La durata della vita dopo un infarto: statistiche ufficiali e proiezioni

L'infarto miocardico diffuso (MI) e altre malattie cardiovascolari richiedono una diagnosi e un trattamento migliori delle patologie. Un evento coronarico acuto posticipato con assistenza tempestiva e terapia adeguata influisce sulla prognosi futura per una persona. La qualità e l'aspettativa di vita dopo l'infarto miocardico sono determinate da un gran numero di fattori e indicatori di diagnostica strumentale. È possibile influenzare la prognosi della malattia con l'aiuto della terapia farmacologica e della modifica dello stile di vita.

In che modo l'attacco cardiaco influisce sulla qualità e sulla longevità?

L'infarto miocardico è considerato una forma acuta di malattia coronarica (CHD), che è caratterizzata da insufficiente apporto di sangue alle fibre muscolari e dallo sviluppo di necrosi con formazione di cicatrici. Il tessuto connettivo denso non svolge la necessaria funzione contrattile e conduttiva, che contribuisce allo sviluppo dell'insufficienza cardiaca. La disfunzione circolatoria compromette in modo significativo la qualità della vita del paziente e spesso diventa la causa della disabilità.

Fattori che influenzano le condizioni generali del paziente dopo infarto miocardico:

  • marcato gonfiore delle gambe, accumulo di liquidi nella cavità addominale e toracica con lo sviluppo di mancanza di respiro;
  • dolori al petto ricorrenti (spesso di notte);
  • affaticamento costante;
  • disturbo del sonno;
  • la necessità di limitare la solita attività fisica;
  • rifiuto completo di alcol e fumo;
  • cambio di dieta;
  • difficoltà nella vita sessuale;
  • restrizioni su viaggi e viaggi;
  • tossicodipendenza e frequenti effetti collaterali;
  • costi materiali associati all'acquisto di farmaci.

Una valutazione obiettiva dell'impatto di un attacco di cuore sulla vita di una persona viene effettuata utilizzando scale speciali e questionari standardizzati.

statistica

Dopo l'introduzione nella pratica clinica degli interventi chirurgici per l'infarto miocardico (shunt e stenting), l'incidenza delle complicanze nel primo periodo è diminuita del 25% (negli ultimi 15 anni). Le cause più comuni di morte nel periodo post-infarto:

  • insufficienza cardiaca acuta con sviluppo di edema polmonare;
  • shock cardiogeno - disturbi circolatori sistemici con calo della pressione sanguigna;
  • aneurisma acuto (assottigliamento del muro con protrusione) del ventricolo sinistro. La rottura di quest'ultimo è accompagnata da tamponamento cardiaco (la cavità del sacco pericardico è piena di sangue, interrompendo la funzione contrattile del miocardio);
  • disturbi del ritmo e della conduzione (fibrillazione ventricolare o atriale, blocco atrioventricolare completo, ecc.);
  • tromboembolismo sistemico - la diffusione di coaguli di sangue attraverso il letto vascolare con il blocco delle arterie dei reni, del cervello (con lo sviluppo dell'ictus);
  • infarto ricorrente

Quanti pazienti vivono in media?

La prognosi per l'infarto del miocardio dipende dalle caratteristiche della patologia e dai fattori interni di una persona, inclusi età, sesso e presenza di comorbidità. La tempestività delle cure fornite e la terapia sistemica (prima di un evento coronarico acuto) influenzano anche l'esito della patologia.

Le statistiche sull'aspettativa di vita dopo l'infarto miocardico sono presentate nella tabella.

Quanti vivono dopo un infarto

Quante persone vivono dopo un infarto miocardico dipende da una serie di fattori. Un ruolo importante è giocato dall'età della persona e dal tipo di malattia. Quando il paziente è giovane e la patologia non è pesante, le prospettive sono piuttosto incoraggianti. Il tasso di sopravvivenza delle persone anziane che hanno sofferto di una simile patologia del cuore, specialmente nel caso della sua varietà transmurale, è piuttosto basso. Patologie concomitanti, come aneurisma, diabete mellito o ipertensione arteriosa, sono spesso rilevate nei pazienti anziani. Sono queste malattie che sono considerati criteri che riducono significativamente l'aspettativa di vita di questi pazienti. Le statistiche mostrano che l'infarto miocardico porta spesso alla morte, quindi è necessario cercare di fare tutto il possibile per prevenirlo.

Le conseguenze e le possibilità di sopravvivenza

Tutte le complicazioni sono divise dai medici all'inizio e alla fine.

Effetti (precoci) acuti:

  1. il verificarsi di edema polmonare;
  2. disturbo del ritmo cardiaco;
  3. insufficienza cardiaca acuta;
  4. trombosi formata nella circolazione sistemica.

Se l'infarto è una piccola focale, allora la probabilità di complicanze è ridotta. Poiché, come risultato di un tale processo distruttivo, una lesione del ventricolo sinistro di un organo si verifica più spesso, questa sezione è carente. Sintomo di tale violazione sono problemi respiratori, il paziente non può normalmente respirare aria. Sullo sfondo di tale disordine e fallimento del ventricolo sinistro, si verifica gonfiore del tessuto polmonare.

Un'altra grave conseguenza dell'infarto miocardico sono considerate forme pericolose di aritmia, fino alla fibrillazione ventricolare. Le patologie stesse sono gravi, alcune persone non possono vivere a lungo quando si verificano, e se questa situazione si sviluppa dopo un attacco di cuore, allora la prognosi è spesso deludente. Quando viene rilevato un danno simile al cuore, la cui localizzazione si trova nella zona dell'endocardio dal basso, allora c'è una significativa probabilità di trombosi nell'area della grande circolazione. Se un coagulo di sangue si interrompe ed entra nel flusso sanguigno del cervello, il lume di queste arterie si blocca causando un ictus.

Le complicanze a lungo termine sono considerate meno pericolose di quelle acute, ma appaiono molto più spesso degli effetti iniziali.

  • pericardite;
  • tutti i tipi di aritmie;
  • sviluppo di cardiosclerosi;
  • danno al tessuto polmonare o alla pleurite.

Se parliamo di cardiosclerosi, questa violazione viene rilevata in tutti i pazienti che hanno avuto questa malattia cardiaca. Colpisce quanto puoi vivere dopo un infarto. Tali stati sono direttamente correlati alla formazione di fibre connettive per formare una cicatrice sull'organo. Se la cardiosclerosi è diffusa, si possono osservare deviazioni nel lavoro del muscolo cardiaco. Se la conduttività di un organo è disturbata, allora ci sono delle irregolarità nelle sue contrazioni e appare spesso l'insufficienza cardiaca. I processi che possono apparire nel periodo dell'attacco cardiaco stesso sono diversi e mortali.

Complicazioni durante la morte delle cellule del cuore:

  1. tamponamento d'organo che causa emorragia nella zona pericardica;
  2. aneurisma acuto del cuore;
  3. tromboembolismo che colpisce il polmone;
  4. sviluppo della tromboendocardite;
  5. rottura di uno dei ventricoli dell'organo e morte.


Questo è il motivo per cui è difficile per i medici rispondere alle domande su quanto tempo vivrà un tale paziente e molti fattori concomitanti hanno un ruolo in questo caso. Le probabilità sono in quei pazienti la cui condizione non è appesantita da disturbi aggiuntivi. È importante seguire le raccomandazioni del medico curante durante la fase di recupero, questo aiuterà a ridurre la probabilità di gravi conseguenze o lo sviluppo di un secondo infarto. L'efficacia della terapia influenza anche la prognosi. Il metodo di trattamento, chirurgico o medico, dovrebbe aiutare il cuore di una persona a riprendere le proprie attività. Se i medici riuscissero a raggiungere questo obiettivo, la durata della vita del paziente aumenterà. Stenting è un altro modo per consentire ai pazienti di vivere a lungo. Se questo intervento è stato applicato, la parete arteriosa in cui sono presenti placche aterosclerotiche viene eliminata, quindi il flusso sanguigno viene ripristinato, contribuendo a organizzare il lavoro dell'organo principale.

Quanti vivono dopo un massiccio infarto

Con l'infarto del miocardio, alcuni dei tessuti del cuore muoiono. Se parliamo di un tipo esteso di malattia, allora gran parte del corpo è soggetta a necrosi, interrompendo sostanzialmente la sua attività. I cambiamenti necrotici spesso colpiscono la parete anteriore del ventricolo sinistro, poiché quest'area è più caricata dal punto di vista funzionale rispetto al resto. Da questa zona, il sangue viene rilasciato nell'aorta sotto alta pressione. Le statistiche mostrano che in una piccola percentuale di pazienti il ​​processo distruttivo è osservato nel ventricolo destro, e anche un minor numero di vittime di infarto si sottopone a patologia atriale.

Se si è sviluppato un esteso infarto miocardico, viene rilevata una lesione di tutti gli strati del tessuto muscolare di un organo, epicardio, miocardio, endocardio.

L'area della necrosi può misurare fino a 8-9 cm di larghezza. Un'area così ampia di morte cellulare è causata da un livello critico di nutrienti e ossigeno nel cuore. Tali anomalie sono solitamente il risultato di un'interruzione a lungo termine del flusso sanguigno nell'arteria coronaria.

Problemi con il flusso di sangue in quest'area sono spesso associati a lesioni aterosclerotiche delle pareti dei vasi. Quando le placche iniziano a crescere di dimensioni, chiudono gradualmente il lume finché non diventa completamente impraticabile. Il pericolo di questa condizione è che qualsiasi influenza esterna sotto forma di eccessiva attività fisica o sovraccarico emotivo può contribuire alla separazione della placca e danneggiare le fibre della parete vascolare. Il processo rigenerativo nei tessuti delle pareti delle arterie si verifica a causa della formazione di un coagulo di sangue, che gradualmente aumentano di dimensioni e chiudono il lume dell'arteria, che porta ad una fermata nel flusso sanguigno.

Tra le altre cose, un trombo in crescita rilascia sostanze speciali che possono causare uno spasmo vascolare. Tale restringimento del lume può essere osservato sia su piccoli segmenti delle arterie, sia influenzandolo completamente. Durante lo spasmo, il flusso sanguigno è spesso sconvolto e talvolta si sovrappone completamente, impedendo ai nutrienti di entrare nel cuore. Questo processo porta alla morte delle cellule dell'organo, che di solito si verifica 15-18 minuti dopo l'inizio di questa patologia. Quando occorrono da 6 a 8 ore, si verifica un esteso infarto miocardico, l'aspettativa di vita dopo la quale diminuisce significativamente.

Cosa causa il blocco del sangue:

  • Ipertensione. Sotto l'influenza di alti tassi di pressione, le arterie, più precisamente, si addensano le pareti, diventano meno flessibili e spesse. Durante i periodi di stress, tali vasi non sono in grado di fornire all'organo principale tutte le sostanze nutritive e l'ossigeno.
  • Predisposizione genetica. La tendenza a formare coaguli di sangue, lo sviluppo di lesioni aterosclerotiche e l'ipertensione arteriosa possono verificarsi in una persona a causa dell'ereditarietà. In media, tali cause causano infarto del miocardio in un terzo di tutti i casi.
  • Il diabete mellito. Questa patologia aumenta la crescita delle placche aterosclerotiche. Inoltre, la malattia distrugge il tessuto dei vasi sanguigni e sconvolge i processi metabolici del corpo. La combinazione di tali fattori spesso porta a gravi malattie cardiache.
  • Criteri di età. I giovani hanno meno probabilità di subire una patologia simile.
  • Cattive abitudini L'inalazione del fumo di tabacco influisce negativamente sullo stato delle navi, causandone il restringimento. L'alcol contribuisce allo sviluppo di disturbi nel fegato, l'organo responsabile del processo di scissione dei grassi. A causa dell'incapacità del fegato di svolgere normalmente questa funzione, il grasso si accumula e si deposita sulle pareti delle arterie.
  • Appartenente al sesso maschile. Negli uomini, l'infarto miocardico si presenta molto più frequentemente che nelle donne, circa 3-4 volte.
  • La mancanza o l'assenza di attività fisica influisce sull'elasticità delle pareti vascolari, portando ad una perdita di flessibilità.
  • Malfunzionamento dei reni Il fallimento di questo corpo provoca una disfunzione dei processi metabolici legati al calcio e al fosforo. Se il calcio inizia a depositarsi sulle pareti vascolari, il rischio di infarto miocardico aumenta significativamente con lo svilupparsi della trombosi.
  • Sovrappeso. Chilogrammi aggiuntivi creano un forte carico sull'intero sistema cardiovascolare.
  • Esercizio fisico rinforzato o attività fisica. Durante periodi di allenamento così intenso, il miocardio richiede una grande quantità di sostanze nutritive e ossigeno. Se le arterie di una persona sono anelastiche, allora il loro spasmo durante la forte attività delle persone può provocare un attacco di cuore.
  • Chirurgia o lesione. Il restringimento del lume delle arterie coronarie si verifica spesso a seguito dell'intervento chirurgico in quest'area.

Le statistiche su quanti anni vivono dopo infarto miocardico sono deludenti. Le manipolazioni di medici con un attacco cardiaco esteso dovrebbero essere veloci e le decisioni dovrebbero essere prese in pochi minuti, quindi si può contare su una prognosi favorevole.

La probabilità di reinfarto

Il secondo attacco di infarto miocardico è più pericoloso del primo. Più spesso, la recidiva è osservata negli uomini anziani che soffrono di ipertensione arteriosa che accompagna una persona durante il primo anno dopo l'infarto miocardico, e non vi è stata ondata di Q. Tale malattia può verificarsi con la presenza di molteplici disturbi della forma asmatica, disturbi del ritmo degli organi e insufficienza cardiaca. La clinica ricorrente appare meno vividamente relativa all'intensità del dolore, causata da una diminuzione della sensibilità delle aree del cuore precedentemente sottoposte a necrosi.

Sintomi di reinfarto:

  • difficoltà a respirare;
  • dolore al collo, al braccio o alla spalla a sinistra;
  • diminuzione dell'indice arterioso;
  • grave soffocamento;
  • cianosi (pelle blu);
  • disturbo della coscienza o svenimento.

Tali sintomi sono il risultato di un grave gonfiore del tessuto polmonare, che si verifica a seguito delle condizioni terminali del paziente.

Prevedere accuratamente se ci sarà un infarto miocardico ripetuto e quante persone vivranno dopo di esso, nessuno può. Alcuni pazienti si attengono a tutte le raccomandazioni del medico curante, si proteggono dagli effetti negativi dello stress e prendono tutti i farmaci prescritti, ma l'attacco li riprende di nuovo. Altri pazienti rifiutano di usare droghe, conducono il vecchio stile di vita, non si limitano a nulla, ma la loro salute rimane buona.

I medici sono divisi in infarto ricorrente e il suo tipo ricorrente. La differenza sta nel fatto che un secondo attacco della malattia si verifica dopo più di 2 mesi dopo il primo e il ricorrente appare prima, meno di 2 mesi dopo quello precedente. La seconda volta la patologia può essere macrofocale e piccola focale. Inoltre, la lesione è in grado di coprire le stesse aree di prima o localizzare in un'altra parte del miocardio.

Le ragioni per il ri-sviluppo di questa malattia di solito si trovano nella stessa aterosclerosi. Le placche possono crescere nelle navi coronarie, causando loro di restringere.

L'aterosclerosi non scompare da nessuna parte, anche dopo un infarto, quindi è necessario monitorare attentamente il livello di colesterolo nel sangue e cercare di ridurlo con l'aiuto di medicinali prescritti da un medico.

Per vivere una lunga vita dopo un infarto, le persone devono ridurre le lipoproteine ​​a bassa densità (colesterolo cattivo) e proteggersi da sforzi fisici e emotivi, stabilire la giusta dieta e abbandonare le cattive abitudini.

Periodo di riabilitazione

La fase di recupero dopo l'infarto miocardico può durare in modi diversi. Questo processo è influenzato da molti fattori.

Cosa determina la durata e la natura della riabilitazione:

  1. malattie correlate;
  2. gravità dell'attacco;
  3. la presenza di complicazioni;
  4. occupazione del paziente;
  5. dati sull'età.

Durante il periodo di recupero, una persona deve riconsiderare il proprio stile di vita, abitudini e preferenze.

La riabilitazione include:

  • corretta alimentazione;
  • mancanza di situazioni stressanti e disordini;
  • attività fisica che deve essere sviluppata gradualmente;
  • visite di psicologi;
  • l'uso di tutti prescritti dal medico, farmaci;
  • perdita di peso, con il suo eccesso;
  • rifiuto di cattive abitudini;
  • esami regolari e consultazioni del medico curante.

La nutrizione dei pazienti dopo infarto miocardico è suddivisa in 3 fasi. Una descrizione generale della dieta può essere vista nel menu di dieta numero 10.

  1. Il primo passo è la tabella di una persona nel periodo acuto della malattia. Il cibo include piatti senza sale, bolliti o cotti a bagnomaria. È meglio mangiare cibo frullato, in piccoli volumi, ma spesso 5-6 volte al giorno. Il liquido è anche limitato, è sufficiente a 0,8 litri al giorno.
  2. Nella seconda o terza settimana del periodo post-infarto, il menu del paziente cambia leggermente. Devi preparare il cibo allo stesso modo, ma puoi già mangiarlo non cancellato, ma leggermente schiacciato. La dieta è frazionata e l'acqua è consentita in un volume di circa 1 litro.
  3. Lo stadio della cicatrizzazione può consentire di ridurre leggermente le restrizioni. Il metodo di cottura rimane lo stesso, ma è consentito mangiarli a pezzi e il medico spesso consente il sale, ma nella quantità di 4 grammi al giorno, e solo alcuni pazienti. Mangiare dovrebbe essere effettuato frequentemente, fino a 5-4 volte al giorno.

C'è un menu speciale preferito per questi pazienti. Questi prodotti e piatti contengono un gran numero di elementi utili, particolarmente necessari per le persone che hanno subito un infarto miocardico. Al momento della dimissione dall'ospedale, è necessario chiedere al proprio medico di compilare una nota simile, con l'aiuto di cui sarà più facile per i pazienti navigare durante lo sviluppo di una dieta personale.

  • pesce magro;
  • carne magra, pollo o vitello migliori;
  • zuppe di purea di verdure e cereali;
  • bevande al latte acido, con una bassa percentuale di grassi;
  • omelette proteica;
  • pane, cracker;
  • il burro è minimo consentito e fino al 3o stadio fino a 10 grammi;
  • verdure bollite, stufati;
  • frutta cotta;
  • bevande sotto forma di bevande alla frutta, composte, tè, infusi, rosa canina;
  • miele naturale

Esistono molte restrizioni dietetiche: è necessario escludere dalla dieta un gran numero di alimenti che potrebbero influire negativamente sulla salute e sull'attività del cuore umano.

  1. carne grassa in qualsiasi forma;
  2. tuorlo d'uovo;
  3. pane fresco;
  4. alimenti in scatola;
  5. ravanello o rapa;
  6. salsiccia di tutte le varietà;
  7. prodotti a base di carne;
  8. cavolo fresco;
  9. prodotti da forno dolci e dolci;
  10. tutti i legumi;
  11. condimenti all'aglio e piccanti;
  12. uva o il suo succo;
  13. bevande alcoliche;
  14. margarina;
  15. tutti i tipi di sottaceti;
  16. cioccolato.

Quando il corpo viene ripristinato, le restrizioni nutrizionali possono essere revocate, ma questo dovrebbe essere fatto gradualmente e solo sotto la supervisione di un medico.

Sovraccarico emotivo spesso provoca gravi problemi di salute, in particolare con le malattie cardiache. Dopo l'infarto del miocardio, il paziente non può essere nervoso, poiché qualsiasi eccitazione può causare un disturbo del ritmo dell'organo principale, portando a uno spasmo dei vasi sanguigni, che provoca un secondo attacco. Per far fronte alle emozioni e sopravvivere alla malattia, il paziente viene prescritto un corso di terapia da uno psicologo. Il medico aiuterà a guarire, senza manifestazioni di nervosismo e paura.

L'attività fisica è necessaria per queste persone, ma tutte le azioni sono coordinate con il medico. Entro pochi giorni dopo l'attacco, i malati possono alzarsi dal letto, camminare un po 'nel reparto. Camminare all'aria aperta permette un po 'più tardi, e la distanza che è consentita a una tale persona di passare, aumenta di stadi. Con l'aiuto dell'attività fisica è possibile ripristinare la normale circolazione sanguigna e la funzione cardiaca. È importante durante gli allenamenti sportivi non portare la situazione alla comparsa di dolore o altre sensazioni spiacevoli, questo può provocare un secondo attacco. Le procedure di esercizio fisico sono prescritte a molti pazienti dopo un attacco di cuore. Durante queste sessioni, tutti i carichi su una persona sono controllati da uno specialista.

Le attività di riabilitazione non dovrebbero andare in secondo piano, se lo stato di salute è migliorato. La durata di questo periodo è regolata solo dai medici, ed è impossibile interrompere queste azioni in modo indipendente.

Trattamento popolare

Le piante e altri medicinali fatti in casa possono aiutare a guarire da questa malattia. Ma prima di utilizzare uno di questi strumenti, è necessario coordinare le azioni con il proprio medico.

Metodi della terapia popolare:

  • Grano germinato Prendi un paio di bicchieri di grano e li bagna in una garza con acqua. Attendere fino a quando non appaiono i germogli (ci vorranno diversi giorni). Spezzare questi germogli e mangiare 1 cucchiaino al mattino a stomaco vuoto.
  • Biancospino. Un cucchiaio di frutta secca di biancospino versare un bicchiere di acqua bollente, insistere mezz'ora, decantare e bere. Durante il giorno è necessario prendere 2 bicchieri di tale bevanda.
  • Miele e sorbo Prendi 2 kg di miele e 1 kg di frutta fresca di cenere di montagna. Macinare le bacche e mescolare con il miele. Mangia 1 cucchiaio al giorno.

La prognosi per l'infarto del miocardio è impossibile da prevedere, ma tutti sono in grado di aiutare se stessi. Osservando tutte le raccomandazioni del medico e utilizzando in più i mezzi della terapia popolare, le persone migliorano la loro salute e l'attività cardiaca, riducendo così il rischio di morte e re-attacco.

Le malattie dell'organo principale possono portare alla morte, quindi, sono considerate tra le più pericolose. La medicina oggi non può impedire lo sviluppo di una tale malattia, ma ha l'opportunità di esaminare attentamente il paziente e trovare qualsiasi malattia. È necessario visitare regolarmente i dipartimenti delle cliniche, sottoporsi a diagnosi e consultazioni con un medico per individuare la patologia cardiaca nella fase iniziale del suo sviluppo, che contribuirà a prevenire l'infarto del miocardio. Anche il solito elettrocardiogramma dell'organo principale può rivelare le più piccole deviazioni nel suo lavoro. I risultati dell'ECG possono essere un motivo per un ulteriore esame della persona se hanno riscontrato violazioni.

Aspettativa di vita dopo un infarto

Molti pazienti che hanno avuto un attacco di cuore, così come i loro parenti, chiedono al medico una domanda: per quanto tempo si può effettivamente vivere dopo un simile attacco? Ma la risposta esatta è difficile da dare, ci sono tanti motivi. Aspetto primo e importante - età. Le persone anziane hanno meno probabilità di resistere fino a 10 anni dopo un attacco di cuore, perché altre malattie spesso lo accompagnano. I giovani hanno possibilità più incoraggianti. Ci sono altri momenti importanti, dovrebbero anche essere considerati.

Cosa determina la durata della vita?

Il secondo aspetto, che è direttamente correlato alla durata degli anni - i tipi di complicazioni dopo un infarto. Sono divisi in anticipo e in ritardo. Se la lesione è piccola, ci saranno meno complicazioni.

  1. Edema polmonare
  2. Fallimento del ritmo cardiaco.
  3. Insufficienza cardiaca acuta.
  4. Trombosi.

Molto spesso, la malattia cattura il ventricolo sinistro del cuore, quindi c'è un fallimento in questa sezione. Il suo sintomo caratteristico è problemi respiratori. Forme pericolose di ritmo cardiaco I medici dicono che le complicanze a lungo termine non sono così pericolose per la salute quanto acute, ma appaiono molto più spesso.

La cardiosclerosi è una malattia caratteristica per tutti i nuclei e influenza direttamente l'aspettativa di vita dopo un attacco. Questa condizione è correlata alla rapidità con cui la cicatrice cardiaca guarisce, con una forma diffusa, che iniziano le deviazioni nell'attività del muscolo cardiaco.

In un elenco separato di complicazioni isolate durante la morte delle cellule cardiache:

Quindi la massima opportunità di vivere dopo un infarto per un lungo numero di anni rimane in pazienti la cui salute non è complicata da altre malattie e conseguenze spiacevoli. Se segui i consigli durante il recupero, è abbastanza possibile ridurre significativamente il rischio.

La procedura come lo stenting, quando le pareti arteriose sono liberate dalle placche aterosclerotiche, prolunga la vita dell'infarto. Il flusso sanguigno viene ripristinato, il cuore continua a funzionare senza sovratensione.

Quanti vivono a seconda del tipo di infarto?

Le prime raccomandazioni dei medici - per proteggere il paziente da gravi stress. Paura, gioia, paura: qualsiasi scossa può essere fatale per il corpo, anche con previsioni positive. Se tali shock nervosi sono accaduti spesso prima e promettono di essere in futuro, è problematico parlare della lunga aspettativa di vita del paziente. Ma nelle loro valutazioni, i medici prendono in considerazione le forme della malattia.

Dopo il microinfarto

Il più delle volte si verifica negli uomini, a partire da 30 anni, le donne durano più a lungo. Inoltre, raramente prestano attenzione ai sintomi della malattia, cancellando il malessere generale o la stanchezza. Nel frattempo, le conseguenze del microinfarto non sono meno pericolose, dal momento che il prossimo passo potrebbe essere un attacco di cuore.

  • dolore toracico che si estende alla mano sinistra;
  • mancanza di respiro, sensazione di mancanza di respiro;
  • nausea;
  • disturbi del ritmo cardiaco.

Con un trattamento adeguato davvero recuperare e vivere per più di un anno. Il paziente non avverte forti restrizioni dopo il microinfarto, ma è severamente vietato lo sforzo fisico e lo stress.

Dopo un attacco di cuore

Dopo un infarto, il recupero è molto più problematico, perché alcuni dei tessuti del cuore muoiono. Con un attacco esteso, la maggior parte dell'organo soffre, il che influenza le condizioni generali del paziente. Secondo le statistiche, il processo di distruzione nella maggior parte dell'infarto è osservato nel ventricolo destro. Se la necrosi è larga fino a 10 cm, il flusso sanguigno nell'arteria coronaria è gravemente disturbato.

Le statistiche della vita dopo un infarto sono molto tristi. Solo se l'assistenza è stata fornita in modo competente e di alto livello, possiamo parlare di buone opportunità. Se una persona ha vissuto per 10 anni dopo un attacco, la sua aspettativa di vita è pari alla salute.

Dopo un secondo infarto

Il secondo attacco è molto più pericoloso, il più delle volte si verifica nelle persone che soffrono di ipertensione. Questa malattia è rilevata in tutti gli infarti, spesso accompagnata da asma e insufficienza cardiaca. Questa volta i sintomi saranno meno evidenti, poiché l'organo interessato risponde molto meno. Nell'80% dei casi, un infarto ripetuto provoca aterosclerosi.

  • dolore che si estende al braccio;
  • grave soffocamento;
  • la pressione diminuisce;
  • svenimento.

È difficile per i medici prevedere se ci sarà una ricaduta o meno, perché dipende dallo stato generale di salute del paziente e dal modo in cui segue la dieta e il regime quotidiano. Ci sono ripetuti attacchi di cuore e ricorrenti. Nel primo caso, un attacco di cuore può essere un paio di mesi dopo il primo. Con recidiva, questo può accadere prima. Inoltre, la percentuale di sopravvivenza dopo un secondo o ricorrente infarto è bassa.

Per evitare tali manifestazioni e vivere per più di un anno, devi cercare di ridurre la quantità di colesterolo cattivo nel sangue, nel linguaggio dei termini medici - lipoproteine ​​a bassa densità. Aiuterà in questa dieta, farmaci, metodi popolari.

Fattori di rischio

Ci sono una serie di fattori che influenzano la longevità di una persona dopo un attacco.

  1. La natura della malattia. Alcune persone hanno una cicatrice al cuore dopo un infarto, altre ne hanno una piccola.
  2. Evento di placche aterosclerotiche che bloccano le arterie.
  3. Negli uomini, le malattie cardiovascolari provocano una carenza di grandi quantità di estrogeni nel sangue, perché hanno un attacco di cuore più spesso rispetto alle donne. Ma questa situazione è tipica solo fino a 70 anni, quindi il tasso di incidenza è lo stesso.
  4. Diabete o sovrappeso, che sovraccaricano notevolmente il muscolo cardiaco.
  5. Carichi pesanti nel processo di recupero.

Come massimizzare la vita dopo un infarto?

È difficile dire il numero esatto di quanti anni hanno vissuto dopo un infarto, poiché tengono conto anche delle caratteristiche personali dell'organismo, della gravità della malattia, dell'eredità.

Aiuta il corpo a riprendersi, a vivere qualche anno un menu competente e il rifiuto di alcol e sigarette. Devi anche fare regolarmente esercizi speciali, contribuire al ripristino del nuoto, camminare, camminare. Ma tutte le attività fisiche - solo su raccomandazione di uno specialista.

Le probabilità dopo un attacco di cuore sono difficili da prevedere, tutto dipende da quanto ansiosa una persona sarà alla loro salute. È molto importante passare la diagnosi nel tempo, consultare gli specialisti. Se riconosci la malattia in una fase precoce, le probabilità che un paziente si riprenda rapidamente e senza conseguenze sono molto maggiori.

Quanti vivono dopo una statistica di infarto

La vita dopo l'infarto miocardico richiede un lungo periodo di riabilitazione, ma è abbastanza possibile tornare alla vecchia vita. Dopo un attacco, devi seguire tutte le raccomandazioni del medico ed essere più attento alla tua salute. Molte persone tornano alla vita a pieno titolo dopo poco tempo, ma per qualcuno hanno bisogno di un lungo periodo di recupero. Il recupero del cuore dopo un attacco è influenzato da molti fattori, nonché dalle caratteristiche individuali del corpo.

Un infarto non è una frase, dopo che è possibile vivere una vita familiare, ma è importante tener conto di tutte le sue conseguenze e caratteristiche del decorso della malattia.

Infarto miocardico: conseguenze per il corpo

Le conseguenze di un attacco cardiaco negli uomini possono essere molto diverse e comportano non solo un problema fisiologico, ma anche psicologico. Per una persona che ha sofferto di un attacco, è importante sapere quanto sia pericoloso un attacco di cuore, questa informazione diventa rilevante per molte persone che hanno malattie cardiache.

I seguenti effetti dell'infarto del miocardio su una persona possono essere distinti:

  • Attacchi regolari di angina. Il battito cardiaco alterato è un motivo per contattare un cardiologo. Angina può dare fastidio al paziente dopo un attacco per lungo tempo.
  • Fattore psicologico. Dopo un attacco, una persona di solito prova vari sentimenti che influenzano la sua condizione generale. Il sistema nervoso è suscettibile di infarto e sullo sfondo possono esserci alcuni disturbi psicologici.
  • Ridotta qualità della vita Dopo un attacco di cuore, un certo numero di persone non si sente come membri a pieno titolo della società, questo influenza le loro prestazioni e il desiderio di vivere. Le previsioni che il medico fornisce in relazione al lavoro del cuore possono essere categoriche. L'attività fisica potrebbe non essere disponibile dopo un attacco di cuore.

Il periodo di riabilitazione dopo un attacco di cuore

Le conseguenze dell'infarto miocardico lasceranno il segno in tutte le sfere della vita. Durante questo periodo, il supporto psicologico e l'aiuto di persone vicine sono importanti per ogni persona. È il periodo di recupero che forma la vita futura di una persona, molto dipende da lui e quindi non bisogna trascurare questo fatto.

Ci sono un certo numero di punti che richiedono attenzione durante il periodo post-infarto:

  • Dieta sana Attenta adesione alla dieta corretta, mangiando cibi leggeri e salutari.
  • In presenza di eccesso di peso, è importante ridurlo. In un modo così semplice, puoi proteggerti da un secondo attacco.
  • Impegnarsi in un esercizio minimo che possa rafforzare il cuore e il sistema circolatorio, oltre a curare un buon tono muscolare.
  • Durante questo periodo, è importante proteggere il paziente da ogni tipo di stress ed esperienze. Il sistema nervoso ha bisogno di recuperare.
  • Effettua regolarmente un esame del sangue completo per la presenza di importanti indicatori: colesterolo, zucchero.

Questi elementi non complessi possono avere un effetto benefico su tutto il corpo e anche contribuire attivamente al ripristino del sistema cardiovascolare.

Ci sono alcune fasi di recupero dopo un infarto, che hanno una sequenza specifica:

  1. Trattamento stazionario
  2. Trattamento in un centro di riabilitazione speciale.
  3. Alcuni mesi dopo l'attacco sono sotto l'attenta supervisione di un cardiologo.

Le procedure di recupero possono essere eseguite in qualsiasi momento, secondo la raccomandazione del medico curante. Solo un medico sarà in grado di selezionare correttamente una terapia completa che influirà favorevolmente sul corpo.

Microinfarto: conseguenze per il corpo

Il microinfarto negli uomini è una malattia abbastanza comune che può colpire gli uomini a partire dai 30 anni. I sintomi di questo attacco sono abbastanza simili a molte altre malattie, quindi è importante visitare regolarmente un cardiologo e monitorare la loro salute.

Le conseguenze del microinfarto sono meno pericolose per l'organismo, ma richiedono anche del tempo per riprendersi. Il compito principale nel caso del microinfarto è il riconoscimento di un attacco nelle fasi iniziali. Nel caso opposto, un attacco cardiaco a tutti gli efetti può verificarsi con conseguenze più gravi. Un microinfarto ha le sue specifiche, alcune persone potrebbero semplicemente non notarlo, ma questo non indica un risultato favorevole. Dopo tutto, un secondo attacco di microinfarto può portare a gravi complicazioni.

  • L'aritmia è un battito cardiaco alterato, che è una ragione seria per andare da un medico.
  • Forte dolore al petto per più di 20 minuti.
  • Debolezza, stanchezza, ansia

Sentendo questi sintomi, dovresti immediatamente cercare aiuto. Dopo un esame completo, il medico prescriverà tutte le misure di recupero definite. La riabilitazione dopo il microinfarto è necessaria per ripristinare l'attività motoria senza alcuna conseguenza.

Principi di base del recupero dopo la microinfarczione:

  • uso di rimedi popolari;
  • esercizio moderato;
  • rispetto di alcune regole nutrizionali;
  • visite puntuali al medico;
  • cambiamento dello stile di vita.

Quanti vivono dopo un infarto

Queste statistiche dicono che la cerchia dei pazienti sta diventando più ampia e la malattia sta assumendo un nuovo vettore di sviluppo:

  • l'età degli ammalati diventa molto più bassa;
  • più donne si ammalano;
  • aumento della probabilità di recidiva di infarto miocardico.

Attenzione! Ricerche di esperti dimostrano che se un paziente ha vissuto un mese dopo il primo attacco, la probabilità di vivere un altro anno è dell'85%, cinque anni - 70%.

Quando un attacco cardiaco della parete posteriore, la parete anteriore del cuore, il ventricolo sinistro si è verificato e la persona ha vissuto 10 anni, la prognosi per l'aspettativa di vita in lui diventa la stessa che nelle persone che non hanno mai ricevuto un attacco.

Altre statistiche sono meno confortanti, per la maggior parte delle persone il primo attacco è letale:

  • una persona muore entro un'ora (30% dei casi del primo attacco);
  • non ha nemmeno il tempo di ottenere un aiuto qualificato;
  • l'attacco è preso di sorpresa.

È importante! Le previsioni per la vita delle persone in età avanzata. Dopo che una persona è stata in grado di sopravvivere a un attacco a 60-80 anni, la probabilità media di mortalità nel primo anno è del 35%.

Quanto a lungo il paziente vivrà dipende anche da lui. A questa età è particolarmente importante trattare attentamente le raccomandazioni per la riabilitazione. Il processo di recupero sarà più difficile che con un attacco in età precoce. È importante sapere chiaramente cosa può e cosa non può essere fatto.

stress

Lo stress frequente ha un impatto negativo sull'aspettativa di vita del paziente:

  • lo stress cronico può avere un effetto molto negativo sul processo di guarigione;
  • quanti anni il paziente vive, spesso sottoposto a condizioni stressanti, nessuno specialista dirà;
  • la prognosi per la vita in questo caso non può essere definita favorevole.

stenting

In alcuni casi, più spesso per l'angina, viene utilizzato lo stent cardiaco. Il principale vantaggio dell'operazione è che fornisce efficacemente i processi di fornitura dell'ossigeno all'organo principale. Gli esperti determinano individualmente le indicazioni per tale operazione. Per quanto tempo la gente vive dopo di essa? La domanda è puramente individuale, perché molto dipende dalle condizioni del paziente.

Attenzione! Nonostante l'uso di stenting cardiaco, ha le sue caratteristiche:

  • dopo questo tipo di intervento, possono svilupparsi varie complicazioni;
  • quanto vivono dopo di loro dipende dalla velocità di rilevamento e dalla qualità della riabilitazione;
  • in questa situazione dipende molto anche dal paziente stesso.

La vita dopo un infarto è una seconda possibilità di utilizzo.

La vita dopo un infarto compie severi aggiustamenti ogni giorno dopo il suo trasferimento. Soprattutto riguarda il sovrappeso, la sua norma è il rapporto:

È importante! È importante rispettare le norme sul peso individuale, poiché il sovrappeso crea un carico aggiuntivo sulle arterie coronarie e sul cuore, il che è estremamente indesiderabile. Dopo un attacco con particolare attenzione deve essere trattato in due periodi critici - dopo un mese e dopo un anno.

Perché è importante seguire le raccomandazioni:

  • dopo i primi mesi, lo stile di vita deve essere cambiato per evitare possibili complicazioni;
  • dopo questo periodo - per ridurre al minimo la possibilità di un nuovo attacco.

Il rispetto delle raccomandazioni rende il processo di recupero molto più efficiente e migliora significativamente la qualità della vita con l'infarto del miocardio.

L'attività fisica è lo sport

L'attività fisica, lo sport dovrà essere limitato. Come comportarsi in questo senso è una questione puramente individuale. Il tuo medico ti consiglierà su questo. Tutto dipende dallo stato di salute.

Perché è così importante:

  • a causa dell'attività fisica aumenta il flusso sanguigno;
  • il cuore inizia il suo lavoro in modalità intensiva;
  • dopo un attacco, il miocardio è a rischio, perché alcuni dei suoi punti potrebbero essere seriamente colpiti.

cibo

È importante seguire le raccomandazioni degli esperti: una corretta alimentazione dovrebbe normalizzare i processi di circolazione del sangue, abbassare la pressione sanguigna, ridurre al minimo il consumo di grassi animali. Per usare pesce magro obbligatorio, frutta, verdura, cereali.

Tra i prodotti controindicati:

  • alcol;
  • cibo salato;
  • cibo piccante;
  • brodi grassi

È importante! Dopo un infarto in donne e uomini, le visite sistematiche al medico sono parte integrante della vita. Questo aiuta in tempo a rilevare l'eventuale insorgenza di complicanze e a capire quanto sia efficace la riabilitazione.

Vita sessuale

Contrariamente ai miti, una vita intima per gli uomini dopo un infarto causa molto meno difficoltà rispetto alle donne. Le statistiche dicono che circa l'80% delle donne che hanno avuto un attacco hanno avuto varie difficoltà nella vita sessuale. Ma non c'è bisogno di un completo rifiuto della vita intima. È importante capire come comportarsi nella nuova realtà e che la qualità dell'intimità può risentirne.

Tra le possibili conseguenze per gli uomini:

  • problemi di potenza;
  • disfunzione erettile;
  • fine prematura del rapporto sessuale;
  • attrazione significativamente ridotta.

È importante! L'ecocardiografia con un carico aiuta a determinare in che modo il cuore è pronto a riprendere la normale vita sessuale. Su questo problema, è necessario consultare un medico.

Cosa non si può fare dopo un infarto e uno stent

Nella modalità normale, è molto probabile che la vita non continui a causa di restrizioni. I principali sono:

  • alcol - il tuo nemico, che porterà un nuovo attacco;
  • devi anche rinunciare completamente alla nicotina;
  • il cambiamento climatico estremo è altamente indesiderabile;
  • evitare lo stress

Seguiamo lo stato di salute: indicatori ottimali

Avendo capito come vivere con un muro e dopo un infarto, cosa puoi e cosa non puoi fare, devi dire degli indicatori di salute, che ti diranno molto sull'efficacia della riabilitazione. Un segnale che è necessario consultare urgentemente un medico è:

  • la presenza di dolori al petto;
  • eccesso di pressione sanguigna più di 130/80 mm Hg. Art.

Prevenire le recidive

Attività fisica Per evitare il re-attacco, seguire la raccomandazione degli esperti:

  • l'attività fisica dovrebbe essere iniziata il prima possibile (nelle prime fasi si cammina);
  • la vita sessuale è possibile dopo 14-21 giorni, in assenza di controindicazioni dal medico;
  • il lavoro è uno strumento di riabilitazione, ma non dovrebbe essere stressante.

Ora sei pienamente consapevole di come vivere dopo un infarto. Il nostro memo offre consigli completi che è assolutamente necessario seguire.

Come vivere dopo un massiccio infarto

Per una lunga vita e una riabilitazione di successo, la cosa principale è rendersi conto che un esteso infarto miocardico richiede la massima attenzione alla salute.

Le previsioni per l'aspettativa di vita sono individuali. Le nostre raccomandazioni aiuteranno a normalizzare il lavoro del cuore e il regolare monitoraggio della salute attraverso i test dirà al medico come procede il trattamento.

È importante! La longevità e la sua qualità, dopo un esteso infarto della parete posteriore, sono anche migliorate da un massaggio speciale. Questa procedura è parte integrante della terapia. Qualunque sia la gravità delle conseguenze, questa procedura influenza efficacemente la riabilitazione.

La vita dopo un attacco richiede queste procedure, perché aiutano:

  • saturare gli organi con l'ossigeno;
  • accelerare in modo significativo i prodotti di decomposizione;
  • evitare la stagnazione nell'area che viene massaggiata.

Il feedback su questa tecnica è estremamente positivo. Aiuta efficacemente le persone nella lotta contro gli effetti di un attacco. Vale la pena partire dai primi giorni, non posticipando per dopo. Le dinamiche positive possono essere tracciate dopo diverse sessioni.

Le persone che aderiscono al parere di esperti, aumentano significativamente le loro possibilità non solo per la sopravvivenza, ma anche per una lunga vita. Quanto vivono dipenderà da loro. Non importa quanto sia stata difficile la situazione dopo l'incidente, il desiderio e l'approccio giusto aiuteranno a superare tutte le difficoltà!

La probabilità di un secondo infarto: perché può verificarsi?

L'alta mortalità dopo un infarto è spesso causata dalla ricorrenza della malattia - nel 60% dei casi si tratta di un attacco cardiaco ripetuto che porta alla morte. Ecco perché riteniamo necessario considerare brevemente la questione del perché un tale fenomeno sia possibile e se sia possibile vivere senza temerlo in futuro.

È impossibile prevedere con accuratezza del 100% se la malattia si ripresenterà. Dopo un attacco cardiaco, molte persone conducono uno stile di vita corretto, aderendo alle prescrizioni del medico, ma la malattia ritorna, altri ritornano allo stile di vita precedente, ma la malattia non si fa più sentire. I medici identificano i seguenti fattori che possono influenzare sia la ricaduta che la durata della vita di una persona:

  • La natura della patologia. Con un attacco di cuore, l'integrità del muscolo cardiaco viene interrotta. Questo processo ha luogo in tutte le persone in modo diverso: alcuni hanno una grossa cicatrice, altri hanno cicatrici multiple.
  • Nell'80% dei casi, la recidiva e la recidiva di infarto derivano da aterosclerosi e placche aterosclerotiche multiple, i cui depositi si sovrappongono al lume delle arterie coronarie.
  • Sesso maschile Gli uomini hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari (compreso il fenomeno in esame), a causa dell'assenza di una grande quantità di estrogeni nel corpo. Queste statistiche sono vere fino a 70 anni - più tardi l'incidenza tra uomini e donne è la stessa.
  • Obesità e diabete, mettendo ulteriore stress sul sistema cardiovascolare.
  • Ipertensione, peggiorando la contrattilità del muscolo cardiaco.
  • Stress, con una natura psicogena di origine.
  • Cattive abitudini
  • Eccessiva attività fisica durante il periodo di riabilitazione e bassa compliance (non conformità con le regole e le prescrizioni per il trattamento).

Per quanto tempo una persona vivrà dopo una malattia dipende in gran parte dall'ultimo punto - l'osservanza delle prescrizioni, delle regole di trattamento e di trattamento.

Cosa può prolungare la vita dopo un infarto?

I medici possono fare previsioni per la vita successiva dalla cronologia disponibile. Sfortunatamente, non possiamo nominare le date esatte della vita. I dati statistici non forniranno informazioni attendibili su quante persone vivono dopo un attacco cardiaco di massa, dal momento che il campione è sempre di natura puramente individuale - età, sesso, precedenti malattie, storia, metodi di trattamento, ereditarietà, ecc. Nonostante ciò, possiamo elencare i fattori che non solo prolungheranno la vita, ma miglioreranno anche la sua qualità.

passaggio di riabilitazione

I primi mesi dopo un infarto sono i più pericolosi, quindi il periodo di riabilitazione dovrebbe avvenire sotto la costante supervisione di un medico. L'esatto percorso di riabilitazione deve essere determinato dal medico curante e dipende direttamente dalla gravità delle condizioni del paziente e da altri dati. In alcuni casi, la riabilitazione a casa è possibile dal primo mese dopo la malattia, in altri si raccomanda che una persona sia sotto la costante supervisione di un medico per un certo periodo.

Rifiuto di cattive abitudini

Include non solo smettere di fumare e alcol, ma anche controllare la propria alimentazione. L'eccesso di peso è un fattore stimolante che può causare una ricaduta. Pertanto, durante tutto il tempo che segue un attacco di cuore, si raccomanda di abbandonare l'uso eccessivo di cibi eccessivamente grassi e pesanti, caffè e altre bevande che influenzano i sistemi nervoso e cardiovascolare.

Dieta speciale

La raccomandazione generale è più verdure, frutta e altri alimenti che contengono grandi quantità di micro e macronutrienti. Si consiglia di consumare cibi ricchi di antiossidanti - inibiscono i processi ossidativi nel corpo, oltre a un effetto benefico sul ripristino del corpo dopo una malattia. Si noti che la dieta non significa un rifiuto completo del solito cibo e un menu di 10 alimenti per tutta la vita. La regola principale è la moderazione nella nutrizione, in combinazione con la quantità massima di alimenti sani.

Attività fisica

Eccessivo sforzo fisico è severamente proibito, dal momento che il muscolo cardiaco nei primi mesi (e anche anni) non ha le stesse risorse di prima dell'attacco cardiaco. Allo stesso tempo, uno sforzo fisico moderato e permanente avrà un effetto benefico. L'assenza completa indebolirà il corpo e porterà al fatto che anche carichi minori in futuro possono essere fatali per il cuore. La modalità di attività fisica, l'esercizio e gli sport consentiti (se nordic walking o nuoto) sono determinati solo dal medico curante.

Esercizi terapeutici e profilattici

Se lo sforzo fisico può essere applicato solo su prescrizione del medico e solo dopo aver attraversato un significativo periodo post-infarto, allora nel periodo dei prossimi mesi è necessario utilizzare speciali esercizi terapeutici e profilattici che accelereranno il periodo di riabilitazione e ripristineranno la capacità lavorativa della persona. Esistono molti metodi che possono essere utilizzati per gli ospedali: il metodo di Propastina, il metodo di Muravova, ecc.

L'infarto miocardico è una delle malattie con cui dovrai vivere il resto della tua vita. Come continuare a vivere dopo un infarto una vita piena?

Prima di tutto, dovresti sbarazzarti delle abitudini nocive, se fumassi prima di un attacco di cuore, poi dopo aver subito un attacco, dovresti immediatamente rinunciare alla nicotina. Secondo le statistiche, i fumatori dopo un attacco di cuore vivono la metà di tanto.

Tutto ciò che è detto sopra si applica all'abuso di alcol. Anche se l'alcol in piccole dosi è raccomandato anche dai medici, e si può perfettamente bere un bicchiere di vino o 50 grammi di vodka per una vacanza, ma a grandi dosi, l'alcol è fatale per le persone in una condizione post-infarto. Certo, è assolutamente necessario consultare un medico, forse nelle condizioni alcoliche e in piccole dosi è controindicato.

Il colesterolo alto colpisce molto male le condizioni cardiache, il che può portare ad un infarto ricorrente. Per evitare questo, aiuterete una certa dieta, che implica un rifiuto completo degli alimenti grassi e pesanti. Il cibo salato non ti aiuta affatto, perché consumando molto sale, rischi di sviluppare ipertensione e insufficienza cardiaca.

Camminare all'aria aperta e uno stile di vita attivo contribuiscono anche ad abbassare il colesterolo nel sangue, quindi non incatenarti alla tua poltrona o al tuo divano preferito.

Sii molto attento ai farmaci prescritti! Se ti sono stati prescritti farmaci che normalizzano la pressione arteriosa e la fluidificazione del sangue, così come i farmaci che normalizzano il colesterolo, assicurati di prendere l'intero complesso, e non solo una cosa.

È importante per le persone che hanno avuto un attacco di cuore per controllare la loro condizione, l'indicatore principale di benessere in questo caso è la pressione e la frequenza cardiaca. Si dovrebbe ottenere un monitor della pressione sanguigna in una farmacia e misurare questi due indicatori due volte al giorno, preferibilmente alla stessa ora del giorno. Normali indicatori di pressione nelle persone che hanno subito un infarto 14090, indipendentemente dall'età. Non è spaventoso se la pressione non ha deviato significativamente dalla norma, e se non ti senti debole o le vertigini, prendi una posizione orizzontale e rimani in uno stato calmo e rilassato per 15-20 minuti, altrimenti dovresti chiamare un'ambulanza.

Dopo un attacco di cuore, è diventato più difficile per il tuo cuore fare il suo lavoro, il carico sul cuore e le arterie coronarie aumenta il sovrappeso. Dovresti sicuramente perdere peso se non soddisfa la norma, cioè il rapporto tra altezza, peso ed età. Inoltre, non dimenticare di donare un esame del sangue per il colesterolo 2 volte all'anno, questo aiuterà a correggere correttamente il tuo stile di vita e la dieta.

Ci sono due periodi di crisi dopo un infarto: sono tre mesi e un anno. In questo momento, devi essere il più attento possibile alla tua salute e seguire tutte le raccomandazioni del medico.

Sicuramente rispondi alla domanda su quanto tempo vivrai dopo un infarto, solo tu puoi, perché tutto dipende da te e quanto ami e ti preoccupi del tuo corpo.

Pinterest