Come si trapianta il cuore, cosa determina il suo successo, i suoi prezzi

Da questo articolo imparerai: cosa fanno durante il trapianto di cuore, da cui dipende il successo di questa operazione. Come sono i trapianti e quanto costa. Indicazioni e controindicazioni per il trapianto, possibili complicanze. Riabilitazione postoperatoria e prognosi.

Il trapianto di cuore è il nome della chirurgia più complessa per sostituire (trapiantare) un organo malato con un donatore sano. Essi prescrivono un trapianto a pazienti con gravi gradi di insufficienza cardiaca, cardiopatie coronariche, cardiopatie, difetti e altre malattie cardiache che non sono suscettibili di altri metodi di trattamento e minacciano di essere fatali per un breve periodo di tempo (fino a un anno).

Grazie allo sviluppo della cardiochirurgia e all'esperienza dei precedenti trapianti (il primo è stato fatto nel 1967), ora il trapianto è stato migliorato nella misura in cui viene eseguito con successo entro 6-8 ore e raramente si conclude con la morte del paziente sul tavolo operatorio.

Più difficile è il periodo postoperatorio. Per calmare il cuore, al paziente vengono prescritte forti droghe che sopprimono l'immunità. In questo contesto si sviluppano infezioni batteriche, virali o fungine che, insieme al rigetto, diventano le complicanze e le cause di morte più frequenti entro il primo anno dopo l'intervento (nel 12-15% dei pazienti).

Nei periodi successivi (dopo 5-6 anni), il 25-30% dei pazienti operati può sviluppare ischemia miocardica (mancanza di ossigeno nei tessuti), varie patologie dei vasi coronarici del cuore (garantendo l'afflusso e il deflusso del sangue).

Il trapianto potrebbe essere più comune se non fosse per certe difficoltà: più del 25% dei pazienti muore in previsione di un cuore adatto, poiché la sua condizione deve soddisfare determinati requisiti e l'organo può essere rimosso solo dopo la morte registrata del cervello del donatore.

Clicca sulla foto per ingrandirla

Inoltre, questa è una procedura costosa, oggi i prezzi nelle diverse cliniche partono da 100 mila dollari in Russia (da 200 mila euro in Europa). Il prezzo include preparazione, condotta, periodo di riabilitazione.

La conclusione della necessità di un intervento chirurgico rende il cardiologo frequentante. Il trapianto diretto viene eseguito da chirurghi cardiaci in centri medici speciali.

Cosa determina il successo dell'operazione

Il trapianto di cuore è un complesso di misure, un sistema che comprende diverse fasi che sono altamente dipendenti l'una dall'altra:

  1. L'introduzione del destinatario (la persona che ha trapiantato il cuore) in una lista d'attesa e la ricerca di un organo donatore.
  2. Esame diagnostico completo, supporto farmacologico e preparazione del ricevente durante il periodo di attesa.
  3. Esame del donatore e determinazione dei parametri di idoneità dell'organo donatore.
  4. Sequestro e trasporto dell'organo donatore.
  5. Trapianti.
  6. Riabilitazione postoperatoria precoce (in questa fase il paziente è collegato a un respiratore, un monitor cardiaco). Il suo obiettivo è prevenire emorragie, rigetto di organi e controllo del lavoro di tutti i sistemi corporei.
  7. Riabilitazione postoperatoria tardiva. Durante questo periodo, il compito principale è quello di eliminare il rigetto d'organo e prevenire altre complicanze (infezioni).

Perché un'operazione di trapianto di organi abbia successo, non è sufficiente avere cardiochirurghi esperti. È necessario che vari fattori coincidano:

  • Il numero di trapianti di cuore dipende direttamente dai donatori. A causa di varie restrizioni da parte del donatore, la maggior parte dei pazienti (25%) con grave insufficienza cardiaca e cardiopatie non sopravvive all'operazione.
  • La consegna dell'organo dal donatore al ricevente deve essere effettuata entro 4 ore, altrimenti potrebbe non essere adatta al trapianto a causa della carenza di ossigeno delle cellule del miocardio.

Questi sono solo i motivi più ovvi per cui un trapianto potrebbe non aver luogo.

Cuore donatore

Il successo del trapianto è il cuore del donatore, che con tutti i criteri è adatto al ricevente. Quando si sceglie un donatore vengono presi in considerazione:

  • età (fino a 45 anni);
  • frazione di eiezione del sangue (non inferiore al 50%);
  • mancanza di patologia cardiaca;
  • abbinamento del donatore e del ricevente per gruppo sanguigno e fattore Rh;
  • compatibilità immunologica (assenza di anticorpi in grado di provocare una reazione di rigetto);
  • la dimensione anatomica del corpo (la differenza consentita va dal 20 al 50%);
  • fattori di rischio per la malattia coronarica (fumo, alcolismo, diabete).

Poiché i donatori di cuore diventano postumi e spesso a causa di incidenti o incidenti, i chirurghi valutano il grado di contusione dell'organo donatore. Se soddisfa tutti i criteri di ricerca, viene posto in una soluzione raffreddata e trasportato alla clinica in un apposito contenitore.

Uno dei nuovi modi per preservare i trapianti di organi

Come si fa l'intervento chirurgico

Trapianto diretto - chirurgia addominale. Un paziente in anestesia generale viene fatto un'incisione lungo lo sterno, temporaneamente collegato a un bypass cardiopolmonare, il cuore viene rimosso dal torace.

Sono state sviluppate molte diverse opzioni di trapianto, ma il più popolare è il metodo ortotopico (l'innesto è nella posizione usuale):

  1. I ventricoli e parte degli atri del cuore del ricevente vengono completamente rimossi.
  2. Le pareti posteriori degli atri, il nodo del seno (l'area che determina il ritmo delle contrazioni) del cuore del ricevente sono preservate.
  3. Gli atri dell'organo donatore vengono suturati con le restanti pareti degli atri del ricevente.
  4. Collegare grandi vasi del cuore del donatore e il sistema circolatorio del ricevente.
  5. Inizia il cuore (se il corpo non parte in modo indipendente, viene stimolato da una scarica elettrica).
  6. Spegni la macchina cuore-polmone.
  7. Seno rinforzato con graffette e cucito.

La prima volta dopo l'intervento, il paziente è in terapia intensiva ed è collegato a:

  • monitor cardiaco;
  • pacemaker;
  • apparato di respirazione artificiale.

Questo è fatto per controllare il lavoro di tutti gli organi e sistemi del corpo. Per scaricare il liquido dal torace, installare temporaneamente i tubi di drenaggio.

Costo (dati per la primavera 2017)

Quanto costa un trapianto di cuore in Russia e all'estero? I prezzi per l'operazione variano, ad esempio, in Russia o in Bielorussia, tenendo conto di tutti i costi, dovrai pagare da 100 mila dollari. Nelle cliniche europee, un trapianto costerà di più - da 200mila euro, in Germania - da 350mila (come in Israele).

Recentemente, molte operazioni di trapianto di cuore sono state effettuate in India, dove il costo della procedura inizia da 70 mila dollari.

testimonianza

L'operazione è prescritta per le patologie più gravi e le malattie cardiache, che sono diventate le cause di insufficienza cardiaca, non sono suscettibili di farmaci e altri tipi di correzione e minacciano la vita del paziente:

  • cardiomiopatia dilatativa e ischemica (sostituzione miocardica con tessuto connettivo, ingrossamento delle cavità cardiache);
  • malformazioni congenite;
  • insufficienza della funzione della pompa (il volume di emissione è inferiore al 20%);
  • angina pectoris maligna, aritmia, malattia ischemica cronica;
  • aterosclerosi delle arterie coronarie;
  • difetti valvolari e tumori.

L'indicazione assoluta per il trapianto di organi è l'insufficienza cardiaca nella fase in cui i sintomi appaiono a riposo e si aggravano con qualsiasi sforzo fisico.

L'insufficienza cardiaca sistolica o diastolica cronica è un'indicazione assoluta per un trapianto di cuore.

Cosa dà il trapianto

I trapianti di cuore moderni consentono al paziente non solo di sopravvivere, ma anche di migliorare in modo significativo la qualità della vita e anche di ripristinare parzialmente l'attività fisica.

  1. Dopo il trapianto, la maggior parte dei pazienti (85-82%) ha una prospettiva di vita da 10 a 20 anni.
  2. Nel 94% dei riceventi, i sintomi pronunciati di scompenso cardiaco scompaiono a riposo, il normale esercizio quotidiano non provoca segni di scompenso cardiaco.

Secondo la New York Heart Association, alcuni pazienti (70%) dopo la riabilitazione possono lavorare tutto il giorno senza restrizioni.

Controindicazioni

Controindicazioni e restrizioni per l'operazione:

  • soglia di età (fino a 65 anni);
  • ipertensione polmonare sostenuta (aumento della pressione sanguigna nella corrente principale dell'arteria polmonare);
  • esacerbazione di malattie croniche (ulcera peptica)
  • malattie infettive (tubercolosi, HIV, epatite virale C e B);
  • malattie autoimmuni e sistemiche (vasculite, sclerodermia, collagenosi);
  • endocrinopatia (diabete mellito);
  • insufficienza epatica polmonare, renale, epatica in fasi non suscettibili di correzione medica;
  • oncologia progressiva;
  • l'obesità;
  • alcol e tossicodipendenza;
  • malattia mentale.

Per un trapianto di successo, è necessario che il ricevente del cuore (il ricevente) sia pronto a seguire il piano diagnostico e di riabilitazione sviluppato. Il grado di preparazione e il desiderio del paziente di sopravvivere e guarire sono valutati come un'indicazione o controindicazione per l'operazione.

Possibili complicazioni

Come una delle operazioni più difficili e serie, il trapianto di cuore può portare allo sviluppo di complicazioni precoci e tardive.

Trapianto di cuore: costo in Russia e in India, caratteristiche dell'operazione

Il trapianto di cuore ha da tempo cessato di essere qualcosa di incredibile. Il moderno livello di sviluppo della medicina rende possibile eseguire le operazioni più complesse con un rischio minimo per la vita del paziente.

Indicazioni per la chirurgia

Le principali indicazioni per il trapianto del muscolo cardiaco sono gravi malattie cardiache che non possono essere curate con la terapia medica.

Un'operazione di trapianto è una misura estrema, che viene praticata solo in casi estremi, quando tutti gli altri metodi di trattamento non danno risultati adeguati.

L'operazione è obbligatoria quando:

  • Difetti cardiaci congeniti e le sue valvole
  • Dilatazione e cardiomiopatia ischemica in cui il miocardio viene sostituito dal tessuto connettivo
  • Cardiomiopatia idiopatica
  • Volume di sangue basso
  • Aterosclerosi delle arterie coronarie
  • Angina Pectoris maligna
  • Insufficienza cardiaca (cronica sistolica o diastolica) con la manifestazione dei sintomi della malattia non solo durante lo sforzo fisico, ma anche in uno stato di riposo
  • Tumori benigni
  • Malattia cardiaca ischemica cronica
  • Aritmie del battito cardiaco
  • Danno cardiaco da virus di diversa origine

Un'operazione è di vitale importanza se, man mano che la malattia progredisce, gli specialisti prevedono una riduzione della linea di vita a meno di un anno. In alcuni casi, è il trapianto del muscolo cardiaco che dà alle persone con gravi malattie cardiache la possibilità di salvare la propria vita.

Cuore donatore

Quando è necessario un trapianto di cuore da donatore per tenere conto di molti criteri. In particolare, l'organo del donatore dovrebbe essere adatto al paziente in una serie di parametri. Quindi il corpo dovrebbe:

  1. Avere una frazione di eiezione di sangue di almeno il cinquanta per cento.
  2. L'età del donatore non dovrebbe superare i quarantacinque anni
  3. Avvicinati al ricevente in termini di gruppo sanguigno e fattore Rh
  4. Approccio mediante parametri immunologici. Questo è particolarmente importante, perché se un donatore o un ricevente ha anticorpi specifici, può svilupparsi una reazione di rigetto dell'organo trapiantato come corpo estraneo.
  5. Il cuore del donatore deve essere sano, non portare patologie
  6. Adatta anatomicamente il corpo del destinatario. Permette una differenza dal venti al cinquanta percento.

Poiché il cuore del donatore viene spesso rimosso postumo, i medici devono anche valutare il grado di contusione cardiaca. Nel caso in cui passi attraverso tutti i parametri, il cuore viene abbassato, per la conservazione, in una soluzione speciale e trasportato alla clinica in un contenitore specializzato.

Per prevenire la probabilità di sviluppare una malattia coronarica in un ricevente dopo un'operazione di trapianto, un punto importante è anche controllare il donatore per il diabete e le cattive abitudini: alcolismo e fumo.

È anche interessante che in India il cuore sia innanzitutto trapiantato nei malati della città in cui viveva il donatore. Se il cuore non era richiesto, la proposta passava allo stato e poi alle cliniche del paese. Solo se il cuore non è stato rivendicato o non è adatto a nessuno degli abitanti del paese, può essere trapiantato a cittadini stranieri.

Preparazione per la chirurgia

Trapianto di cuore: preparazione per la chirurgia

L'esame completo del paziente prima della procedura di trapianto di un organo donatore è una procedura comune e obbligatoria che consente di minimizzare le possibili conseguenze negative. Il sondaggio include:

  • Esami del sangue completi per varie malattie: epatite, AIDS e altri
  • Esame del paziente per infezioni fungine e malattie veneree
  • Test dei pazienti per malattie infettive e virali
  • mammografie
  • Controllo della respirazione esterna
  • Raggi X, TC, MSCT, RM
  • Angiografia coronarica
  • Diagnosi di tumori maligni
  • ecocardiografia

L'operazione sul muscolo cardiaco prevede un serio controllo completo, che sarà in grado di proteggere al massimo sia il chirurgo che il paziente da possibili problemi. Ecco perché il controllo preoperatorio include una serie di test diversi che possono determinare con maggiore precisione l'immagine delle condizioni del paziente, che è estremamente importante nella preparazione per il trapianto.

Costo in Russia e India

Il costo dell'operazione è soggetto a modifiche. Secondo gli ultimi dati, il trapianto in diversi paesi avrà un costo in quantità diverse. Quindi, ad esempio:

  • In Russia, il prezzo dell'operazione parte da 100 mila dollari, come nella Repubblica di Belarus
  • In Europa, l'operazione è stimata in 200 mila euro
  • Nelle cliniche in Israele e Germania, i trapianti costano da 350 mila dollari
  • In India da 70 mila

Come potete vedere, il più costoso è il trapianto nei paesi europei, e il minimo - in India. Tuttavia, la differenza di prezzo non è affatto un indicatore del fatto che gli specialisti con qualifiche inferiori lavorano in India.

Controindicazioni

In alcuni casi, la chirurgia del trapianto cardiaco può essere controindicata. Ciò potrebbe essere dovuto a:

  • Malattia vascolare
  • La presenza di cancro
  • L'età del paziente (i trapianti per le persone oltre i 65 anni non sono fatti)
  • Malattie gravi del sangue o degli organi del paziente
  • La presenza di gravi malattie infettive e croniche che sono in fase acuta (ulcere, tubercolosi, epatiti, infezione da HIV)
  • Gravi disturbi mentali
  • Alcol e problemi di droga
  • obesità
  • La presenza del diabete
  • Tromboembolismo polmonare
  • Ipertensione polmonare (pressione del sangue elevata)
  • Malattie autoimmuni
  • Insufficienza polmonare, epatica o renale con impossibilità di terapia farmacologica

Se uno di questi problemi è presente, la richiesta per l'operazione può essere rifiutata, poiché la probabilità del suo successo è ridotta al minimo. Inoltre, quando si utilizzano i pazienti con alcuni di questi problemi, i medici stessi sono significativamente a rischio di contrarre l'infezione.

Quanto aspettare per l'operazione?

Chirurgia del trapianto di cuore

Prima di tutto, deve essere redatta una lista d'attesa per il trapianto di pazienti. Puoi farlo nei centri per i trapianti che collaborano con le cliniche dove possono apparire i donatori.

Di tanto in tanto, inoltra richieste alle cliniche per la presenza di un probabile donatore. Dopo aver ricevuto i dati di risposta sui donatori probabili, viene effettuato un confronto con l'elenco dei destinatari e la selezione viene effettuata in base ai loro indicatori di compatibilità.

È possibile ottenere il reindirizzamento al centro del trapianto di organi e fare una lista con un cardiologo o un cardiochirurgo che sta vedendo il paziente.

Il tempo di attesa per un'operazione dipende principalmente dalla comparsa di un donatore adatto nella clinica. Se lo si trova presto, il trapianto può essere effettuato già entro un paio di settimane. Tuttavia, se il donatore non è stato trovato, l'attesa può essere ritardata per un lungo periodo, che i pazienti spesso non sopravvivono.

Poiché il problema principale nell'insufficienza cardiaca cronica è proprio la mancanza di tempo (la morte è prevista prima della scadenza di un anno), la ricerca di un donatore deve essere effettuata il più rapidamente possibile, poiché qualsiasi ritardo può essere fatale.

operazione

Attualmente, ci sono un gran numero di diversi metodi di funzionamento, ma il più comune è il metodo ortotopico in cui l'organo trapiantato si trova in una posizione standard.

L'operazione include diversi passaggi:

  1. In primo luogo, il cuore viene rimosso dall'organismo donatore e trasferito a una soluzione speciale per la conservazione e il trasporto.
  2. Allo stesso tempo, il ricevente è pronto per il trapianto, durante il quale viene somministrato una serie di farmaci analgesici e sedativi.
  3. Dopo aver preparato il paziente e averlo introdotto in anestesia, viene praticata un'incisione sullo sterno. Per tutta la durata dell'operazione, vasi sanguigni grandi sono collegati alla macchina cuore-polmone, che, durante il periodo di trapianto, assume le funzioni del muscolo cardiaco.
  4. I ventricoli destro e sinistro vengono rimossi insieme a una parte degli atri. Solo le pareti posteriori e il nodo del seno sono preservati, il che determina il ritmo della contrazione del muscolo cardiaco.
  5. L'atriale del cuore del donatore viene cucito con i resti delle pareti atriali del paziente e l'installazione di un pacemaker temporaneo che assicura un normale ritmo delle contrazioni muscolari nel periodo postoperatorio
  6. I vasi sanguigni dell'organo donatore e i vasi del paziente sono collegati.
  7. Il cuore è lanciato: auto-stimolato o elettroshock
  8. AIC è disabilitato
  9. Lo sterno è rinforzato con punti metallici e cucito. Il passo finale è applicare una medicazione asettica.

L'operazione può richiedere da alcune ore a più di sei ore.

Dopo il trapianto diretto di un organo donatore, vengono eseguiti una serie di trattamenti immunosoppressivi e cardiotonici, volti a sostenere l'attività del cuore trapiantato. Inoltre, un passo importante è l'effetto inibitorio sul sistema immunitario del ricevente, che viene effettuato utilizzando la ciclosporina. Quest'ultimo è particolarmente importante per prevenire il rigetto dell'organo donatore e il suo migliore attecchimento.

Al fine di controllare il funzionamento di tutti i sistemi di organi umani, il ricevente deve passare la prima volta dopo il trapianto nell'unità di terapia intensiva. Qui deve essere collegato a:

  • AIUTO
  • Cardiofrequenzimetro per monitorare la funzione cardiaca
  • Driver della frequenza cardiaca

Inoltre, per il drenaggio del liquido in eccesso dallo sterno è l'installazione di speciali tubi di drenaggio.

Un'operazione di trapianto è una procedura piuttosto difficile e scrupolosa, che consiste in diverse fasi. Con un trapianto di alta qualità e il rispetto di tutte le regole della riabilitazione postoperatoria, la probabilità di un esito favorevole aumenta in modo significativo.

Vita dopo l'intervento

La vita dopo un trapianto di cuore

Dopo il trapianto, la vita del paziente consiste in un numero di componenti come:

  • Assunzione sistematica di farmaci - citostatici e vari farmaci ormonali. Questo aspetto è uno dei più importanti. L'assunzione di farmaci deve rispettare rigorosamente il tempo e la dose prescritti. Durante il periodo postoperatorio, la terapia farmacologica mira principalmente a sopprimere il rigetto dell'organo donatore, che può essere percepito dal sistema immunitario come un corpo estraneo.
  • Conformità alle regole dell'attività fisica. Quindi, durante il primo mese è necessario aderire a tutte le regole e restrizioni. Dopo due mesi dall'intervento, è permesso tornare alla guida dell'auto, e dopo un paio di mesi si consiglia di iniziare l'allenamento: ginnastica leggera o camminata
  • Corretta alimentazione Questa voce include un rifiuto completo del consumo di bevande alcoliche. Inoltre, si raccomanda di rinunciare alle sigarette ed eliminare cibi fritti, affumicati e grassi dalla dieta quotidiana.
  • Protezione contro eventuali malattie infettive. Dopo l'operazione, si raccomanda di evitare il contatto con i pazienti, di non visitare luoghi affollati, e di assicurarsi di seguire le regole dell'igiene personale. Inoltre, per mangiare solo quei prodotti e l'acqua che sono stati trattati ad alte temperature. Tutte queste precauzioni sono legate al fatto che il sistema immunitario, che è oppresso per l'attecchimento del cuore del donatore, non può resistere agli attacchi di vari virus e batteri. Questo può portare allo sviluppo di gravi malattie e complicanze.

La vita dopo il periodo operativo, ovviamente, subisce alcuni cambiamenti, ma il paziente ha la possibilità di continuare a vivere. Vivere senza costante respiro corto, battito cardiaco frequente e manifestazione sistematica di edema.

Video su come una persona vive dopo un trapianto di cuore.

Previsioni possibili

Trapianti di cuore, previsioni

Grazie al livello moderno di sviluppo della medicina, le previsioni sono generalmente favorevoli. Così garantito che:

  • L'88% delle operatrici vivrà più di un anno
  • 72% - cinque anni
  • 15% - fino a venti anni e più

La differenza in percentuale è dovuta alle numerose risposte del corpo al cuore trapiantato, a seguito del quale si possono sviluppare varie patologie valvolari e vascolari.

Al fine di evitare tali problemi negli ultimi anni, un ulteriore rafforzamento della valvola tricuspide e l'eliminazione preliminare di altre deficienze dell'organo donatore sono spesso effettuati prima della procedura di trapianto di organi.

complicazioni

Nonostante l'alto livello di sviluppo della scienza e della medicina moderne, esiste ancora un'alta probabilità di complicazioni nei periodi post-operatorio tardivo e tardivo. I principali sono:

  • Malattie oncologiche - mieloma e linfoma. Il loro sviluppo è dovuto all'uso di potenti immunosoppressori che sopprimono l'immunità.
  • Lo sviluppo di polmonite e candidosi a causa di una diminuzione del livello di immunità
  • Lo sviluppo dell'ischemia tissutale, che si verifica a seguito di un trasporto a lungo termine o di una conservazione di oltre quattro ore dell'organo donatore

Al fine di ridurre al minimo la probabilità di progressione di qualsiasi complicanza, il paziente dopo l'operazione deve seguire scrupolosamente le prescrizioni dei medici: assumere il farmaco prescritto nel rispetto esatto del dosaggio e sottoporsi a esami regolari.

Inoltre, si raccomanda di consultare immediatamente un medico quando:

  • affanno
  • L'aspetto del dolore nello sterno
  • Forte tosse
  • Manifestazioni di edema
  • Emicrania sistematica e vertigini
  • Aumento della temperatura corporea
  • aritmie
  • Sensazione di nausea e vomito
  • Coordinamento della mobilità
  • Salta la pressione sanguigna

In caso di malessere in qualsiasi momento della terapia, si raccomanda di informare immediatamente il medico curante. Altrimenti, è possibile non solo lo sviluppo di gravi complicazioni, ma anche la morte.

Il trapianto di cuore può essere eseguito sia in Russia che in India. Nonostante la differenza dei prezzi per l'operazione, la qualità dei servizi forniti non sarà diversa. In ogni caso, il più importante è il tempo, perché qualsiasi ritardo può essere fatale per il paziente.

Notato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per dircelo.

Trapianto di cuore: l'essenza e la realtà dell'operazione, indicazioni, condotta, prognosi

Il trapianto di cuore come campo separato di medicina è nato all'incrocio tra cardiologia e immunologia - una scienza che si occupa dell'immunità umana ed è cruciale nell'attecchimento e nel rifiuto del trapianto (biomateriale "trapiantato").

I primi studi condotti nel campo del trapianto cardiaco iniziarono negli anni Cinquanta del secolo scorso. Le operazioni riuscite furono eseguite da medici in Sud Africa e negli Stati Uniti negli anni '80. Il primo trapianto di cuore nell'URSS è stato effettuato nel 1988 da V.I. Shumakov. A causa del fatto che le basi immunologiche delle reazioni del trapianto-ospite non erano precedentemente ben comprese, la qualità della vita e la sua durata dopo l'intervento chirurgico non corrispondevano ai risultati desiderati e la previsione era incerta.

Allo stadio attuale, il livello di conoscenza consente di eseguire tali operazioni con il minimo rischio di complicanze e con un'aspettativa di vita sufficiente dopo il trapianto di cuore (poco meno della metà dei pazienti dopo l'intervento chirurgico risale a più di 10 anni).

In alcuni casi, anche i trapianti ripetuti sono possibili, ad esempio, una delle persone più ricche del mondo, secondo la rivista Forbes, David Rockefeller, all'età di 99 anni, ha avuto il sesto trapianto di cuore.

Indicazioni per la chirurgia

La chirurgia del trapianto di cuore è uno dei meno comuni interventi di cardiochirurgia. Questo è associato non solo a grandi costi finanziari, ma anche alle seguenti sfumature:

  • Un numero limitato di donatori - quelli con una morte cerebrale confermata, ma con un cuore sano,
  • Il lungo periodo di tempo richiesto per la selezione del donatore secondo le liste di attesa, in particolare per i trapianti di cuore,
  • Questioni etiche, anche da un punto di vista religioso, (in particolare, secondo le credenze cristiane, una persona è considerata viva mentre il suo cuore batte)
  • Problemi di gestione postoperatoria dei pazienti associati alla durata e alto costo del periodo di riabilitazione,
  • Breve periodo di conservazione del cuore del donatore (fino a sei ore).

Tuttavia, nonostante i problemi di un simile piano, le operazioni, sebbene raramente, vengono ancora eseguite e con grande successo.

L'indicazione principale per cui è necessario un trapianto di cuore è la fase terminale (scomparsa) dell'insufficienza cardiaca cronica (CHF), o classe funzionale 3-4 (FC), che non è soggetta al trattamento con farmaci, con una prognosi di sopravvivenza per questa condizione inferiore a un anno.

Sono i sintomi caratteristici dell'ultima fase (marcata limitazione dell'attività, gonfiore significativo degli arti o di tutto il corpo, la comparsa di mancanza di respiro da sola) con il fallimento della terapia conservativa può richiedere un trapianto di cuore da donatore.

Tale grave insufficienza cardiaca può svilupparsi a causa delle seguenti malattie:

CMP ipertrofica - l'indicazione principale per il trapianto di cuore

Cardiomiopatia (CMP) - la ristrutturazione delle fibre del miocardio, la sua sostituzione con tessuto cicatriziale, con conseguente riduzione della contrazione e rilassamento del muscolo cardiaco, spesso lo sviluppo di CHF provoca cardiomiopatia dilatativa e ischemica,

  • Difetti cardiaci congeniti e acquisiti inoperabili,
  • Tumori cardiaci,
  • Angina incontrollabile e gravi aritmie cardiache che non sono suscettibili alla terapia farmacologica e hanno portato a gravi disfunzioni cardiache.
  • Oltre alle indicazioni sopra riportate, vengono presi in considerazione i dati dei metodi di ricerca oggettivi (ecografia del cuore e cateterizzazione dell'arteria polmonare):

    Inoltre, determinate condizioni devono essere soddisfatte quando si pianifica un'operazione:

    1. L'età del ricevente (la persona a cui verrà trapiantato il cuore) ha meno di 65 anni,
    2. Le prestazioni del paziente e il desiderio di seguire un ulteriore piano di trattamento e osservazione rigoroso.

    Quale dovrebbe essere il cuore del donatore?

    Un donatore di cuore può essere una persona in coma con una morte cerebrale confermata, la cui attività cardiaca è supportata dall'apparecchiatura nell'unità di terapia intensiva. Di regola, in ospedale si osservano pazienti così pesanti dopo incidenti stradali o ictus. In effetti, una persona è già morta, dal momento che il respiratore respira per lui, e il cuore funziona con l'aiuto di farmaci. Ma se un tale cuore è piantato su un'altra persona, funzionerà autonomamente in un nuovo organismo. Per rimuovere il cuore dal corpo di un tale paziente, è richiesto il consenso dei parenti o del paziente, scritto durante la sua vita. Se non ci sono parenti o il paziente rimane non identificato, il suo cuore può essere portato via senza documenti ufficiali.

    Cuore donatore pronto per il trapianto

    Dopo una commissione di diverse persone, tra cui il primario della clinica in cui si trova il donatore, vengono compilati i documenti necessari, il medico viene dal centro di trapianto, sempre con un'infermiera di supporto. Successivamente, viene eseguita un'operazione per raccogliere un cuore donatore, che viene posto in un contenitore con una soluzione cardioplegica e trasportato al centro.

    Di seguito sono riportati i criteri per selezionare i cuori dei donatori:

    • L'assenza di patologia cardiaca, confermata dai risultati di ECG, ecografia del cuore e angiografia coronarica (CAG, viene eseguita per donatori di età superiore a 45-50 anni),
    • Assenza di tumori maligni
    • L'assenza di infezione da HIV, epatite virale (B, C),
    • Compatibilità dei gruppi sanguigni del donatore e del ricevente nel sistema ABO,
    • La dimensione approssimativa del cuore del donatore e del ricevente, stimata in base ai risultati dell'ecografia del cuore.

    Quanto aspettare per l'operazione?

    Affinché il paziente abbia un nuovo cuore trapiantato, è necessario creare una lista d'attesa nel centro del trapianto. Tali centri cooperano con istituzioni mediche in cui potenziali donatori possono essere potenzialmente osservati - traumi e ospedali neurologici, ecc. Periodicamente, il centro invia agli ospedali una richiesta per un possibile donatore di cuore, quindi confronta i bisognosi con un trapianto e donatori esistenti secondo i suddetti criteri di selezione. Il paziente riceve un rinvio al centro trapianti presso il medico curante - cardiologo e / o cardiochirurgo.

    Dopo che la lista d'attesa è stata compilata, può passare una quantità di tempo sufficiente, e se non viene trovato un donatore adatto, il paziente può morire di insufficienza cardiaca senza attendere un'operazione. Se viene trovato un donatore, l'operazione verrà eseguita nelle prossime settimane.

    A causa del fatto che l'indicazione principale per CHF è il tasso di sopravvivenza del paziente previsto inferiore a un anno, è necessario cercare un donatore esattamente in questi periodi critici.

    Il costo di un trapianto di cuore

    Il mondo ha approvato una legge che vieta il commercio di organi: è consentito solo un trapianto cadaverico e relativo. Pertanto, il cuore stesso va al paziente gratuitamente. Vengono pagati solo il costo dell'operazione, il supporto medico prima e dopo il trapianto, nonché il costo del periodo di riabilitazione. In generale, gli importi variano e vanno da 70 a 500 mila dollari, una media di circa 250 mila dollari. In Russia esiste la possibilità di fornire gratuitamente la popolazione con tipi di assistenza e pagamento ad alta tecnologia per le operazioni di contingentamento (nel sistema OMS), ma in ogni caso il costo esatto e la possibilità di un'operazione libera dovrebbero essere controllati dal medico curante - trapiantologo.

    In Russia, esiste un solo centro di coordinamento che seleziona i donatori che operano nel territorio di Mosca e nella Regione di Mosca. Il trapianto di cuore viene effettuato direttamente in:

    • Centro scientifico federale per trapianti e organi artificiali V.I. Shumakova a Mosca
    • Ricerca Istituto di Patologia Circolatoria. E. Meshalkina a Novosibirsk,
    • FSBI del Centro di ricerca medica federale nord-occidentale. V.A. Almazov "a San Pietroburgo.

    A causa del fatto che i principi legali della donazione di organi non sono stati pienamente sviluppati nel nostro paese, i trapianti di cuore sono raramente eseguiti, ad esempio, nel 2014 sono state eseguite solo 200 operazioni, mentre negli Stati Uniti sono stati trapiantati circa 28mila.. Per lo stesso motivo (il divieto di rimozione di organi da pazienti di età inferiore ai 18 anni), i bambini che hanno bisogno di un trapianto di cuore hanno richiesto costose cure all'estero (Italia e India). Ma a maggio 2015 è stato adottato un documento sulla procedura per accertare la morte cerebrale in persone di età superiore ad 1 anno, il che rende possibile sviluppare ulteriormente il quadro legislativo nel campo della donazione dei bambini.

    Controindicazioni alla chirurgia

    L'operazione può essere controindicata nei seguenti casi:

    1. Ipertensione polmonare severa (alta pressione nell'arteria polmonare),
    2. Diabete mellito grave con vascolare, renale, retinico,
    3. Infezione da HIV, tubercolosi attiva,
    4. Malattie infettive acute
    5. Grave insufficienza renale ed epatica,
    6. Malattie autoimmuni sistemiche (lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, ecc.),
    7. Malattia polmonare ostruttiva cronica grave
    8. Alcol o tossicodipendenza
    9. Malattie oncologiche
    10. Malattia mentale nella fase acuta.

    Preparazione per la chirurgia

    Quando il paziente viene inviato al centro trapianti e viene presa la decisione di metterlo in coda per un trapianto di cuore, è previsto un esame. Le analisi richieste includono:

    • Fluorografia o radiografia della cavità toracica,
    • Esami del sangue per i marcatori di infezione da HIV, epatite virale, sifilide,
    • CBC, coagulazione e rilevazione di gruppi sanguigni,
    • Analisi delle urine,
    • Ultrasuoni del cuore, ECG, se necessario - CAG,
    • Esame del cardiochirurgo,
    • Esame del medico ORL e del dentista (per escludere focolai di infezioni croniche nel rinofaringe e nella bocca)
    • Esame di un ginecologo o urologo (per donne e uomini, rispettivamente).

    Per essere ricoverato al centro trapianti per un'operazione nel caso in cui venga trovato un donatore, il paziente deve sempre avere gli originali e le copie dei seguenti documenti:

    1. Passaporto, politica medica, SNILS,
    2. Estratto dall'istituzione mittente con i risultati del sondaggio,
    3. La direzione dall'istituzione medica nel luogo di registrazione permanente del paziente.

    Come è l'operazione?

    Il trapianto di cuore inizia con la rimozione di un organo dal corpo del donatore e il suo posizionamento in una soluzione cardioplegica per un periodo di tempo non superiore a 4-6 ore. In questo momento, c'è la preparazione preoperatoria del ricevente (l'introduzione di sedativi e farmaci analgesici - premedicazione). Inoltre, nella sala operatoria in anestesia generale, viene praticata un'incisione nella parete toracica anteriore del ricevente, i vasi grandi sono collegati a un bypass cardiopolmonare (AIC), che funziona come un "cuore artificiale" durante l'intervento.

    Dopo questo, i ventricoli destro e sinistro del cuore sono tagliati, mentre gli atri sono preservati. Pur mantenendo il proprio atrio, il nodo sinusale rimane attivo, impostando il ritmo del battito cardiaco ed essendo il pacemaker.

    Dopo che l'atriale del donatore è stato suturato nell'atrio del ricevente, viene installato un pacemaker temporaneo per contrazioni cardiache adeguate dopo l'operazione. Il petto viene suturato, viene applicata una medicazione asettica. L'operazione richiede diverse ore, a volte non più di sei.

    La fase successiva del trapianto cardiaco è la terapia immunosoppressiva e cardiotonica (supporto cardiaco). La soppressione dell'immunità (principalmente con l'aiuto della ciclosporina) è necessaria per ostacolare le reazioni di rigetto del trapianto e il suo migliore attecchimento.

    Schema di rimozione del cuore e trapianto del ricevente:

    Video: progressi della chirurgia sostitutiva del cuore (18+)

    complicazioni

    Complicazioni nel periodo postoperatorio includono sanguinamento dalla ferita chirurgica e complicanze infettive. Il primo viene trattato con successo riaprendo la ferita e suturando la fonte del sanguinamento. La prevenzione delle complicanze infettive (batteriche, fungine e virali) è la prescrizione di antibiotici e di adeguati regimi di immunosoppressione.

    Nel tardo periodo postoperatorio, può svilupparsi una reazione di rigetto del trapianto e una disfunzione dell'arteria coronaria con lo sviluppo di ischemia miocardica del cuore del donatore.

    prospettiva

    La prognosi dopo l'intervento è favorevole: oltre il 90% dei pazienti sopravvive al primo anno in modo sicuro, circa il 60% - i primi cinque anni e poco meno della metà degli operatori (il 45%) vivono con un donatore cardiaco da più di 10 anni.

    Stile di vita dopo chirurgia

    Lo stile di vita dopo un trapianto di cuore è costituito dai seguenti componenti:

    1. Ricevimento di medicine Questa parte della vita del paziente dopo l'intervento è forse la più importante. Il paziente deve monitorare attentamente il tempo di somministrazione del farmaco e seguire rigorosamente il dosaggio prescritto dal medico. Si tratta principalmente di assumere citostatici e farmaci ormonali che sopprimono la propria immunità, diretta contro i tessuti estranei del cuore.
    2. Attività fisica Nel primo mese, il paziente deve osservare un regime restrittivo rigoroso, ma l'attività di routine quotidiana deve essere ancora presente. Dopo un paio di mesi, il paziente può ricominciare a guidare e, dopo qualche mese, può iniziare un allenamento leggero (ginnastica, camminata, ecc.).
    3. Potenza. È necessario condurre uno stile di vita sano, eliminare completamente l'uso di alcol, fumare tabacco e seguire una dieta ad eccezione di cibi nocivi (grassi, fritti, affumicati, ecc.).
    4. Protezione contro le infezioni. Il paziente deve evitare di visitare luoghi affollati nei primi mesi dopo l'operazione, evitare il contatto con malattie infettive in futuro, lavarsi accuratamente le mani prima di mangiare, usare solo acqua bollita e cibo termicamente ben trattato. Ciò è dovuto al fatto che l'immunosoppressione può portare ad un aumento dell'incidenza di malattie batteriche, fungine e virali dopo l'inizio della terapia immunosoppressiva.

    In generale, si può notare che la vita dopo l'intervento cambia sicuramente molto, ma la qualità della vita senza respiro corto, palpitazioni ed edema cambia in meglio.

    Trapianto di cuore da una prospettiva religiosa

    In precedenza, quando il trapianto stava appena iniziando a svilupparsi, i rappresentanti di varie fedi avevano un punto di vista ambiguo sui trapianti di cuore. In particolare, i rappresentanti del cristianesimo consideravano tale operazione non un atto divino, perché in realtà un cuore "vivo" veniva preso da una persona, e una persona può uscire da un coma anche dopo pochi mesi (casi casuali in medicina). Tuttavia, a causa del fatto che i medici distinguono chiaramente tra il concetto di "coma" e "morte cerebrale", negli ultimi anni sempre più chierici hanno parlato di cosa servire dopo la morte per salvare un'altra vita umana è il vero scopo di un cristiano, perché l'insegnamento è il concetto di sacrificio. E donare con il tuo cuore non è buono per un'altra persona?

    Trapianto di cuore: cosa devi sapere su un'operazione del genere

    Il trapianto di organi da donatori volontari nella medicina moderna è abbastanza diffuso. Lo stesso vale per la cardiologia. È vero che il trapianto di cuore non è una manipolazione facile e poco comune. Lo sviluppo di questa direzione è impegnato nei cardiologi insieme agli immunologi. Sono gli immunologi che studiano i principi di non accettazione di un organo alieno.

    Gli esperimenti sul trapianto iniziarono negli anni '50 e il primo trapianto di cuore fu eseguito nel 1980 da scienziati statunitensi e sudafricani. Nel nostro paese, tale operazione è stata condotta da V.I. Shumakov, nel 1988. Nonostante la complessità della procedura stessa, il suo costo, piuttosto elevato e il possibile rifiuto, la necessità di tali trapianti aumenta ogni anno e la medicina prende tutti i provvedimenti possibili per ridurre i rischi che attendono il paziente.

    Chi viene mostrato trapiantare

    Ottenere un cuore da donatore è un compito piuttosto difficile, quindi il trapianto di questo organo viene eseguito solo come ultima risorsa. Ci sono un certo numero di malattie cardiache in cui è possibile il trapianto. Le indicazioni per tale manipolazione saranno le seguenti patologie nell'ultima forma più grave:

    1. L'ultimo stadio di insufficienza cardiaca cronica, in cui il paziente è gravemente limitato nell'attività motoria, appare edema patologico degli arti o anche di tutto il corpo, in questa fase la dispnea è presente anche a riposo.
    2. Gravi difetti cardiaci, entrambi congeniti e acquisiti.
    3. Malattie che non possono essere curate con metodi conservatori o chirurgici - gravi disturbi del ritmo cardiaco, angina di tipo non controllato.
    4. Cardiomiopatia, in cui si verificano cambiamenti del tipo strutturale quando le fibre del miocardio vengono sostituite con tessuto cicatriziale.
    5. Tumore nel cuore

    Tutti questi casi di anomalie cardiache devono essere rafforzati dal desiderio del paziente di tale chirurgia, dal suo umore di condurre uno stile di vita assolutamente sano ed è sotto lo stretto controllo dei medici fino alla fine della sua vita.

    Cosa può impedire l'operazione

    Sfortunatamente, non tutti i pazienti possono ottenere un cuore da donatore. Ci sono molte diverse ragioni per questo:

    1. Un numero molto esiguo di donatori. Possono solo essere la persona che ha registrato la morte cerebrale e il cuore è assolutamente sano.
    2. Ricevere questo corpo è una coda molto lunga (lista d'attesa), la più rilevante è per i bambini. Il corpo deve soddisfare pienamente tutti i requisiti indicati e, forse, tali parametri saranno in diverse decine di pazienti che sono molto prima nella lista.
    3. A volte un organo donatore non può essere consegnato nel posto giusto in tempo, poiché l'operazione deve essere eseguita non più tardi di sei ore dopo la rimozione.
    4. Molte persone non accettano un trapianto secondo concetti etici o religiosi. Ad esempio, nel cristianesimo, una persona è viva mentre il suo cuore batte.
    5. Il paziente può fermare la paura di una riabilitazione lunga e abbastanza costosa.
    6. Vecchiaia Di solito, le operazioni non vengono eseguite per le persone dopo 60 anni, ma ci sono delle eccezioni.

    Oltre a questi ostacoli, il trapianto non verrà eseguito in caso di una serie di altre malattie non cardiologiche. Questi possono essere:

    • ipertensione polmonare severa;
    • diabete mellito in uno stadio in cui i cambiamenti negativi nella retina dell'occhio sono già iniziati nei vasi o nei reni;
    • malattie infettive nella fase acuta;
    • HIV e tubercolosi;
    • malattie autoimmuni - reumatismi, artriti, lupus eritematoso, ecc.;
    • grave insufficienza epatica o renale;
    • malattia polmonare severa cronica;
    • oncologia;
    • dipendenza da alcol o droghe;
    • gravi disturbi mentali.

    Requisiti per il cuore del donatore

    Come accennato in precedenza, il cuore può essere rimosso solo se viene determinato che il cervello è morto completamente e se l'organo donatore non ha patologie. Questo può accadere solo in un contesto clinico. Il donatore è in genere in coma, con respirazione artificiale. Questo accade più spesso dopo un incidente o un ictus. Un gruppo di importanti medici conferma la morte cerebrale. Inoltre, ai parenti viene chiesto il permesso scritto per la rimozione degli organi dei donatori, si può fare a meno del loro consenso solo se esiste ancora un consenso a vita per diventare donatore.

    Se il paziente non è identificato o non ha parenti, il medico può prendere una decisione autonomamente. La commissione è diretta a capo della quale sarà il capo medico dell'istituto medico e riempirà tutti i documenti necessari in questo caso. Dopo l'arrivo del chirurgo e dell'assistente infermiera, viene eseguita un'operazione chirurgica per la raccolta dell'organo. Il cuore viene posto in un contenitore speciale con una soluzione e consegnato al centro trapianti.

    Quando si seleziona un cuore donatore, i professionisti del settore medico aderiscono ai seguenti criteri:

    1. Non c'è cardiopatia cronica, che è necessariamente confermata dall'ecografia e dall'ECG. Quando il donatore ha raggiunto i 45 anni, è necessario condurre un'angiografia coronarica.
    2. Mancanza di epatite B e C o HIV.
    3. Non dovrebbero esserci tumori.
    4. L'obesità.

    Verifica obbligatoria sulla compatibilità del cuore del donatore e del ricevente. Per fare ciò, effettuare un controllo:

    • sulla compatibilità dei gruppi sanguigni;
    • coincidenza approssimativa nella dimensione dei cuori, questo è particolarmente vero per i bambini. Questa analisi viene eseguita utilizzando ultrasuoni.

    Quanto veloce può essere trapiantato

    Nel caso in cui il medico consiglia vivamente un trapianto di cuore, una persona deve registrarsi presso il centro medico per il trapianto. Qui il paziente viene inserito nella lista d'attesa dell'organo donatore. Nel nostro paese esiste solo il "Centro di coordinamento unico", che svolge la selezione di donatori idonei. Questo centro è in costante comunicazione con un numero di ospedali con reparti traumatologici o neurologici. È da qui che i cuori dei donatori vengono più spesso.

    Il trapianto stesso viene eseguito:

    1. Nel FSBI di Mosca FSTSTIO li Shumakov V.I.
    2. Nel Centro di ricerca medica federale nord-occidentale. Almazov V.A. È a San Pietroburgo.
    3. Presso il Research Institute of Circulation Pathology, che si trova a Novosibirsk.

    Sfortunatamente, nel nostro paese ci sono una serie di rigide restrizioni legislative sulla raccolta di organi e cuori donatori che sono adatti per il trapianto sono estremamente rari, e quindi la lista d'attesa è molto lunga. La situazione più difficile con un trapianto di cuore per bambini piccoli. Nel nostro paese, tali operazioni sono proibite dalla legge e l'unica via d'uscita è cercare l'aiuto di cliniche straniere.

    Quanto è un trapianto di cuore

    Tutti i cittadini della Federazione Russa hanno il diritto di liberare le cure mediche ad alta tecnologia, incluse le operazioni di trapianto. Sulla base di questo, con un cuore adatto, non costerà nulla al paziente. Ma, oltre al trapianto di cuore, il paziente avrà una riabilitazione lunga e costosa. Questo periodo può essere ritardato e richiedere al destinatario da 50 mila dollari. Tale trapianto costerà molto di più per i bambini, poiché sia ​​la selezione dei donatori che l'operazione stessa dovranno essere effettuati in una clinica straniera.

    Preparativi per il trapianto

    Dopo che una persona completa una domanda al centro per il trapianto, dovrà sottoporsi a un esame dettagliato. Il piano di diagnosi includerà le seguenti manipolazioni:

    • un esame del sangue per la presenza di qualsiasi tipo di epatite virale, HIV, sifilide e altre malattie infettive;
    • analisi della coagulazione del sangue e conferma del gruppo sanguigno;
    • analisi delle urine;
    • radiografia del torace;
    • ECG, CAG e ultrasuoni del cuore;
    • esame aggiuntivo da parte di un cardiochirurgo del centro;
    • esami di un otorinolaringoiatra, un dentista, un ginecologo e un urologo.

    Il paziente dovrebbe sempre avere con sé - un passaporto, SNILS, la politica medica, così come un rinvio per il trapianto dall'istituzione medica in cui è stato osservato il paziente e un estratto con i risultati dell'esame.

    Avere questi documenti con sé è necessario perché il donatore può apparire inaspettatamente e il destinatario deve trovarsi sul tavolo operatorio il più rapidamente possibile.

    Processo di trapianto

    La chirurgia in questo caso di solito dura circa sei ore in anestesia generale.

    Il trapianto cardiaco stesso viene di solito eseguito secondo il seguente algoritmo:

    1. Immediatamente prima dell'inizio dell'intervento, il paziente riceve nuovamente il sangue per un'analisi generale e vengono misurati i livelli di pressione sanguigna e di zucchero.
    2. Al ricevente viene somministrata l'anestesia, calcolata sul processo operativo di 6 -10 ore.
    3. Dopo il trattamento della superficie esterna del paziente, il torace viene aperto e trasferito attraverso le vene cave al bypass cardiopolmonare o al sistema "cuore artificiale".
    4. Il medico rimuove i ventricoli del cuore del ricevente, lasciando l'atrio e le grandi navi. Quindi, al posto dei ventricoli remoti, i ventricoli del cuore del donatore vengono suturati.
    5. Il paziente è impostato al momento di un pacemaker, che è progettato per regolare il ritmo dopo l'intervento chirurgico.
    6. Il paziente viene suturato al torace. Sfortunatamente, la cicatrice dopo un'operazione del genere è piuttosto grande, passando dal collo all'ombelico. La persona operata rimane per tutta la vita con una cicatrice larga e spessa.
    7. Durante il periodo postoperatorio, al ricevente viene somministrata una terapia mirata a mantenere l'attività cardiaca e sopprimere l'immunità, che impedisce la possibilità di rigetto dell'organo donatore.

    Trapianto di pediatria

    Il trapianto di cuore a un bambino è l'operazione più difficile in quest'area e viene eseguita molto meno frequentemente rispetto agli adulti. Un'indicazione diretta per tale chirurgia sarebbe se la malattia cardiaca passa nella fase terminale e il bambino ha circa mezzo anno di vita. I cuori dei donatori di bambini sono rari e quasi la metà dei bambini non sopravvive all'operazione.

    Anche il processo stesso di trapianto cardiaco in un bambino è un po 'più complicato rispetto a un paziente adulto, e anche la percentuale di sopravvivenza è molto più bassa. Molto spesso, i medici incontrano rigetto tardivo dell'organo, aterosclerosi coronarica e nefrotossicità.

    Periodo postoperatorio

    Questo periodo può essere diviso in 4 periodi.

    1. Il periodo di rianimazione dura circa dieci giorni. Qui, al paziente viene somministrata una terapia intensiva volta a prevenire il rigetto dell'organo estraneo, alleviando qualsiasi altra complicanza come sanguinamento, reazioni allergiche, accumulo di liquidi nel pericardio, ecc. In questo momento, il paziente è molto suscettibile a qualsiasi infezione virale, fungina o batterica. Il compito dello staff medico è quello di prevenire un simile sviluppo degli eventi.
    2. Soggiorno in ospedale: il paziente dovrà trascorrere almeno 30 giorni in una struttura medica. Durante questo periodo, verrà sviluppato un regime posologico individuale e saranno condotti numerosi studi necessari.
    3. Periodo post-ospedaliero: il paziente è a casa, prende i farmaci prescritti, viene osservato dai medici e gradualmente si trasferisce nel solito modo di vivere. Questo tempo di recupero potrebbe richiedere circa un anno.
    4. Il quarto periodo durerà il resto della vita ed è caratterizzato dal ripristino della capacità lavorativa parziale e dalla capacità di condurre uno stile di vita piuttosto attivo. La persona che ha subito l'operazione è obbligata a sottoporsi periodicamente a esami che controlleranno il processo del lavoro del nuovo organismo e lo sostengono costantemente. Inoltre, è assolutamente necessario mantenere uno stile di vita assolutamente sano e seguire la dieta raccomandata dai medici.

    La durata della vita dopo l'intervento chirurgico

    Dato che questa operazione è molto complicata sia nell'esecuzione che nelle conseguenze, il rischio è piuttosto serio. Secondo le statistiche, nel primo anno circa l'85% rimane attivo, quindi la percentuale scende leggermente al 73%. Di solito un nuovo cuore funziona bene per un massimo di sette anni, ma è molto più suscettibile alla distrofia di uno sano. Circa la metà dei pazienti operati sopravvive a dieci anni, anche se ci sono casi in cui il paziente vive a lungo e svolge un'attività fisica moderatamente vigorosa. Dopo un trapianto di cuore, le persone possono persino guidare in sicurezza.

    Raccomandazioni per la vita dopo il trapianto

    Tutti i pazienti ricevono istruzioni chiare per la vita successiva dopo il trapianto, ed è meglio seguirlo.

    • Assunzione regolare di farmaci prescritti in conformità con il dosaggio.
    • Monitorare l'attività fisica moderata.
    • Seguire una dieta ed eliminare l'uso di alcol e fumo.
    • Rifiuta di fare bagni caldi.
    • Cerca di evitare grandi folle di persone per limitare il contatto con le infezioni.

    Nonostante il fatto che il destinatario dovrà osservare una serie di restrizioni durante la sua vita, la sua qualità della vita è ancora notevolmente migliorata. È necessario capire che il paziente è venuto all'operazione con una profonda disabilità, che è stata accompagnata da grave dispnea, palpitazioni e gonfiore. Tutti questi e molti altri sintomi sono difficilmente autorizzati a vivere e fare tutto ciò che una persona vorrebbe.

    Pinterest