno miocardico o di uno spasmo coronarico concomitante, i bloccanti dei canali del calcio sono i farmaci di scelta. La natura di tali attacchi è molto variabile, probabilmente a causa di una combinazione di vasocostrizione e lesioni ostruttive (aterosclerotiche). I bloccanti dei canali del calcio sono anche preferiti per l'angina pectoris di Prinzmetal. P-bloccanti e verapamil non sono indicati per grave insufficienza cardiaca congestizia e una diminuzione della frazione di eiezione ventricolare sinistra inferiore al 30% (sebbene in alcuni casi l'uso attento di basse dosi di P-bloccanti dia un risultato positivo).

Qual è l'angina instabile?

L'angina pectoris instabile è una sindrome che non ha una definizione chiara, ma è caratterizzata da uno dei seguenti sintomi: 1) comparsa di attacchi più gravi e frequenti sullo sfondo dell'angina pectoris cronica stabile; 2) lo sviluppo di angina a riposo o con sforzo minimo; 3) angina pectoris di nuova diagnosi (entro 1 mese), che si verificano con stress minimo. L'angina instabile può svilupparsi con la sconfitta di una o più arterie coronarie; dopo o senza infarto del miocardio e ha una prognosi incerta. L'angina instabile è classificata in base alla gravità (angina progressiva, angina a riposo, acuta), alla situazione clinica (secondaria, causata da fattori esterni, primaria) e all'intensità del trattamento.

Come trattare l'angina instabile?

L'angina instabile è una condizione potenzialmente pericolosa e il suo trattamento è volto a prevenire esiti avversi. I pazienti del gruppo ad alto rischio sono ospedalizzati in reparti di cardiologia. Viene prescritto riposo a letto e terapia (3-bloccanti o bloccanti dei canali del calcio, aspirina, eparina e nitrati per via endovenosa.L'aspirina riduce anche la probabilità di recidiva di ischemia e infarto miocardico in angina instabile.Tuttavia, né l'aspirina né l'eparina quando usata in monoterapia non hanno il vantaggio di in assenza di controindicazioni, a tutti i pazienti con angina instabile viene somministrata una terapia a lungo termine con aspirina, che riduce il rischio di infarto miocardico e morte. trattamento th di angina instabile si trasforma in una stalla.

Pinterest